SULLA DIFFUSIONE DI TESTI DI PRESUNTE RIVELAZIONI PRIVATE. Comunicato Stampa della Congregazione per la Dottrina della Fede del 29 novembre 1996.

Link: https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2018/04/sulla-diffusione-di-testi-di-presunte.html


b

Questo post presente sul blog: https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/
pagina Facebok: https://www.facebook.com/Nostra-Signora-di-Anguera-192592854160608/
e Twitter: https://twitter.com/angueramessaggi è un interpretazione personale e non corrisponde necessariamente al vero significato dei messaggi, degli avvertimenti della Madonna al mondo e delle profezie annunciate da Nostra Signora ad Anguera.
Si consiglia di visitare il sito web ufficiale brasiliano del veggente Pedro Regis:
http://www.apelosurgentes.com.br/pt-br/ e la pagina dedicata al commento delle profezie: http://www.apelosurgentes.com.br/pt-br/cms/list/not%C3%ADcias
(Gestore sito web: ANSA - Associacao Nossa Senhora de Anguera).

sabato 21 gennaio 2017

X - ARCHIVIO PROFEZIE DI ANGUERA AVVERATE, IN FASE DI SVOLGIMENTO, APOCALITTICHE. PRIMA PARTE. DAL MESSAGGIO N. 6 DEL 21/11/1987 AL MESSAGGIO N. 1.511 DEL 5/12/1998 "Non perdete la speranza. Tutto quello che vi ho annunciato deve accadere, ma alla fine il mio Cuore trionferà." Messaggio di Anguera n. 1.273 del 31/05/1997 e 1.511 del 5/12/1998.





POST DEL 22/12/2012 - AGGIORNATO AL 21/06/2014



1.273 - 31 maggio 1997



"Non perdete la speranza. Tutto quello che vi ho annunciato deve accadere, ma alla fine il mio Cuore trionferà."


Msg. n.1.511 del 5/12/1998-E' necessario che tutte le profezie si compiano, ma alla fine il mio cuore immacolato trionferà


Cari figli, il compito che vi ho affidato è grande. Portate al mondo tutti i miei messaggi! Ho bisogno di ciascuno di voi.  (n° 1000, 29/8/1995)
ATTO DI CONSACRAZIONE dettato dalla Madonna nel messaggio n° 458 (2 novembre 1991)

Maria, Regina della Pace e consolatrice degli afflitti, siamo qui ai tuoi piedi con il cuore pieno di gioia come te, per consacrarci al tuo Cuore Immacolato, sii sempre la nostra costante Compagna e proteggici dai pericoli che ci circondano. Benedici le nostre famiglie e proteggi LA nostrA ITALIA **, che appartiene a te. Dacci la tua pace, perché sei la nostra Regina della Pace. Aiutaci a vivere il Vangelo di tuo Figlio e ad essere miti e umili di cuore. Con questo sincero atto di consacrazione desideriamo, come te, fare la volontà del Padre. Vediamo il pericolo in cui si trova il mondo e, con il tuo aiuto e la tua grazia, vogliamo salvarlo. Ti promettiamo più fervore nella preghiera, nella partecipazione alla Santa Messa e, soprattutto, ti promettiamo di essere fedeli alla Chiesa di tuo Figlio e al successore di Pietro, Papa FRANCESCO*. Ti promettiamo, inoltre, di vivere la nostra consacrazione e portare il maggior numero possibile di anime al tuo Diletto Figlio, Nostro Signore Gesù Cristo. Chiediamo la tua benedizione e protezione per LA nostrA amatA  ITALIA. Amen.

*nell'originale: “Papa Giovanni Paolo II”

** NELL' ORIGINALE: "BRASILE"

TUTTE LE PROFEZIE AVVERATE, IN FASE DI SVOLGIMENTO ED APOCALITTICHE  IN ORDINE ALFABETICO
(Per accedere ai singoli post clicca con il mouse sul titolo del post )



PROFEZIE AVVERATE, IN SVOLGIMENTO,  APOCALITTICHE


Fonte traduzione messaggi in italiano, utilizzato solo per questo post:
Sito ufficiale in portoghese:
Secondo sito traduzione messaggi in italiano, utilizzato per i post dei messaggi annuali:
http://www.messaggidianguera.net/


MESSAGGI DAL 1987 AL 2014

Fonte traduzione messaggi in italiano: http://www.messaggidianguera.net/



6 - 21 novembre 1987

Figli miei, vedo così tanti peccati in voi. Soffro per questo. Pregate, pregate affinché i peccati che commettete vengano eliminati dai vostri pensieri. Vivete con i cuori colmi di gioia e amore. Meditate in preghiera e con il digiuno. Sono vostra Madre e la mia missione è quella di comunicarvi pace. Rendete FELICI il mio Cuore e il Cuore di mio Figlio, perché sarete ricompensati il giorno della vostra morte. Desidero il bene di tutti, amo ognuno di voi e vivo con ciascuno di voi. Rimanete nella pace.

Messaggio per il clero della Diocesi di Feira de Santana
Cari figli miei, che siete sempre nel mio cuore, ho bisogno del vostro aiuto per vincere questa battaglia. Confidate nel Cuore Immacolato di vostra Madre, che vi ama così tanto. Vi dico sinceramente che trionferemo ma, per fare questo, ho bisogno dell’unione di tutti. Vedo molta debolezza nei cuori di alcuni dei miei figli, ma non perdetevi d’animo. Createvi una coscienza attiva per il bene della Santa Chiesa. Cari figli miei, seguitemi con cuore aperto, colmo di pace e speranza nella nostra grande vittoria. Vi lascio con la pace in ogni cuore. Rimanete nella pace.

Richiesta della Beata Vergine Maria: leggete l’intero capitolo di Matteo 6 ogni martedì e giovedì. Pregate il rosario meditando con la preghiera “Mio buon Gesù pietà, pietà, pietà” per tre volte.

Mt 6:1 Guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli. 2 Quando dunque fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 3 Quando invece tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, 4 perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
5 Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 6 Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
7 Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. 8 Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate. 9 Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome;
10 venga il tuo regno;
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
11 Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
12 e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
13 e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.
14 Se voi infatti perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; 15 ma se voi non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.
16 E quando digiunate, non assumete aria malinconica come gli ipocriti, che si sfigurano la faccia per far vedere agli uomini che digiunano. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa.
17 Tu invece, quando digiuni, profumati la testa e lavati il volto, 18 perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo tuo Padre che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
19 Non accumulatevi tesori sulla terra, dove tignola e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano; 20 accumulatevi invece tesori nel cielo, dove né tignola né ruggine consumano, e dove ladri non scassinano e non rubano. 21 Perché là dov'è il tuo tesoro, sarà anche il tuo cuore.
22 La lucerna del corpo è l'occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce; 23 ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!
24 Nessuno può servire a due padroni: o odierà l'uno e amerà l'altro, o preferirà l'uno e disprezzerà l'altro: non potete servire a Dio e a mammona.
25 Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito? 26 Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro? 27 E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un'ora sola alla sua vita? 28 E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. 29 Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. 30 Ora se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede? 31 Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo? 32 Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno. 33 Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. 34 Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena.



8 - 5 dicembre 1987

Cari figli miei, piango per i peccati di ognuno di voi. Piango anche a causa dei delitti commessi dalle madri che abortiscono i propri bambini. Questo è un grande peccato. Un bambino che non ha chiesto di nascere viene ucciso dalla sua stessa madre: è una cosa terribile. L’aborto è un delitto. Figli miei, questo mi rende molto triste. Figli miei, la mia vita ha uno scopo molto speciale: prepararvi affinché siate salvi. Questo è ciò che desidero: la salvezza delle vostre anime. Rimanete nella pace.



13 – 2 gennaio 1988
Sono la Signora del Rosario - Messaggio di Anguera n 91 del 8/10/88- Continuate a pregare il rosario. Il mondo può salvarsi solo tramite il rosario. Msg n. 13 del 2/01/1988.
Cari figli, pregate, pregate e attraverso le vostre preghiere verrà la mia grande vittoria. Continuate a pregare e perdonate il vostro prossimo. Non lasciate che i vostri pensieri si soffermino sul male. Pensate di più a Dio e dimenticate la malvagità che esiste in questo mondo. Chiedo il vostro aiuto, perché solo con l’aiuto di tutti la mia vittoria sarà una vittoria per sempre. Continuate a pregare il rosario. Il mondo può salvarsi solo tramite il rosario. Molti si vergognano di pregare, altri pregano solo perché vedono altri pregare, ma non dovrebbe essere così. Figli miei, quando pregate, pregate con il cuore. Rimanete nella pace.

14 – 9 gennaio 1988

Cari figli, state attenti ai falsi profeti: ingannano. Nessuno può prevedere il futuro, solo Dio sa cosa dovrebbe e cosa non dovrebbe accadere. Chiunque guarda nel futuro e dice cose che mettono il fratello contro il fratello, affermando addirittura di lavorare per Dio, è un falso profeta. Nonostante tutto, c’è ancora una possibilità per questi figli di salvarsi, abbandonando questa vita ostinata e convertendosi. Vi sono molte religioni che negano la mia esistenza, ma sia noto che io esisto e sono presente tra voi. Tutti coloro che credono nel Cuore Immacolato di vostra Madre, non saranno lasciati senza aiuto. Convertitevi, figli miei, convertitevi. Rimanete nella pace.


16 – 23 gennaio 1988

Cari figli, non potete immaginare le grandi meraviglie che Dio concederà tramite la mia intercessione. Così tante! Molti non sanno come trarne beneficio. Cari figli, la mancanza di fede si sta estendendo in tutto il mondo. Oh, quanto questo ferisce il mio cuore. Quanto soffre mio Figlio per questo. Gesù ha creato la CHIESA CATTOLICA, figli miei, e il mio caro figlio, il Papa, le è a capo per governarla. Ogni cosa qui [sulla terra] è legata dal Papa, con il sostegno di mio Figlio. Cari figli, siate cattolici e vivete la fede. Rimanete nella pace.

24 – 19 marzo 1988

Cari figli, oggi San Giuseppe è al mio fianco. Questa umile creatura di Dio è qui per darvi una benedizione speciale.
San Giuseppe: Cari figli, non è per caso che siamo qui. Siate sicuri di questo. Lascio un po’ di me stesso in ognuno di voi. Possa la pace di Gesù entrare nei vostri cuori. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo. Amen.


27 – 1 aprile 1988

Cari figli, oggi è Venerdì Santo. Tutto è compiuto. Queste sono le ultime parole di mio Figlio Gesù prima di morire. Nei LUNGHI ANNI della sua infanzia, vedevo il suo Santissimo Corpo crescere. Fui presente nei momenti più dolorosi della sua Passione. Oh, quanta sofferenza! Oggi sono nuovamente ai piedi della croce. E vedo una sofferenza ancora più grande. La sua dolorosa pena si rinnova ogni giorno. Rimanete nella pace.



29 – 9 aprile 1988


Cari figli, molte persone frequentano le chiese protestanti pensando che appartengano a Dio. Si sbagliano. Le persone che vi fanno parte sono per certo sulla via della perdizione.* Cari figli, la religione fondata da Mio Figlio è Cattolica, che è di fede viva. Il resto viene dal demonio. Rimanete nella pace.

*Probabilmente si riferisce al fatto che molte confessioni protestanti (pur credendo nella Santissima Trinità e nel potere salvifico di Cristo) non riconoscono tutti i sacramenti o comunque attribuiscono ad essi un valore puramente commemorativo. Al contrario, per la fede cattolica, i sacramenti sono strumenti fondamentali per la salvezza dell’uomo, tramite i quali agisce la grazia di Dio. Inoltre, la stessa intercessione di Maria non viene riconosciuta, come anche quella dei Santi in generale.
(liberamente tratto da wikipedia)

30 – 16 aprile 1988
Cari figli, la massoneria, con le sue tattiche ingannevoli, lavora in segreto per distruggere la mia chiesa. Sappiate, figli miei, che non c’è salvezza per coloro che fanno parte della massoneria, perché sono seguaci di Lucifero. Le persone che desiderano la salvezza la otterranno servendo solo Dio, e non servendo Dio e il diavolo. Rimanete nella pace.



39 – 14 maggio 1988

Cari figli, sono la Regina della Pace. Vengo a portare la Pace in questo mondo. Ognuno di voi necessita in modo particolare di convertirsi, affinché la desiderata pace scenda su ognuno. Cari figli, vi raccomando la CONFESSIONE SETTIMANALE. Se i Cristiani cominciassero a riconciliarsi con Dio e con gli uomini almeno una volta a settimana, molto presto intere regioni sarebbero spiritualmente curate. E io mi sentirei molto FELICE. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Rimanete nella pace.




55 – 9 luglio 1988

Cari figli, gli scandali oggi provocati da vescovi e sacerdoti che non obbediscono al vicario di mio Figlio affliggono enormemente questo mio Cuore di Madre. Essi conducono un gran numero dei miei figli sulla via dell’errore. Vi sono molti vescovi e sacerdoti che vogliono andare per la propria strada, senza prestare ascolto e seguire il Santo Padre, creatura che Gesù ha posto come fondamento della sua Chiesa. È triste, cari figli, ma è la verità. Se i preti e i vescovi non obbediscono al Santo Padre, la Santa Chiesa potrebbe perdere la fede vera. Come può essere che stiano accadendo tante cose sbagliate, come? Continuate a pregare. Miei amati, ho ancora bisogno di molta preghiera. Vi ringrazio per tutto. Il Signore vi ricompenserà. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Rimanete nella pace.

56 – 12 luglio 1988
Cari figli, collocate nelle vostre case le immagini dei Sacri Cuori di Gesù e Maria. Consacratevi ogni giorno ai Sacri Cuori. Cari figli, pregate il Rosario ogni giorno, con i misteri gaudiosi, dolorosi e gloriosi. Continuate a pregare per i sacerdoti. Pregate affinché i miei piani si realizzino. In verità, qui in Brasile, un gran numero di sacerdoti non predica le verità insegnate da Gesù e che si trovano nei Sacri Vangeli. L’errore si diffonde ovunque. Solo voi, miei amati, potete aiutarmi con le vostre preghiere. Satana cerca in ogni modo possibile di distruggere i miei piani. Pregate che ciò non accada. Cari figli, la mia vittoria dipende anche da voi. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Rimanete nella pace



66 – 13 agosto 1988

Amati figli miei, la mia Chiesa è nell’oscurità. Il mio avversario sta lavorando in modo sempre più chiaro contro la Santa CHIESA CATTOLICA. Oggi un gran numero di sacerdoti che celebrano l’Eucarestia non credono più. Molti negano la reale presenza di mio Figlio Gesù, altri la restringono al momento della celebrazione della Santa Messa o la riducono a una presenza spirituale o simbolica. La Chiesa di Cristo è oscurata dal fumo di satana, che oscura i pensieri e l’intelligenza di molti di voi, miei cari figli, conducendovi alla falsità, alla sfiducia, all’orgoglio e all’apatia, e tramite queste cose oscura la Santa Chiesa di Dio. Voi tutti dovete sapere che ogni chiesa è un luogo di grande rispetto per Dio, che si è fatto uomo, e vi dimora notte e giorno. Vescovi e sacerdoti della Santa Chiesa di Dio, aiutate tutti i miei poveri figli a fuggire dal peccato e vivere nella grazia e nell’amore di Dio. Vi incoraggio e vi benedico tutti nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

76 – 30 agosto 1988
Cari figli, desidero prepararvi a ricevere l’immagine pellegrina di Fatima quando visiterà Feira de Santana, il cui patrono è la mia santissima madre. Lei è la mia presenza tra voi. Desidero che le persone aprano i loro cuori a Dio, così ci saranno molte conversioni e io potrò realizzare i miei grandi prodigi. A Fatima, quando apparsi ai tre pastorelli, chiesi incessanti rosari affinché l’umanità potesse trovare la pace. Oggi ritorno, apparendo in vari luoghi del mondo, per fare la stessa richiesta. Entro quest’anno accadranno grandi eventi da me predetti a Fatima. Aprite i vostri cuori a Dio in modo che possiate essere purificati. Grazie per tutto. Il Signore vi ricompenserà. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

83 – 18 settembre 1988
Cari figli, dovreste imparare a sopportare tutte le sofferenze. Talvolta le persone, quando soffrono molto, si perdono d’animo e perdono anche la loro fede. Non preoccupatevi. Anche la vostra Madre Celeste ha sofferto molto nella sua vita terrena. Chiedete al Signore di consolarvi in tutti i vostri momenti difficili. Accettate ogni cosa per amore di Dio. Per arrivare a Dio, dovete soffrire molto. Pregate, pregate, pregate. Io, vostra Madre, sono qui pronta ad aiutarvi. Ma ciò che faccio dipende da voi. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
85 – 24 settembre 1988
Iniziate ad amare i vostri nemici e avversari. Non giudicate. Non rimanete nell’amarezza. Non custodite avarizia nel vostro cuore, solo amore. Non desiderate alcun male per i vostri nemici ma, piuttosto, chiedete a Dio di benedirli e proteggerli. Io e mio Figlio vi daremo la grazia di amarli sempre di più. Al giorno d’oggi, la grande maggioranza delle persone va in purgatorio quando muore. Un certo numero va all’inferno. Solo una minoranza va direttamente in PARADISO, senza passare attraverso il purgatorio. Questo accade perché le persone non si preparano alla morte. Pensano che Dio e la sua legge non abbiano importanza. Tornate indietro. Ritornate a pregare per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni sacerdotali. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei piani. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

86 – 27 settembre 1988


Cari figli, è vicina l’ora nella quale un fratello ucciderà l’altro, e un padre ucciderà il suo stesso figlio. Molti si pentiranno di una vita vissuta senza Dio, ma sarà troppo tardi. Siate pronti, poiché sta arrivando l’ora dei grandi eventi, l’ora nella quale si realizzeranno grandi segreti da me rivelati in varie apparizioni nel mondo. Pregate, miei amati: la carne morirà, ma lo spirito vivrà per sempre. Fate attenzione, aprite i vostri cuori a Dio quanto prima possibile. I grandi avvenimenti non avranno un orario. Continuate a pregare per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni sacerdotali. Pregate che i miei piani si realizzino. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

91 – 8 ottobre 1988
Cari figli, chiunque prega il rosario mi dona grande gioia e FELICITA’. Sento una gioia così grande quando vedo un figlio che, con in mano l’arma della grande vittoria, ripete le parole dell’arcangelo Gabriele e porta la preghiera insegnata da mio Figlio Gesù alla più alta gloria del cielo. Sono la Signora del Rosario. Prometto di assistere nell’ora della morte con tutte le grazie necessarie alla salvezza, chiunque prega il rosario con fede ogni giorno. Affinché non vi siano dubbi, questa grazia è donata per ORDINE DI MIO FIGLIO GESÙ. Continuate a pregare per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che tutti i miei piani si realizzino. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

92 – 8 ottobre 1988

Cari figli, tornate ad amare i vostri nemici. Aprite i vostri cuori a Dio. Desidero che tutti voi siate umili e puri di cuore, aperti a Dio. Figli miei, Dio vi invita a essere forti e saldi nella fede, a vivere nella grazia e nel suo amore. Desidero farvi santi per la gloria del Regno di Dio. Aprite i vostri cuori!  MOLTO PRESTO, IL MONDO SARA’ TRASFORMATO IN UN MONDO NUOVO, SENZA ODIO E VIOLENZA, IL MONDO SARA’ UN NUOVO GIARDINO E TUTTI VIVRANNO FELICI. Pregate e convertitevi. Continuate a pregare per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per il Santo Padre, poiché egli prenderà una decisione molto importante per la vita della Chiesa. Pregate per lui. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei piani. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


Riforma della Curia Romana,  promozione dell’ Ecumenismo, Dichiarazione di Colonia.

