SULLA DIFFUSIONE DI TESTI DI PRESUNTE RIVELAZIONI PRIVATE. Comunicato Stampa della Congregazione per la Dottrina della Fede del 29 novembre 1996.

Link: https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2018/04/sulla-diffusione-di-testi-di-presunte.html


b

Questo post presente sul blog: https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/
pagina Facebok: https://www.facebook.com/Nostra-Signora-di-Anguera-192592854160608/
e Twitter: https://twitter.com/angueramessaggi è un interpretazione personale e non corrisponde necessariamente al vero significato dei messaggi, degli avvertimenti della Madonna al mondo e delle profezie annunciate da Nostra Signora ad Anguera.
Si consiglia di visitare il sito web ufficiale brasiliano del veggente Pedro Regis:
http://www.apelosurgentes.com.br/pt-br/ e la pagina dedicata al commento delle profezie: http://www.apelosurgentes.com.br/pt-br/cms/list/not%C3%ADcias
(Gestore sito web: ANSA - Associacao Nossa Senhora de Anguera).

mercoledì 9 settembre 2015

USA - ATTENTATI 11 SETTEMBRE 2001 - 2° PARTE - Guerra al terrorismo 10 anni dopo: dagli attentati di martedì 11 settembre 2001 alla morte di Osama bin Laden. Previsto il 01/01/2001,messaggio n. 1.838, confermato dal messaggio 1.995 del 01/01/2002. Profezia avverata della Madonna di Anguera. 1.838 - 1 gennaio 2001 CARI FIGLI, SONO ARRIVATI I TEMPI DA ME PREDETTI, ECCO: ORA SI REALIZZERA’ TUTTO QUELLO CHE VI E’ STATO ANNUNCIATO IN PASSATO. In quest’anno molti piangeranno, perché un grande tesoro sarà tolto da in mezzo a voi. Siate saldi. Pregate. 1.995 - 1 gennaio 2002 Sono vostra Madre e vengo per guidarvi. Vi chiedo di continuare a pregare, perché avrete grandi tribolazioni. Se vi aprite alla mia chiamata e vivete i miei messaggi sarete trasformati e vedrete la pace regnare sulla terra. Inginocchiatevi in preghiera, perché solo così contribuirete al TRIONFO DEFINITIVO DEL MIO CUORE IMMACOLATO. LA PROFEZIA CHE VI HO ANNUNCIATO LO SCORSO ANNO (1 GENNAIO 2001) SI E’ REALIZZATA CON IL TRISTE E DOLOROSO EVENTO NEGLI STATI UNITI. Pregate molto, perché tutto questo causerà ancora grandi danni all’umanità. Da secoli vengo nel mondo per chiamare gli uomini alla conversione, ma essi preferiscono la GUERRA, la morte e il disamore. Vengo a offrirvi una vita nuova, una vita nella grazia del Signore. Vi chiedo di essere costruttori di pace e di amore.



MESSAGGIO N. 1.838 AVVERATO (COME INDICATO NEL MESSAGGIO N. 1.995)

1.838 - 1 gennaio 2001

Cari figli, sono arrivati i tempi da me predetti. Ecco: ora si realizzerà tutto quello che vi è stato annunciato in passatoVi chiedo di fare preghiere e penitenze per la Chiesa del mio Gesù. Vi chiedo di essere saldi nella vostra fede e di non allontanarvi dal Signore per nessun motivo. Siete il popolo scelto per testimoniare le meraviglie di Dio. Non preoccupatevi, perché Io sono al vostro fianco. Ho bisogno del vostro coraggio e della vostra fede. Non tiratevi indietro. Pregate. Quando vi chiedo di pregare, dovete capire che si tratta di una necessità urgente. L’umanità ha bisogno di pace, ma è necessario che gli uomini preghino. Sarete perseguitati a causa della vostra fede, ma non tiratevi indietro. Siate perseveranti. Quando sentite il peso delle difficoltà, chiamate Gesù. Egli è il vostro Tutto e senza di Lui non potete fare nulla.In quest’anno molti piangeranno, perché un grande tesoro sarà tolto da in mezzo a voi.Siate saldi. Pregate. Non allontanatevi dalla preghiera. Quelli che staranno con il Signore non saranno mai confusi. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


1.995 - 1 gennaio 2002

Cari figli, sono la Regina della Pace. Vengo dal cielo per offrirvi la grazia della pace, che è il grande tesoro perduto dall’umanità a causa di coloro che vivono senza Dio e nell’odio.Soffro a causa dei miei poveri figli che vivono come ciechi e non sanno trovare la via del Signore. Sono vostra Madre e vengo per guidarviVi chiedo di continuare a pregare, perché avrete grandi tribolazioni. Se vi aprite alla mia chiamata e vivete i miei messaggi sarete trasformati e vedrete la pace regnare sulla terra. Inginocchiatevi in preghiera, perché solo così contribuirete al trionfo definitivo del mio Cuore Immacolato. La profezia che vi ho annunciato lo scorso anno (1 gennaio 2001) si è realizzata con il triste e doloroso evento negli Stati Uniti. Pregate molto, perché tutto questo causerà ancora grandi danni all’umanità.Da secoli vengo nel mondo per chiamare gli uomini alla conversione, ma essi preferiscono la guerra, la morte e il disamore. Vengo a offrirvi una vita nuova, una vita nella grazia del Signore. Vi chiedo di essere costruttori di pace e di amore. Con i vostri esempi e con le vostre parole, cercate di portare Dio a coloro che sono lontani. Il Signore confida in voi e attende la vostra sincera e coraggiosa testimonianza. Qualunque cosa accada, non dimenticate: il Signore vi ama ed è accanto a voi. Coraggio. Non spaventatevi. State uniti a Gesù nella preghiera e nei Sacramenti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

MESSAGGI IMMEDIATAMENTE PRIMA E DOPO IL MESSAGGIO DELL’ 11 SETTEMBRE 2001

1.945 - 8 settembre 2001

Cari figli, vi chiedo di avere speranza. Il Signore è con voi e desidera accogliervi tra le sue braccia. Non perdetevi d’animo quando sentite il peso delle difficoltà. Sono vostra Madre e non vi lascerò mai soli, perché il Signore mi ha affidato la missione di prendermi cura di voi. Siate miti e umili di cuore. Ho bisogno del vostro affidamento amorevole e cosciente. So che avete la libertà, ma ascoltatemi. Voglio condurvi a Colui che è il vostro unico e vero Salvatore. Pregate. Quando siete in preghiera, siete alla presenza del Signore. Avanti con coraggio. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


1.946 - 11 settembre 2001

Cari figli, quando vi chiamo alla preghiera dovete capire che si tratta di una necessità urgente. La pace del mondo è minacciata e sono arrivati i tempi che vi ho predetto in passato. Pregate molto. Pregate davanti alla croce supplicando la Misericordia del Signore per l’umanità. Inginocchiatevi e intensificate le vostre preghiere. L’umanità si è allontanata da Dio e cammina sulle strade della distruzione e della perdizione. Tornate in fretta. Il Signore vi ama e vi attende. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

1.947 - 13 settembre 2001


Cari figli, oggi vi invito a essere costruttori di pace. Aprite i vostri cuori alla pace di Cristo, che è l’autore della pace e dell’amore. Come Cristo, portate la pace a tutti e lasciate che la vostra vita sia un costante incontro di pace. Cristo è la Luce delle nazioni. Se l’umanità desidera la pace deve tornare al Signore il più presto possibile. Gli uomini parlano di pace, ma non si sforzano di costruirla. Coloro che vivono senza pace e senza Dio camminano verso un grande abisso. Pregate. Ecco il momento del grande ritorno. Non state con le mani in mano. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Guerra al terrorismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_al_terrorismo


L'espressione Guerra al terrorismo è stata usata dal Presidente americano George W. Bushall'indomani dell'attacco terroristico alle torri gemelle di New York dell'11 settembre 2001, percepito dalla maggioranza dei cittadini americani come una aggressione alla loro nazione, al pari, se non più grave, di quella di Pearl Harbor nel 1941 ad opera dei giapponesi. Quest'ultima, infatti, fu portata contro basi militari americane situate al di fuori del territorio americano, mentre la prima ha invece colpito direttamente sul suolo americano degli obiettivi civili, con la sola eccezione di quella verso il Pentagono.
L'entità delle conseguenze dell'attacco terroristico, diverse migliaia di morti e la distruzione completa dei due grattacieli (più un palazzo di minore altezza), hanno spinto Bush a dare seguito alle teorie elaborate a suo tempo nel documento "A New American Century": vero e proprio programma degli elementi conservatori che sono indicati dai media di tutto il mondo come "neo-cons" (nuovi conservatori). Lo scopo espresso dal Presidente era ufficialmente quello di esportare la democrazia nel mondo intero con il ricorso non episodico anche alla guerra (considerata l'unica arma contro il fenomeno terrorista), come gli interventi in Afghanistan e in Iraq avrebbero dimostrato, affiancato in quest'opera da Israele con l'avvio della secondo conflitto col Libano del 2006 che mirava ad abbattere la potenza del partito fondamentalista sciita dell'Hezbollah (Hizb Allāh).
Nel suo discorso tenuto sul luogo dell'attentato, pochi giorni dopo la tragedia, lo stesso Presidente statunitense annunciava una lunga e difficile "guerra" al terrorismo internazionale che si sarebbe dovuta combattere per almeno 30 anni.
Le due invasioni sopracitate hanno avuto scenari diversi, in quanto l'Afghanistan era noto quale paese ospitante le basi di al-Qāʿida, considerata responsabile, secondo la CIA, degli attacchi suicidi sul suolo americano; dunque con una responsabilità indiretta dell'attacco stesso.
Del tutto diverso invece lo scenario per l'attacco all'Iraq. L'Amministrazione americana all'epoca espresse la propria idea di poter perseguire i suoi nemici armati anche attraverso una guerra preventiva. In altre parole una trasposizione sul piano del diritto internazionale del principio militare secondo cui "la miglior difesa è l'attacco".
Secondo le teorie sopraccitate della nuova destra americana, il terrorismo troverebbe riparo e finanziatori occulti soprattutto nei paesi ove manca una democrazia compiuta. Alcuni Stati vicino e medio-orientali avrebbero tollerato non solo la presenza di noti terroristi sul loro suolo ma spesso ne avrebbero appoggiato più o meno apertamente le rivendicazioni.
Se la cosa può essere comprovata in qualche modo per l'Afghanistan, ciò non è peraltro dimostrabile per l'Iraq che, nel settembre 2006, gli stessi USA hanno dovuto riconoscere essere stato completamente estraneo al terrorismo internazionale nel corso della pur sanguinosa presidenza di Saddam Hussein. La scelta di attaccare l'Iraq piuttosto che l'Iran o la Siria, altri "paesi canaglia", indicati quali contigui se non proprio sostenitori del terrorismo, è stata operata quindi su supposizioni e informazioni della CIA, dimostratesi poi assolutamente infondate, così come le informazioni relative alla presenza in Iraq di armi di distruzione di massa. Pur radicalmente delegittimato, l'intervento statunitense e dei suoi alleati britannici è stato però immediatamente definito come un lodevole sforzo per rendere in ogni caso il mondo intero migliore, anche a costo di ridiscutere alcuni articoli delle Convenzioni di Ginevra al fine di poter giustificare la detenzione preventiva e senza diritto di difesa dei presunti terroristi detenuti in carceri speciali, come quello nella base di Guantanamo a Cuba. Del pari gli USA ed i loro alleati hanno reclamato la legittimità della loro azione di prelevamento clandestino di sospetti terroristi, con la complicità più o meno diretta dei Paesi in cui questi ultimi risiedevano.