93 – 11 ottobre 1988

Miei amati figli, sono la donna rivestita di sole. Il sole che mi ricopre è lo stesso sole che vi illumina in ogni momento e in ogni difficoltà: GESÙ CRISTO. Gesù è la luce attraverso la quale viene illuminato il mondo intero. Anche io sono parte di questa luce. Questa luce ha un poco di me. La via sulla quale vi conduco libererà tutti i miei poveri figli dalle tenebre che vengono da satana. Miei cari figli, desidero solo aiutarvi a salvare l’umanità. Desidero aiutare tutti i miei figli innocenti a fuggire dagli artigli di satana. La mia maggiore preoccupazione riguarda i miei figli che si separano dagli altri, abbandonando la vera religione per seguire una religione fondata da uomini. Per tutto ciò e per altro ancora, desidero aiutarvi a conquistare questi figli che si separano da Cristo. Incoraggio tutti voi e vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

103 – 8 novembre 1988  SEGRETO
Cari figli, gli uomini hanno dimenticato Dio e non credono quasi più in lui. Sappiate, figli miei, che Dio esiste e che la sua bontà è infinità. Cari figli, sappiate che il mondo corre dei rischi e che si trova sull’orlo di grandi catastrofi. Pregate e credete in Dio. Dio non viene più rispettato dagli uomini. Sono permesse cose immorali e la sua legge non viene più rispettata. Dio vi ama, piccoli figli, ed è per questo che egli (Maria ha chiesto a Pedro di non trascrivere qualcosa)... che il mondo non sappia sino ad ora. Continuate a pregare per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni sacerdotali. Pregate per il Santo Padre. Pregate che tutti i miei piani si realizzino. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

108 – 26 novembre 1988
Amati figli, le mie apparizioni in molte regioni del mondo sono l’ultima possibilità che Dio dona al genere umano per convertirsi. Se non ascoltate i miei appelli, vi pentirete e potrebbe essere troppo tardi. Ritornate a Dio il prima possibile. L’umanità è alla vigilia dei più terribili flagelli e punizioni. La vostra Madre Celeste è molto preoccupata per il destino dell’umanità e per questo vi chiede: pregate, pregate, pregate. Desidero aiutarvi, figli miei. Fate ciò che dico e sarete FELICI. Non temete. Pregate e convertitevi. Continuate a pregare. Continuate a pregare per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni sacerdotali. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei piani. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

109 – 29 novembre 1988
Cari figli, Bahia ha ricevuto da Dio il dono della presenza della Madre Celeste. Dio, nella sua infinita MISERICORDIA, ha avuto pietà di voi, figli miei, e per questo sono qui (Anguera, Bahia, Brasile). Non vengo per essere lodata, ma per lodare insieme il nostro Dio. Presto ogni stato in Brasile riceverà lo stesso dono che ha ricevuto Bahia: la presenza della Madre Celeste in ogni stato del Brasile. Pregate che satana non interferisca con i piani della Madre Celeste. Continuate a pregare per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che tutti i miei piani si realizzino. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

110 – 3 dicembre 1988
Cari figli, sono la via che vi condurrà alla vita. Sono qui per aiutarvi, cari figli. Vi chiedo di seguire le mie indicazioni, che sono per il bene di ciascuno di voi in particolare. Fate attenzione. Pregate e rimanete in Dio. Presto CI SARANNO TRE GIORNI CONSECUTIVI DI OSCURITÀ, CHE NEPPURE LA SCIENZA SAPRÁ SPIEGARE. TUTTI VOI SOFFRIRETE MOLTO IN QUESTI GIORNI. PROMETTO A TUTTI COLORO CHE SONO AL MIO FIANCO CHE NON MANCHERANNO DI LUCE. VI CHIEDO DI TENERE SEMPRE IN CASA VOSTRA DELLE CANDELE BENEDETTE DA UN SACERDOTE. Non abbiate paura. Fate quello che vi dico di fare. Continuate a pregare per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

115 – 17 dicembre 1988
Miei amati figli, questi sono i miei tempi. Questi sono i tempi nei quali la vostra Madre Celeste vi chiede di essere fedeli al Vangelo di mio Figlio. I tempi della dolorosa purificazione si stanno avvicinando. Molto presto l’apostasia diventerà visibile. Solo coloro che sono uniti al Santo Padre saranno salvati dal naufragio. Vi supplico di predicare il Vangelo di mio Figlio con coraggio e fedeltà. Al giorno d’oggi tantissimi non credono alle parole di mio Figlio nel Santo Vangelo. La mia Chiesa è internamente divisa e in pericolo di perdere la vera fede. Molti errori vengono diffusi al suo interno e i veri colpevoli sono i pastori che non obbediscono al vicario di mio Figlio Gesù Cristo, Giovanni Paolo II. Molti vescovi, sacerdoti e religiosi sono solo ed esclusivamente preoccupati per i problemi sociali. Essi stanno dimenticando che Gesù è morto sulla croce e che è risuscitato per ottenere per noi il grande dono della redenzione e per salvare anime. Così la teologia della liberazione si sta diffondendo sempre più, portando innumerevoli figli sulla via della perdizione. La teologia della liberazione, con le sue tattiche ingannevoli, lavora apertamente per distruggere il Vangelo di mio Figlio. Tutti voi sacerdoti dovreste combattere molto per la salvezza dell’umanità. Non preoccupatevi eccessivamente per le cose materiali, affinché possiate imitare mio Figlio Gesù. E voi religiosi dovreste pregare molto, senza cercare di essere più di quello che siete. La vostra missione è di essere sempre in preghiera davanti alla croce. Pregate per tutti i sacerdoti di tutto il mondo, specialmente per il Santo Padre, Papa Giovanni Paolo II. Figli amati, la mia Chiesa è nelle tenebre. Voi siete la vera luce. La salvezza della mia Chiesa dipende da voi. Voi dovreste formare un esercito potente per combattere l’errore, l’immoralità e la mancanza di fede nella mia Chiesa. Conto sul vostro aiuto. Dipende tutto da voi. Incoraggio voi tutti e vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Italia

Cari figli, sono la Regina della Pace. Sono la Madre del Santissimo Sacramento. Non sarete mai in grado di comprendere la profondità del Divino Amore che Dio vi ha lasciato nell’Eucaristia. Così come Egli è in cielo, Gesù è allo stesso modo realmente presente nell’Eucaristia, corpo e sangue, anima e divinità. Gesù si rende presente nell’Eucaristia nella Sua Divinità e nel suo corpo glorificato, proprio il corpo nato dalla Vergine Maria. Quanto è grande il numero delle comunioni, ma anche quanti sacrilegi vengono commessi. I cristiani che vanno in chiesa senza preparazione, senza comunione, senza fare un ringraziamento dopo la Messa farebbero meglio a non andare, perché essi finiscono per indurire i loro cuori. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che tutti i miei progetti si realizzino. Sia lodato Gesù Cristo, nostro Salvatore e unico mediatore in tutte le cose. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

149 – 18 marzo 1989
Cari figli, chiedo a tutti voi di mostrare l’amore che avete per me partecipando quotidianamente alla Santa Messa. Se fate ciò, il Signore vi ricompenserà generosamente. Che la Santa Messa sia per voi un dovere giornaliero. Pregustate e desiderate che essa inizi, perché nella Santa Messa Gesù in persona offre se stesso per voi. Pertanto, attendete ardentemente questo momento in cui siete purificati. Pregate molto perché lo Spirito Santo vi illumini. Se le persone assistono alla Messa con un cuore pietrificato dall’odio, ritorneranno a casa con un cuore freddo e vuoto. Affinché questo non vi accada, pregate e, innanzi tutto, imparate ad amare il vostro prossimo. Grazie per ogni cosa. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le anime al purgatorio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

152 – 23 marzo 1989
v

Cari figli, è Giovedì Santo. Oggi la Chiesa in tutto il mondo ricorda l’istituzione dell’Eucaristia, questo grandissimo Sacramento che permette a Gesù di essere realmente presente tra di voi. L’Eucaristia è stato il più grande dono che Gesù vi ha lasciato. L’amore è stato la causa principale che ha portato Gesù ad avere compassione di voi e offrire il Suo Corpo e Sangue come cibo perfetto per la vostra anima. Oggi più che mai avete bisogno di vivere il nuovo comandamento dato da Gesù nella notte del Giovedì Santo, durante l’ultima Cena: il comandamento dell’Amore. Cari figli, senza amore non avrete la pace. Se non amate il vostro prossimo, non amate Gesù, che è Amore in persona. Pace e amore a tutti voi. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

153 – 24 marzo 1989,
Venerdì Santo

Oggi state con me ai piedi della croce. È Venerdì Santo. Tutto è compiuto. Queste sono le ultime parole di mio Figlio Gesù prima di emettere quel forte grido con il quale Egli rese il Suo spirito. Oh, miei cari figli, è proprio Venerdì Santo. È il giorno nel quale la vostra Madre Celeste ha sperimentato il suo più profondo dolore. Vivete questa giornata con me e vedete se c’è un dolore maggiore del mio, miei cari figli. State accanto alla vostra Madre Addolorata.
EGLI OFFRÌ SE STESSO PER DONARVI LA SALVEZZA

Si, miei cari figli, Gesù ha accettato tutto con amore. Non si è lamentato. Non disse nulla quando si presero gioco di Lui. Egli desiderava solo che la volontà di Dio si compisse in quel momento. Egli offrì se stesso con amore per voi e per la vostra salvezza. Tutto ciò doveva succedere. Sia fatta la volontà del Padre.
IL SUO DESIDERIO ERA SALVARCI
Pilato lo interrogò e non vide in Lui alcun crimine che meritasse la condanna. Pilato non voleva condannarlo, ma per debolezza lo consegnò ad altri perché soffrisse crudeli violenze.
IL CAMMINO VERSO IL CALVARIO
Gesù sale il Monte Calvario con difficoltà, portando la pesante croce sulle Sue povere spalle. Muovendosi con estrema difficoltà, Egli patisce una dolorosa caduta prima di giungervi. In modo disumano, i Suoi carnefici Gli danno calci e Lo colpiscono con violenza perché si rialzi e continui. Con un dolore così grande, Gesù non poteva fare nulla, ma Egli adempì la volontà di Suo Padre. Quando gli strapparono di dosso i suoi indumenti, Io ero accanto a Lui e – essendo Sua Madre – i suoi carnefici compresero e mi permisero di coprire la Sua nudità con il mio velo. Nonostante le offese, Egli non si lamenta, accettando tutto con amore e offrendo tutta quella sofferenza a Suo Padre. Io osservo mentre lo distendono sulla croce. I suoi capelli sono impregnati del sangue che ricopre il suo viso. Tutto insanguinato, ricoperto di sputi, flagellato e oltraggiato, Egli guarda Sua madre con aria supplicante, ma io non riesco ad avvicinarmi perché i suoi carnefici non lo permettono. Io sento i colpi del martello mentre i chiodi forano le Sue mani e i Suoi piedi e uno shock terribile attraversa la mia anima quando la croce colpisce il fondo della buca [scavata per collocarvi la croce], facendo battere violentemente dal dolore il mio cuore. Tuttavia, il dolore peggiore fu quando si presero gioco di Lui per le Sue cadute, il disprezzo per le Sue piaghe, le Sue ferite, il Suo corpo sacrificato, gli insulti per i Suoi gemiti durante l’agonia, le blasfemie per la suprema offerta della Sua vita. Soprattutto provai dolore per il disprezzo e il rifiuto. Il Cuore di mio Figlio è lacerato da questo immenso abbandono ancora prima di essere perforato dalla lancia del soldato romano.
LO LASCIARONO SOLO
I dodici apostoli non erano qui ai piedi della croce. Uno lo tradì, un altro Lo rinnegò e pianse amaramente in seguito. Gli altri si erano allontanati e avevano paura ad avvicinarsi. Neppure i Suoi amici erano qui, gli stessi amici che avevano ricevuto così tanto da Lui. Solo Giovanni era con me, forte e puro, innocente come un bambino. Riuscii a scorgere nei suoi occhi il più profondo dolore quando sollevò lo sguardo verso la croce e vide che il suo amico stava morendo. Gesù, dall’alto della croce, nelle ultime ore della Sua vita, posa lo sguardo su noi due e si illumina per la certezza dell’amore infinito mentre dice: “DONNA, GUARDA TUO FIGLIO”, E COSÌ TUTTO FU COMPIUTO.
Miei amati figli, Io, come Madre di Gesù e vostra Madre, non posso lasciarvi continuare a camminare verso l’abisso. Fate attenzione. Aprite i vostri occhi. Guardate dove state andando. L’umanità vive ancora grazie ai molti che pregano
il rosario e vivono cercando la pace. Vivete in modo tale che Gesù non sparga lacrime di sangue per via dei vostri peccati. Il Venerdì Santo è rinnovato ogni giorno in modo più ampio e universale rispetto al modo in cui accadde durante la passione e morte sulla croce. Oggi, una volta ancora, Gesù è inchiodato alla croce, oggetto di sputi, oltraggiato, disprezzato e abbandonato da molti dei miei figli. Figli miei, comprendete cosa significhi questo giorno e non disprezzate Gesù, che è morto per voi e per la vostra salvezza. Essendo vostra Madre, voglio insegnarvi ad amare e accettare la sofferenza come ha fatto Gesù. Aprite i vostri cuori e lasciate che io vi guidi. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



160 – 11 aprile 1989

Cari figli, desidero parlarvi ancora dell’aborto, questo terribile crimine commesso da così tante persone e persino legalizzato in molti paesi. Perfino nazioni di antica tradizione cristiana sono giunti al punto di legittimare l’assassinio di bambini ancora nel grembo delle loro madri. Questa è una delle cause principali della mancanza di pace nel mondo. Pregate molto perché questa ingiustizia non venga più commessa. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per voi stessi. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le anime in purgatorio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che tutti i miei progetti si realizzino. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

162 – 18 aprile 1989

Cari figli, non siate sorpresi se parlo così tanto. Parlo con voi perché mio Figlio Gesù vuole che lo faccia. Desidero che osserviate i comandamenti di Dio e che facciate tutto ciò che mio Figlio ha insegnato, di modo che possiate essere Suoi veri seguaci. Al giorno d’oggi una grande parte dell’umanità non osserva più i dieci comandamenti. Il genere umano è ogni giorno più distante da Dio e più vicino al grande abisso. Il pericolo di una nuova guerra è molto reale. Dietro l’apparenza di fragili promesse di accordi, essi preparano modi più sofisticati di uccidere e l’odio conduce il genere umano all’autodistruzione. Desidero creare in questa nazione, con l’aiuto di tutti i miei figli, un esercito invincibile. Invito ciascuno di voi a pregare le cinque decine del rosario tutti i giorni, affinché la pace possa regnare in questo mondo. Io, Nostra Signora di Aparecida*, ho un amore speciale per questa nazione. Non voglio che satana installi il suo regno qui in Brasile, pertanto vi chiedo di pregare e di fare penitenza. 59
Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per voi stessi. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per le anime del purgatorio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

*Nostra Signora di Aparecida è la patrona del Brasile: il santuario a lei dedicato si trova ad Aparecida, nello stato di São Paulo (fonte: wikipedia)


168 – 9 maggio 1989

Cari figli, il film che molti stanno tentando di fare proiettare a Feira de Santana (L’ultima tentazione di Cristo) è un’opera di satana. Pertanto non dovrebbe essere proiettato né a Feira né in alcuna altra parte del mondo. Gesù è realmente rattristato per essere vittima di così tante blasfemie. Molte persone, anche se dicono di essere cristiane e cattoliche, stanno sostenendo la proiezione di questo film. Cose di questo tipo portano la collera di Dio su di voi, e, in seguito, l’abbandono. La parola del vescovo, assieme ai suoi sacerdoti, è realmente conforme al desiderio di Gesù e mio. A Feira, una grande moltitudine cammina nell’oscurità del diniego di Dio, nella mancanza di fede, nell’ immoralità e nell’empietà. Vi chiedo di stare lontani dalla televisione e dai cinema. Satana è libero nel mondo e cerca di portare molte anime alla morte spirituale. State attenti. Siate sempre vigilanti, pregate e fate penitenza. Pregate il santo rosario. Il rosario è la mia preghiera speciale, dunque pregatelo sempre. A meno che non ci sia un generale ritorno a Dio tramite la conversione e la penitenza, una grande punizione potrebbe colpire questa nazione. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per voi stessi. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per le anime in purgatorio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

169 – 13 maggio 1989
Cari figli, sono il vostro comandante celeste. Sono la Regina della Pace. Come voi ricordate, oggi è l’anniversario della mia prima apparizione a Cova de Iria nel 1917. Voi state vivendo gli eventi che allora io predissi. Tutto ciò che avevo predetto a Fatima alla mia figlia Suor Lucia, sta accadendo oggi. La lotta tra me, la DONNA VESTITA DI SOLE, e il mio avversario, il DRAGONE ROSSO, sta ora per entrare nella sua fase decisiva. Così io appaio ancora oggi in un modo davvero straordinario, per riassicurarvi che sono sempre presente tra di voi. State ora vivendo i momenti nei quali il DRAGONE ROSSO, ovvero l’ateismo marxista, si è diffuso in tutto il mondo causando sempre più danni nelle povere anime. Esso ha realmente sedotto e fatto precipitare un terzo delle stelle nel cielo. Queste stelle, nel firmamento della chiesa, sono i pastori. Esse siete voi, miei poveri amati figli. È giunto il momento nel quale desidero manifestarmi alla chiesa intera tramite voi, poiché è giunto il tempo del TRIONFO DEL MIO CUORE IMMACOLATO. Come una madre piena d’amore, io dono la consacrazione al mio Cuore come un vaccino per preservarvi dalle epidemie dell’ateismo che stanno contaminando così tanti miei figli, portandoli a una vera morte spirituale. Vi chiedo anche di pregare il Santo Rosario. Il Rosario è la mia preghiera preferita e pertanto, nelle mie numerose apparizioni, vi invito sempre a pregarlo. Sono sempre accanto a tutti coloro che pregano e lo chiedo con crescente preoccupazione materna. Da questo umile luogo vi incoraggio e benedico tutti voi nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

170 – 16 maggio 1989
Cari figli, quanti in questo mondo soffrono la fame e molti, pur avendo una tavola imbandita, non fanno nulla per loro. Verrà il giorno nel quale molti ricchi piangeranno e supplicheranno i poveri, perché le loro anime sono morte come una notte oscura. Sono una madre che ripete lo stesso ritornello; ritornate, ritornate, perché il mio Signore ancora attende la vostra conversione. Ritornate. C’è ancora tempo. Non attendete domani, perché potrebbe essere troppo tardi. Tornate oggi, ora, se volete essere salvati. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio

176 – 3 giugno 1989
Cari figli, l’umanità ha bisogno di accettare e vivere i miei messaggi che ho inviato al mondo tramite i miei eletti, sparsi in diverse regioni del mondo. Oh, figli, pentitevi, chiedete perdono, amate il vostro prossimo, riparate e, soprattutto, ritornate a Dio, che vi attende a braccia aperte. Il mio Cuore è molto offeso dai figli che non accettano i miei messaggi d’amore. Innanzitutto, i miei amati figli chiudono le porte della chiesa. Molti dei miei figli sacerdoti negano l’autenticità delle mie varie manifestazioni in molti luoghi della terra. Nessuno dovrebbe dare giudizi affrettati riguardo la verità delle mie apparizioni. Come ho già detto, deve esserci cautela, ma il modo in cui molti lo fanno non è più cautela, quanto piuttosto interferenza del mio avversario. Vengo in questo mondo non per essere interrogata, ma per essere ascoltata. Vengo in questo luogo per chiedervi di ritornare a Dio, poiché solo in questo modo potete essere salvati. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


179 – 13 giugno 1989

Cari figli, il mio Cuore Immacolato arde d’amore per tutti voi. La fiamma divina del mio Cuore Immacolato desidera infiammare il mondo intero attraverso di voi, miei figli teneramente amati. Il grande TRIONFO DEL MIO CUORE IMMACOLATO giungerà attraverso di voi. Si, dovete essere un segno di luce che illumina il mondo intero. Ho bisogno del vostro aiuto. Non posso fare nulla senza di voi. Ma come potete fare ciò? Attraverso la devozione al mio Cuore Immacolato e al Santo Rosario. Vengo in questo umile luogo per chiedervi di pregare il rosario ogni giorno per la conversione dei peccatori, per la salvezza del mondo e in riparazione alla Santissima Trinità, per tutte le empietà commesse contro di essa. La fiamma del mio Cuore già arde in quei luoghi dove mostro me stessa e sono attesa. Anche qui, tra non molto, Anguera sarà incendiata dal fuoco dell’amore del mio Cuore Immacolato, che arde d’amore per tutti voi. È il fuoco della Divina MISERICORDIA che mio Figlio vi porta attraverso il mio Cuore, che soffre per ciascuno di voi. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