 Guerra al Terrorismo

Varie organizzazioni di militanti, guidate da al-Qāʿida, effettuarono attacchi agli Stati Uniti e agli alleati durante gli ultimi anni del XX secolo. Il primo attacco avvenne nel 1993, con l'attentato al World Trade Center.
Negli attacchi successivi vennero colpiti altri obiettivi: nel 1996 le Khobar Towers in Arabia Saudita, nel 1998 l'ambasciata statunitense in Tanzania e in Kenya. Il 23 febbraio dello stesso anno il Fronte Islamico Mondiale diffuse un documento intitolato "Jihad contro i Giudei e i Crociati" dove venivano descritte le azioni americane come contrarie all'"ordine di Allah".
Al-Qāʿida, guidata da Osama Bin Laden, un fondamentalista islamico, formò una grande base di operazioni in Afghanistan, che era governato dal regime islamico estremista dei Talebani fin dal 1996.
A seguito degli attacchi in Kenya e Tanzania[1], il Presidente Bill Clinton lanciò l'Operazione Infinite Reach, una campagna in Sudan e in Afghanistan contro bersagli che erano stati identificati dagli Stati Uniti come alleati di al-Qāʿida[2][3].
L'operazione non riuscì ad eliminare i leader di al-Qāʿida o gli alleati Talebani[4].
Nel 2000 venne tentato un attacco all'Aeroporto internazionale di Los Angeles e nell'ottobre dello stesso anno venne compiuto un attentato alla USS Cole[5]. L'anno successivo venne segnato dagli attentati dell'11 settembre[6].
L'enorme portata degli attacchi del 2001 (al World Trade Center di New York, al Pentagono e al Volo United Airlines 93) provocò la risposta statunitense, con l'invasione dell'Afghanistan nell'Operazione Enduring Freedom e il rovesciamento del regime Talebano in quel paese.
Nel 2001 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite adottò la risoluzione 1373, che obbligava tutti gli stati a criminalizzare l'assistenza alle attività terroristiche, negare il supporto finanziario e la protezione ai terroristi. Inoltre veniva imposta la condivisione delle informazioni sui gruppi organizzati terroristici. Nel 2005 il Consiglio di Sicurezza approvò la risoluzione 1624, che riguardava l'istigazione al terrorismo e l'obbligo di aderire alle leggi internazionali sui diritti umani[7]. Anche se le due risoluzioni richiedono obbligatoriamente alle nazioni un rapporto annuale sulle attività antiterroristiche, gli Stati Uniti e Israele si sono rifiutati di inviare questi rapporti.
Il 20 settembre 2001, durante una sessione congiunta del Congresso, il Presidente George W. Bush lanciò il concetto di guerra al terrorismo affermando:
(EN)
« Our war on terror begins with al Qaeda, but it does not end there. It will not end until every terrorist group of global reach has been found, stopped and defeated. »
(IT)
« La nostra guerra al terrore inizia con al-Qāʿida, ma non finisce lì. Non finirà fino a quando ogni gruppo terroristico di portata globale sarà trovato, fermato e sconfitto. »
Bush non disse quando lo scopo della guerra al terrorismo sarebbe stato raggiunto (in precedenza, dopo essere sceso dall'elicottero presidenziale domenica 16 settembre 2001, Bush commentò: "Questa crociata, questa guerra al terrorismo durerà molto". Successivamente l'ex presidente si scusò per queste parole a causa della connotazione negativa della parola "crociata" nelle persone di fede islamica[8]).
Il Presidente Barak Obama, nel suo discorso inaugurale tenuto il 20 gennaio 2009 affermò[9]:
(EN)
« Our nation is at war, against a far-reaching network of violence and hatred. »
(IT)
« La nostra nazione è in guerra, contro un network di vasta portata di violenza e odio »
Probabilmente, con il cambiamento di strategia dell'amministrazione Obama, la frase-slogan di "Guerra al terrore", cadrà in disuso, anche perché legata ai fallimenti del predecessore[10].

 Definizione operativa nella politica estera statunitense




Il World Trade Center, uno dei tre siti degli attentati dell'11 settembre 2001


La definizione di terrorismo degli Stati Uniti è contenuta nel Federal Criminal Code. Nel Titolo 19, Parte I, Capitolo 113B del Codice viene definito il terrorismo e i crimini associati ad esso[11] Nella sezione 2331 del Capitolo 113b, il terrorismo è definito come:
"...attività che coinvolgono violenza... <o atti che minacciano la vita>... che sono una violazione delle leggi degli Stati Uniti sul crimine o di qualunque Stato e... sono intese per (i) intimidire o coercire una popolazione civile; (ii) per influenzare la politica di un governo tramite l'intimidazione o la coercizione; o (iii) per modificare la condotta di un governo tramite la distruzione di massa, l'assassinio o il rapimento; e ...<se nazionale>... (C) avviene principalmente all'interno della giurisdizione territoriale degli Stati Uniti... <se internazionale>... (C) avviene principalmente al di fuori della giurisdizione territoriale degli Stati Uniti..."
Il presidente Bush affermò che:
"...l'odierna guerra al terrore è simile alla Guerra Fredda. È uno sforzo ideologico con un nemico che disprezza la libertà e persegue mire totalitarie... Giuro che utilizzerò tutti i vantaggi del nostro potere dello "Shock and Awe" per vincere la guerra al terrore. E, come ho detto, passeremo all'offensiva in due modi: uno, cacciare il nemico e portarlo di fronte alla giustizia, e prendere le minacce seriamente; e due, esporteremo la libertà."[12].

 Obiettivi statunitensi



L'amministrazione Bush ha definito i seguenti obiettivi nella Guerra al Terrorismo:[13]
  1. Sconfiggere i terroristi e distruggere le loro organizzazioni
  2. Identificare, localizzare e distruggere i terroristi assieme alle loro organizzazioni
  3. Negare la sponsorizzazione, il supporto e l'asilo ai terroristi
    1. Terminare la sponsorizzazione degli stati al terrorismo
    2. Stabilire e mantenere uno standard internazionale di responsabilità nella lotta al terrorismo
    3. Rafforzare e sostenere gli sforzi internazionali antiterroristici
    4. Cooperare con gli stati volenterosi
    5. Rafforzare gli stati deboli
    6. Persuadere gli stati riluttanti
    7. Convincere gli stati avversi
    8. Interdire e disgregare il supporto materiale ai terroristi
    9. Eliminare i rifugi e le protezioni ai terroristi
  4. Diminuire le condizioni che sono utilizzate dai terroristi
    1. Collaborare con la comunità internazionale per rafforzare gli stati deboli e prevenire l'insorgenza del terrorismo
    2. Vincere la guerra degli ideali
  5. Difendere i cittadini statunitensi e i loro interessi sia internamente che all'estero
    1. Implementare la Strategia Nazionale per la Sicurezza Interna (Nation Strategy for Homeland Security)
    2. Raggiungere il "Domain Awareness"
    3. Migliorare le misure per l'integrità, l'affidabilità e la disponibilità delle infrastrutture critiche sia fisiche che basate sull'informazione all'interno del paese e all'estero
    4. Integrare le misure per proteggere i cittadini statunitensi all'estero
    5. Assicurare la capacità di gestione integrata degli incidenti

 Cronologia

 Campagne e teatri di operazione

 Africa

 Corno d'Africa



In questa regione è stata estesa l'Operazione Enduring Freedom, con il nome di "OEF-HOA" (Operation Enduring Freedom - Horn Of Africa). A differenza delle altre operazioni, la OEF-HOA non ha come obiettivo una organizzazione specifica.
La OEF-HOA focalizza gli sforzi per neutralizzare e rilevare le attività dei militanti nella regione e per collaborare con i governi volenterosi per prevenire l'insorgenza di celle militanti e relative attività.
Nell'ottobre 2002, la "Combined Joint Task Force - Horn of Africa" (CJTF-HOA) venne stabilita nel Gibuti e contiene circa 2 000 effettivi, tra cui militari statunitensi, forze speciali e membri della forza di coalizione "Combined Task Force 150".
La Task Force 150 è costituita da navi appartenenti a varie nazioni, tra cui Australia, Canada, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Pakistan, Nuova Zelanda, Spagna, Regno Unito. L'obiettivo primario consiste nel monitorare, ispezionare, abbordare e fermare convogli sospetti in ingresso al Corno d'Africa[14].
In questa operazione sono state addestrate unità selezionate proveniente dalle forze armate del Gibuti, del Kenya e dell'Etiopia per apprendere tattiche di anti-terrorismo e anti-insurrezione. Tra le attività umanitarie condotte dalla CJTF-HOA sono comprese la ricostruzione di scuole e di cliniche mediche, oltre alla somministrazione di servizi sanitari alle nazioni da cui provengono le forze militari addestrate.
Il programma fa parte dell'iniziativa anti-terroristica trans-sahariana (Trans-Saharan Counter Terrorism Initiative), poiché il personale CJTF assiste anche l'addestramento delle forze armate di Ciad, Niger, Mauritania e Mali[14]. Tuttavia, la guerra al terrore non include il Sudan, dove oltre 400 000 persone hanno perso la vita a causa di terrorismo sponsorizzato dallo stato stesso[15].
Il 1 luglio 2006 un messaggio divulgato su Internet, attribuito ad Osama bin Laden, esortava la Somalia a costituire uno stato islamico e avvertiva i governi occidentali che al-Quaeda avrebbe reagito se fossero intervenuti in quel paese[16].
La Somalia è stata considerata uno "stato fallito" a causa della debolezza del governo centrale, del dominio dei signori della guerra e dall'incapacità di esercitare un controllo efficace sul territorio. A partire da metà 2006, l'Unione delle Corti Islamiche, una fazione islamista, iniziò ad effettuare una campagna per ripristinare "la legge e l'ordine" attraverso la Shari'a e prese rapidamente il controllo della maggior parte della parte meridionale della nazione.
Il 4 dicembre 2006 l'assistente al Segretario di Stato statunitense Jendayi Frazer affermò che operativi appartenenti a cellule di al-Quaeda stavano controllando l'Unione delle Corti Islamiche. Quest'ultima negò l'affermazione[17].
Nel tardo 2006 il Governo Federale di Transizione somalo, appoggiato dalle Nazioni Unite, vide il suo potere limitato solo a Baidoa, mentre l'Unione delle Corti Islamiche controllava la maggior parte del sud del paese, tra cui la capitale Mogadiscio. Il 20 dicembre le Corti Islamiche lanciarono un'offensiva alla roccaforte governativa di Baidoa e l'Etiopia dovette intervenire a favore del governo.
Il 26 dicembre le Corti Islamiche effettuarono una ritirata tattica verso Mogadiscio, prima di ritirarsi nuovamente a causa dell'avanzare delle truppe etiopi. Le forze dell'Unione delle Corti Islamiche abbandonarono Mogadiscio senza opporre resistenza e fuggirono a Kismayo, dove combatterono le forze etiopi nella Battaglia di Jilib.
Il Primo Ministro della Somalia affermò che tre sospetti terroristi, responsabili dell'attacco all'ambasciata statunitense del 1998, stavano ottenendo protezione a Kismayo[18]. Il 30 dicembre, il membro di al-Quaeda Ayman al-Zawahiri chiamò i musulmani di tutto il mondo a combattere l'Etiopia e il governo transitorio somalo[19].
L'8 gennaio 2007 gli Stati Uniti combatterono contro i militanti nella Battaglia di Ras Kamboni, impiegando AC-130[20].