187 – 8 luglio 1989

Cari figli, una volta ancora vengo per chiamarvi alla conversione. Vi chiedo di accettare di tutto cuore i messaggi che il mio Signore invia tramite me. Miei cari figli, sappiate che la mia venuta qui non è casuale. Non considerate qualcosa di serio come se fosse uno scherzo. I vostri dubbi e timori sono interferenze del mio avversario. Siate vigilanti. Chiedo a ciascuno di voi di credere nella mia presenza qui e di pregare per coloro che non credono. Essi hanno bisogno di molta preghiera. Pregate per loro. I cristiani hanno bisogno di accettare l’amore di Dio. La gente ha bisogno di pregare sempre di più. Dovreste trascorrere la maggior parte della giornata in un clima di preghiera. Voi non potete immaginare quante anime, realmente, state salvando con le vostre preghiere. Ancora una volta vi dico: pregate. Pregate sempre più. Non dovete dire che pregate tanto. Come Madre, vi dico: voi ancora pregate poco. Voglio ammonirvi circa il sacramento della confessione. Andate a confessarvi frequentemente e pregate di più. Pochissimi stanno seguendo i miei messaggi riguardanti la confessione. Vi ripeto che non dovreste confessarvi solo una volta alla settimana, ma anche quando sentite il bisogno di purificare la vostra anima. Dovete sapere che il sacramento della confessione è molto importante. Ma state attenti! Non nascondete nessuno dei vostri peccati, né considerate il sacerdote come un uomo qualsiasi. Nel confessionale egli rappresenta Gesù Cristo, il vostro misericordioso Salvatore. Cristo agisce tramite i suoi sacerdoti. Questa è una realtà meravigliosa, sorprendente e consolante . A voi sacerdoti non c’è bisogno che io parli del grande amore che ho per ciascuno di voi. In questi ultimi tempi vi ho condotto quotidianamente sulla via della vera imitazione di mio Figlio Gesù. Poiché solamente in questo modo potete diventare segni di gioia e di consolazione per tutti i miei figli che vivono nell’oscurità del peccato. Questo è un tempo dolorosissimo per voi. Questi sono i tempi nei quali piangerete e vedrete orrori ovunque. Questi sono i tempi che ho predetto in vari modi e attraverso molti segni. È necessario che tutti gli uomini giungano alla conoscenza della verità, per accettare e seguire il Vangelo di Gesù. Questo è il vostro compito come ministri di Dio. Il vostro cuore di sacerdoti dovrebbe essere mite e umile, pietoso e sensibile, puro e compassionevole, e dovrebbe essere sempre al servizio del vostro fratello bisognoso. Nessuno è esente dal collaborare a questo piano di salvezza, neppure i bambini o i malati che soffrono. Tutti i cristiani possono e dovrebbero fare qualcosa dentro e attorno a sé stessi. Ognuno ha bisogno di Dio, di Cristo. Chiunque dica di non avere bisogno di Dio è uno stolto che costruisce sulla sabbia. I cristiani hanno bisogno di ritornare a Cristo. Bisogna pregare. Senza la preghiera la vita perde il suo significato e non perseguirete mai i vostri obiettivi. Dunque dovete pregare sempre per portare al mondo il dono di Dio. Lo stesso Dio che è divenuto uomo e che ha vissuto su questa terra, andando di villaggio in villaggio, facendo del bene a tutti, oggi ancora va alla ricerca di cuori aperti al suo invito: venite e seguitemi. Ma la gente non vuole seguirlo. Sono interessati solo alle cose di questo mondo, vanità e denaro. È giunta l’ora nella quale invito tutti i cristiani a pregare insieme per la pace nel mondo e la conversione dei peccatori. Coraggio, cari figli. Coraggio! Non scoraggiatevi. Ricordate che la Divina MISERICORDIA non viene mai meno. E se voi siete in pace con Dio, potete superare tutte le vostre difficoltà. Ora non avete grossi peccati, perché state attenti a non commetterli. Ma dovete sempre vigilare. Rimanete sempre in preghiera. Nei vostri problemi, come ad esempio nella malattia, non disperate. Sappiate, cari figli, che le vostre sofferenze vi aiutano e servono alla gloria del Regno di Dio. Ricordate sempre che il dolore non è mai invano. Non è mai inutile. Siate pazienti. Pregate sempre. Cercate sempre di essere in pace con Dio e i vostri fratelli. Dovreste sempre essere costruttori di pace. Ma siate consapevoli che non fate la pace con l’odio della distruzione di altri. LA PACE SI COSTRUISCE CON LA PACE. Io sono la Regina della Pace. Sono giunta nel mondo per aiutarvi ad avere la pace, la pace del mio Signore e vostro Salvatore Gesù Cristo. Sacerdoti, mie amati figli: voglio condurvi alle vette della santità. Pertanto chiedo a ciascuno di voi di consacrare se stesso al mio Cuore Immacolato. Portate la mia protezione su voi stessi. Vi invito a essere sempre attenti alle parole del Papa. Obbedite al vicario di Cristo. Obbeditegli in ogni cosa. Le sue parole donano conforto, speranza e fiducia. Tutto ciò che egli dice è vero. Papa Paolo Giovanni II è il più grande dono che il mio Cuore Immacolato ha ricevuto da Gesù per questi tempi di purificazione, che in verità non sono buoni. Il sacerdozio è una chiamata divina. Voi già lo sapete, poiché esso si riferisce al più importante servizio per l’umile gente di Dio. É attraverso le vostre parole che Cristo giunge nel mondo ed è presente tra gli uomini. Che cosa meravigliosa. È davvero un peccato che molti di voi non riconoscano il grande potere che possedete. Il vostro ruolo di sacerdoti è indispensabile. Ciascuno nella Chiesa può collaborare, ma nessun altro può fare ciò che i sacerdoti fanno. È vero che la Grazia di Dio può agire nello stesso modo, specialmente laddove non ci sono ministri di Dio, e dove nessuno sia da biasimare per questa mancanza. Ma non potete dimenticare che la via normale e certa della redenzione passa attraverso i mezzi istituiti da Cristo e attraverso le forme da lui stabilite. Non lasciatevi scoraggiare dalla mancanza di giovani al servizio del Signore. Abbiate fiducia, pregate, siate coraggiosi. Proclamate sempre la verità, nulla di più che la verità. La verità che il mio Signore vi ha affidato non doveva essere nascosta o seppellita. Deve essere proclamata con umiltà e coraggio nel momento in cui è minacciata. Quando avete bisogno di me, chiamatemi per nome. Sono qui per aiutarvi. Il mio aiuto potente è fortemente ricercato dal mio primo amato figlio, Papa Giovanni Paolo II, che invoca costantemente la divina MISERICORDIA per voi. Siate certi che per i vostri pastori, i vescovi, non c’è nulla di più importante, urgente o prezioso che la vostra santità. E a voi, vescovi del Brasile, io chiedo: siate coraggiosi. Non abbiate paura di dire la verità. Annunciate costantemente Gesù Cristo e il suo divino messaggio. Il Signore vi ha affidato il destino della sua Chiesa. Voi, miei amati figli, siete gli strumenti principali della vittoria di Cristo. Pertanto, nel nome di Cristo e del suo Vangelo, siate padri e fratelli per i vostri sacerdoti. A voi, ministri della Chiesa, vescovi e sacerdoti, come Madre della Chiesa ho una richiesta da fare: proclamate il Vangelo di Gesù a tutti gli uomini. Siate maestri della Verità, questa Verità che Cristo stesso vi ha affidato. Come Madre della Chiesa, vedo che avete bisogno di una vera unione tra di voi, vescovi e sacerdoti. Un’altra cosa vi chiedo: create attorno a voi una barriera di unione e non separatevi mai. Questo è il mio desiderio e il desiderio del mio Signore. Per ultima cosa ho un appello a tutti i vescovi di questa grande nazione, che io stimo grandemente e che amo: fate del vostro meglio per essere sempre vicini ai vostri sacerdoti. Lo Spirito Santo vi illumini ora e sempre. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

197 – 12 agosto 1989
Cari figli, l’umanità è sull’orlo della distruzione, che può provocare con le sue stesse mani. Quanto vi predissi a Fatima per questo secolo è già iniziato. C’è il pericolo per l’umanità di una nuova guerra mondiale. Sento una grande afflizione per ciò che vi attende, miei poveri figli innocenti, così minacciati dalla fame, dalla guerra, dall’odio e dalla violenza. Questo è un tempo terribilmente doloroso per voi. Pregate e fate penitenza. La punizione verrà solo se l’umanità non si converte. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

205 – 8 settembre 1989
Cari figli, sono qui perché sono fedele a Cristo e perché amo ciascuno di voi in particolare. Desidero parlare e testimoniare l’Amore di mio Figlio Gesù a tutti voi, affinché possiate credere in Lui ed essere salvati. L’umile serva del Signore è oggi in mezzo a voi con la stessa intensità e lo stesso affetto con i quali il Divino Maestro riceveva e benediceva le folle e specialmente le persone che soffrivano per i loro problemi. Vengo ad aiutare tutti. Sono la Madre di tutti, specialmente dei poveri. Benedetti sono i poveri e coloro che, per Cristo, sono specialmente sensibili verso i Suoi fratelli che soffrono per la mancanza di cose necessarie. Non preoccupatevi di accumulare ricchezze. Dovreste mettere i beni che Dio vi ha donato a disposizione di tutti. Cercate innanzitutto la vostra vita spirituale. Non sono qui per condannare i ricchi. Anche Cristo non ha duramente condannato i ricchi per il fatto di essere ricchi o perché usavano abiti lussuosi. Ha duramente condannato i ricchi che non consideravano i bisogni dei poveri che vivevano nella miseria. Cristo non ha condannato il semplice possesso di beni materiali. Ma le Sue parole più severe erano dirette a coloro che usavano i loro beni in modo egoista, senza pensare al loro prossimo che mancava delle cose necessarie. Vivete nell’amore Immacolato del mio Cuore. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

206 – 9 settembre 1989

Cari figli, accettate la malattia e la sofferenza con amore, come ha fatto Gesù. Cristo, figlio di Dio, innocente, conobbe la sofferenza nella Sua stessa carne. Pertanto, cari figli, non disperate. Confidate nella divina MISERICORDIA. La malattia è, in effetti, una croce, una croce talvolta molto pesante, una prova che Dio permette nella vita di una persona secondo un criterio che sorpassa la nostra capacità di comprensione. Ma non dovrebbe essere considerata come una cieca fatalità, né necessariamente come una punizione. Non è qualcosa che distrugge senza avere un aspetto positivo. Al contrario, anche se essa pesa sul corpo, la croce della malattia, portata in comunione con la croce di Cristo, diventa essa stessa una fonte di salvezza, di vita, o di risurrezione per la persona ammalata o per gli altri che la aiutano. Una volta ancora dico: non perdete la speranza. Confidate nel Signore, poiché la Sua MISERICORDIA non ha limiti. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


222 – 24 ottobre 1989

Cari figli, sono la vostra Madre Immacolata. Sono sempre con voi per proteggervi e guidarvi. È giunta la mia ora. I tempi dolorosi da me predetti sono arrivati. Vivete in un mondo che non considera più peccato il male. Molti hanno perduto il senso del peccato, così il peccato viene sempre più commesso e giustificato, e un numero crescente di anime precipita ogni giorno all’inferno. Ogni istante che vivete sulla terra, correte il grande rischio di essere eternamente perduti. Certamente non posso chiedervi di stare immobili o di non vivere in questo mondo. Per volontà di mio Figlio, vivete in questo mondo, ma non di questo mondo. Desidero che voi seguiate solo mio Figlio, che è la vostra vita. Egli è salito al cielo per prepararvi un posto e per aiutarvi a vivere in questo mondo sempre con gli occhi rivolti verso il PARADISO. Non sarete mai ingannati da questo mondo se, con me che vi conduco per mano, seguirete Gesù, vostra Via, Verità e Vita in ogni istante. Seguitelo, preparatevi e convertitevi. Questa è l’ora della vostra conversione. Convertitevi. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

225 – 24 ottobre 1989
Cari figli, gli angeli in cielo sono con la spada in mano per annientare coloro che corrompono la terra. Guai a coloro che non si pentono e non cambiano le loro vite. Siete una generazione perversa e chiamate su di voi la mano castigatrice che non tarderà a colpirvi. Se non vi convertirete, senza dubbio giungerà una punizione peggiore del diluvio, come mai si è visto sinora. Il fuoco cadrà dal cielo e una grande parte dell’umanità sarà distrutta. Camminate al mio fianco, poiché solo in questo modo posso aiutarvi a portare il peso sanguinoso della grande prova che precederà la venuta del giorno del Signore. Siate vigilanti. Avete poco tempo a disposizione. State all’erta. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

228 – 24 ottobre 1989

Miei amati figli, vi proteggo sempre e ovunque in ogni angolo della terra. Vi tengo sempre nel mio Cuore Immacolato. Questa è l’ora della GRANDE BATTAGLIA tra la DONNA VESTITA DI SOLE e il DRAGONE ROSSO. Questi sono i tempi del TRIONFO DEL MIO CUORE IMMACOLATO. Pertanto usate tutte le armi che ho preparato per voi, affinché possiate essere sempre protetti da me. Seguitemi sulla via della sofferenza. Certamente si presenteranno sempre delle difficoltà, ma abbiate fiducia, fede e speranza. Mio Figlio vi offre sempre luce e forza tramite lo Spirito Santo, affinché possiate comprendere la vostra sublime missione. Portate anche una parola di conforto e di speranza a coloro che vivono con voi, ad ognuno, specialmente ai più poveri e a coloro che più hanno bisogno di conforto e di speranza, in quanto soffrono nel corpo o nell’anima. Camminate al fianco della vostra Madre celeste, miei amati figli, e voi stessi sarete in questo mondo la luce immacolata che conquisterà le tenebre del male e del peccato. Sono per voi Madre e Maestra. La mia missione di madre consiste nel fare vivere Gesù in ciascuno di voi in pienezza. Abbiate sempre fiducia. Sono al vostro fianco. Fidatevi. Coraggio, coraggio, coraggio. Vi benedico e incoraggio tutti nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen, Rimanete nella pace.

230 – 24 ottobre 1989

Caro figlio (solo per Pedro), devi abituarti alla sofferenza, perché dovrai soffrire ancora molto. Ma abbi fiducia. Abbi coraggio. Sarò al tuo fianco in tutte le tue prove. Rimani nell’amore del mio Cuore Immacolato. Sii paziente. Confida nella tua Madre celeste. Sei molto determinato, ma spesso troppo. Stai attento. Sai bene che qualsiasi cosa tu faccia senza di me, non è ben fatta. Pertanto, prima di qualsiasi decisione, parla con me e io ti porterò su un sentiero sicuro. Ho bisogno di te, figlio mio. Sei nei miei progetti. Non posso fare ciò che vorrei fare senza di te. Sii al mio fianco. Ti aiuterò in tutte le tue difficoltà. Fiducia, figlio mio, sempre fiducia. Sai quanto ti voglio bene. Ti ringrazio per ciò che fai per me. Grazie, figlio mio, grazie.

234 – 24 ottobre 1989
Cari figli, con l’immenso desiderio di portarvi tutti in Cielo, lascio il mio trono di Gloria e giungo dal Cielo alla terra per chiedervi di pregare il rosario e di non offendere più Nostro Signore, il quale è già così offeso. Non c’è problema che non possa essere risolto pregando il Rosario. Pertanto pregatelo sempre. Non cessate di pregarlo. Prometto a tutti coloro che pregano il rosario tutti i giorni e diffondono questa devozione, che i loro nomi saranno scritti nel mio cuore e non saranno mai cancellati. Se non ascoltano i miei appelli, molte anime getteranno se stesse all’inferno per l’eternità. La Chiesa sarà perseguitata come mai prima e il Santo Padre soffrirà molto. Pregate per lui. Il vicario di Mio Figlio dovrà soffrire molto, perché la Chiesa sarà vittima di grandi persecuzioni. Questo sarà il tempo delle tenebre, e la Chiesa attraverserà una crisi orribile. Pregate per la chiesa. Pregate per il Santo Padre. Pregate per voi stessi. Sono la vostra Madre Addolorata. Soffro per ciascuno di voi. Soffro a causa della vostra sofferenza. Non temete. Sarò al vostro fianco per aiutarvi nelle ore più difficili. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

 
254 – 1 gennaio 1990
Cari figli, sono la Regina della Pace. Iniziate questo anno al mio fianco, poiché solo in questo modo troverete la pace. In questo nuovo anno, permettete a voi stessi di essere dolcemente condotti da me. Così sarete sempre al sicuro e protetti. Confidate nel mio Cuore Immacolato. Sono la Regina della Pace. Attraverso la mia mediazione, tutta l’umanità è invitata a ritornare a Dio. Dite il vostro Sì al Signore che vi chiama a seguire suo Figlio Gesù, che fece di se stesso un grande esempio di obbedienza per ciascuno di voi. Ritornate, ritornate, ritornate. Ho fretta e ora mi rivolgo a voi con quest’ultimo accorato appello: RITORNATE. Grandi eventi che ho predetto a Fatima accadranno quest’anno. Pregate e convertitevi. Come ho detto, molte cose dipendono dalla vostra conversione. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

287 – 24 aprile 1990

Caro figlio (a Pedro Regis), non preoccuparti se devi parlare con i tuoi fratelli. Lascia che sia io a parlare attraverso di te. Ascolta, figlio mio. Donati a me e io ti aiuterò in qualsiasi momento tu abbia bisogno. Sii semplicemente fiducioso, poiché farò grandi prodigi attraverso di te. Prega, prega, prega. Sii FELICE che “X” è al tuo fianco e che ti aiuterà. Mi piace vederti con “X” perché... e tu dovresti essere sempre FELICE per questo motivo. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

292 – 8 maggio 1990

Cari figli, sono vostra Madre Addolorata. Soffro a causa di coloro che vivono nelle tenebre del paganesimo o appartengono ad altre religioni. Anche loro sono figli di Dio, hanno bisogno della sua MISERICORDIA e del mio aiuto, ma non lo sanno. Pregate per loro. Dovete sapere che la verità è mantenuta integra solo nella CHIESA CATTOLICA, fondata da mio Figlio per portare il Vangelo della Salvezza a tutti i popoli, di tutti i tempi. Sono nella CHIESA CATTOLICA solo coloro che obbediscono al Papa Giovanni Paolo II. Coloro che non obbediscono, non possono essere considerati cattolici. Mio Figlio ha fondato la Sua Chiesa su Pietro, la pietra. Chi non accetta questa verità, è meglio che si converta il più velocemente possibile. Pregate e convertitevi. Lo ripeto: nulla è perduto. È giunta l’ora. Convertitevi adesso. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



420 – 29 giugno 1991
 (compleanno di Pedro Régis e festa di San Pietro. La Madonna ha svegliato Pedro alle 6 del mattino e gli ha detto di andare alla Croce)
(Rivolta ai sacerdoti) Cari amati figli. Sono la Regina della Pace. Sono la Madre di Dio Figlio e vostra Madre. Vengo dal cielo per portarvi il mio appello e il conforto del Redentore dell’umanità. Egli vi offre la più grande gioia che esista al mondo, che è quella di sapere come amare e sentirsi amati. Dal cielo vi infonde la forza necessaria per cambiare la vostra vita e rispondere alla Sua chiamata divina. Possa la sua presenza invisibile essere il vostro conforto! Amati figli, voi siete i pastori di un popolo buono e semplice che ha fame di Dio. Pertanto, vivete con gioia ed entusiasmo la missione evangelizzatrice che la Chiesa di Cristo vi affida. Per realizzare questa missione coraggiosamente, assumetevi il compito di saziare tale fame, portando tutti i miei amati figli all’incontro con Dio.
Dovreste offrire la collaborazione della vostra speciale missione per la costruzione di una civiltà dell’Amore. Il mondo di oggi ha bisogno della vostra testimonianza e del vostro aiuto. Dite a ciascuno dei miei poveri figli che Dio è verità, che Dio esiste. Tutti gli uomini, anche coloro che seguono l’ateismo o ideologie anticristiane, oppure mostrano disinteresse verso i valori spirituali, si interrogano su Dio, sentono il desiderio e la necessità di Lui. Cercano la speranza. A questi poveri figli, talvolta lacerati da profondi contrasti, dovete dare una risposta che spieghi i valori trascendenti e il Vangelo. Ovviamente tale risposta deve essere adeguata, non prefabbricata, un dialogo costruito a partire dalla coscienza e da domande concrete. La risposta deve essere praticabile nella vita quotidiana, nella professione, nella vita familiare e comunitaria. La risposta deve essere accompagnata dalla testimonianza personale, in modo da diventare credibile e possibile. Non risparmiatevi nello sforzo di costruire pace e unità e siate, nelle parole e nella vita, una presenza dell’unica Chiesa, santa, cattolica e apostolica, fondata da mio Figlio, nostro Signore Gesù Cristo, per portare il Vangelo della salvezza a tutti gli uomini. Dio permise che Suo Figlio, Nostro Signore Gesù Cristo, versasse il Suo sangue sulla croce, così che l’uomo e la donna diventassero nuovamente Suoi amici. Egli stesso fu fatto prigioniero nell’orto degli ulivi, portato di tribunale in tribunale, giudicato e ingiustamente condannato, flagellato, deriso e infine mandato a morire sulla croce. Attraverso la Sua morte e resurrezione, Lui vi ha dato la luce e la forza per tornare di nuovo a Dio, vostro Padre, e tornare sulla retta via. Io sono vostra Madre Addolorata, la Madre della Chiesa universale. Come pastori, voi dovete vigilare, orientare e animare, così che il mondo di oggi abbia a fondamento solidi pilastri di amore, giustizia, solidarietà, rispetto reciproco e libertà, di modo che le aspirazioni di tanti brasiliani di buona volontà diventino una realtà, un futuro migliore. Portate il Vangelo di Cristo a tutti i brasiliani, fate in modo che si rendano conto che solo Cristo può esaudire i desideri del loro cuore per un mondo più giusto e fraterno.
Non scoraggiatevi, mio Figlio è con voi. Lui ha bisogno di voi, vi sostiene e rende feconda tutta la vostra vita. La vita del sacerdote è meravigliosa proprio per questa unione indissolubile con Cristo, per questa continua e vitale intercessione sacramentale tra Lui e voi. Amati figli, siate portatori della verità di Cristo. Amate, unitevi e aiutatevi l’un l’altro, perché questo è l’unico modo per essere fedeli al Vangelo di mio Figlio, al Papa e alla Chiesa. Sappiate, voi tutti, che la verità è mantenuta nella sua interezza solo nella CHIESA CATTOLICA, nella quale lo Spirito Santo continua a vivere riversando le meraviglie del Suo amore. Fedeli alla Sua ispirazione, andate avanti con rinnovato entusiasmo nella missione di evangelizzare tutti coloro che ancora non conoscono Dio, o lo conoscono in maniera imperfetta. Non temete, né perdete la speranza. Io vi accompagno lungo il cammino, circondandovi con il mio amore materno, di modo che tutti apparteniate a Cristo. OGGI IL MIO AMATO PRIMO FIGLIO, PAPA GIOVANNI PAOLO II, VIENE CON TOTALE FIDUCIA ED IO, NELL’ANGOLO PIÙ INTIMO DEL SUO CUORE, RIPETO LE PAROLE DI MIO FIGLIO: TU SEI PIETRO. Papa Giovanni Paolo II è davvero un segno della mia presenza straordinaria tra di voi. Chiunque non accetta il suo insegnamento, non riuscirà a rimanere nella verità. Pertanto, obbeditegli. Da questo luogo umile vi incoraggio e vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