 Europa

A partire dall'ottobre 2001, la NATO ha lanciato una operazione navale chiamata Operation Active Endeavour, in risposta agli attacchi dell'11 settembre. Lo scopo dell'operazione consiste nel pattugliare il Mar Mediterraneo per prevenire il movimento di terroristi o di armi di distruzione di massa e incrementare la sicurezza delle navi. L'operazione ha anche aiutato la Grecia a prevenire l'immigrazione illegale.

 Vicino Oriente




Nazioni nelle quali sono avvenuti attacchi terroristici di matrice islamica dopo l'11 settembre 2001

 Iraq

Per approfondire, vedi la voce Guerra d'Iraq.
Fin dal 1990, l'Iraq è stato considerato dagli Stati Uniti come uno stato sponsor del terrorismo[21], e dopo la Guerra del Golfo le due nazioni mantennero scarsi rapporti. Il regime di Saddam Hussein costituì diverse volte un problema per la Nazioni Unite e per le nazioni confinanti per la violazione delle risoluzioni ONU e per il supporto del terrorismo contro Israele e altre nazioni.
Dopo la Guerra del Golfo del 1991, gli Stati Uniti, la Francia e La Gran Bretagna iniziarono a pattugliare le no-fly zone irachene (zone interdette al volo) per proteggere la minoranza curda presente nella regione settentrionale e la popolazione sciita nella regione meridionale, che avevano subito attacchi da parte del regime prima e dopo la Guerra del Golfo.
Durante gli anni '90 le tensioni tra Stati Uniti e Iraq furono molto sostenute, con il lancio dell'Operazione Desert Fox nel 1998 da parte degli Stati Uniti dopo il rifiuto di "cooperazione incondizionata" da parte dell'Iraq nell'ispezione delle armi[22]. Dopo l'operazione, l'Iraq annunciò che non avrebbe più rispettato le no-fly zone e riprese le attività anti-aeree contro i velivoli alleati.
Gli attacchi aerei effettuati dal Regno unito e dagli Stati Uniti contro l'antiaerea irachena e altri bersagli militari continuarono negli anni successivi. Nello stesso anno, il Presidente Clinton firmò l'"Iraq Liberation Act", che esortava un cambiamento del regime nel paese a causa del possesso di armi di distruzione di massa da parte di Saddam Hussein, dell'oppressione dei cittadini e dell'attacco alle altre nazioni medio-orientali.
Dopo gli attentati dell'11 settembre, il governo statunitense affermò che l'Iraq era una minaccia poiché avrebbe potuto utilizzare armi di distruzione di massa ed aiutare gruppi terroristici.
L'amministrazione di George W. Bush esortò il Consiglio di sicurezza ONU per emettere una risoluzione e per inviare ispettori in Iraq in modo da verificare la presenza di armi di distruzione di massa[23][24]. La risoluzione 1441 venne approvata unanimemente ed offriva all'Iraq "un'opportunità finale per adempiere al suo obbligo di disarmarsi" o affrontare "serie conseguenze".
La risoluzione 1441 non autorizzava l'uso della forza da parte degli stati membro, quindi essa non aveva effetto sul divieto di utilizzo della forza dagli stati membro contro altri stati membro. Saddam Hussein successivamente permise agli ispettori ONU di accedere ai siti iracheni, mentre il governo statunitense continuò ad affermare che l'Iraq era ostruzionista[25].
Nell'ottobre 2002, una vasta maggioranza bipartisan nel congresso statunitense autorizzò il presidente ad utilizzare la forza per disarmare l'Iraq per "proseguire la guerra al terrorismo"[26]. Dopo non essere riusciti a convincere la Francia, la Russia e la Cina e prima che gli ispettori ONU avessero completato le ispezioni, gli Stati Uniti assemblarono una "Coalizione di volenterosi", composta dalle nazioni che avevano accordato il loro supporto alla decisione di rovesciare il regime iracheno.
Il 20 marzo 2003 venne lanciata l'invasione dell'Iraq. Il regime venne velocemente rovesciato il 1 maggio e George W. Bush affermò che le principali operazioni di combattimento in Iraq erano terminate. Tuttavia, si formò una insurrezione contro la coalizione guidata dagli Stati Uniti, il nuovo governo iracheno e le nuove forze di sicurezza irachene. Dopo la fase principale dell'invasione vennero riprese le ricerche delle armi di distruzione di massa irachene, ma ben presto fu chiaro che non erano presenti.
L'insurrezione era guidata da fuggitivi del partito Ba'th di Saddam Hussein, che comprendeva nazionalisti ed islamisti violenti, che affermavano di combattere una guerra religiosa per ristabilire il califfato islamico arabo[27].
Dopo mesi di violenze brutali contro i civili iracheni da parte di gruppi terroristici sciiti e sunniti e di milizie varie - tra cui al-Qaida - nel gennaio 2007 il presidente Bush presentò una nuova strategia per l'Operazione Iraqi Freedom, basata su teorie e tattiche anti-insurrezionalistiche sviluppate dal generale David Petraeus. Come parte della nuova strategia venne deciso l'aumento del numero delle truppe.

 Libano

Per approfondire, vedi la voce Guerra del Libano (2006).
Nel luglio 2006, a seguito dell'uccisione di tre soldati israeliani e la cattura di altri due soldati da parte degli Hezbollah, Israele invase il Libano meridionale, con lo scopo di distruggere gli Hezbollah. Il conflitto durò più di un mese e causò la morte di un numero imprecisato di libanesi, compreso tra 845 e 1300[28] e 163 israeliani (119 militari e 44 civili), con migliaia di feriti di entrambe le parti.
Sia il governo libanese (tra cui gli Hezbollah) e il governo israeliano ottemperarono i termini della risoluzione 1701 del Consiglio di sicurezza ONU, che riguardava la cessazione delle ostilità a parire dal 14 agosto 2006 alle ore 05:00. Mentre il conflitto venne in precedenza associato con le antiche ostilità Arabo-Israeliane, Israele dichiarò che stava combattendo una guerra contro il terrore[29], e anche il governo statunitense affermò che il conflitto era un fronte nella "guerra al terrore"[30], dichiarazione ripresa dal Presidente Bush il giorno della cessazione delle ostilità[31].
Il 20 maggio 2007 iniziò un conflitto nella parte settentrionale del libano tra Fatah al-Islam, una organizzazione militante islamista e le forze armate libanesi a Nahr al-Bared, un campo profughi palestinese nei pressi di Tripoli. Il conflitto evolse principalmente attorno all'assedio di Nahr el-Bared, ma scontri minori avvennero anche nel campo profughi di Ain al-Hilweh nel Libano meridionale e si verificarono diversi attentati terroristici all'interno e nei pressi della capitale Beirut.
Il gruppo Fatah al-Islam è stato descritto come un'organizzazione terroristica jihadista[32] che si ispira ad al-Qāʿida. Gli Stati Uniti fornirono appoggio militare al Libano durante il conflitto. Il 7 settembre le forze libanesi catturarono il campo e dichiararono la vittoria.
Nel maggio 2008 la crisi politica, che perdurava da 17 mesi, divenne fuori controllo. Nuovi combattenti dai movimenti sciiti degli Hezbollah e Amal, si scontrarono con altre milizie filo-governative sunnite, tra cui il Partito Movimento Futuro in diverse aree della capitale.
Il governo venne appoggiato dagli Stati Uniti, mentre i militanti sciiti vennero armati e finanziati dalla Siria e dall'Iran. Il 21 maggio 2008 venne raggiunto un accordo per terminare la faida politica che rischiò di trascinare il paese in una nuova guerra civile[33].

 Striscia di Gaza

Il conflitto tra Fath e Hamas iniziò nel 2006 e continuò, sotto diverse forme, fino a metà del 2007. Questa ostilità tra le due principali fazioni palestinesi ha avuto lo scopo di assumere il controllo politico dei territori palestinesi.
La maggior parte dei combattimenti avvenne nella Striscia di Gaza, che cadde sotto il controllo di Hamas nel giugno 2007. Fath era appoggiato dagli Stati Uniti, mentre Hamas era considerata un'organizzazione terroristica dagli stessi Stati Uniti, dalle Nazioni Unite e dall'Unione Europea. Ciononostante, Hamas vinse le prime elezioni libere e democratiche tenute nei territori palestinesi.
A seguito dal controllo della Striscia di Gaza da parte di Hamas, preso a seguito della violenta Battaglia di Gaza, Israele impose un embargo al territorio. Hamas iniziò una serie di attacchi con razzi che colpirono la regione meridionale di Israele. Questi attacchi culminarono a dicembre 2008, quando gli attacchi si intensificarono e Israele rispose con pesanti attacchi aerei il 27 dicembre 2008. Almeno 225 palestinesi persero la vita il primo giorno dell'attacco israeliano. Dopo una settimana di attacchi aerei le truppe israeliane iniziarono le operazioni di terra ed attaccarono la striscia di Gaza il 4 gennaio 2009. Questo attacco tagliò Gaza in tre parti e il 18 gennaio 1 330 palestinesi (940 civili) e 13 israeliani (10 soldati) erano stati uccisi. Per alcuni il conflitto è stato considerato, analogamente al conflitto in Libano del 2006, come una guerra di prossimità tra gli alleati occidentali di Israele e l'Iran[34].