422 – 2 luglio 1991

Cari figli. Oggi, ancora una volta, vi invito a pregare il Santo Rosario con amore e devozione. In questo modo riceverete grandi grazie dal mio Divin Figlio. Quindi recitate il rosario. Sono apparsa molte volte in diverse parti del mondo, invitando i miei poveri figli alla conversione e al pentimento. Sappiate, voi tutti, che il mondo oggi vive ancora grazie alla mia presenza. Vi chiedo di vivere sinceramente tutti i miei messaggi. Sono FELICE per tutto quello fate per me. Continuate ad aiutarmi. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



424 – 6 luglio 1991

Cari figli. Ancora una volta raccomando la CONFESSIONE SETTIMANALE. La confessione è il rimedio che vi offro affinché possiate seguire la via della grazia e della santità. Se vivete i miei appelli con amore e sincerità, presto vedrete il TRIONFO DEL MIO CUORE IMMACOLATO. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

425 – 13 luglio 1991
Cari figli. Rivolgo questo invito a tutti voi qui riuniti: convertitevi senza attendere. Rinunciate alle sigarette, all’alcol e, in particolare, ai programmi televisivi. Tramite queste rinunce potete aprire, nella vostra vita, uno spazio ancora maggiore per la preghiera e l’ascolto dei miei santi messaggi. Sappiate, voi tutti, che la televisione è lo strumento più forte e dannoso utilizzato dal mio avversario per portarvi al peccato e all’impurità. La televisione è diventata, oggi, un idolo adorato da tutte le nazioni della Terra, che entra nelle vostre case con un messaggio falso, nocivo a voi e alla vostra anima. In questo modo, la televisione corrompe la vostra vita, depositando nei vostri cuori il seme del male. Non assistete ai programmi televisivi, perché solo così diventerete grandi ai miei occhi. Vi ripeto: non sono venuta per obbligarvi ma, come Madre, desidero condurvi docilmente al PARADISO. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

434 – 13 agosto 1991
Cari figli, se volete servire i vostri fratelli, lasciate che Cristo regni nei vostri cuori. Non abbiate paura di essere santi. Lo so che il cammino è difficile, ma non perdetevi d’animo. Abbiate coraggio, fede, e speranza. Sono vostra madre e sono al vostro fianco. GIOITE. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

451 – 9 ottobre 1991
Cari figli, pregate. Mio Figlio vi ama. Ha aperto la strada per voi per abbandonare la schiavitù del peccato e incontrare la via per la salvezza e la vita nuova in Cristo. Sappiate che anche voi siete capaci di rispondere agli appelli di Dio. Siate fedeli ai Suoi comandamenti. Non scoraggiatevi. Mio figlio sarà con voi fino alla fine del mondo. Siate fiduciosi. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

458 – 2 novembre 1991

(È il messaggio più lungo dato dalla Madonna a Pedro Régis, è salvato a parte)
IL MESSAGGIO 458 (2 novembre 1991)
·                     MESSAGGIO DI ANGUERA 458 - 2 NOVEMBRE 1991


Trasmesso ad Anguera al veggente Pedro Régis, questo messaggio è stato dato come segno, da parte della Madonna, per tutti quelli che non credevano alle sue apparizioni: il giorno precedente, infatti, aveva preannunciato un segno affinché tutti credessero. Nel luogo delle apparizioni si erano radunate molte persone, giornalisti compresi, aspettandosi un segno come quello del miracolo del sole a Fatima.
Si tratta del messaggio più lungo trasmesso dalla Regina della Pace a Pedro Régis e, probabilmente, si tratta anche del messaggio più lungo trasmesso a un veggente nel corso della storia delle apparizioni mariane. In questo messaggio la Vergine Maria ha sviluppato ordinatamente 18 temi, dettando al veggente il titolo di ogni tema. Il primo, l’introduzione, è una spiegazione del perché lei si è presentata con il titolo di Regina della Pace. A questo seguono gli altri temi fino ad arrivare all’ultimo, in cui ci racconta alcuni fatti sconosciuti della vita di Gesù. Questo non è un messaggio qualunque: si tratta di una delle prove che la Madre di Dio appare realmente al veggente Pedro Régis. Infatti, chi era Pedro Régis nel 1991? Nato e cresciuto in un ambiente rurale, con conoscenze di fede solo rudimentali, non avrebbe mai potuto scrivere il messaggio seguente, così esteso, profondo ed esortativo.
Tale messaggio è stato scritto interamente durante l’apparizione, alla presenza di circa 8.000 persone, compresi alcuni canali televisivi: oltre ad esserci migliaia di testimoni, quindi, esiste anche un video che documenta quanto avvenne.
Ricordiamo infine che, a quell’epoca, la Fazenda Malhada Nova non era provvista di luce elettrica e che questa apparizione è avvenuta di sera, protraendosi fin dopo il tramonto. Pedro Régis racconta che, prima di dettare il messaggio, la Vergine Maria gli chiese di procurarsi più carta, perché i fogli che aveva erano insufficienti. Gli fu dato il permesso di comunicare con alcuni dei presenti, a cui chiese altra carta. Gli fu consegnato un plico. La Madonna gli chiese di numerare le pagine: una volta arrivato a pagina 30, Pedro si fermò perplesso, ma la Vergine Maria gli disse “Continua”. Perché perplesso? Perché, chi è a conoscenza delle apparizioni di Anguera, sa che la maggior parte dei messaggi, scritti frettolosamente e sotto forma di scarabocchi, non oltrepassa le dieci pagine. Dopo aver enumerato 50 pagine, Pedro si fermò di nuovo, ma la Madonna lo esortò a proseguire. La scena si ripeté altre volte, finché, arrivato a pagina 130, la Madre di Dio disse “Basta”, iniziando quindi a dettare il messaggio, fermandosi proprio alla fine di pagina 130 con la frase “Rimanete nella pace”, che accomuna tutti i messaggi.
È interessante notare che, durante tutta l’apparizione, Pedro Régis è rimasto in ginocchio per due ore e mezza, sempre nella stessa posizione. Al termine, si è alzato e ha letto il messaggio ai presenti. La lettura pubblica del messaggio è durata più di due ore e lo stesso Pedro ha dimostrato di ignorare molti dei termini utilizzati.

1. Introduzione – Esortazione a confidare nella sua protezione materna.
2. Amatevi gli uni gli altri – Ci offre l’antidoto contro l’odio, la violenza e l’egoismo che ci impediscono di amare il prossimo.
3. Meravigliose sono le tue opere, Signore – Ci presenta il Creatore attraverso il creato, affermando che senza di lui la nostra vita è inutile.
4. Eucarestia, mio Figlio è presente – Ci conferma la presenza reale di Cristo nell’Eucarestia.
5. Andate per il mondo e annunciate il Vangelo – Si rivolge specialmente ai vescovi e ai sacerdoti, parlando dell’indifferentismo religioso e del matrimonio, esortandoci a una vita che sia segno della presenza di Dio nel mondo.

6. Dov’è la verità? – Torna a dirci dove la Verità resta integra, parlandoci dell’avanzata delle sette e indicandoci le principali cause di tale avanzata, affinché sia combattuta.
7. Non lasciatevi ingannare dalla falsa scienza – Il mondo è pieno di falsi profeti, dai quali la Madonna ci esorta a stare lontani
8. Vi chiedo fiducia – Le nostre difficoltà sono grandi e la Madonna lo sa bene, esortandoci a fidarci di Gesù.
9. È necessario credere – Tema dedicato alla fede.
10. La vostra testimonianza sincera – Ci chiede di testimoniare le apparizioni e i suoi messaggi, sapendo che questi conducono all’ideale evangelico.
11. Creati a sua immagine e somiglianza – Ci ricorda che siamo stati creati a immagine e somiglianza di Dio, ma il peccato ci ha sfigurati, portando l’umanità a ogni sorta di male
12. La gioia della vostra presenza – Ringrazia coloro che la ascoltano, offrendo il rifugio sicuro del suo Cuore Immacolato, incoraggiandoli a proseguire nella vita cristiana autentica.
13. Madre e Regina della vostra nazione – Essendo Madre e Regina del Brasile, avvisa i suoi abitanti dei molti pericoli che li circondano, parlando loro, ad esempio, degli errati insegnamenti della teologia della liberazione.
14. Cristo é la vostra speranza – La speranza è una virtù teologale, quindi solo Cristo può essere la nostra speranza.
15. I segni che vi offro – Ci spiega il perché delle sue apparizioni nel mondo e qual è il loro scopo.
16. Tutti voi siete uguali – Tema importantissimo trattato dalla Regina della Pace: la questione del razzismo e della schiavitù.
17. Chiedo la vostra consacrazione – In questo tema, la Regina della Pace ci chiede la nostra consacrazione al suo Cuore Immacolato, insegnandoci le parole con le quali consacrarci.
18. La mia obbedienza: la vostra FELICITA’ – Termina con questo bellissimo tema. La nostra vera FELICITA’ è possibile grazie al FIAT della Vergine Maria nell’Annunciazione e durante la sua vita. Ricorda fatti sconosciuti, con alcuni dettagli, della vita di suo Figlio Gesù, dall’infanzia fino alla morte sulla Croce.
1. Introduzione
Cari figli, la pace sia con voi. Sono la Regina della Pace. Mi sono presentata a voi come Regina della Pace affinché prendiate coscienza della grande importanza della pace per l’umanità. Continuo a dirvi che dovete stare sempre vicino a me perché il mondo, oggi più che mai, ha bisogno del mio aiuto e della MISERICORDIA del mio Divin Figlio, Nostro Signore Gesù Cristo. Vi ripeto che dovete stare attenti, perché satana è forte e sa come ingannarvi. Continuate a pregare, senza interruzioni. Ricordate che mio Figlio opera ancora oggi, nei vostri cuori, quella riconciliazione che rende possibile l’unità della Chiesa. Coscienti del dono prezioso che Dio vi offre, lavorate, pregate e offrite i vostri sacrifici, giorno dopo giorno, per l’unità di tutti coloro che credono in Cristo. Non dite solo che credete in Dio, ma siate anche pronti a testimoniare la verità riguardo alla sua Resurrezione. Non abbiate paura degli ostacoli. Abbiate coraggio.
Mio Figlio ha vinto il mondo. Se incontrerete difficoltà in questo cammino, invocate mio Figlio Gesù. Lui non vi abbandonerà. Ricordate che tutti voi avete ricevuto una parte della pienezza che abitò in mio Figlio, e che per mezzo di lui vi è data, mentre fate il vostro pellegrinaggio terreno verso l’unione con il Padre. Dio, che è un Padre provvidente, non vi abbandonerà. Egli vi esorta a lasciare le tenebre e a seguire i suoi orientamenti, che conducono là dove la vita è nella luce e il timore è lontano.
Mio Figlio, il Servo mite, inviato come alleanza del popolo santo e luce delle nazioni, vi insegna quanto grande e benefica è la forza messa a disposizione della carità. Così, il cuore umano diventa dimora della MISERICORDIA e della verità e l’esistenza quotidiana scorre nella giustizia e nella pace. In questo modo, i conflitti e il loro peso disgregatore si dissolvono e lo spirito di ciascuno si apre alla volontà e alla sapienza di Dio, conformandosi al suo sapiente disegno sul mondo. In questi vostri tempi in cui, purtroppo, ancora si registrano molteplici squilibri dovuti alla mancanza di amore e di fiducia verso Dio e la giustizia, è più che mai importante la testimonianza di chi fonda la propria vita sull’ascolto e sulla contemplazione di Dio per servire poi i fratelli, ispirandosi al suo amore gratuito e misericordioso
2. AMATEVI GLI UNI GLI ALTRI
L’amore è molto importante per tutti voi, per questo dovete amare sempre. Sforzatevi di seguire l’esempio del Figlio di Dio, Gesù Cristo, che volle salvare il mondo mediante l’umiliazione della Croce per amore di tutti voi. Se non amate, non farete parte del PARADISO promesso. Quindi amate, amate, amate. Non custodite nei vostri cuori sentimenti di odio o desideri di violenza, ma cercate di imitare, sia nell’esempio che nelle parole, mio Figlio Gesù. Mio Figlio è il vostro grande amico e si aspetta da voi un comportamento santo, che non offenda i vostri fratelli e, soprattutto, il Cielo. Grande è il mio desiderio di vedervi crescere nel cammino dell’amore. Non tiratevi indietro. Affidatevi a me, con totale fiducia. Io sono vostra Madre e sono venuta dal Cielo per offrirvi la possibilità di tempi di pace e speranza. Quando sentirete l’amore di mio Figlio nei vostri cuori, riuscirete a imitarlo e adorarlo incessantemente. Se vi abbandonerete interamente nelle mani del Signore, sarete capaci di comprendere il suo grande appello: venite a me. Egli è l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo. È lui che sta a braccia aperte in vostra attesa, perché sa che vi ha creati a sua immagine e somiglianza.
Credete nel Santo Vangelo. Chiederò a Dio Padre che non vi faccia mai mancare la parola viva, che vi purifica ed è per voi principio di conversione. Attraverso di essa, iniziate a trasfigurarvi e anticipare la vostra convivenza con il Padre, nell’aspettativa della visione profetica dell’eternità. Se ogni mattina aprirete il Vangelo, mio Figlio vi dirà nel più intimo del cuore: io sono la Via, la Verità e la Vita. Desidero ardentemente la tua salvezza. Sono io, Gesù, il tuo Salvatore che parla: ascoltami, io sono in tutto ciò che rende la tua vita FELICE o difficile. Sono io per la fede, per la speranza, per l’amore. Sono io nel fondare una famiglia: è la vocazione della maggior parte delle persone. Sono io nel servizio ai tuoi fratelli, nella solidarietà con il tuo popolo: è la vocazione di tutti. Sono io nella consacrazione della tua vita come sacerdote, come religioso o religiosa: è la vocazione di alcuni affinché la mia presenza sia espressa nella mia Chiesa.

Così il vostro dialogo con lui crescerà giorno dopo giorno e sicuramente la vostra vita cambierà. Il Vangelo apre all’umanità prospettive di pace, proprio in ragione del Comandamento d’Amore che vi ha dato mio Figlio. È fonte di vera pace con Dio, perché è il Padre che è all’origine di tutta la pace presso gli uomini. Pregherò perché siate ricolmati dello Spirito della Pace di Cristo, affinché diventiate costruttori di pace e di solidarietà. La parola di mio Figlio vi fortifica e vi dà coraggio. Impegnatevi, voi tutti, perché il Vangelo di Gesù sia vissuto da tutti coloro che lo cercano. Alimentatevi della Parola di Dio e dell’Eucarestia. Affrontate con coraggio e speranza i momenti difficili e le prove della vita, incluse le tentazioni, e superatele, per quanto possibile, con gioia. Con grande fiducia nella mia straordinaria protezione, andate avanti senza scoraggiarvi. Rispettate i sentimenti dei vostri fratelli e mettetevi a disposizione dei più carenti. Se farete come vi dico, Gesù vivrà sempre di più in voi e diventerete sempre più suoi strumenti, come costruttori di pace, di fraternità, di vero amore, di solidarietà, perché non sarete più voi ad agire, ma sarà Gesù che vivrà sempre più dentro di voi. In questo modo, l’amore sarà sempre più compreso e in voi avrò già il TRIONFO DEL MIO CUORE IMMACOLATO.
3. MERAVIGLIOSE SONO LE TUE OPERE, SIGNORE
Quando guardate intorno a voi, sentite molte volte impellente, nello spirito, l’interrogativo sull’origine del mondo, dell’uomo, della tecnica, dell’intelligenza che la produce. Senza dubbio, cari figli, vi chiedete allora da dove nascono tutte le cose che ammirate e siete portati a pensare precisamente all’intelligenza infinita, alla bontà, alla perfezione del vostro Creatore. Vi invito, pertanto, a consolare il cuore di Dio, perché lui vi ama. Se sapeste quanto amore lui ha per voi, piangereste di gioia. Voi conoscete Dio attraverso il mondo creato ma, in nome della creazione, proclamate la sua gloria. Ascoltate la voce del Signore ed evitate ogni sorta di male. Rendetevi conto che siete importanti agli occhi di Dio. Nonostante i vostri difetti, mio Figlio vi ama infinitamente. Ricordatevi anche che Dio deve stare al suo posto, ossia al primo. La creatura, per quanto molto nobile e preziosa, non può e non deve essere preferita a lui. Egli è un Dio geloso. Solo lui dev’essere al centro di tutti i vostri interessi e ha tutto il diritto di esigerlo, proprio perché è il vostro Creatore e Salvatore.
Voi sarete grandi se servirete Dio: il tralcio non può vivere staccato dalla vite. Allo stesso modo, l’uomo non soggetto a Dio o che esclude Dio dalla propria vita, forse crede di affermare sé stesso, ma in realtà è condannato alla morte dello spirito. La certezza di questo è negli stessi risultati pratici di quelle ideologie che esaltano l’uomo, offendendo Dio e negandogli il primato assoluto su tutte le cose e sull’uomo stesso. Voi siete nel cuore di Dio. C’è in voi, senza dubbio, la sua immagine, ma purtroppo è sfigurata dal peccato. È necessario restaurarla, è necessario rifonderla, è necessario salvarla. Ecco, quindi, il dovere della vostra vita cristiana. È giunto il momento in cui dovete insistere, prima di tutto, in una purificazione del cuore. Dovete, soprattutto, accettare la purificazione dei pensieri, delle intenzioni, della volontà, dei sentimenti, degli affetti, dei desideri, delle passioni, insomma, di tutto il vostro mondo interiore, affinché il vostro atteggiamento esteriore sia veramente sincero e non frutto di quel desiderio di gloria umana contro il quale mio Figlio si dimostrò così severo.
La vostra grande tentazione è di sembrare cristiani invece di esserlo veramente, scendendo a compromessi con le ideologie e le mode di questo mondo, perché, molte volte, volete piacere più agli uomini che a Dio. Cercate i mezzi per rendere credibile e attraente la vostra valida testimonianza, ma sempre con l’intenzione che gli uomini non concentrino l’attenzione su di voi ma che, attraverso di voi, scoprano Dio e arrivino a lui. Per questo, dovete sforzarvi di essere strumenti docili nelle mani del Signore.
4. EUCARESTIA: MIO FIGLIO È PRESENTE
Mio Figlio è il Sacerdote eterno che è presente, come in Cielo, nel Santissimo Sacramento. È proprio nella presenza dell’Eucarestia che comprenderete e apprezzerete meglio il significato della mia presenza in mezzo a voi. Con l’Eucarestia, sentirete la forza per portare a compimento la vostra grande missione: troverete il coraggio per partecipare alla vita della Chiesa. In questo modo, contribuirete alla costruzione della pace e dell’amore. Non c’è vera missione, infatti, se non si vive in profondità il mistero Eucaristico come comunione con mio Figlio: vivo, vero, sacramentalmente presente, Agnello immolato per la salvezza di tutti voi. Attraverso l’Eucarestia avete la possibilità di valorizzare la vostra vita. Ma non potete partecipare all’Eucarestia se non avete la vera fede in Dio, Uno e Trino.


Se vivete in comunione con Cristo, in un atteggiamento di umiltà e di timore, sarete pronti a sperimentare il profondo potere spirituale dell’Eucarestia. Se accettate il dono di Cristo con gratitudine per tutto ciò che lui ha fatto per voi, diverrete pronti a sperimentare il profondo potere spirituale dell’Eucarestia. Se accettate il dono di Cristo con gratitudine per tutto ciò che lui ha fatto per voi diverrete pronti, per mezzo dello Spirito Santo, a compiere la vocazione che Dio vi ha dato come membri della Chiesa. Infine, se riconoscete in Gesù e nel dono del suo sacrificio Eucaristico la sorgente di quella verità che è l’unica che vi può rendere liberi, i vostri cuori saranno purificati per prestare il vero culto a Dio e lavorare per il suo Regno di giustizia e di pace. Esprimete la vostra gratitudine a Dio per i doni ricevuti, nella partecipazione all’Eucarestia. L’Eucarestia è il sacramento della pace di Cristo, perché è il memoriale del sacrificio salvifico redentore della Croce. È il sacramento della vittoria sulle divisioni che scaturiscono dal peccato personale e dall’egoismo collettivo.
5. ANDATE PER IL MONDO E ANNUNCIATE IL VANGELO
Miei cari figli, se volete seguire l’esempio di mio Figlio Gesù, voi sacerdoti e vescovi, dovete vivere e agire in modo da poter essere disponibili al gregge, dal più importante al più piccolo. Dovete voler stare in mezzo a loro, che siano ricchi o poveri, colti o bisognosi di educazione. Con prontezza, dovete condividere le loro gioie e tristezze, non solo nei vostri pensieri e nelle vostre preghiere, ma anche stando concretamente in mezzo a loro in modo che, mediante la vostra presenza e il vostro ministero, essi possano sperimentare l’amore di Dio. Sarete capaci di annunciare in maniera efficace solo se ascolterete la Parola di Dio e la vivrete nella vostra vita quotidiana. Il messaggio di mio Figlio, il Vangelo, deve continuare a essere il punto centrale della vostra spiritualità, l’oggetto della vostra preghiera e meditazione quotidiana, in modo che possa essere la fonte della vostra gioia e fecondità. Siate confortati dalla verità che non lavorate da soli, perché avete l’appoggio e la benedizione di mio Figlio Gesù, Principe della Pace. Proclamate Gesù e le sue beatitudini a tutti coloro che liberamente scelgono di ascoltare le vostre parole. Proclamate il Vangelo e la crescita del Regno di Dio a tutti i miei cari e innocenti figli: ecco il programma assunto dalla Chiesa, come qualcosa di ricevuto dal suo fondatore, Gesù, a partire dalla mattina di Pentecoste. Non esitate a sacrificare tutto per rimanere fedeli a Cristo, vostro diletto Salvatore e Amico. Lottate contro l’indifferentismo religioso, pericolosissima tentazione dei tempi moderni.
Dio è amore: questo pensiero di fede vi dia sempre serenità, pace interiore e sicurezza, e faccia in modo che la vostra vita sia meritevole davanti a Dio. In Cristo, Via, Verità e Vita, tutte le promesse e le speranze trovano risposta. In lui troverete i doni preziosi della santità e della perfezione, perché lui è il segno di un’amicizia, di un amore senza fine, di un affetto indescrivibile del Padre per ciascuno di voi. Mettete tutto il vostro impegno nel condurre il popolo di Dio sul cammino della salvezza. Non restate in silenzio davanti alle campagne ingannatrici che pretendono di difendere gli aspetti parziali della vita ma che, di fatto, attentano alla santità del matrimonio e dell’intimità coniugale. Fortificate, con l’aiuto dello Spirito Santo, il carattere dell’amore coniugale di fronte a modelli di matrimonio e di famiglia così lontani dall’ideale evangelico.
Non potete trascurare di far notare gli effetti deleteri che stanno producendo, tra la vostra gente semplice, le aggressive campagne proselitiste realizzate nel vostro Brasile da sette fondamentaliste e nuovi gruppi, soprattutto negli ultimi anni. So che avete il desiderio di vedere la pace e la FELICITA’ regnare nei cuori dei vostri fratelli. Dovete, pertanto, continuare a proclamare la Parola di Dio e l’azione salvifica di Cristo mediante i sacramenti, l’accettazione e la risposta al dono della salvezza. Conosco le vostre preoccupazioni e premure verso i più deboli e abbandonati. Realizzate i vostri compiti sacerdotali con amore e dedizione sincera, affinché tutti sentano la vicinanza della Chiesa che li accoglie, li appoggia e li aiuta come una madre. Prestate un’attenzione speciale ai più poveri e abbandonati. Siate uomini di incontestabile integrità e onestà, e date esempio di una sana vita morale, perché spesso siete visti dagli altri come modelli da imitare. Siate umili, perché così dovete abbracciare uno stile di vita semplice, a imitazione di Cristo che si rese povero per voi. Se non sarete poveri di spirito, vi sarà difficile comprendere i problemi dei deboli e dei dimenticati. Mettetevi a disposizione dei poveri e dei bisognosi, affinché possano avvicinarsi a voi e aprirsi senza imbarazzo
Fate di Cristo la forza centrale della vostra vita e portate avanti il compito che egli vi ha affidato nella costruzione del suo Regno. Seguendo l’esempio di mio Figlio Gesù, dovete avere prudenza, maturità e umiltà per lavorare in armonia e sotto l’autorità legittima per il bene del Corpo di Cristo, e non in modo arbitrario e indipendente. Siate uomini di preghiera davanti al Santissimo Sacramento e chiedete a mio Figlio lo spirito di vera adorazione, così da potervi ricolmare dell’amore di Cristo. In questo modo, potete imitare mio Figlio e rendere fruttuoso il vostro ministero. Fate tutto alla luce del Vangelo, allo scopo di preparare l’avvento del Regno di Dio, quel Regno di Dio che, sulla terra, è già in germe nella Chiesa e attende di completarsi nel Cielo.

Siate fedeli alla vostra Santa Chiesa, perché essa sia luce del mondo e sale della terra, fermento di liberazione e promozione dell’uomo sul piano non sono naturale, ma anche soprannaturale, annuncio di una prospettiva di salvezza e dignità che oltrepassa i confini della natura umana e raggiunge la condizione dei figli di Dio. Questo è il momento opportuno perché tutti voi riflettiate sul grande e impegnativo dovere di lavorare per la diffusione del Regno di Dio, in obbedienza al comandamento di mio Figlio Gesù. Voi, che già avete il meraviglioso dono della fede e avete la gioia di partecipare ai misteri salvifici, non potete trascurare di rispondere alle grazie ricevute, principalmente con un impegno rinnovato, oggi e sempre, per far sì che questa fede cresca dentro di voi, si consolidi nella fedeltà e si traduca in collaborazione effettiva alla diffusione del Regno di Dio, Regno di pace, amore e speranza.

La vita della Chiesa in ognuno dei suoi ministri è vita in Cristo, mediante lo Spirito Santo; una vita di grazia e santità, nutrita dalla Parola di Dio e dalla partecipazione ai sacramenti, nella lotta costante contro la tentazione e il peccato. Il vostro grande obiettivo, come pastori del popolo di Dio, è di fortificare la comunione dei fedeli con la Santissima Trinità. Vi chiedo di essere veri amici del vostro popolo, offrendo sempre l’esempio del Buon Pastore. Come sacerdoti e ministri di Dio, vegliate sul vostro gregge. È grande il numero di coloro che, tra voi, non sono fedeli alla volontà del Signore. Questo è il momento del grande ritorno al Dio della Salvezza e della MISERICORDIA. È giunto il momento in cui dovete ascoltare il successore di Pietro e vicario di mio Figlio, Papa Giovanni Paolo II. Ricordate che la vostra responsabilità è grande. Ricordatevi delle povere anime che hanno bisogno di essere salvate tramite voi. È giunto il momento in cui dovete indossare il vostro abito ecclesiastico e sedervi nel confessionale, affinché le anime assetate di Dio trovino la sua MISERICORDIA tramite voi. Esse sentono la necessità del sacramento del perdono: per questo, dovete mettervi a loro disposizione. Ricordate che Dio desidera il vostro aiuto e la vostra disponibilità. Se seguirete il cammino che vi sto indicando, camminerete in direzione del PARADISO.

Voi avete, senza dubbio, una grande e speciale responsabilità nella preparazione al matrimonio e nell’appoggio alla famiglia cristiana come realtà soprannaturale. Ma una competenza specifica e insostituibile spetta anche ai coniugi, che vivono in prima persona la realtà dell’amore e della personalità familiare. La grande evangelizzazione, in Brasile, non può fare a meno del contributo delle famiglie cristiane. Offrite il vostro culto all’Unico Dio vero e osservate i suoi comandamenti. Siete chiamati, uno ad uno, a dare testimonianza di Cristo con il vostro perdono, la vostra dedita partecipazione e servizio, la vostra preghiera. In un certo senso, il mondo sta diventando acroamatico*. È giunto il momento in cui dovete essere soprattutto maestri, perché grande è il desiderio di molti di conoscere i valori trascendentali. Come sacerdoti, siete anche educatori del popolo di Dio, perché esso ha bisogno di una parola di conforto che lo animi nelle sue legittime aspirazioni. Il vostro impegno è, soprattutto, quello di potenziare e sviluppare con gioia il compito che vi è stato affidato. Vi invito ad essere riconoscenti verso Dio, che vi ha dato la possibilità di essere discepoli di mio Figlio Gesù. Ringraziatelo, soprattutto, perché egli è con voi. È sempre lui che dispone i cuori: quelli di coloro che pregano e quelli di coloro che accolgono la Buona Novella.

Continuate ad amare il Papa, a pregare per lui, a seguire le sue esortazioni. Egli ha bisogno della vostra fede, che dimostrate nel servire con fedeltà la Santa CHIESA CATTOLICA. Sforzatevi, vi ripeto, di portare la Buona Novella a tutti i popoli, in modo che non solo osservino la legge di Dio, ma anche diffondano la propria natura come esseri umani, creati a immagine e somiglianza di Dio e dotati di una dignità innata e inalienabile, che deve essere rispettata in tutte le circostanze. Questo è il momento propizio per dedicarvi ai grandi compiti di trasmettere la fede, piena e integrale, a ogni generazione, di difendere la vita familiare da tutto ciò che la indebolisce e di rispondere alle necessità di tutti i vostri concittadini, specialmente dei poveri, degli ammalati e di coloro che soffrono, di coloro a cui manca l’istruzione, emarginati nel processo di crescita e sviluppo.

Insieme ai vostri vescovi, dovete condurre la Chiesa in Brasile alla pienezza della Verità, alla pienezza di Cristo. Siete stati investiti, mediante lo Spirito Santo che fu dato alla Chiesa da mio Figlio, per essere capaci di insegnare nella verità i sentieri di Dio. Ecco la vostra vocazione e il vostro ministero. Cristo, che vive nella Sua Chiesa, Una, Santa, Cattolica e Apostolica, riunita in ogni parte del mondo, attende da voi questo servizio.
*che ha bisogno di spiegazioni per essere compreso
6. DOV’È LA VERITÀ?
La verità è mantenuta integra solo nella CHIESA CATTOLICA. Fondata sulle colonne degli apostoli, la CHIESA CATTOLICA si è diffusa fino alle estremità della Terra. E la fede cristiana, apostolica e cattolica, è arrivata al vostro amato Brasile. È iniziata così la costruzione di Dio, ad opera degli inviati, dei continuatori degli apostoli. La Chiesa è sacramento di salvezza per tutti voi, perché mio Figlio Gesù Cristo l’ha consegnata a Pietro dicendo: “Ciò che legherai sulla Terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”. Pertanto, al di fuori della Chiesa la salvezza diventa difficile. Resistete alla tentazione di abbandonare la vostra Chiesa. Non date ascolto ai falsi profeti. Vi ripeto che la verità è mantenuta integra solo nella CHIESA CATTOLICA.
La crescita delle sette è grande nella vostra nazione, ed è giunto il momento in cui la vostra Madre Celeste dice: basta. Non offendete più mio Figlio. Attualmente, le cause che favoriscono la diffusione delle sette nella vostra nazione sono: l’insufficiente istruzione religiosa, l’abbandono in cui si trovano alcune comunità, soprattutto nelle zone rurali e suburbane, l’assenza di un’attenzione personalizzata ai fedeli, la necessità che questi sentono di un’esperienza di Dio autentica e di una liturgia più vissuta e partecipata. So che molti di voi sono impegnati in questo senso, ma anche che un grande numero non si preoccupa neanche un po’ di portare a termine il compito che gli è stato affidato. Approfondite le ricchezze inesauribili della Parola di Dio, che illumina e salva. Preparate con umiltà i vostri cuori ad accogliere le verità divine, con spirito libero da qualsiasi preconcetto umano. In altre parole, cari figli, sappiate allontanarvi un poco dalla terra e vivete rivolti alle cose del Cielo, allo scopo di raggiungere una fervente intimità con Cristo, che è il rivelatore delle verità eterne e per portare, a vostra volta, la luce della fede agli altri. Sappiate che la vera sapienza è quella che viene da Dio.

7. NON LASCIATEVI INGANNARE DALLA FALSA SCIENZA
La Chiesa, a partire da una posizione di povertà e libertà in relazione ai poteri di questo mondo, deve annunciare con coraggio la legge dell’amore fraterno, la necessità della comunione e della solidarietà tra gli uomini, le inevitabili esigenze della giustizia, la speranza luminosa della vita eterna. Perché Dio, che è al centro della vita e della storia, continua a chiamare uomini e donne, bambini e anziani, dotti e illetterati, poveri e ricchi, per offrire loro a piene mani le insondabili ricchezze del suo amore. Non dovete, quindi, risparmiare sforzi nel rispondere a questa responsabilità prioritaria e di tanta trascendenza per il presente e il futuro della Chiesa nel vostro Brasile. In questo senso, dovete sentirvi impegnati, offrendo tutto il vostro generoso contributo per la formazione migliore di tutti coloro che hanno bisogno di incontrare mio Figlio Gesù perché, nonostante la poca istruzione, essi sanno che mio Figlio è la Via, la Verità e la Vita.

Trasmettete sempre la genuina fraternità sacerdotale, affinché i vostri fedeli si sentano sempre appoggiati nelle loro attitudini ministeriali e incontrino sempre stimolo per rispettare i propri impegni con Dio e la Santa Chiesa. Non scoraggiatevi mai. Abbiate fiducia. Abbiate coraggio. Senza dubbio sono molte le sfide che dovete affrontare per far sì che il messaggio salvifico di Gesù Cristo risuoni con più ardore e si renda presente in tutte le case brasiliane. Con viva speranza nell’amore misericordioso di mio Figlio, abbiate fiducia che tutto questo sorga sotto l’azione dello Spirito Santo: un crescente rinnovo della Chiesa, nelle sue strutture, carismi e ministeri, che la renda più viva, presente e operante come sacramento di salvezza tra gli uomini. Questo è il mio desiderio e il desiderio di mio Figlio.

8. VI CHIEDO FIDUCIA
Non spaventatevi davanti alle difficoltà. In un certo senso, è normale che queste esistano perché, affrontate e risolte con l’aiuto di Dio, danno occasione di promuovere e fortificare la vostra virtù. Cari sacerdoti: con prudenza e sapienza, incoraggiate gli sforzi, correggete gli abusi, sostenete i deboli, orientate tutte le energie verso una maggiore capacità di dare e ricevere. Tutti voi, mediante la preghiera e la riflessione, potete offrire la luce del Vangelo e l’irradiazione del suo ideale etico e spirituale. La vostra vita dev’essere fondata sulla fede e sull’amore di Dio e ispirata, certamente, alla fedeltà e alla generosità, in modo che sia fonte di soddisfazione per voi stessi e per le persone, alle quali prestate servizio per amore del Signore. Mio Figlio vi ha dato una chiara dimostrazione della sua volontà e vi ha lasciato l’esempio commovente dell’amore che vi è necessario nell’esercizio della vostra nobile e grande missione. Egli, che fece udire i sordi e parlare i muti, sarà sempre vicino a voi con il suo amore onnipotente, affinché la vostra opera produca frutti abbondanti per il Regno dei Cieli. Il Dio dell’Alleanza è il Dio che libera e salva. È Dio che dimostra agli uomini la sua provvidenza e la sua paterna sollecitudine. Desidero che la mia presenza sia, per tutti voi, un’occasione provvidenziale per rinnovare lo sforzo di conversione a Cristo, che si basa sulla riflessione e sulla preghiera, ma anche sulla vita sacramentale. In questi tempi, date spazio al sacramento della Penitenza o Riconciliazione, che restituisce alle anime la piena intimità con Dio. Aprite i vostri cuori a colui che vede nel segreto e che è vostro Padre e Salvatore. Lasciate che mio Figlio regni nell’intimità del vostro cuore. Non risparmiategli fiducia e generosità. Egli sarà con voi. Nobile è la missione che vi attende e grande sarà la ricompensa se gli sarete fedeli.

9. È NECESSARIO CREDERE
Sappiate che il sostegno di chi cammina è la fede. Non dimenticate che la vita cristiana è un pellegrinaggio e che la fede è il vostro viatico, il vostro rifornimento. Cercate in Cristo coraggio ed entusiasmo per dare testimonianza della speranza che abita nei vostri cuori. Vivete l’unione con Cristo con fede ardente nella preghiera, per poter sempre incontrare in lui la forza necessaria per perseverare e diventare come lui. Perseverate nella vostra preghiera al Signore e la vostra speranza non si spenga mai. Con la fede nell’unico Dio che è il Creatore del Cielo e della Terra, di tutto ciò che è visibile e invisibile, voi, seguaci di mio Figlio, siete ispirati a lavorare nella promozione della pace e dell’armonia tra tutti i popoli della terra. Fate consolidare la fede del vostro Battesimo, ascoltate la Parola di Dio, non solo come un insegnamento ma come la parola personale del Signore, che vi ama e si rivolge a ciascuno di voi.

Nella riflessione e nella preghiera, assimilate il suo messaggio di verità e salvezza. Nello scambio tra voi e i più anziani, vedete qual è la strada da prendere. La Parola di mio Figlio è, in verità, la linfa che passa dal tronco al ramo, che siete tutti voi. Da Dio siete venuti e verso di lui camminate. Voi tutti siete nelle mani del Signore. E torno a dirvi: siete amati uno per uno dal Padre, nel Figlio, per mezzo dello Spirito Santo. Nonostante la vostra infedeltà, il Signore non vi abbandona. Glorificate il suo nome, perché egli si interessa di voi e vuole salvarvi. Illuminati dalla fede e dal Vangelo di mio Figlio, siate fedeli all’azione dello Spirito Santo, così saprete rispondere alle divergenze che vi attendono. Mio Figlio vi ha insegnato come dovete procedere per partecipare della sua vita. Egli si è consegnato per voi, per liberarvi dal peccato e dalla morte e, con la sua Resurrezione, vi ha aperto le porte che conducono al PARADISO. Pertanto, restate saldi nella fede. Vivetela con semplicità e sincerità.

La fede vi porta a conoscere la verità definitiva delle cose, delle persone e di Dio. La fede non vi allontana dal mondo, dagli amici che avete e dalle cose che vi piace fare. Nell’abbracciare la fede e nel lasciarvi amare da Cristo, non fuggite da voi stessi né dagli altri, ma incontrerete il vero significato della vita nella fede. Non abbiate paura della verità. Essa è la grande forza capace di condurvi alla salvezza. Seguite fedelmente Cristo e la sua Chiesa. Il mondo è assetato di Dio e dei valori spirituali. Per arrivare a questo, è necessario che ciascuno di voi si lasci illuminare dalla Parola di Dio, attraverso una liturgia costante e meditata. Sappiate ascoltare gli insegnamenti dei vostri vescovi e sacerdoti, veri maestri, in virtù della missione ricevuta.

Siate vigilanti, generosi e perspicaci nel discernere le funzioni e le responsabilità che vi sono state affidate. Tutti voi siete chiamati a contribuire al piano della salvezza. Siate uomini di fede; per questo, certamente è necessario vivere in conformità alla fede il Battesimo e gli impegni assunti in esso. Alzate la vostra bandiera a favore del Papa e dei vescovi a lui uniti. L’egoismo e il lusso, l’irresponsabilità davanti ai problemi e alla sofferenza dei più bisognosi continuano a tentarvi, e lo stesso cristiano molte volte si addormenta in questo stile di vita. Se volete imitare il Signore, che è Santo, cercate di amare il vostro prossimo, perché Dio vi ama ed è buono con voi. È necessario amare i suoi comandamenti e sperare nelle sue promesse. Se non stimerete con amore la legge di Dio, difficilmente la osserverete. Se desiderate arrivare a una grazia concreta, il vostro cuore deve restare tranquillo. Da lì si cammina verso la vera FELICITA’. Dite a tutti che Dio è verità, che Dio esiste. Come messaggeri della FELICITA’, dite a tutti i vostri fratelli che egli è Padre e vuole salvare tutti. Per questo vi ha dato suo Figlio, vostro Salvatore. Date testimonianza della verità che mio Figlio vi ha comunicato. Non perdete tempo. Ascoltate oggi, adesso, ciò che Dio ha da dirvi. Pregate per il Santo Padre, affinché continui a portare il suo messaggio di fede e speranza a tutti quelli che hanno bisogno dell’amore di Dio. Pregate per lui, soprattutto, perché è tradito, abbandonato e ignorato dai suoi collaboratori più stretti.