 Asia centrale e meridionale

 India

In India si è assistito ad una decisa crescita del terrorismo di matrice islamica durante gli anni '80 e il XXI secolo. Il recente aumento di attività di gruppi terroristi legati al Pakistan e alla regione del Kashmir, come Lashkar-e-Toiba, Jaish-e-Mohammed e Hizbul Mujahideen hanno creato gravi problemi alla nazione.
I principali attentati terroristici causati da gruppi islamici comprendono l'attentato a Mumbai del 1993, gli attentati nel Kashmir come il massacro di Wandhama, di Kaluchak e di Chittisinghpura. Altri attacchi terroristici includono:
Dopo l'attacco del parlamento indiano del 2001, le tensioni tra India e Pakistan aumentarono a seguito delle accuse indiane al Pakistan per non aver preso misure sufficienti per contenere i gruppi terroristici anti-indiani. Di conseguenza in un massiccio spiegamento di truppe tra il 2001 e il 2002 tra India e Pakistan lungo il confine internazionale tra le due nazioni e aumentando le paure internazionali di una guerra nucleare.
La diplomazia internazionale permise di ridurre le tensioni tra le due potenze nucleari. Il Pakistan venne accusato anche di essere a favore dell'attacco terroristico alla ambasciata indiana a Kabul del 2008[35].
I rivoltosi nella regione del Kashmir che avevano iniziato a creare un movimento indipendentista, cambiarono radicalmente l'ideologia ponendosi obiettivi di tipo religioso[36].
L'agenzia di intelligence indiana "Research and Analysis Wing" rilevò una connessione tra i gruppi terroristici islamici basati in Afghanistan e i ribelli del Kashmir[37]. Anche al-Qāʿida supportò ideologicamente e finanziariamente il terrorismo nel Kashmir, e Osama bin Laden chiese costantemente di scatenare una jihad contro l'India[38]. I gruppi fondamentalisti islamici fecero propaganda in molte nazioni contro l'India con affermazioni retoriche su "idolatri e Indù" che "occupano il Kashmir"[39].
Il governo e le forze armate indiane hanno preso numerose misure anti-terrorismo per contrastare l'ascesa di cellule di miliziani nella nazione[40]. Alcune misure sono state criticate dai gruppi che difendono i diritti umani per essere troppo draconiane, in particolar modo nel Kashmir[41].
Tuttavia, l'aumento dei controlli da parte delle forze di sicurezza indiane ha avuto un impatto positivo nel numero degli attacchi terroristici, che sono diminuiti nel 2007[42]. India è considerata uno dei principali alleati nella guerra al terrorismo[43] ed ha collaborato strettamente alle attività anti-terroristiche con diverse nazioni, tra cui gli Stati Uniti, il Giappone[44], la Cina[45], l'Australia[46], Israele[47], il Regno Unito[48] e la Russia[49].
L'India è stata criticata nelle operazioni nel Jammu e nel Kashmir, una dura risposta militare nella quale 40 persone, per la maggior parte civili disarmati che stavano protestando, vennero uccisi dalle forze armate indiane[50].

 Afghanistan

Per approfondire, vedi la voce Invasione statunitense dell'Afghanistan.






Nell'ottobre 2001, poco dopo gli attentati dell'11 settembre negli Stati Uniti, le forze statunitensi e britanniche (assieme ad altri alleati) invasero l'Afghanistan per neutralizzare le forze di al-Qāʿida e rovesciare il regime dei Talebani che controllava il paese ed offriva protezione a Osama bin Laden.
Il 20 settembre 2001, il Presidente George W. Bush comunicò al regime talebano un ultimatum per consegnare Osama bin Laden e i leader di al-Qāʿida presenti nel paese[51]. I talebani richiesero delle prove sul collegamento tra bin Laden agli attentati e, se tali prove potevano garantire un processo, essi offrivano di gestire il medesimo in una Corte Islamica[52].
Il 7 ottobre 2001 iniziò ufficialmente l'invasione delle forze statunitensi e britanniche, che condussero bombardamenti aerei prima di iniziare la campagna terrestre.
La conduzione della guerra in Afghanistan fu un obiettivo a priorità inferiore per il governo statunitense rispetto alla guerra in Iraq. L'ammiraglio Mike Mullen, affermò che mentre la situazione in Afghanistan era "precaria e urgente", le 10 000 truppe aggiuntive necessarie non sarebbero state disponibili "in maniera significativa" fino al ritiro delle truppe dall'Iraq[53].

 Pakistan

Zayn al-Abidin Muhammed Hasayn Abu Zubayda, di origini saudite, fu arrestato da personale pachistano durante la settimana del 23 marzo 2002 durante delle operazioni congiunte di Stati Uniti e Pakistan.
Zubaydah venne accusato di appartenere ad al-Qāʿida e di ricoprire un'alta carica all'interno dell'organizzazione, con il titolo di capo operazioni e con l'incarico di gestire i campi di addestramento di al-Qāʿida[54].
Il 14 settembre dello stesso anno, venne arrestato in Pakistan Ramzi bin al-Shibh, dopo uno scontro a fuoco di tre ore con le forze di polizia. Ramzi bin al-Shibh condivideva la camera con Mohamed Atta ad Amburgo, in Germania e fu un finanziatore delle operazioni di al-Qāʿida. È stato ipotizzato che dovesse essere un altro dirottatore, tuttavia, il dipartimento di immigrazione statunitense rifiutò il suo visto tre volte. Il flusso di denaro trasferito da Ramzi bin al-Shibh dalla Germania agli Stati Uniti lo collega sia a Mohamed Atta che a Zakariya Musawi[55].
Il 1 marzo 2003 venne arrestato Khalid Shaykh Muhammad durante un raid organizzato dalla CIA nei pressi di Rawalpindi, a 14 km di distanza dalla capitale Pakistana di Islamabad. Muhammad era, al momento della cattura, il terzo ufficiale di grado più elevato all'interno di al-Qāʿida e fu direttamente incaricato di pianificare gli attentati dell'11 settembre.
Muhammad era sfuggito alla cattura nella settimana precedente, ma il governo pakistano riuscì ad utilizzare le informazioni provenienti da altri sospetti catturati per localizzarlo. Nel 1996 fu accusato dagli Stati Uniti anche per un suo collegamento ad Oplan Bojinka, un piano per compiere attentati su una serie di aerei civili statunitensi.
Muhammad venne accusato di essere collegato ad altri eventi criminosi come: l'ordine di uccidere il reporter del Wall Street Journal Daniel Pearl, l'attentato allo USS Cole, il tentativo di Richard Reid di far esplodere un aereo civile con dell'esplosivo posto all'interno di una scarpa e l'attacco terroristico alla sinagoga di El Ghriba a Djerba, in Tunisia. Khalid Shaykh Muhammad si è dichiarato a capo del comitato militare di al-Qāʿida[56].
Nel 2006 il Pakistan venne accusato dai comandanti della NATO di aiutare e supportare i Talebani in Afghanistan[57], ma successivamente la stessa NATO ammise di non possedere prove certe contro il governo pakistano[58].
Nel 2007 emerse tuttavia degli indizi dell'esistenza di taglie fino a 1 900 CDN$ per ogni membro della NATO ucciso[59].
Il governo afghano inoltre accusò l'ISI di aiutare i militanti, tra cui la protezione del comandante anziano talebano Mullah Dadullah. L'accusa venne negata dal governo Pakistano. Nel frattempo l'India continuò ad accusare l'ISI pakistano di pianificare diversi attacchi terroristici nella regione del Kashmir e nel resto della repubblica indiana, tra cui l'attentati ai treni a Mumbai dell'11 luglio 2006, che invece sono considerati dal Pakistan come attacchi compiuti da gruppi terroristici locali[60].
Altre nazioni come l'Afghanistan e il Regno Unito hanno accusato il Pakistan di sponsorizzare e finanziare il terrorismo. Con l'impegno militare statunitense in Pakistan e nel vicino Afghanistan sono aumentati enormemente gli aiuti militari. Nei tre anni precedenti agli attacchi dell'11 settembre, il Pakistan ha ricevuto circa 9 milioni di dollari in aiuti militari da parte degli Stati Uniti. Nei tre anni successivi gli aiuti sono aumentati a 4,2 miliardi di dollari, rendendo il Pakistan il paese beneficiario della maggiore quantità di fondi[61].
Un tale flusso di denaro ha alimentato preoccupazioni riguardanti le relative garanzie, poiché l'impiego non è documentato e potrebbe essere dedicato alla soppressione dei diritti umani della popolazione civile e all'acquisto di armi per controllare problemi locali come la rivolta nel Balochistan. Il Pakistan ha accusato l'India di sostenere i gruppi terroristici all'interno del Balochistan per creare disordini all'interno della nazione.
 Waziristan
Nel 2004 l'esercito pakistano lanciò una campagna nelle Aree tribali di Amministrazione Federale della regione del Waziristan, inviando 80 000 truppe. L'obiettivo era la rimozione delle forze talebane e di al-Qāʿida dalla regione.
Dopo la caduta del regime talebano molti membri della resistenza fuggirono nella regione settentrionale di confine con il Pakistan, dove l'esercito pakistano non esercitava uno stretto controllo. Con la logistica e il supporto aereo statunitense, l'esercito pakistano catturò o uccise numerosi membri di al-Qāʿida come Khalid Shaykh Muhammad, ricercato per il suo coinvolgimento nell'attentato allo USS Cole, nel progetto Oplan Bojinka e nell'assassinio del giornalista Daniel Pearl.

 Sudest asiatico

 Indonesia

Nel 2002 e nel 2005 l'isola Indonesiana di Bali venne colpita da attentati suicidi e autobombe che uccisero più di 200 persone e ne ferirono più di 300. L'attentato del 2002 era stato compiuto tramite una bomba nascosta in uno zaino all'interno di un bar, un'autobomba telecomandata posta di fronte al "Sari Club" e una terza bomba di fronte al consolato statunitense.
Nell'attentato del 2005 una persona si fece esplodere a Jimbaran e un'altra persona nella piazza principale di Kuta. Il gruppo Jemaʿa Islamiyya è stato sospettato dalle autorità.
Il 9 settembre 2004 un'autobomba esplose nei pressi dell'ambasciata Australiana a Giakarta, uccidendo 10 indonesiani e ferendone altri 140[62]. Il ministro degli esteri Alexander Downer riferì che venne inviato alle autorità indonesiane un messaggio SMS minacciando l'attentato se non fosse stato rilasciato Abu Bakar Bashir, detenuto in prigione[63].
Abu Bakar Basyir era imprigionato con l'accusa di tradimento per il suo supporto agli attentati di Bali del 2002 e del 2005[64].

 Filippine





Nel gennaio 2002 il Comando Operazioni Speciali degli Stati Uniti del Pacifico dispiegò nelle Filippine delle forze armate per supportare ed assistere le forze armate delle Filippine nelle operazioni anti-terrorismo. Le operazioni si concentrarono principalmente sulla neutralizzazione del gruppo Abu Sayyaf e Jemaʿa Islamiyya, che erano arroccati sull'isola di Basilan.
L'esercito statunitense riferì di aver neutralizzato oltre l'80% dei membri del gruppo Abu Sayyaf dalla regione. La seconda fase dell'operazione era costituita da un programma umanitario per portare cure mediche e servizi vari nella regione di Basilan, in modo da prevenire una futura insorgenza dei gruppi terroristici.