Sono venuta dal Cielo con il cuore pieno di gioia per consolarvi e darvi coraggio. Avanti con me nell’obbedienza, nella preghiera, nella disponibilità e nella fiducia. Mio Figlio vi ha rivelato il mistero della vita divina. Vi ha parlato del Padre che vi ama e vuole vedervi FELICI e santi. Egli stesso si è presentato a voi come il Figlio, l’inviato dal Padre. Ha annunciato la venuta dello Spirito Santo, che sarebbe venuto per continuare la sua opera in mezzo a voi. Le sue ultime parole agli apostoli, prima dell’ascensione, non potevano essere più chiare nell’esplicitazione delle persone divine: “Battezzate nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”. Per questo, le vostre azioni devono essere realizzate mediante l’invocazione della Santissima Trinità. Siete FELICI perché il Padre vi ama e vi ha amato tanto che ha inviato suo Figlio per salvarvi.

Sappiate che siete riconciliati con il Padre per opera di Cristo. Anche quando vi trovate in mezzo alle difficoltà, non scoraggiatevi, perché brilla in voi la speranza che arriverete a Dio. E questa meravigliosa speranza è alimentata dalla presenza dello Spirito Santo in voi, il dono divino promesso da Gesù Resuscitato. Pregate Dio Padre, implorando per voi lo Spirito Santo, Spirito di verità che vi trasmette l’amore del Padre e vi conduce, aiutandovi a essere fedeli alla chiamata di Dio. Siate docili. La docilità allo Spirito Santo, che vi accompagna e vi trasmette l’insegnamento di mio Figlio Gesù, vi porta a valorizzare costantemente la vostra vita in frutti di santità.

10. LA VOSTRA TESTIMONIANZA SINCERA
Non abbiate paura di parlare dei miei messaggi. Non lasciate sotterrate le verità che vi sto comunicando, ma proclamatele a tutti coloro che hanno bisogno della MISERICORDIA di Dio. Lasciatevi condurre dalle mani del Signore. Convertitevi, se volete essere FELICI. Pregate. Date testimonianza della vostra fede per mezzo della preghiera e della conversione. Non sono venuta per obbligarvi ma per condurvi, con amore di Madre, al PARADISO. Torno a chiedervi la CONFESSIONE SETTIMANALE. Confessatevi settimanalmente e non nascondete nessuno dei vostri peccati. Se farete una buona confessione e se il sacerdote, in nome di mio Figlio, vi perdonerà, la vostra anima sarà salva. Non accumulate peccati per potervi confessare. Fatelo ogni volta che avete necessità del perdono e della MISERICORDIA di Dio. C’è il pericolo della condanna eterna per coloro che non si preoccupano della confessione. Pregate, perché solo per mezzo della preghiera sarete capaci di comprendere il significato dei messaggi che vi trasmetto. Non iniziate nessuno dei vostri lavori senza preghiera.

Mio Figlio vi conosce per nome e sa cosa avete nel vostro cuore. Lasciatevi guidare da colui che ha parole di vita eterna. Mio Figlio aspetta che facciate qualcosa di importante per lui. Non lasciate sotterrati i talenti che vi ha offerto. Siate, in Cristo, i distributori delle sue grazie e benedizioni. Così, starete mostrando la presenza e la bontà di mio Figlio a tutti i vostri fratelli.

Tutti voi dovete diventare consapevoli che è necessario seminare l’amore. Abbiate la certezza che tutti voi siete nel mio Cuore. E voi, più che mai, abbiate coraggio, fede, speranza e fiducia. Custodite le mie parole nei vostri cuori e trasformatevi in vita. Per mezzo di questi messaggi desidero condurvi a mio Figlio, perché egli è la Via, la Verità e la Vita. Abbiate la certezza che sono sempre con voi per rendervi simili in tutto a mio Figlio. Quando vi sentite stanchi e scoraggiati, venite a me e io vi darà la gioia che solo il cielo può offrire. Quando scoprirete il vero significato della mia presenza, avrete sempre con voi le benedizioni di Dio Padre e Creatore. Il cammino che dovete seguire è quello della conversione e della penitenza, dell’umiltà e dell’amore. Siate veri fratelli dei vostri vescovi e sacerdoti. Cercate, con comprensione e compassione, di condividere le loro responsabilità e di rafforzarli nella loro identità, come ministri della Parola e dei sacramenti.

Abbiate profonda e duratura speranza che il domani sarà più ricco della presenza di Dio. Rifiutate la violenza, rifiutate il disprezzo, respingete la falsità e la disonestà. Correte un rischio, se necessario, ma restate fedeli all’amore privilegiato per i poveri e i piccoli. Rispettate la dignità di ogni uomo, anche nel caso in cui vi abbia deluso. Sappiate perdonare e riconciliare, perché voi siete i testimoni di Cristo, che ha dato la propria vita per la moltitudine, nell’amore infinito che è nel Cuore della Vita di Dio e che egli vi concede di condividere con lui. Vi ripeto: Dio chiama ciascuno di voi a sviluppare i talenti che egli vi ha offerto. Non state con le mani in mano. Avanti. Sappiate, voi tutti, che la risposta alla chiamata di Dio è libera. Questo si vede chiaramente nel Vangelo: un giovane si allontana per non rinunciare alle ricchezze, mentre mio Figlio lo amava.

11. CREATI A SUA IMMAGINE E SOMIGLIANZA
Avete ricevuto la vita dal vostro Creatore mediante i vostri genitori, così come la forza del vostro spirito e la capacità del vostro amore. È giunto il momento in cui dovete formare la vostra personalità. Siate perseveranti. Siate sinceri. Siate leali, degni della fiducia dei vostri fratelli, dei vostri compagni, dei più giovani che vi seguono. Voi sapete bene che se vorrete ricevere tutto senza dare il meglio di voi, non sarete FELICI. Il vostro apprendimento non vi darà soddisfazione senza la vostra applicazione costante. Rispettate il vostro corpo. Non correte il rischio, per incoscienza, della malattia e dell’incidente. Non lasciatevi prendere dalla soddisfazione, senza frutti, dell’alcol e della droga, che vi riducono in schiavitù. Nell’interno di voi stessi, ascoltate la vostra coscienza che vi chiama a essere puri. Riguardo al matrimonio, torno a dirvi: è una cosa seria il sacramento del matrimonio, è un fondamento per un edificio solido. Un focolare non può essere alimentato con il fuoco del piacere, che arde in fretta come un pugno di erba secca. Gli incontri passeggeri non sono altro che caricature dell’amore, feriscono i cuori e offendono il piano di Dio.

Se ponete la vostra fiducia in Cristo, potete condurre la vostra vita con generosità nella purezza del Vangelo. È vero per la morale familiare, è vero per la morale dell’onestà in presenza dei buoni, è vero in tutti i campi della solidarietà, in cui ciascuno è responsabile, da parte sua, di ciò che fa vivere i vostri fratelli e le vostre sorelle. La vostra responsabilità non sarà matura se non distruggete l’individualismo che vi fa fuggire dagli altri. Il dialogo è fonte di sapienza. La condivisione è fonte di ricchezza. È nell’ambiente di lavoro, nella comunità studentesca o del tempo libero, nella comunità di quartiere, che ciascuno acquisisce la sua vera dimensione di uomo. Cercate di riunirvi in gruppi. Aprite insieme il Vangelo, cercate ciò che Cristo e la Santa CHIESA CATTOLICA vi dicono, allo scopo di agire con i vostri compagni, di reagire positivamente davanti al “lascia correre” o all’individualismo che blocca la società. Avanti, sempre con coraggio e fiducia. Preparatevi insieme, condividete l’amore con tutta la vostra anima. Portate un viso giovane a tutto ciò che farete, in ogni luogo in cui andrete. Ricordatevi che il vostro principale obiettivo dev’essere la gloria di Dio e la salvezza delle anime.

Per rendere credibile la vostra testimonianza, la vostra vita deve irradiare gioia e coraggio, anche davanti alle avversità. Ma questo sarà possibile solo se la vostra vita interiore sarà concretizzata da un’intima comunione con Cristo, nutrita dalla preghiera personale e dalla pratica della carità. Nella misura in cui crescerete seguendo il modello di mio Figlio, diventerete un segno di speranza e una proclamazione viva della Resurrezione. Non perdete la speranza. Non scoraggiatevi davanti alle difficoltà. È in esse che dovete dare testimonianza del vostro orientamento fondamentale e della vostra relazione con mio Figlio Gesù. In questo modo arriverete alla patria, alla casa di Dio. Superate voi stessi. Ecco il vostro cammino spirituale, il cammino che sfida e invita ciascuno di voi, soprattutto voi giovani, perché per voi mio Figlio è in modo speciale la Via, la Verità e la Vita. Mio Figlio vi ha superati per insegnare il modo di superare voi stessi, di trovare la vita con Lui, di realizzare in lui la vostra vita, il vostro cammino, per insegnarvi il modo di scoprire in lui la pienezza della verità.

12. LA GIOIA DELLA VOSTRA PRESENZA
Oggi siete qui riuniti a pregare affinché il dono incommensurabile della fede sia vissuto più coscientemente e condiviso più generosamente da parte di ciascuno di voi, affinché ciascun brasiliano si senta impegnato personalmente nell’evangelizzazione pregando, dando il buon esempio e aiutando. Accolgo, in questo giorno, tutti voi nel mio Cuore Immacolato. Il mio Cuore è il luogo sicuro al quale desidero condurvi, per potervi allontanare dalle insidie del mio avversario. Il mio Cuore è il rimedio per il vostro dolore e il luogo in cui sarete protetti nel momento della grande tempesta. Siate attenti e vigilanti, perché satana desidera usare contro di voi tutti i mezzi per allontanarvi dal cammino della salvezza. Pregate. Udite ciò che vi dice ora la vostra Madre Celeste. Sono venuta dal cielo per condurvi sul cammino della salvezza. Ascoltatemi. Non sono venuta per obbligarvi, ma per dirvi: leggete e credete nel Vangelo. Udite ciò che vi dicono i vostri superiori ecclesiastici. Non condannate nessuno, ma pregate per coloro che sono lontani da Dio. Ricordatevi che solo Dio è il Giudice Supremo.

Come figli di Dio, creati a sua immagine e somiglianza, non potete stare con le mani in mano ma dovete, con coraggio, dare opportunità perché gli altri possano incontrarlo. Conosco i vostri difetti, ma so anche che nel vostro cuore c’è una grande riserva di bontà. Voi non siete condannati, ma invitati a testimoniare che siete di Cristo e che, secondo il suo esempio, dovete fare sempre il bene. La vostra vita è ricca di grazie e benedizioni. Come Madre, desidero assicurarvi che siete vicini al Cuore di Dio. Mio Figlio è la verità che illumina, libera e dà senso alla vita; è la risposta completa agli interrogativi profondi dell’uomo. La Verità che è Cristo, la Verità che ha Cristo, deve diventare luce per gli altri, per il mondo. Intercederò affinché Dio Onnipotente continui a darvi i doni della sapienza e della comprensione in modo che, nella vostra nobile missione, possiate offrire una direzione ispiratrice e prestare un servizio sempre più generoso, seguendo le maggiori aspirazioni del vostro popolo e a favore dell’autentico bene dell’uomo, della donna e dei bambini in ogni parte del Brasile.

Impegnatevi affinché un numero sempre maggiore di bambini e giovani, che vivono in una situazione di emarginazione, possano conoscere e incontrare Cristo come Salvatore. Riconoscete sempre la grande missione dei vostri vescovi e sacerdoti. Pregate per loro. Camminate con loro. Vivete una piena comunione che, unendovi sempre più a Cristo, Via, Verità e Vita, faccia della vostra vita testimonianza viva della vostra fede. Voi che state ad ascoltarmi, alla luce della fede cristiana, incoraggiate coloro che hanno fame e sete di Dio alla conoscenza dell’universo da lui creato. Accendete in essi l’amore alla Verità che esclude la superficialità nell’apprendere e nel giudicare. Ravvivate il senso cristiano che rifiuta l’accettazione ingenua di molte informazioni. Guidateli all’ordine, al metodo, alla prescrizione e al senso di responsabilità. Sosteneteli nel sacrificio e nella perseveranza richiesti per il difficile lavoro quotidiano.

13. MADRE E REGINA DELLA VOSTRA NAZIONE
Qui nella vostra nazione, dove il mio avversario è riuscito a condurre all’errore un grande numero di poveri figli, con il vostro aiuto desidero realizzare grandi prodigi nel silenzio e nel nascondimento. Il mio Cuore si spezza nel constatare che un grande numero dei più sfavoriti sono trattati come animali senza valore. Vi ricordo che anche loro, come voi, hanno valore agli occhi di Dio e che per me sono tesori preziosi. Soffro per coloro che patiscono la miseria e la fame. Soffro per coloro che sono spesso vittime dell’odio e della violenza. Sono venuta per confortarvi e aiutarvi. Non sono venuta per condannarvi, ma per mostrarvi la volontà del Signore. Vedete come soffrono i poveri. Sono molti gli sfollati e i rifugiati, quelli che soffrono per la mancanza di amore e speranza, quelli che hanno ceduto al male e si chiudono a tutta la luce spirituale, quelli che hanno il cuore pieno di amarezza, vittime come sono dell’ingiustizia e del predominio dei più forti.

L’egoismo prende il posto del coraggio morale e della solidarietà. Il proprio valore è quindi misurato in termini di avere e non di essere. Di conseguenza, si crea un’atmosfera di grandi e piccole ingiustizie e innumerevoli forme di violenza. Quello che è accettato come vera libertà, in realtà è solo una forma di schiavitù. La violenza che si perpetra in Brasile non offre alcuna soluzione per i veri problemi del vostro popolo. Non è questo il metodo scelto dal popolo di Dio. Non offre alcuna verità che possa attirare e convincere gli spiriti e i cuori del popolo sofferente. La sua unica espressione è la paura e la distruzione che produce. Il mondo, per gran parte contraddistinto dall’avidità dello sfruttamento e dal disprezzo dei più deboli, deve cambiare il suo comportamento e accogliere con spirito fraterno tutti coloro che soffrono, tanto nel corpo come nell’anima.

Oggi, gran parte dell’umanità è guidata dalla forza di coloro che si oppongono a Dio e così, giorno dopo giorno, un grande numero di anime precipitano all’inferno. Vi invito, pertanto, al grande ritorno a colui che è il vostro Padre misericordioso e vi attende a braccia aperte. Non lasciatevi ingannare dalle insidie del mio avversario. Ascoltate ciò che vi dice la vostra Madre Celeste, la DONNA VESTITA DI SOLE. Desidero abbracciare ogni brasiliano e condurlo su sentieri sicuri. Vi amo tutti, anche coloro che si allontanano da Dio e da me. Imploro mio Figlio per ciascuno di voi, per coloro che sono vittime dell’odio e della violenza. Soffro a causa di coloro che disprezzano i messaggi di pace e salvezza che mio Figlio vi propone. Non sono venuta dal cielo per salvarvi, ma per offrirvi la possibilità della salvezza. Gli appelli di conversione di mio Figlio non vengono accettati e, per questo, c’è il pericolo della perdizione eterna per molte anime.

Vi esorto anche, voi che mi ascoltate, a pregare il vostro Angelo Custode, perché anche lui ha il grande compito di proteggervi dalle insidie del mio avversario. Non scoraggiatevi perché avete, soprattutto, la protezione di Dio, vostro Padre. Satana è riuscito a diffondere i suoi errori ovunque. Addirittura all’interno della Chiesa è riuscito a ingannare molti, facendo loro abbracciare insegnamenti erronei come quelli della
teologia della liberazione e negare ciò che predica il successore di Pietro e vicario di mio Figlio, Papa Giovanni Paolo II. Se l’umanità non tornerà a Dio sul cammino della conversione, non tarderà a cadere su di voi un grande castigo. È giunto il momento in cui dovete accogliere tutto ciò che vi ho trasmesso. Se accoglierete i miei appelli, starete dando inizio al grande TRIONFO DEL MIO CUORE IMMACOLATO. Ascoltatemi. Desidero stare al vostro fianco, accompagnando i vostri passi e intercedendo affinché possiate fare tutto ciò che mio Figlio vi dirà.
Camminate verso un futuro sconosciuto, ma certamente pieno di potenzialità e ottimismo per il Regno di Dio. Ricordate che tutti portate il peso delle vostre responsabilità davanti alle sofferenze dei vostri fratelli. Riconoscete umilmente i vostri peccati, origine prima di tutti i mali che affliggono il mondo. Siate costruttori di pace e tornate al Dio della Salvezza. La pace tra di voi è un compito arduo, al quale dovete collaborare generosamente. La pace non può essere raggiunta sul sentiero dell’intransigenza né su quello dell’egocentrismo. Al contrario, la si raggiungerà se si saranno formate la fiducia, la comprensione e la solidarietà che vi rendono fratelli, voi uomini che abitate in questo mondo, creati da Dio perché tutti possiate partecipare dei suoi beni in modo equo. Se camminerete con Cristo, se lo prenderete come compagno di viaggio a indicarvi il cammino, procederete verso il PARADISO, per il quale unicamente siete stati creati.

La voce del Signore è la sua presenza in voi per mezzo del Battesimo. Ciascuno di voi deve discernere la chiamata che vi è rivolta. Per il sacerdote, tuttavia, è la Chiesa che ha l’incarico di confermare autenticamente la chiamata e di affidare una missione. Implorerò il Signore che vi aiuti a trovare la vostra strada nel seguirlo. Se vivrete conforme al desiderio del mio Cuore, la vostra fede sarà rafforzata e rivitalizzata e saranno esaltati i vostri sentimenti di adesione ai principi, ideali e insegnamenti della Chiesa Una, Santa, Cattolica e Apostolica.

Abbiate fiducia nell’amore misericordioso del Signore. Non dubitate mai del perdono di Dio. Pentitevi con sincerità e aprite interiormente il vostro cuore al Signore, per riscoprire che ai suoi occhi avete molto valore. Per rispondere agli appelli di Dio, dovete avvicinarvi a Cristo, la fonte di acqua viva che vi fortifica e purifica. La mia presenza vi porta più speranza, amore e fede. Vi invito a scoprire in voi stessi le ricchezze del dono di Dio. Ascoltate, attraverso i miei messaggi, Cristo, il vostro Salvatore. Egli è il Buon Pastore che conosce le sue pecore e che ha dato la vita per salvarle dal male e dalla menzogna, per allontanarle dalle strade sbagliate e impedire loro di cadere nell’abisso. Vivete nella certezza dell’incontro definitivo con colui per il quale vivete, nel quale credete e sperate.

14. CRISTO È AL VOSTRA SPERANZA
Con Cristo avete la remissione dei peccati e, in questo modo, il mondo trova la riconciliazione con Dio in Cristo. Fermatevi e immaginate quanto è grande l’amore di Gesù per voi. Il Sacrificio della Croce, realizzato per amore, ha avuto senza dubbio un potere redentore: l’amore è più forte del peccato. Nell’amore di mio Figlio il mondo, e soprattutto l’uomo, è stato riconciliato con Dio. L’amore che Gesù vi ha offerto sulla Croce possiede questo potere vittorioso: unisce con il Padre tutto quello che, a causa del peccato, si è separato da lui. Ciò che, a causa del peccato, si era contrapposto a Dio, è in Cristo nuovamente orientato verso il Creatore e Padre.

Accettate gli insegnamenti che Gesù vi presenta per mezzo del suo Vangelo. Accettate le verità che la Chiesa di Cristo vi presenta. La CHIESA CATTOLICA è riconciliatrice, nella misura in cui indica le strade e offre i mezzi. Le strade sono precisamente quella della conversione del cuore e della vittoria sul peccato, che si tratti dell’egoismo o dell’ingiustizia, della prepotenza o dello sfruttamento degli altri, dell’attaccamento ai beni materiali o della ricerca sfrenata della violenza. I mezzi di salvezza sono il fedele e amorevole ascolto della Parola di Dio, la preghiera personale o comunitaria e, soprattutto, i sacramenti, veri segni e strumenti di riconciliazione tra i quali spicca, proprio sotto questo aspetto, quello che, a ragione, chiamate sacramento della Riconciliazione o Penitenza. Dio sostiene la perseveranza e il coraggio di tutti coloro che lavorano veramente e con amore fraterno per la divulgazione dei miei messaggi.

Sappiate che per tutto ciò che farete in mio favore, riceverete doppia ricompensa. Raddoppiate gli sforzi per rendere sempre più intima tra di voi la comunione con la Chiesa e più forte la solidarietà tra tutti i brasiliani. Siate testimoni attendibili dell’amore della Santissima Trinità, infuso nella vostra anima nel giorno del vostro Battesimo. Con la certezza di questo soffio trinitario di amorevole e armoniosa disponibilità di intenzioni, affrontate con coraggio le grandi sfide che il mondo vi presenta. Preparatevi per essere i dispensatori dei doni di Dio, con un cuore aperto a tutti. Offrite anche a tutto il popolo di Dio i mezzi per approfondire la vita spirituale in modo che, nello scoprire sempre più la gioia della bellezza dell’amore di Dio, nello spirito delle Beatitudini, rinnovino il dinamismo del loro impegno come figli di Dio. Aiutate i giovani a compiere i passi per andare incontro a Cristo e approfondire sempre più le ricchezze della fede e viverle. Incoraggiate tutti a porre in pratica gli appelli di Dio. Mettere in pratica, in questo senso, significa vivere il comandamento dell’amore, fonte di serenità e pace. È necessario vincere il male con il bene, mettere i doni ricevuti al servizio gli uni degli altri, rivestirsi continuamente di sentimenti di MISERICORDIA, bontà, umiltà, mitezza e pazienza. Se desiderate trovare appagamento alla sete di FELICITA’ che arde il vostro cuore, è verso Cristo, Via, Verità e Vita che dovete orientare i vostri passi.

15. I SEGNI CHE VI OFFRO
La mia presenza nel mondo intero e tra di voi è segno della mia preoccupata tenerezza di Madre. Da secoli vengo nel mondo, per mezzo di innumerevoli apparizioni, per chiedervi la conversione e la consacrazione al mio Cuore Immacolato. Mi rendo presente anche nelle statue che mi raffigurano con lacrimazioni, anche di sangue, allo scopo di chiamarvi al grande ritorno al Dio della Salvezza. Vengo come umile serva del Signore, in completa obbedienza al suo Vangelo e alla sua Chiesa, al Papa e ai vescovi e sacerdoti a lui uniti. Non sono venuta per obbligarvi, ma quello che dico dev’essere preso sul serio. Ascoltate con umiltà ciò che vi dico, perché è con amore che sto in mezzo a voi. In cielo intercedo presso mio Figlio per voi e per i vostri fratelli sofferenti.

Il vostro cammino verso il PARADISO inizia nel momento in cui diventate obbedienti. Solo Dio, riversando il suo amore nei cuori, chiamandovi alla fede e concedendovi il dono della speranza, vi fa crescere in comunione con lui e tra di voi. Sappiate che la storia umana non è un labirinto assurdo e che la vostra esistenza non finisce con la morte e il nulla. Mio Figlio, con le sue parole divine e infallibili, vi mostra che Dio vi ha creati per amore e attende da voi, durante la vostra esistenza terrena, una risposta di amore, per rendervi poi partecipi, al di là del tempo, del suo amore eterno. Con la certezza che il Cielo vi aspetta. Certo, ognuno deve impegnarsi per restare sulla strada della santità, realizzando il proprio talento e facendo fruttare, soprattutto, il seme che egli vi ha lasciato. Ma dovete fare tutto questo ricordando sempre che, dopo la morte, avrete in Cielo una casa fatta da Dio, ossia una dimora eterna.

16. TUTTI VOI SIETE UGUALI
Sono la Madre di tutti, specialmente di coloro che soffrono a causa della discriminazione razziale. Non guardate con indifferenza i vostri fratelli neri perché essi sono, proprio come voi, figli di Dio. La fede in un solo Dio, Creatore e Redentore di tutto il genere umano fatto a sua Immagine e Somiglianza, costituisce la negazione assoluta e inflessibile di qualsiasi ideologia razzista. Non potete invocare Dio come Padre di tutti se rifiutate di trattare fraternamente i vostri fratelli neri, anch’essi creati a Immagine e Somiglianza di Dio. L’opera della salvezza realizzata da Dio in Cristo è universale. Il suo destinatario non è solo il popolo eletto, ma tutta la razza di Adamo. Alimentare pensieri e assumere atteggiamenti razzisti è un peccato grave che va contro il messaggio specifico di mio Figlio, per il quale il prossimo non è solo la persona che vive vicino a voi, del vostro ambiente, della vostra religione o della vostra nazione: il vostro prossimo sono tutti quelli che incontrate quotidianamente sul vostro cammino. Sappiate che tutte le teorie razziste sono contro i principi della fede cattolica, contro l’amore cristiano, e possono allontanare l’uomo dal suo Creatore. Il razzismo è una piaga aperta nel cuore dell’umanità e per ottenere la guarigione è necessaria molta fermezza, molta pazienza e, soprattutto, l’accettazione del messaggio e dell’amore divini.

Il triste fenomeno della schiavitù, che un tempo era quasi universale, purtroppo non è stato totalmente superato, così il cuore dell’uomo si chiude sempre più al Dio della Salvezza e della Pace. Quando manca giustizia in questo senso, la violenza e le guerre esplodono con facilità. Convertitevi, convertitevi, convertitevi. Non ci devono essere discriminazioni e pregiudizi, perché Dio ama tutti. La salvezza è offerta alla totalità del genere umano, a tutte le creature e a tutte le nazioni. Vedendo la vostra indifferenza verso i più deboli e abbandonati, il Cielo piange amaramente e prega per voi. Cambiate il vostro modo di pensare, di agire. Approfondite le Sacre Scritture. Dio ha qualcosa di importante da dirvi per mezzo del Vangelo. Ricordate che mio Figlio ha distrutto il muro di odio che separa i mondi contrapposti, per ricapitolare in lui tutti gli esseri umani. Vi invito a imitare l’amore di Dio nella pietà verso il prossimo, soprattutto verso i più deboli e sofferenti. Siete chiamati a essere testimoni di mio Figlio: rispondetegli crescendo nella consapevolezza di ciò che egli è per voi e di ciò che voi siete per lui. Siate testimoni di vita e speranza.

17. CHIEDO LA VOSTRA CONSACRAZIONE
Quando chiedo la vostra consacrazione a me, dovete capire che desidero la vostra esistenza. Quando vi consacrate a me, sento questo affidamento sincero e totale. Allora inizio a far parte della vostra vita e a prendermi cura di voi come figli molto amati. La vostra consacrazione è il più grande dono che potete offrirmi. Il mio Cuore esulta di gioia quando ponete tutta la vostra fiducia in me. A partire da Fatima, quando apparsi ai tre pastorelli, sono venuta nel mondo a chiedere la consacrazione al mio Cuore Immacolato. Se aveste messo in pratica ciò che lì chiesi, la pace sarebbe venuta nel mondo. Tuttavia, non sono stata ascoltata. Desidero che la vostra consacrazione sia sincera e cosciente. Non dimenticate mai di pregare per coloro che soffrono nel corpo e nell’anima, per quelli che sono colpiti da malattie o deficienze, per quelli che portano il peso della solitudine e della povertà. A tutti loro desidero dire: mio Figlio è molto vicino a voi. Fratello di tutti gli uomini, egli è in primo luogo fratello dei più sfavoriti tra voi. Tutte le volte che farete la vostra consacrazione a me, ditemi queste parole:

Maria, Regina della Pace e consolatrice degli afflitti, siamo qui ai tuoi piedi con il cuore pieno di gioia come te, per consacrarci al tuo Cuore Immacolato, sii sempre la nostra costante Compagna e proteggici dai pericoli che ci circondano. Benedici le nostre famiglie e proteggi la nostra **Italia, che appartiene a te. Dacci la tua pace, perché sei la nostra Regina della Pace. Aiutaci a vivere il Vangelo di tuo Figlio e a essere miti e umili di cuore. Con questo sincero atto di consacrazione desideriamo, come te, fare la volontà del Padre. Vediamo il pericolo in cui si trova il mondo e, con il tuo aiuto e la tua grazia, vogliamo salvarlo. Ti promettiamo più fervore nella preghiera, nella partecipazione alla Santa Messa e, soprattutto, ti promettiamo di essere fedeli alla Chiesa di tuo Figlio e al successore di Pietro, Papa Francesco*. Ti promettiamo, inoltre, di vivere la nostra consacrazione e portare il maggior numero possibile di anime al tuo Diletto Figlio, Nostro Signore Gesù Cristo. Chiediamo la tua benedizione e protezione per la nostra amata **Italia. Amen.


*nell'originale: “Papa Giovanni Paolo II
**nell'originale: “Brasile




18. LA MIA OBBEDIENZA: LA VOSTRA FELICITA’
Siate pronti a dire il vostro sì, come me, alla volontà del Signore. Con il mio sì, il cuore di coloro che vivono in piena solitudine possono ritrovare la vera gioia. “Ecco la serva del Signore”, è la risposta perfetta e cosciente della vostra Madre Celeste al messaggero di Dio. In quel momento, il Verbo Divino fu depositato nel mio seno verginale. Ecco che l’Emmanuele, il Dio con noi tanto sperato e annunciato da secoli dai profeti, arrivava per la gioia di molti e la disperazione della maggioranza. Con il mio sì l’ho portato al mondo, per vivere tra di voi. Quando era bambino, lo prendevo tra le braccia e, accarezzandogli il volto, gli dicevo: “Mio Dio, mio Dio Bambino”. Così vidi crescere tra le mie braccia il Dio della Salvezza e della Pace. Grande era il suo amore per i bambini che giocavano con lui davanti al laboratorio del mio castissimo sposo Giuseppe.

Ancora bambino, intorno alla povera casa dove abitavamo, seduto su una pietra il piccolo Gesù benediva tutti quelli che passavano di lì. In un gesto di infinito amore e bontà, portava acqua ai viaggiatori che venivano dai luoghi più lontani. Tutti lo ammiravano per la sua estrema bontà e amore. Ricordo che un giorno, come di solito, ricevemmo un gruppo di bambini, tra cui uno piuttosto curioso che gli faceva molte domande. Questo bambino si chiamava Dima e, tra le diverse domande, una mi colpì: “Quando sarai grande vuoi essere Re o Profeta?”. Al che il piccolo Gesù rispose: “Io sono il Re dei re. Io sono il Profeta dei profeti. E dico di più: quando sarò sulla Croce, tu sarai al mio fianco”. E aggiunse: “Nella mia casa c’è un posto per te”. Il piccolo Dima continuò il suo interrogatorio, ma non capì quello che Gesù gli voleva dire. Solo più tardi, sulla Croce, a fianco di mio Figlio, ricordò le parole del piccolo Gesù.

Come Madre, lo accompagnavo passo passo e vedevo quanto grande era il suo amore per tutti, che più tardi si sarebbe completato nella sua consegna totale per la salvezza dell’umanità. Il piccolo Dio crebbe e al suo fianco c’ero io, che sempre lo accompagnavo e lo sentivo parlare alle grandi moltitudini che, emozionate, piangevano di gioia. La sua voce soave si faceva udire per chilometri, per questo non c’erano difficoltà nel dialogo con il popolo, che in grande numero lo circondava per ascoltarlo. Molte volte levitava sopra le moltitudini, per rendersi visibile a tutti quelli che desideravano vederlo.

Le sue parole confortavano i cuori più angosciati. I suoi gesti trasmettevano serenità e pace. Egli si manteneva sempre libero, a disposizione di tutti. Senza dubbio, perfino i suoi maggiori nemici lo ammiravano, e molti di loro lo cercavano per chiedergli perdono. Le offese a lui rivolte avevano sempre come risposta: Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno. Il suo sguardo pietoso e di infinita MISERICORDIA esprimeva il più puro amore. Le sue mani stese sulle moltitudini facevano cadere dal Cielo una pioggia di grazie. Sempre, in quei momenti, i ciechi vedevano, i sordi udivano, i muti parlavano e gli zoppi camminavano. E la moltitudine, benedetta, sentiva da vicino il grande amore di Dio Padre Creatore.

Il suo amore per il mondo si completò sulla Croce, nel momento in cui egli rivolse gli occhi al Cielo e disse: “Padre, nelle tue mani consegno i mio spirito”. Così, tutto era compiuto. Anche dopo la Resurrezione e prima della sua Ascensione al Cielo, mio Figlio realizzò grandi prodigi, e tutto quello che egli fece, lo fece con amore e per amore di voi.

Oggi, come mediatrice di tutte le grazie, faccio scendere dal cielo una straordinaria pioggia di grazie su ciascuno di voi qui presenti e anche su coloro che sono qui, in questo momento, con il cuore. Se poteste immaginare il grande amore che ho per voi, piangereste di gioia. Spero che questo grande messaggio rafforzi la vostra fede e dia luce spirituale a ciascuno di voi, affinché diveniate sempre più consapevoli della responsabilità che avete in questi momenti decisivi della vostra esistenza. Chiedo a Dio Padre che vi colmi delle sue benedizioni e delle sue grazie, affinché possiate essergli fedeli. Sappiate che mio Figlio vi ama e attende la vostra grande testimonianza. Che egli vi custodisca per sempre.

Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

461 – 9 novembre 1991
Cari figli. Desidero ardentemente la vostra conversione e FELICITA’. Come Regina e Mediatrice di tutte le grazie, con questi messaggi voglio condurvi al PARADISO celeste. Guardate quanto è grande l’amore che ho per voi. Fatevi coraggio a vicenda, perché questo è l’unico modo per diventare santi. Accoglietemi, perché sono vostra Madre e vi amo molto. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

497 – 14 marzo 1992

Cari figli, siete stati creati da Dio per vivere sulla terra, ma con il cuore sempre rivolto alle cose del cielo. Continuate a fare del bene a tutti, specialmente ai poveri e agli abbandonati. Vivete l’esempio dei vostri santi. Specialmente, vivete l’esempio della santa protettrice dei poveri, vostra sorella e serva di Dio, suor Dulce. Oggi lei è in cielo al fianco di mio Figlio, e lì prega per la vostra conversione e per la salvezza del mondo. Il suo esempio di vita è stato una consolazione per il cuore di mio Figlio. La sua disponibilità nel servizio del Signore è stato un rimedio per i dolori di molti brasiliani, specialmente per i dolori di molti abitanti di Bahia. Possiate tutti voi avere il coraggio di dare la vostra testimonianza di fede. Così mio Figlio sarà FELICE. Aiutate tutti quelli che hanno bisogno di voi. È in questo mondo e non nel prossimo che dovreste fare del bene. Pertanto aiutate. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

526 – 23 giugno 1992 (Parigi)

Cari figli, vi chiamo da secoli, ma voi siete ancora molto lontani. Questo è il momento in cui desidero dirvi: tornate, tornate, tornate. Presto molti dovranno pentirsi per una vita vissuta lontana da Dio, ma sarà tardi. SE GLI UOMINI NON SI CONVERTONO, DAL CIELO CADRA’ IL FUOCO E UNA GRAN PARTE DELL’ UMANITA’ SARA’ DISTRUTTA. SOLO COLORO CHE SONO UNITI A ME TRAMITE LA PREGHIERA VERRANNO SALVATI. Questa è l’ora nella quale dovreste vivere con il cuore rivolto al cielo. SONO LA VOSTRA BUONA MADRE E VOGLIO VEDERVI FELICI. Pregate, pregate, pregate. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


529 – 30 giugno 1992 (Parigi - Francia)
Cari figli, gli uomini dimenticano Dio e non pregano più. Qui a Parigi il peccato si è diffuso come le peggiori epidemie, causando morte spirituale in molte anime. Se non vi convertite, Dio manderà una grande punizione sulla vostra città. Il fuoco cadrà dal cielo e Parigi sarà distrutta. Ciò che ho predetto in tempi passati accadrà, perché l’appello che ho fatto qui non è stato messo in pratica.  NON DICO QUANDO CIO’ ACCADRA’ MA, CONSIDERANDO IL MODO IN CUI VIVETE, L’ IRA DI DIO VERRA’ ANTICIPATA, E VOI SARETE PRESI DI SORPRESA. Ora aumentate le vostre preghiere e chiedete MISERICORDIA a Dio, poiché solo Lui può aiutarvi. Pregate e fate penitenza. Rinunciate alle cose di questo mondo che non vi fanno crescere spiritualmente, e aggrappatevi alla preghiera. Piango a causa di ciò che vi attende e vi chiedo di cambiare le vostre vite per essere salvati. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


531 – 7 luglio 1992 (Parigi)
Cari figli, sono la Vergine del Rosario. Desidero che tutte le famiglie si consacrino a me per ottenere pace nelle loro case e la santificazione di tutti. Rinnovo qui l’appello che ho fatto a Fatima ai tre pastorelli e chiedo la consacrazione del mondo al mio Cuore Immacolato. Prometto che intercederò presso mio Figlio per la salvezza di chiunque ascolterà la mia richiesta. Soprattutto, pregate anche il santo rosario. Il mondo può essere salvato pregando il rosario. Sono vostra Madre e vi amo in modo speciale, per questo sono preoccupata per voi. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

559 – 13 ottobre 1992
Cari figli, sono la Madre e la Regina del Brasile. Chiedo a tutti voi di pregare con fervore che Dio, il Padre, effonda la Sua Grazia e la Sua MISERICORDIA su tutti i brasiliani, in modo speciale su quelli che sono lontani dalla sua Grazia. DESIDERO CHE LA PRESENZA DI GESU’ NELLA VOSTRA VITA NON SIA QUALCOSA DI MOMENTANEO, MA DI ETERNO. Oggi rinnovo l’invito che ho fatto a Fatima e chiedo di pregare il Santo Rosario tutti i giorni, poiché questo è l’unico modo in cui il mondo otterrà la pace. Pregate, pregate. Pregate specialmente con il cuore, così potrete sentire la presenza di Dio nella vostra vita. E, lo ripeto, pregate anche per il vostro Brasile. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


565 – 3 novembre 1992

Cari figli, sono la Madre della Divina MISERICORDIA. COLORO CHE VIVONO FEDELMENTE I MESSAGGI CHE TRASMETTO QUI E LI DIFFONDONO, NON SOFFRIRANNO LA MORTE ETERNA E NON PASSERANNO PER IL PURGATORIO. Vi dico ancora una volta che vivete in tempi difficili, pertanto state attenti. Non lasciatevi ingannare dalle cose di questo mondo, ma siate fedeli a mio Figlio e alla sua Chiesa. NON SPRECATE IL VOSTRO TEMPO IN COSE INUTILI, MA DEDICATE ALMENO DUE ORE AL GIORNO ALLA PREGHIERA. Sono vostra Madre e so ciò che vi attende. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
PREGHIERE DEL MATTINO
20 MINUTI
1)   PREGHIERE DEL MATTINO
2)   LODI MATTUTINE – LITURGIA DELLE ORE
3)   LETTURA DEL VANGELO DEL GIORNO
4)   LETTURA DEL SANTO DEL GIORNO

40 MINUTI
5)   ROSARIO -  MISTERI GIOIOSI E DELLA LUCE
2), 3), 4) Fontehttp://www.lachiesa.it/
PREGHIERE DELLA SERA
20 MINUTI
1)   PREGHIERE DELLA SERA
2)   VESPRI  – LITURGIA DELLE ORE
3)   UFFICIO LETTURE – LITURGIA DELLE ORE (facoltativo)
4)   COMPIETA – LITURGIA DELLE ORE

40 MINUTI
5)   ROSARIO - MISTERI DOLOROSI E GLORIOSI
6)   ALTRE PREGHIERE – FACOLTATIVO
2), 3), 4) Fontehttp://www.lachiesa.it/




584 – 9 gennaio 1993

Cari figli, vi ringrazio per le vostre preghiere e vi chiedo di continuare ad essere fedeli al mio Gesù. Non abbiate paura, ma abbiate fiducia, tutti voi che state vivendo i miei messaggi, perché i vostri nomi sono già nel mio Cuore. Siate coraggiosi. Avanti. I vostri sono tempi pericolosi, ma confidate nella Divina MISERICORDIA. Pregate, poiché la preghiera vi allontana da satana e dalle sue tentazioni. Digiunate e fate penitenza. Continuate a pregare il santo rosario. Il mondo può essere salvato dal potere del rosario. Lo ripeto: pregate, pregate, pregate. Sono vostra Madre e desidero portarvi in cielo. Confidate in me e fate fedelmente la vostra consacrazione al mio Cuore Immacolato. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

586 – 15 gennaio 1993

Cari figli, convertitevi e ritornate a Dio. State attenti a non allontanarvi dalla verità, che si trova solo nella Santa CHIESA CATTOLICA Apostolica Romana. Il mio Gesù ha fondato la vostra Chiesa come sacramento di salvezza ma, per ingannare i miei poveri figli, satana ha fatto sorgere diverse false religioni, ingannando persino molti degli eletti. Non credete a quelli che dubitano di Papa Giovanni Paolo II. Negare ciò che predica il Papa e i vescovi e sacerdoti a lui uniti, significa negare lo stesso Vangelo. State attenti. Chiunque si allontana dal magistero della Chiesa non sta facendo nel mondo la volontà di Dio, ma la volontà del padre della menzogna. Lo ripeto: obbedite solo a coloro che obbediscono al Papa. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


589 – 21 gennaio 1993

Cari figli, questa sera vi invito a entrare nell’Arca dell’Alleanza che il mio Cuore Immacolato ha preparato per salvarvi. Vivete in un tempo peggiore di quello del diluvio e correte il rischio di perdervi eternamente, se non vivete fedelmente la Parola del mio Gesù. Dunque state attenti. Se l’umanità non si pente, gli uomini dovranno pentirsi, ma sarà tardi. Pregate, pregate, pregate. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