 Nord America

 Stati Uniti d'America





Il Congresso stanziò 40 miliardi di dollari per l'emergenza terrorismo, con altri 20 miliardi di dollari aggiuntivi per l'industria del trasporto aereo.
Il dipartimento della giustizia lanciò una procedura di registrazione speciale per alcune persone di sesso maschile che non possedevano la cittadinanza statunitense. La registrazione, di persona, era effettuata negli uffici dell'Immigration and Naturalization Service.
Oltre agli sforzi militari all'estero, dopo gli attentati dell'11 settembre l'amministrazione Bush aumentò gli sforzi interni per prevenire futuri attentati. Venne creata una nuova agenzia di sicurezza chiamata "United States Department of Homeland Security" per guidare e coordinare le attività anti-terroristiche federali.
Il "Patriot Act" rimosse alcune restrizioni legali nella condivisione delle informazioni tra agenzie federali e servizi di intelligente e permise l'investigazione su sospetti terroristi. Il programma di tracciamento finanziario permise di monitorare i movimenti delle risorse finanziarie dei gruppi terroristici (questo programma venne sospeso dopo essere stato rivelato del giornale New York Times). Il programma di sorveglianza elettronico dell'NSA permise di studiare le telecomunicazioni di terroristi e sospetti tali.
Alcuni gruppi hanno accusato queste leggi di rimuovere restrizioni importanti alle autorità governative, e di costituire una pericolosa invasione delle libertà civili, delle possibili violazioni costituzionali del IV emendamento. Il 30 luglio 2003 l'ACLU iniziò la prima battaglia legale contro la sezione 215 del Patriot Act, affermando che permetteva all'FBI di violare i diritti del primo e del quarto emendamento e il diritto ad un processo, permettendo di compiere investigazioni senza avvertire il sospettato dell'investigazione stessa[65].
In un discorse del 9 giugno 2005 Bush affermò che il Patriot Act era stato impiegato per muovere accuse a più di 400 sospetti, di cui più della metà è stato incriminato. Contemporaneamente l'American Civil Liberties Union (ACLU) citò i dati del dipartimento di giustizia che mostravano circa 7 000 abusi del Patriot Act.
Il DARPA iniziò nel 2002 la creazione del programma Total Information Awareness, progettato per fornire tecnologie dell'informazione anti-terroristiche. Il programma, che venne aspramente criticato, venne affossato dal Congresso.
Vari uffici governativi che gestivano funzioni militari e di sicurezza vennero riorganizzati. In particolare, il Department of Homeland Security venne creato per coordinare la sicurezza interna nella più grande riorganizzazione interna del governo federale dal consolidamento delle forze armate nel Dipartimento della Difesa.
Dopo l'11 settembre, venne creato segretamente l'Office of Strategic Influence per coordinare operazioni di propaganda, ma venne chiuso subito dopo essere stato scoperto. L'amministrazione Bush implementò il piano chiamato "Continuity of Operations Plan" per assicurare il proseguimento delle attività governative anche in circostanze catastrofiche.
Dall'11 settembre vari estremisti islamici hanno cercato di compiere attacchi nel territorio statunitense, a diversi livelli di organizzazione. Alcuni tra gli attacchi sventati sono:

 Regno Unito




7/7 Bombings, Central London


L'attentato terroristico più grave nel Regno Unito, il cosiddetto Disastro di Lockerbie è avvenuto nel 1988 su un volo Pan Am partito dall'Aeroporto di Londra-Heathrow con destinazione negli Stati Uniti. Persero la vita 200 cittadini britannici e statunitensi.
Il 7 luglio 2005 diversi terroristi giunsero a Londra e fecero esplodere diversi ordigni nel sistema della Metropolitana londinese uccidendo 57 persone. I terroristi lasciarono un video dove si minacciava il governo britannico e i cittadini che sarebbero seguiti altri attentati.
Esattamente due settimane dopo, il 21 luglio, altri terroristi islamici giunsero a Londra, tentando di far esplodere altre bombe nella metropolitana. Dal mese di luglio 2005 vennero tentati altri attentati, ma i servizi di sicurezza ed intelligence li fermarono.
Nell'agosto 2006 venne sventato dall'intelligence statunitense e britannica un grande piano per colpire diversi aerei civili che volavano da vari aeroporti britannici verso gli Stati Uniti. Se avessero avuto successo avrebbero potuto causare un elevato numero di vittime.
Diverse persone vennero arrestate in varie città nel Regno Unito. Questo piano causò un deciso incremento nella sicurezza aeroportuale in Europa e negli Stati Uniti. Le nuove regole includono il divieto di trasportare liquidi nel bagaglio a mano, tranne in piccole quantità. I contenitori di liquido ammessi devono inoltre essere trasportati in un sacchetto di plastica trasparente.




  Canary Wharf, a Londra, è uno dei distretti finanziari più grandi del mondo ed è considerato da Scotland Yard come un bersaglio potenziale.
Nel luglio 2007, appena dopo le dimissioni dell'ex Primo Ministro Tony Blair e l'ascesa di Gordon Brown, il Regno Unito era in una situazione di emergenza a causa delle inondazioni. I terroristi si spostarono a Glasgow, in Scozia e guidarono una piccola jeep carica di contenitori di gas nell'ingresso del terminal principale dell'Aeroporto di Glasgow e la incendiarono. Uno dei terroristi portava legato al corpo una bomba, e venne immobilizzato e fermato dalla polizia. Successivamente perse la vita in ospedale a causa delle gravi ustioni provocate dall'incendio dell'automezzo. Gli altri terroristi vennero condannati all'ergastolo dopo essere stati giudicati nel Regno Unito. Nessun civile venne ferito dall'attacco, anche se provocò panico di massa.

 Sud America

 Colombia

A seguito degli attentati dell'11 settembre il governo degli Stati Uniti aumentò gli aiuti militari in Colombia. Nel 2003 vennero spesi 98 milioni di dollari per l'addestramento e l'equipaggiamento dell'esercito colombiano.
Questi aiuti erano destinati alla lotta del governo colombiano contro il gruppo di ribelli delle FARC, che è considerato terroristico dal governo statunitense. È stato ipotizzato un collegamento tra i militanti delle FARC e i cartelli della droga sudamericani[66].

 Sostegno internazionale

Il 12 settembre 2001, a meno di 24 ore dagli attacchi terroristici a New York e Washington, la NATO invocò l'articolo 5 del Trattato Nord Atlantico e dichiarò che gli attacchi sarebbero stati considerati un attacco a tutti le 19 nazioni membro della NATO. Il primo ministro australiano John Howard dichiarò che l'Australia avrebbe invocato il trattato ANZUS con argomentazioni simili.
Nei mesi seguenti la NATO prese misure su larga scala per rispondere alla minaccia terroristica. Il 22 novembre 2002 gli stati membro dell'EAPC decise un piano di azione contro il terrorismo dove si affermava che "l'EAPC afferma di impegnarsi alla protezione e alla promozione delle libertà fondamentali e dei diritti umani, assieme al rispetto della legge, nel combattimento del terrorismo"[67]. La NATO iniziò le operazioni navali nel Mar Mediterraneo per prevenire i movimenti di terroristi o armi di distruzione di massa, oltre all'aumento della sicurezza dei convogli navali. L'operazione venne chiamata Operation Active Endeavour.
L'invasione dell'Afghanistan è stata considerata la prima azione della guerra al terrorismo, ed inizialmente coinvolse le forze degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell'Alleanza del nord afghana.
Il supporto internazionale agli Stati Uniti si raffreddò quando divenne chiara la determinazione ad invadere l'Iraq al termine del 2002. Comunque molte delle nazioni che avevano costituito la "coalizione dei volenterosi" e avevano inviato truppe in Afghanistan, in particolar modo il vicino Pakistan, contribuirono con decine di migliaia di soldati. Il Pakistan era impegnato anche nella guerra nel Waziristan. Supportato dall'intelligence statunitense, in questo conflitto il Pakistan cercò di neutralizzare l'insurrezione talebana e alcuni elementi di al-Qāʿida dalle aree tribali settentrionali.

 International Security Assistance Force

Per approfondire, vedi la voce International Security Assistance Force.
Nel dicembre 2001 venne creata la International Security Assistance Force, guidata dalla NATO, per assistere il governo di transizione afghano e il primo governo eletto democraticamente. Nel 2006, durante un rafforzamento dell'insurrezione dei Talebani, è stato annunciato che l'ISAF avrebbe sostituito le truppe statunitensi come parte dell'Operazione Enduring Freedom.
La 16ª brigata di assalto britannica (successivamente rinforzata dai Royal Marines), costituisce il nucleo delle forze dell'Afghanistan meridionale, assieme a truppe ed elicotteri delle forze militari dell'Australia, del Canada e dell'Olanda. Inizialmente le forze erano costituite all'incirca da 3 300 britannici, 2 000 canadesi, 1 400 olandesi e 240 australiani, oltre a forze speciali dalla Danimarca e dall'Estonia (e piccoli contingenti da altre nazioni)[68][69][70][71].
Sommario delle principali nazioni che hanno contribuito con truppe[72]


Totale ISAF - 50 700
 Stati Uniti - 19 950 (numero totale delle truppe in Afghanistan: 48 250)
 Regno Unito - 8 745
 Germania - 3 600
 Francia - 2 785
 Canada - 2 750
 Italia - 2 350
 Polonia - 1 130
 Australia - 1 090
 Turchia - 860
 Spagna - 780
 Romania - 740
 Danimarca - 700
 Bulgaria - 460
 Norvegia - 455
 Rep. Ceca – 415

 Critiche

 La guerra come impegno indefinito ed indeterminato

Alcuni esperti politici hanno criticato la "Guerra al Terrorismo" come una metafora irresponsabile, affermando che la "guerra" deve essere per definizione dichiarata contro nazioni e non contro categorie vaste e controverse come il "terrorismo". George Lakoff, un linguista cognitivo, scrisse che:
« Le guerre - vere e non metaforiche - sono condotte contro eserciti di altre nazioni. Esse terminano quando gli eserciti sono sconfitti militarmente e viene firmato un trattato di pace. Il terrore è uno stato emotivo. È in noi. Non è un esercito. E non lo si può sconfiggere militarmente, e neppure firmare un trattato di pace con esso.[73] »
David Kilcullen, un consulente del Generale David Petraeus e del Segretario di Stato Condoleezza Rice in materia di tecniche di anti-insurrezione e anti-terrorismo, ha affermato che:
« Si deve distinguere tra al-Qāʿidae i movimenti militanti più vasti che essa simboleggia - entità che usano il terrorismo - dalle tattiche di terrorismo. In pratica, come verrà dimostrato, la 'Guerra al Terrorismo' è una guerra difensiva contro una jihadislamica globale, una confederazione variegata di movimenti che utilizzano il terrorismo come tattica principale, ma non unica[74] »
Francis Fukuyama, un ex esponente neoconservativo, ha sottolineato un concetto simile:
« Il termine "guerra al terrorismo" è improprio, derivato da idee distorte sulla minaccia principale che affronta oggigiorno l'America. Il terrorismo è solo un mezzo per un dato scopo; in questo aspetto, una "guerra al terrore" non ha più senso di una guerra ai sottomarini[75] »
Anche il termine "terrorismo" è stato criticato per la sua vaghezza. Lo United Nations Office on Drugs and Crime ha osservato che:
« La mancanza di consenso su una definizione di terrorismo ha costituito un ostacolo all'adozione di contromisure internazionali significative. I cinici hanno spesso affermato che chi è un "terrorista" in uno stato è considerato un "combattente per la libertà" in un altro »
In un articolo, l'ufficiale francese Jean-Pierre Steinhofer ha descritto la guerra al terrore come una "perversione semantica, strategica e legale... il terrorismo non è un nemico, ma un metodo di combattimento"[76].
Ulteriori critiche considerano che la Guerra al Terrorismo fornisce un sistema per mantenere uno stato di guerra perpetua, poiché l'annuncio di obiettivi così vaghi produce una situazione di conflitto senza fine, perché i "gruppi terroristici" possono continuare a sorgere indefinitamente[77].
Il Presidente Bush promise che la Guerra al Terrorismo "non terminerà fino a quando ogni gruppo terroristico di portata globale non sarà trovato, fermato e sconfitto.". Durante una visita agli Stati Uniti nel luglio 2007, il Primo Ministro britannico Gordon Brown definì la Guerra al Terrore, e in particolare all'elemento che coinvolge il conflitto con al-Qāʿida una "battaglia generazionale"[78].

 Strategia controproduttiva

Molti esperti di sicurezza, politici e organizzazioni hanno affermato che la Guerra al Terrorismo è stata controproduttiva: ovvero ha consolidato l'opposizione agli Stati Uniti, ha aiutato il reclutamento dei terroristi e ha incrementato la possibilità di attacchi contro gli Stati Uniti e i suoi alleati. In un documento, l'Oxford Research Group ha riferito che:
« Al-Qāʿida e i suoi affiliati restano attivi ed efficaci, con una base di supporto più forte e una maggiore intensità di attacchi dopo l'11 settembre. ...La seconda amministrazione Bush, lontana dalla vittoria nella Guerra al Terrore, sta portando avanti politiche che non limitano i movimenti paramilitari e stanno di fatto aumentando un violento anti-americanismo[79] »
Il "The Guardian" ha descritto delle ricerche commissionate dal Ministro della Difesa britannico:
« La guerra in Iraq... ha funzionato come un sistema di reclutamento di estremisti in tutto il modo islamico... l'Iraq ha radicalizzato una gioventù già disillusa ed al-Qāʿida ha fornito la volontà, l'intento, lo scopo e l'ideologia per agire[80] »
Peter Bergen e Paul Cruickshank, ricercatori al "Center on Law and Security" della "NYU School of Law", hanno accusato la guerra in Iraq di aver potenziato la "globalizzazione del martirio", che ha "generato un incremento di sette volte nel tasso annuale di attacchi jihadisti fatali, totalizzando letteralmente migliaia di civili morti"[81].
La National Intelligence Estimate ha inoltrato nel 2007 la seguente raccomandazione:
« Il conflitto iracheno è diventato la "cause celebre" per i jihadisti, coltivando un profondo risentimento per il coinvolgimento statunitense nel mondo musulmano e accrescendo i supporter per il movimento jihadista globale.[82] »
Il 19 settembre 2008 la RAND Corporation ha presentato i risultati di uno studio per "Sconfiggere i gruppi terroristici". Lo studio inizia con l'affermazione della tesi: "Gli Stati Uniti non possono continuare a condurre una compagna antiterroristica efficace contro al-Qāʿida senza comprendere come si neutralizzano i gruppi terroristici". Le conclusioni comprendono forti raccomandazioni per un cambiamento strategico delle politiche: "I militari statunitensi dovrebbero resistere dall'essere trascinati in operazioni di combattimento nelle nazioni musulmane dove la sua presenza probabilmente causa un incremento nel reclutamento di terroristi". Viene inoltre consigliato di "dismettere la nozione di 'guerra' al terrorismo". Concludendo, lo studio della RAND consiglia: "Di gran lunga la strategia più efficace contro i gruppi religiosi è stato l'impiego della polizia locale e dei servizi di intelligence, che hanno neutralizzato il 73% dei gruppi [terroristici] dal 1968"[83].

 Doppio standard

Altre critiche hanno colpito il "doppio standard" con cui gli Stati Uniti trattano con alleati chiave che contemporaneamente supportano gruppi terroristici, come il Pakistan. Il Presidente dell'Afghanistan Hamid Karzai ha affermato ripetutamente che "nella guerra contro il terrorismo [...] il fronte centrale è il Pakistan". Inoltre il Pakistan è stato accusato di fornire operativi ai Talebani attraverso operazioni sotto copertura da parte degli ISI[84]. Le accuse riguardano anche le libertà civili e i diritti umani[85]. La Federation of American Scientists ha aggiunto che: "nella fretta di rafforzare il 'fronte' degli stati, per affrontare le minacce terroristiche transnazionali sul proprio suolo, e per guadagnare la cooperazione dei regimi di importanza geostrategica nella prossima fase della "Guerra al Terrorismo", l'amministrazione sta ignorando le restrizioni normative sugli aiuti statunitensi ai trasgressori dei diritti umani"[86]. Amnesty International ha affermato che il Patriot Act fornisce al governo statunitense la libertà di violare i diritti costituzionali dei cittadini[87].
L'opposizione alla "Guerra al Terrorismo" è stata alimentata anche dalle accuse all'amministrazione Bush di aver utilizzato la extraordinary rendition, le prigioni segrete e la tortura[88][89][90].

 Diminuzione del supporto internazionale

Nel 2002 nel Regno Unito, in Francia, Germania, Giappone, India e Russia erano presenti forti maggioranze a supporto della guerra al terrorismo guidata dagli Stati Uniti. Nel 2006 il supporto alla guerra era in minoranza nel Regno Unito (49%), in Francia (43%), Germania (47%), Giappone (26%). In Russia la maggioranza che sosteneva la guerra al terrorismo era calata del 21%. Mentre in Spagna il 63% sosteneva gli sforzi bellici nel 2003, solo il 19% era della stessa opinione nel 2006. Il 19% della popolazione cinese sosteneva la guerra, così come meno di un quinto della popolazione in Turchia, in Egitto e in Giordania. L'opinione sulla guerra al terrorismo in India è rimasta stabile[91]. Andrew Kohut, parlando all'"House Committee on Foreign Affairs" ha fatto notare che, in base ai sondaggi condotti dal "Per Research Center" nel 2004, "le maggioranze o le pluralità in sette delle nove nazioni esaminate hanno affermato che la guerra condotta dagli Stati Uniti al terrorismo non era uno sforzo sincero nel ridurre il terrorismo internazionale. Questo è vero non solo nelle nazioni musulmane come il Marocco e la Turchia, ma anche in Francia e in Germania. Lo scopo vero della guerra al terrorismo, in base a questi scettici, è il controllo statunitense del petrolio mediorientale e il dominio americano sul mondo"[92].
Stella Rimington, ex capo dei servizi segreti britannici MI5, ha criticato la guerra al terrore considerandola una "enorme reazione", e ha sminuito gli sforzi di militarizzazione e politicizzazione degli Stati Uniti, che sono stati considerati un approccio sbagliato al terrorismo[93]. David Milliband, segretario all'estero britannico, ha chiamato la strategia uno "sbaglio"[94][95].

 Abuso di potere

La guerra al terrorismo è stata vista anche come un pretesto per ridurre le libertà civili. Il programma di sorveglianza elettronico dell'NSA e il programma Total Information Awareness della DARPA sono stati due esempi di programmi di monitoraggio governativo post-11 settembre. Anche se principalmente pensati per registrare comportamenti terroristici, i critici evidenziarono su come i cittadini potevano essere indotti dal monitoraggio all'autocensura.

 Ruolo dei media statunitensi

I ricercatori nell'area degli studi sulla comunicazione e sulle scienze politiche hanno evidenziato che la comprensione americana della guerra al terrorismo era modellata direttamente dai resoconti effettuati dai mass media sugli eventi associati alla guerra. Nel libro Bush’s War: Media Bias and Justifications for War in a Terrorist Age[96] il ricercatore Jim A. Kuypers "trovò delle massicce faziosità in parte della stampa". Egli chiamò i mass media una "istituzione antidemocratica" nelle sua conclusione. "Quello che è essenzialmente avvenuto dall'11 settembre è una ripetizione da parte di Bush degli stessi temi e "Immediatamente dopo l'11 settembre, i mass media (rappresentati da CBS, ABC, NBC, USA Today, New York Times e Washington Post) ripeterono i concetti di Bush, ma dopo 2 mesi iniziarono intenzionalmente ad ignorare alcune informazioni, reinserendo i temi di Bush o introducendo intenzionalmente nuove notizie per spostare l'attenzione".
Questo comportamento viola una importante funzione della stampa, che consiste nel riferire un punto di vista alternativo. "In breve", spiega Kuypers, "se qualcuno avesse fatto affidamento solo ai mass media per ottenere informazioni, non avrebbe avuto idea di quello che il presidente stava effettivamente dichiarando. Fu come se la stampa riferisse un discorso diverso". Kuypers esaminò i temi sull'11 settembre e sulla guerra al terrore utilizzati dal Presidente, e li comparò con i temi utilizzati dalla stampa quando veniva riferito ciò che aveva detto il Presidente.
"Il Framing è un processo nel quale i comunicatori, consciamente o inconsciamente, agiscono per costruire un punto di vista che incoraggia l'interpretazione i fatti di una data situazione in un particolare modo.", scrive Kuypers. Queste scoperte suggeriscono una disinformazione pubblica sulla giustificazione e sui piani del governo relativi alla guerra al terrore.
Altri hanno suggerito che la copertura stampa ha contribuito a rendere il pubblico confuso e disinformato sia sulla natura che sul livello di minaccia posta dal terrorismo agli Stati Uniti. Nel suo libro Trapped in the War on Terror[97], il politologo Ian S. Lustick afferma "I media hanno fornito costante attenzione a possibili catastrofi provocate dal terrorismo e ai fallimenti e alla debolezza della risposta governativa." Lustick sospetta che la guerra al terrore sia disconnessa alla reale ma remota minaccia che costituisce il terrorismo, argomentando che una generalizzata guerra al terrore ha iniziato a giustificare l'invasione dell'Iraq, ma successivamente ha continuato di vita propria, alimentata dai media.
L'analisi del mass mediologo Stephen D. Cooper nel libro Watching the Watchdog: Bloggers As the Fifth Estate[98] contiene molti esempi di controversie riguardanti i resoconti dei mass media sulla guerra al terrorismo. Copper scoprì che molte agenzie giornalistiche dovettero ritrattare o modificare degli articoli a causa della scoperta, da parte di autori di blog, di inaccuratezze su fatti oggettivi o dell'assenza di verifiche dei fatti prima della pubblicazione.
Copper rilevò che alcuni blogger specializzati nella critica della copertura mediatica avanzavano quattro argomentazioni:
  1. i resoconti dei mass media sulla guerra al terrorismo frequentemente contenevano fatti non veri. In alcuni casi questi errori non venivano corretti, oppure le correzioni erano in secondo piano rispetto alla rilevanza fornita alla notizia
  2. i mass media non avrebbero in alcuni casi controllato la provenienza delle informazioni o delle immagini provenienti da fonti irachene locali
  3. spesso gli articoli contenevano faziosità; in particolare, le interviste ai "passanti" erano spesso utilizzate come rappresentazione dell'intera opinione pubblica, invece di indagini statistiche metodologiche
  4. infine, i resoconti dei mass media tendevano ad essere concentrati nelle aree più violente dell'Iraq, invece di quelle calme

Terza guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Terza_guerra_mondiale
VEDI POST DI APPROFONDIMENTO  venerdì, 12 agosto 2011
PROFEZIE DI ANGUERA - TERZA GUERRA MONDIALE
Questo timore è infatti nutrito dall'elevato numero di armi nucleari ancora in circolazione, sia negli USA che in Russia, e dal sempre maggior rischio di attentati terroristici a seguito degli attentati dell'11 settembre 2001 e della successiva cosiddetta "Guerra al terrorismo" lanciata dagli Stati Uniti[13].