600 - 16 febbraio 1993
Cari figli, sono vostra Madre e vengo dal cielo per dirvi che siete il popolo di Dio, e che per questo dovreste fuggire da ogni male. Chiudete i vostri occhi alle facili seduzioni del mondo, rinunciate alla televisione, fuggite dal carnevale, perché il carnevale è una festa satanica e, come figli di Dio, dovreste stare lontani da queste feste che offendono il Signore e attirano la Sua ira su di voi; Egli potrebbe anche abbandonarvi. State attenti. Ascoltatemi. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

612 – 16 marzo 1993
Cari figli, sono vostra Madre e vengo dal cielo per mostrarvi la via che conduce alla salvezza. Non state con le mani in mano. Ritornate a Dio il più rapidamente possibile. Pregate. Pregate per voi stessi e per gli altri. Pregate per la conversione di ognuno. Rinunciate a qualsiasi cosa vi allontani da Dio e vivete i miei messaggi. Se non c’è conversione, l’ira di Dio si abbatterà su di voi. Pertanto convertitevi, convertitevi, convertitevi. Tutti i mezzi di comunicazione che lavorano per distruggere i piani di Dio saranno devastati dall’ira di Dio, che verrà come un grande fulmine e ogni cosa sarà distrutta. Convertitevi. Il destino del vostro Brasile e del mondo dipende dalla vostra conversione. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

617 – 27 marzo 1993

Cari figli, sono la Regina della Pace. Questa sera vi chiedo di obbedire a mio Figlio Gesù, vivendo fedelmente il Suo Vangelo. Tornate alla CONFESSIONE SETTIMANALE e scoprirete il grande tesoro che esiste in ciascuno di voi. Non potete ottenere Grazie dal cielo se non vi convertite. Siate ubbidienti ai vostri sacerdoti. Non state con le mani in mano. Dio ha grandi grazie da donarvi attraverso i Suoi inviati. Avanti con gioia e coraggio. Mio Figlio è sempre al vostro fianco, pertanto non siate scoraggiati. Pregate e vivete anche i messaggi che vi ho già donato. Vi amo e desidero aiutarvi, ma ritornate a Dio e fuggite il male. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

26 – 16 aprile 1993

Cari figli, sono la Madre della Divina MISERICORDIA e vi chiedo di donare voi stessi al mio Gesù, il vostro unico e vero salvatore. Confidate in Cristo, poiché Egli è la vostra sola speranza. Questa sera vi invito a vivere i miei messaggi. Tramite essi vi condurrò in PARADISO. NON SIATE TRISTI, neppure per i vostri difetti. Vi amo. Non preoccupatevi. Fidatevi di me. Parlerò di voi al mio Gesù. GIOITE: c’è un posto per voi in cielo. Sforzatevi di vivere l’appello del Redentore dell’umanità e vedrete quante grandi grazie riceverete. Continuate sulla via che vi ho indicato. Pregate, pregate, pregate. Il mondo troverà la salvezza solo se vi convertirete. Dunque pentitevi. Cambiate le vostre vite. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

698 – 29 settembre 1993 (6° anniversario delle apparizioni)

Cari figli, sono la Regina della Pace. Sono FELICE di incontrarvi qui. Che Dio vi benedica e vi conceda sempre la Sua pace. Vengo dal cielo questa sera per supplicarvi di vivere i messaggi che ho già trasmesso. Non voglio forzarvi, poiché so che siete liberi, ma vi chiedo: ASCOLTATEMI. Ho bisogno della vostra testimonianza sincera e coraggiosa. Non tiratevi indietro, ma proseguite giorno dopo giorno, per incontrare Colui che è il vostro tutto. Gli uomini hanno bisogno di accettare e vivere il Vangelo del mio Gesù. Se l’umanità non si converte, un grande castigo non tarderà ad abbattersi sull’umanità. Pertanto è arrivato il tempo del vostro Sì a Dio. Il mio Signore si aspetta grandi cose da voi. Avvicinatevi di più a Colui che ha parole di vita eterna e vi conosce per nome. Non meravigliatevi per i prodigi che ho realizzato qui in questi anni. Ho ancora grandi cose da realizzare. Vedrete cose che i vostri occhi non hanno mai visto. Continuate a pregare, ma pregate con il cuore, poiché la preghiera del cuore è ciò che piace al Signore. Non vengo dal cielo per caso. Ritornate, se volete essere salvati. Dio si aspetta molto da voi, poiché egli vi ha dato molto. Sforzatevi di essere simili al mio Gesù in ogni cosa. In questo momento sto facendo scendere su di voi dal cielo una pioggia straordinaria di grazie. Grazie per il vostro Sì alle mie parole. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

704 – 13 ottobre 1993
Cari figli, oggi vi invito a pregare con fervore il santo rosario. Ricordate oggi la mia ultima apparizione nella povera Cova da Iria, dove ho realizzato il grande miracolo del sole per chiamare alla conversione e alla santità. Vi chiedo di stare con me sul sentiero e io vi condurrò al mio Gesù. Iniziate a pregare di più, poiché il TRIONFO DEL MIO CUORE IMMACOLATO si sta avvicinando. Sta ora arrivando il momento della realizzazione dei grandi eventi da me predetti a Fatima. Guardate: è giunta per voi l’ora opportuna per incontrare il Signore. Non tiratevi indietro. Siatemi fedeli. Siate fedeli al mio Gesù. Siate fedeli alla mia Chiesa. Non voglio forzarvi, ma vi chiedo di convertirvi. La vostra FELICITA’ dipende dalla vostra conversione. Non rimandate a domani ciò che può essere fatto oggi. Guardate: è giunta la mia ora. Vedrete segni apparire nel cielo e nelle stelle. Vedrete prodigi che i vostri occhi non hanno mai visto. Questa è la mia ora e voglio che siate con me. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

707 – 19 ottobre 1993
Cari figli, sono la Madre di tutti i popoli. Soffro a causa delle vostre sofferenze e vi chiedo di ritornare al Signore quanto prima possibile. Rifiutate la violenza, poiché la pace viene costruita con la pace. Sono la Regina della Pace e desidero che la pace regni nei vostri cuori. Non fuggite da me. Sono al vostro fianco, anche se non mi vedete. Continuate a pregare. Senza preghiera, la vita cristiana perde valore ed efficacia. Pertanto attaccatevi sempre più alla preghiera. Dio vuole salvare tutti. Andategli tutti incontro. Conosco la vostra sofferenza, ma GIOITE, poiché vengo dal cielo per offrirvi la vera pace. Amate tutti. Se non avete amore nei vostri cuori, non sarete in grado di comprendere la mia presenza tra di voi. Pregate il santo rosario con gioia. Se farete così, vedrete la pace regnare qui nel vostro paese. Abbiate fiducia. Avanti! Il mio Gesù vi attende a braccia aperte. In questo momento benedico tutti voi, i miei sacerdoti, i religiosi e, in modo speciale, coloro che soffrono nel corpo e nell’anima. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.




715 – 6 novembre 1993

Cari figli, sono la Madre della Divina MISERICORDIA. Vengo dal cielo questa sera per chiedervi di ritornare al Signore, poiché solo in questo modo sarete capaci di comprendere ciò che vi dico. L’umanità si è allontanata da Dio e per questo motivo non tarderà ad abbattersi sul mondo una grande punizione. Sono vostra Madre e vi amo. Desidero ciò che è bene per voi. Non voglio che siate tristi. GIOITE, poiché sono al vostro fianco e voglio aiutarvi. Chiedo la vostra conversione, poiché se vi convertite il mondo avrà di nuovo la pace. Non vengo dal cielo per caso. Ritornate oggi stesso! Non rimandate a domani ciò che potete fare oggi. Continuate a pregare il santo rosario. Leggete ogni giorno un brano del Vangelo. La Parola del mio Gesù vi orienterà e vi indicherà la via da seguire. Dunque vivete la Parola del mio Gesù fedelmente. Non voglio obbligarvi, ma voi obbeditemi, poiché sono vostra Madre. Siate docili alle mie parole. Attraverso di esse desidero portarvi a un ardente e continuo desiderio di Dio. Dio vi ama come siete e vuole che cambiate giorno dopo giorno. Il mio Gesù conta su di voi. Non state con le mani in mano. Andate e testimoniate, poiché Gesù è il Signore e solo lui salva. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

777 - 1 aprile 1994


Cari figli, sono vostra Madre Addolorata. Soffro a causa dei peccati degli uomini. Soffro per l’incredulità di così tanti figli che, consapevolmente, si dirigono verso l’abisso. Oggi vi invito a sentire il mio amore nel vostro cuore. Potete essere sicuri che vi amo e voglio offrirvi la mia speciale protezione materna. Camminate con me. Siate solo del Signore. Non lasciate che il peccato si impadronisca del vostro cuore. In questo Venerdì Santo, voglio trasformare la vostra tristezza in gioia. Voglio alleviare il peso che portate, ma vi chiedo di
ritornare a Gesù, che è morto per voi sulla croce. Pregate davanti alla croce per la salvezza del mondo e per la conversione di coloro che si sono allontanati da Dio. I vostri peccati continuano [ad addolorare] Cristo, ma la vostra obbedienza e fiducia sono motivo di gioia per il mio Gesù. Quindi convertitevi, convertitevi, convertitevi. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

813 - 24 giugno 1994

Cari figli, abbiate coraggio! Testimoniate e difendete le verità insegnate dal mio Gesù. Chiedo allo Spirito Santo di illuminarvi, perché chi ha lo Spirito Santo non manca di nulla. Annunciate Cristo a tutti coloro che ancora non lo conoscono o lo conoscono imperfettamente. Voglio che siate gli apostoli degli ultimi tempi. Preparate il vostro cuore e il cuore dei vostri fratelli a ricevere il mio Gesù, che un giorno verrà gloriosamente. Non perdetevi d’animo, nonostante le vostre debolezze. Il Signore si aspetta grandi cose da voi. Avanti senza paura. Come promesso, mio Figlio sarà con voi fino alla fine. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


884 - 6 dicembre 1994


Cari figli, oggi vi chiedo di pregare per il Papa. I momenti da me predetti stanno arrivando. Il mio diletto primogenito soffrirà molto e con Lui tutti quelli che sono fedeli a Cristo. Pregate adesso più che mai per la Chiesa del mio Gesù. Siate saldi. Non perdetevi d’animo. Abbiate coraggio, fede e speranza. Tutto deve compiersi così come è scritto nelle Sacre Scritture, ma NON SIATE TRISTI. Alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà. Pregate! Ascoltate la mia voce! Se farete ciò che chiedo, il mondo avrà di nuovo la pace. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


944 – 24 aprile 1995

Cari figli, accogliete i miei appelli, poiché desidero condurvi al mio Gesù. Ascoltate la voce della Chiesa. Ascoltate il mio amato figlio, Papa Giovanni Paolo II. Soffro a causa di coloro che vivono nelle tenebre del peccato e di coloro che non obbediscono al vicario di mio Figlio, Papa Giovanni Paolo II. Siate fedeli ai comandamenti del Signore e della sua Chiesa! Amate la verità! Chi ama il Signore ama la verità, poiché Egli è la Verità. Dite no al peccato e accettate la proposta di pace che mio Figlio vi ha lasciato. Non vengo per obbligarvi, ma ciò che dico è serio. Sappiate, voi tutti, che il tempo è breve e non c’è più tempo da perdere. Non state con le mani in mano! Avanti! Seguite la via che vi ho indicato. Pregate! Allontanatevi dai programmi televisivi. La televisione sta distruggendo le famiglie. Rinunciate anche al tabacco e all’alcool per poter vivere nella grazia del Signore. Sono triste per coloro che si rendono schiavi del vizio e di ogni tipo di peccato. È arrivata l’ora del vostro sì. Non tiratevi indietro! Vi amo e desidero aiutarvi. Ascoltatemi! Vi invito anche e in modo speciale alla CONFESSIONE SETTIMANALE. Se i cristiani si riconciliassero con Dio mediante la confessione, il mondo intero sarebbe curato spiritualmente. Siete preziosi per il Signore, pertanto convertitevi. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


1.110 – 13 maggio 1996


Cari figli, sono la Madre dei più poveri. Vengo dal cielo per condurvi a Colui che è il vostro tutto. Oggi ricordate la mia apparizione a Fatima nella povera Cova da Iria e aprite i vostri cuori all’appello da me fatto in quel luogo. Ancora una volta vi invito a pregare il santo rosario e a essere come Gesù in tutto. Sono venuta dal cielo per guidarvi e per reclamare quello che appartiene a Dio. Sappiate che tutti voi siete preziosi per me, e per questo vi voglio nel mio Cuore Immacolato. Siate coraggiosi! Consacratevi tutti i giorni al mio Cuore e troverete la pace! Sono triste a causa dei vostri peccati. Non voglio giudicarvi, poiché solo Dio è il vostro giudice, ma vi voglio avvertire, perché vi amo e voglio vedervi FELICI già qui sulla terra e più tardi con me in cielo. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


1.140 – 23 luglio 1996

[Forse c'è un errore del redattore brasiliano perché questo messaggio è identico al precedente]

1.141 – 26 luglio 1996

Cari figli, questa sera vi invito a operare con il Signore, che attende grandi cose da voi. È giunta l’ora della battaglia tra me, la DONNA VESTITA DI SOLE, e il mio avversario, il DRAGONE ROSSO. Siate saldi nella fede e non tiratevi indietro! Sappiate che la vittoria sarà del Signore. Vi voglio al mio fianco, poiché sono vostra Madre e voglio che prendiate parte con me alla vittoria. Il Signore è con coloro che lo temono. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

1.157 – 31 agosto 1996


Cari figli, la mia presenza qui è grande: è un grande segno dell’amore di Dio per voi. Il mio Gesù vi invita a essere sinceri in tutte le vostre azioni. Sappiate che il valore di un uomo viene misurato da ciò che è, non da ciò che possiede. Vivete umilmente. Aprite i vostri cuori. Siate coraggiosi e simili a Gesù in tutto. Non voglio obbligarvi, ma ascoltatemi. Vi ringrazio per tutte le vostre risposte ai miei messaggi. Sappiate che coloro che si sforzano di vivere i miei appelli saranno ricompensati dal Signore. Avanti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


1.207 – 26 dicembre 1996

APOCALISSE - FINE DEI GIORNI- Seconda venuta del Cristo - Preterismo - Profezie dispensaliste - L’ Europa dell’ anticristo, (da pacificatore mondiale a dittatore mondiale). Numero e marchio della bestia: 666 - La grande tribolazione di 3 anni e mezzo - Armageddon - Ratto post tribolazione. Previsto il 26/12/1996, messaggio n. 1.207 e messaggio 2.722 del 19/08/2006Profezie della Madonna di Anguera.

Cari figli, siate fedeli alla missione che il Signore vi ha affidato. Sappiate che il Signore vi chiederà conto di tutto ciò che vi ha donato. Siate cristiani coraggiosi. Non temete. Sono con voi. Convertitevi. Dite a tutti che questo è un tempo di grazia. Sta arrivando il giorno del vostro giudizio. Non nascondete i talenti che il Signore vi ha offerto. Pregate. Solo pregando sarete forti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


1.210 - 1 gennaio 1997


Cari figli, sono la Regina della Pace. Vi chiedo di essere docili alla mie parole e di cercare di imitare mio figlio Gesù in tutto. Quest’anno sarà contrassegnato da grandi avvenimenti che vi ho predetto in passato. Non allontanatevi da me. Voglio aiutarvi. Aprite i vostri cuori. Vi chiedo pure di aumentare le vostre preghiere. Pregate per la Chiesa del mio Gesù, che soffrirà a causa di grandi persecuzioni. Molti dei miei amati figli si rivolteranno contro il Papa. Ci sarà un grande scisma. La vera dottrina sarà negata anche da membri della gerarchia. Pregate. La Chiesa del mio Gesù sarà attaccata, sarà oggetto di grandi attacchi. Solo i fedeli, i veri fedeli, rimarranno saldi. Non siate spaventati da quanto dico. Avete bisogno di sentire queste cose, così quando accadranno vi ricorderete che le avevo predette. Non perdete la speranza. Voi che siete con me sarete sostenuti e protetti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Italia

1.226 - 8 febbraio 1997

Cari figli. Ho bisogno della vostra testimonianza sincera e coraggiosa. Siate uomini e donne di preghiera. Sappiate affrontare coraggiosamente le vostre difficoltà e non siate infedeli al mio Signore. Vi chiedo di affidare la vostra esistenza a me attraverso la consacrazione al mio Cuore Immacolato. Inoltre, vi chiedo di essere docili agli insegnamenti della Chiesa di mio Figlio e ad intensificare le vostre preghiere per il Papa. Voglio dirvi che è giunto il tempo della grande tribolazione, ma coloro che sono con il Signore ne usciranno vittoriosi. Prendete il rosario: è la vostra arma per questa GRANDE BATTAGLIA. Chiunque prega il rosario sarà vittorioso con me. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



1.273 - 31 maggio 1997





Cari figli, voglio che i miei messaggi vi trasformino e vi facciano crescere sempre di più nella vita spirituale. Sappiate che questo è un tempo di grazia. Non rimanete con le mani in mano, ma prestate attenzione a quello che vi sto dicendo. V’invito a pregare dal profondo del vostro cuore. La preghiera del cuore è gradita al Signore. Abbiate coraggio, fede e speranza. Non perdete la speranza. Tutto quello che vi ho annunciato deve accadere, ma alla fine il mio Cuore trionferà. Avanti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


1.285 - 28 giugno 1997

Cari figli, non perdete la speranza. Qualunque cosa accada, rimanete saldi nella vostra fede. Accettate le sofferenze con amore, come Gesù le ha accettate, e sappiate come affrontare le vostre prove quotidiane. Io sono vostra Madre. Vi amo immensamente e voglio vedervi FELICI già qui sulla terra e più tardi con me in cielo. Perseverate sulla via che vi ho indicato. Pregate sempre e non permettete al diavolo di ingannarvi. Siate solo del Signore. Voglio dirvi che tutte le malattie dell’umanità hanno una cura, ma gli uomini e le donne devono riconciliarsi con Dio attraverso la Confessione. Se sapeste il valore della Confessione, la adoperereste per allontanarvi dal peccato. Presto intere regioni della terra sarebbero spiritualmente curate. Avanti. Non perdetevi mai d’animo. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


1.394 - 3 marzo 1998

Cari figli, sono vostra Madre e sono instancabile. Vi chiamo anche quando siete dispersi, perché desidero che facciate parte del mio esercito vittorioso. L’umanità si è chiusa al vero Dio e cammina verso l’autodistruzione. Sono giunti per voi i tempi più dolorosi. Quello che vi ho predetto in passato si realizzerà. Pregate. Pregate. Pregate. L’umanità vivrà momenti dolorosi. Ci sarà una terribile crisi di fede. Una grande apostasia scuoterà la Chiesa e l’anticristo diffonderà i suoi errori e falsi insegnamenti per il mondo intero. Vi chiedo di essere uomini e donne di preghiera. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Italia


1.400 - 19 marzo 1998

Cari figli, questa sera vi invito a essere miti e umili di cuore. Vi chiedo anche di imitare S. Giuseppe nelle sue virtù e soprattutto nella sua fede. Affidate le vostre famiglie alla protezione del glorioso S. Giuseppe e potrete stare certi che sperimenteranno sempre la pace del Signore. In questi vostri tempi il demonio ha distrutto molte famiglie, spegnendo così una fiamma che non dovrebbe mai spegnersi. Valorizzate la preghiera in famiglia: le famiglie che pregano unite non perderanno mai la fede. Coraggio. Non perdetevi d’animo. L’umanità è avanzata nella tecnologia raggiungendo grandi conquiste, molte delle quali, però, non sono nella volontà di Dio. Ma riguardo alla fede, l’umanità è sempre più lontana dalla verità e dagli ideali evangelici. Fate attenzione. Non lasciate che satana vi inganni. Questa è l’ora della verità. Restate con il Signore. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



1.511 - 5 dicembre 1998

1.511 - 5 dicembre 1998


Cari figli, sono FELICE che siate qui. Dio vi benedica e vi ricolmi di molte grazie. Sono venuta dal cielo sulla terra per chiamarvi alla conversione sincera e per dirvi che vivete il tempo delle grandi tribolazioni. Non perdetevi d’animo davanti alle difficoltà. La lotta sarà dolorosa per molti, ma la vittoria sarà del Signore e di coloro che appartengono a Lui. È necessario che tutte le profezie si compiano, ma alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà. RALLEGRATEVI. Siate saldi nella vostra fede. Non permettete che niente e nessuno vi allontani dalla mia grazia. Sono vostra Madre. Pregate. Siate coraggiosi. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Nessun commento:

Posta un commento

CRITERI DI MODERAZIONE UTILIZZATI PER I COMMENTI PUBBLICATI SUL BLOG NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA. https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2016/09/moderazione-commenti-sul-blog-nostra.html

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.