 

Usa, guerra totale permanente: poteri speciali a Obama?

Fonte: http://www.libreidee.org/2011/05/usa-guerra-totale-permanente-poteri-speciali-a-obama/

Scritto il 13/5/11 • nella Categoria: segnalazioni Condividi51





Chi si illudeva che con l’uccisione di Bin Laden gli Stati Uniti avrebbero proclamato la fine della ‘guerra al terrorismo’ contro al Qaeda dichiarata dopo l’11 settembre 2001, si sbagliava. Al contrario, l’America sta valutando di ampliare i limiti geografici, politici e temporali del conflitto, trasformandolo in una guerra globale permanente. In questi giorni la commissione Difesa del Congresso Usa – dallo scorso novembre a maggioranza repubblicana – sta esaminando il testo di una nuova dichiarazione di guerra (dal “National Defense Authorization Bill” per l’anno 2012, sezione 1034, pagina 20)  che ‘aggiorna’ quella approvata il 18 settembre 2001.
A differenza del vecchio testo, che in nome del diritto di autodifesa autorizzava l’uso della forza militare “contro nazioni, organizzazioni e persone responsabili degli attacchi lanciati contro gli Stati Uniti (…) al fine di prevenire nuovi atti di terrorismo”, il nuovo testo redatto dal repubblicano Howard McKeon descrive una guerra senza fine, senza confini e senza un chiaro nemico. «Gli Stati Uniti – recita la proposta in esame – sono impegnati in un conflitto armato contro nazioni, organizzazioni e persone che sono parte o sostengono Al Qaeda, i Talebani o forze collegate impegnate in ostilità contro gli Usa o i partner della Coalizione o a favore di suddette nazioni, organizzazioni o persone».
La nuova dichiarazione di guerra autorizza anche la detenzione dei nemici senza limiti di tempo: «Il presidente ha l’autorità di detenere belligeranti fino al termine delle ostilità». Il testo ha suscitato l’allarme di tutte le associazioni americane per i diritti civili, per i diritti umani e contro la guerra. In un’accorata lettera aperta ai membri della commissione Difesa, l’Unione americana per le libertà civili (Aclu) e altre ventidue organizzazioni chiedono di non approvare questa legge che «dà al presidente poteri di guerra vastissimi e praticamente irrevocabili, impegnando gli Stati Uniti in una guerra su scala globale senza un chiaro nemico, senza alcun limite geografico e senza termini di tempo legati al raggiungimento di un obiettivo».
«A differenza della dichiarazione di guerra del 2001 che autorizzava l’attacco in Afghanistan e la caccia a Osama Bin Laden – si legge ancora nella lettera dell’Aclu – questa proposta non cita un danno specifico, come gli attacchi dell’11 settembre, o una specifica minaccia al paese: si afferma che gli Stati Uniti sono in guerra ovunque vi siano presunti terroristi, a prescindere dall’esistenza di un reale pericolo. Il Congresso delega al presidente poteri di guerra assoluti, di un’ampiezza senza precedenti, che lo autorizzano a ordinare l’uso della forza militare indipendentemente da attacchi avvenuti o potenziali contro gli Stati Uniti».
«La nuova dichiarazione di guerra – continua la lettera – non specifica obiettivi finali e criteri in base ai quali verrebbe meno la delega congressuale dei poteri di guerra presidenziali: i vasti termini di questo conflitto potrebbero perdurare decenni». In base a questo testo «le forze armate Usa potrebbero essere impiegate in Somalia, in Yemen, in Iran, in quasi tutti i paesi del Medio Oriente, dell’Africa e dell’Asia, ma anche nei paesi europei, in Canada e, ovviamente, negli stessi Stati Uniti contro cittadini americani».
(Enrico Piovesana, “Guerra globale permanente”, da “PeaceReporter” dell’11 maggio 2011, www.peacereporter.net)

Solo un mega-attentato potrà salvare il marchio Obama






Lo avevano accolto come un Cristo salvatore, ma ormai solo 17 americani su cento hanno ancora fiducia in Barack Obama. La sua gestione della crisi del debito gli sta regalando una certezza matematica: alle presidenziali del 2012 sarà clamorosamente sconfitto. A meno che, rivelano alcuni consiglieri del partito democratico, il capo della Casa Bianca non inciampi in un “regalo” mediatico clamoroso: un attentato. Solo se scampasse a un agguato spettacolare, scrive Paul Joseph Watson su “Prison Planet”, Obama potrebbe riguadagnare il perduto sostegno popolare. Ma dev’essere un vero terremoto: simile a quello dell’11 Settembre, o almeno all’attentato dinamitardo di Oklahoma City che nel 1995 fece 168 vittime e rafforzò la leadership di Bill Clinton.
Già lo scorso anno, in una apparizione al programma “Hardball” condotto da Chris Matthews sul canale “Msnbc”, l’ex dirigente clintoniano e democratico Mark Penn aveva affermato che Obama aveva bisogno di un attentato nello stesso stile dell’evento di Oklahoma City per riconquistare la sua popolarità: «Ricorda, il presidente Clinton si è ricollegato attraverso Oklahoma, giusto?», ha dichiarato Penn. «E il presidente in questo momento sembra insensibile». Per Penn, solo a partire da quel discorso all’indomani dell’attentato, Clinton «ha veramente fatto clic con il pubblico americano». E Obama? Anche lui «ha bisogno di un simile momento discriminante», ben più “forte” dell’annuncia cattura ed esecuzione di Osama Bin Laden.
L’ex consigliere anziano di Clinton, Robert Shapiro, ha fatto eco con una simile retorica quando, a sua volta, ha scritto (sul “Financial Times”) che solo un attentato come quello di Oklahoma City o un evento in stile 11 Settembre potrebbe ora fornire a Obama l’opportunità di dimostrare che ancora è un leader forte, scrive Watson su “Prison Planet”. «La linea di fondo è che gli americani non credono nella leadership del presidente Obama», dice Shapiro, secondo cui il presidente «deve trovare il modo, da qui a novembre, per dimostrare che lui è un leader che può infondere fiducia: e senza un evento tipo 11 Settembre o un attentato tipo Oklahoma City, non riesco a pensare a come potrebbe farlo».
Un numero record di americani ha perso fiducia in Barack Obama, rileva Watson: solo il 17%, ormai, resta dell’idea che la sua amministrazione stia conducendo il paese nella giusta direzione. «Tale riscontro è il più basso misurato da quando Barack Obama è entrato in carica», riferisce l’agenzia di rilevazioni “Rasmussen”. Obama, continua “Prison Planet”, ha anche battuto il suo massimo storico nel numero di americani che ritengono che il Paese sia sulla strada sbagliata, con il 75%: tre quarti degli americani hanno smarrito ogni fiducia nelle politiche della Casa Bianca, complice anche la bagarre su come uscire dal debito che sta strangolando la superpotenza.
La disistima degli americani per Obama è andata quasi di pari passo con la loro disapprovazione per il Congresso: «Un nuovo record del 46% dei probabili votanti – scrive Watson – ritiene che i membri del Congresso siano “corrotti”». Solo il 29% pensa che non lo siano, mentre il Congresso «ha un patetico indice di gradimento del 6%». Eppure, un analista come John Pilger, continua Watson, aveva messo in guardia l’elettorato di sinistra nei confronti di Obama, sostendo che «non era altro che una creazione di marketing aziendale, progettata per sedare il crescente risentimento in esito all’era Bush». Ci sono voluti due anni e mezzo, e ora questa opinione è maggioritaria: il sondaggio “Rasmussen” mostra che il 58% dei democratici ritiene che il paese stia andando nella direzione sbagliata.
«La base democratica di Obama si è completamente sbriciolata», aggiunge Watson, denunciando una vera e propria frana. 22 punti percentuali. «Tutte le indicazioni – conclude “Prison Planet” – mostrano che Obama è avviato a subire una frana elettorale nel 2012». Questo il motivo che ora spinge gli strateghi democratici ad affermare che l’unico evento che potrebbe “salvare” l’immagine della presidenza Obama potrebbe essere soltanto un clamoroso attentato (info: “Megachip”)..

al-Qaida preparava attentato per celebrare il decimo anniversario dell’11 settembre

Fonte: http://www.aciclico.com/approfondimenti/al-qaida-preparava-attentato-per-celebrare-il-decimo-anniversario-dell%E2%80%9911-settembre.html



Dal febbraio 2010, al-Qaida sembra che stia riflettendo  sull’idea di progettare nuovi attentasti terroristici contro gli Stati Uniti, per “celebrare” la ricorrenza dei dieci anni dell’11 settembre. Un documento che pare sia stato rinvenuto nella casa dove Bin Laden è stato ucciso.
Attentati contro i trasporti degli Stati Uniti, più precisamente verso i treni, erano già stati progettati da alcuni mesi da parte di al-Qaida, previsti per il giorno del decimo anniversario degli attentati dell’11 settembre, indica il dipartimento della sicurezza interna americana.
“Il dipartimento della sicurezza interna ha diffuso, ieri, giovedì, un messaggio rivolto ai suoi partner federali, agli stati e alle Comunità, che riguarda progetti di possibili attentati di al-Qaida, datati febbraio 2010, soprattutto contro il settore ferroviario americano”, riferisce Matt Chandler, il portavoce del dipartimento.
“al-Qaida avrebbe previsto una serie di operazioni terroristiche contro treni a capienza non precisata negli Stati Uniti, proprio il giorno del 10° anniversario dell’11 settembre 2001″. Precisa il comunicato del dipartimento di sicurezza interna.
Secondo una fonte, l’informazione proviene da documenti prelevati nel corso del blitz del Navy Seals, domenica in Pakistan, durante il quale ha trovato la morte il numero uno di al-Qaida.
Il messaggio precisa che tale informazione “potrebbe rivelarsi ingannevole o imprecisa, ora, dopo l’evoluzione della situazione”.
“al-Qaida “aveva previsto di far deragliare un treno manomettendo i binari ferroviari in un punto collinare in salita, in modo da fare precipitare il convoglio intero, dalla cima  in una valle o da un punto esatto di un ponte”, precisa il ministero. In tutta questa prossima operazione il cervello sarebbe stato quello di Bin Laden.
Il Sig. Chandler, tuttavia, ha aggiunto nel comunicato che il dipartimento non era in possesso di “alcuna informazione su possibili imminenti minacce verso il trasporto ferroviario americano”.
Questo comunicato mostra in realtà quanto Osama Bin Laden fosse sempre attivamente molto implicato ed operativo in capo ad al-Qaida, almeno nel febbraio 2010.
Secondo gli esperti, il recupero di questi documenti, insieme ai pc, elaboratori dati e altri 100 dispositivi, potrebbero fornire informazioni determinanti per portare alla cattura di altri membri attivi di al-Qaida, dieci anni dopo gli attentati dell’11-Settembre.
La priorità verrà, comunque, data “ad individuare potenziali  minacce imminenti e a localizzare i membri a capo dell’organizzazione”, asserisce Michael Leiter, direttore del centro nazionale antiterrorista.








Total number of items: 223

Date/Time GLIDE Code Country State/Country/Province Area County Details
26.08.2011 14:04:08 VW-20110826-32103-NGA Nigeria Capital City United Nations (UN) building Abuja Read
22.07.2011 16:53:03 VW-20110722-31700-NOR Norway Capital City Govermental area Oslo Read
28.04.2011 13:50:23 VW-20110428-30512-MAR Morocco Marrakech-Tensift-Al Haouz Marrakesh Read
26.04.2011 11:35:49 VW-20110426-30477-PAK Pakistan Province of Balochistan Sibi Read
11.04.2011 16:04:49 VW-20110411-30263-BLR Belarus Minskaya Voblasts Oktyabrskaya metro station Minsk Read
24.01.2011 14:42:26 VW-20110124-29298-RUS Russia [Asia] Capital City Domodedovo International Airport Moscow Read
01.01.2011 04:23:08 VW-20110101-29028-EGY Egypt Alexandria Governorate Christian church Alexandria Read
12.12.2010 05:46:16 VW-20101212-28805-SWE Sweden Capital City Stockholm Read
31.10.2010 09:30:05 VW-20101031-28356-TUR Turkey Istanbul Taksim Square Istanbul Read
05.10.2010 03:16:03 VW-20101005-28059-GBR United Kingdom Northern Ireland Londonderry Read
09.09.2010 16:23:16 VW-20100909-27756-SOM Somalia Capital City Mogadishu Airport Mogadishu Read
09.09.2010 16:20:40 VW-20100909-27755-RUS Russia [Asia] North Ossetia Vladikavkaz Read
12.07.2010 03:11:45 VW-20100712-26919-UGA Uganda Capital City Kampala Read
02.07.2010 03:22:13 VW-20100702-26777-PAK Pakistan State of Punjab Data Darbar Shrine Lahore Read
31.05.2010 07:17:28 VW-20100531-26333-OTH Other International Waters, Palestin Territory Gaza coastal area Read
28.05.2010 02:49:27 VW-20100528-26298-IND India State of West Bengal West Midnapore district Read
08.05.2010 03:36:00 VW-20100508-25991-RUS Russia [Asia] Republic of Dagestan Derbent Read
23.04.2010 03:06:27 VW-20100423-25809-GBR United Kingdom Northern Ireland County Armagh Newtownhamilton Read
29.03.2010 05:27:31 VW-20100329-25500-RUS Russia [Asia] Capital City Lubyanka and Park Kultury METRO Stations Moscow Read
24.03.2010 17:18:53 VW-20100324-25444-COL Colombia Departmento de Valle del Cauca Port of Buenaventura Buenaventura Read
06.03.2010 04:45:17 VW-20100306-25217-MDG Madagascar En route Fujairah in the United Arab Emirates to the Tanzanian port city of Dar es Salaam UBT Ocean Chemical Tanker Read
19.02.2010 08:32:35 VW-20100219-24993-PAK Pakistan Federally Administered Tribal Areas Khyber territory Read
03.02.2010 04:15:05 VW-20100203-24771-AUS Australia State of Northern Territory TIO (Territory Insurance Office) Darwin Read
19.01.2010 05:18:01 VW-20100119-24613-AFG Afghanistan Capital City Kabul Read
02.01.2010 12:54:09 VW-20100102-24391-SOM Somalia Arabian Sea About 620 miles east of Somalia Read
29.12.2009 10:17:58 VW-20091229-24347-SDN Sudan Gulf of Aden Chemical Tanker Ship "St James Park" Read
18.12.2009 12:37:09 VW-20091218-24213-PAK Pakistan Province of North West Frontier Lower Dir District Read
18.12.2009 06:14:10 VW-20091218-24206-MMR Myanmar (Burma) State of Kayin Phapon Read
17.12.2009 13:20:44 VW-20091217-24198-RUS Russia [Asia] Province of Ingushetia North Causasus Nazran Read
15.12.2009 13:52:10 VW-20091215-24172-PAK Pakistan State of Punjab Dera Ghazi Khan Read
15.12.2009 05:50:56 VW-20091215-24167-AFG Afghanistan Capital City Heetal Hotel area, Wazir Akbar Khan district Kabul Read
08.12.2009 13:29:29 VW-20091208-24097-IRQ Iraq Capital City Baghdad Read
03.12.2009 12:37:51 VW-20091203-24045-SOM Somalia Capital City Shamo Hotel Mogadishu Read
30.11.2009 12:49:08 VW-20091130-24011-RUS Russia [Asia] Republic of Dagestan Train No. 374, En route from Tyumen to Baku Read
20.11.2009 04:04:43 VW-20091120-23904-IND India State of Jharkhand West Singhbhum District Read
13.11.2009 06:42:54 VW-20091113-23818-AFG Afghanistan Capital City Camp Phoenix Kabul Read
13.11.2009 04:12:47 VW-20091113-23810-PAK Pakistan State of North-West Frontier National Intelligence Agency Office Peshawar Read
02.11.2009 11:54:14 VW-20091102-23695-PAK Pakistan State of Punjab Rawalpindi Read
28.10.2009 09:43:47 VW-20091028-23639-PAK Pakistan North-West Frontier Peshawar Read
28.10.2009 06:28:25 VW-20091028-23638-AFG Afghanistan Capital City Kabul Read
28.10.2009 04:03:19 VW-20091028-23633-GRC Greece Capital City area Police station Aghia Paraskevi Read
25.10.2009 16:22:19 VW-20091025-23602-IRQ Iraq Capital City Baghdad Read
24.10.2009 03:04:21 VW-20091024-23588-PAK Pakistan State of Punjab akistan Aeronautical Complex (Nuclear Air Base) Kamra Read
15.10.2009 07:29:08 VW-20091015-23511-MDA Moldova Capital City ChisinĂĄu Read
12.10.2009 08:37:21 VW-20091012-23474-ITA Italy Province of Lombardy Santa Barbara Army Barracks Milano Read
08.10.2009 07:16:55 VW-20091008-23434-AFG Afghanistan Capital City Near the Indian Embassy Kabul Read
26.09.2009 15:22:13 VW-20090926-23311-PAK Pakistan North-West Frontier Saddar bazaar Peshawar Read
17.09.2009 08:47:23 VW-20090917-23202-AFG Afghanistan Capital City Kabul Read
03.09.2009 09:52:04 VW-20090903-23037-THA Thailand Province of Pattani Muang District Read
02.09.2009 06:32:10 VW-20090902-23026-GRC Greece Athens, Thessaloniki Read
25.08.2009 18:13:49 VW-20090825-22912-AFG Afghanistan Kandahar province Kandahar City Read
15.08.2009 04:48:41 VW-20090815-22790-AFG Afghanistan Capital City Kabol Read
15.08.2009 04:27:07 VW-20090815-22789-TUR Turkey Gaziosmanpasa Istanbul Read
10.08.2009 08:33:05 VW-20090810-22738-IRQ Iraq Governorate of Ninawa Mosul Read
09.08.2009 15:29:13 VW-20090809-22722-ESP Spain Palma de Mallorca Read
07.08.2009 16:29:24 VW-20090807-22708-IRQ Iraq Governorate of NinawĂĄ Rasheediyah District Mosul Read
29.07.2009 06:58:38 VW-20090729-22574-ESP Spain Castille and LeĂłn Burgos Read
21.07.2009 13:56:05 VW-20090721-22475-HRV Croatia Sibensko-Kniniska Sibenik Read
09.07.2009 06:57:34 VW-20090709-22292-AFG Afghanistan Governorate of Logar Mohammad Agha Read
08.07.2009 09:06:22 VW-20090708-22278-PHL Philippines Jolo and Iligan City Read
05.07.2009 03:23:53 VW-20090705-22235-PHL Philippines Province of South Cotabato Cotabato Cathedral Cotabato City Read
25.06.2009 03:07:59 VW-20090625-22108-IRQ Iraq Capital City Baghdad Read
21.06.2009 16:02:55 VW-20090621-22064-GEO Georgia Zugdidi district Muzhava Read
13.06.2009 12:27:31 VW-20090613-21985-OMN Oman Territorial waters MV Charelle Read
11.06.2009 10:04:17 VW-20090611-21963-PAK Pakistan State of Balochistan Quetta Read
09.06.2009 18:25:35 VW-20090609-21942-PAK Pakistan State of North-West Frontier Unidentified 5 star Hotel area. Peshavar Read
27.05.2009 05:58:18 VW-20090527-21787-PAK Pakistan State of Punjab Lahore Read
23.05.2009 08:41:36 VW-20090523-21740-NPL Nepal Capital City Kathmandu Read
21.05.2009 03:05:25 VW-20090521-21719-IRQ Iraq Capital City Baghdad Read
14.05.2009 07:39:16 VW-20090514-21652-TZA Tanzania Capital City Mbagala Military Base Dar Es Salam Read
12.05.2009 07:42:17 VW-20090512-21628-GRC Greece Capital City Eurobank, Argyroupoli district Athen Read
05.04.2009 10:26:38 VW-20090405-21162-PAK Pakistan State of Punjab Chakwal Read
26.03.2009 19:26:23 VW-20090326-21031-SOM Somalia Gulf of Aden Read
22.03.2009 03:51:45 VW-20090322-20964-AFG Afghanistan Province of Khost Khost City Read
18.03.2009 14:59:54 VW-20090318-20929-IND India State of West Bengal Alipurduar Read
16.03.2009 17:40:19 VW-20090316-20903-PAK Pakistan State of Punjab Pir Wadhai Chowk Rawalpindi Read
16.03.2009 13:28:51 VW-20090316-20898-AFG Afghanistan Province of Helmand Lashkar Gah Read
15.03.2009 17:55:28 VW-20090315-20889-YEM Yemen Province of Hadramawt Shibam Read
11.03.2009 13:03:52 VW-20090311-20837-UKR Ukraine Capital City Kijev Read
11.03.2009 11:04:44 VW-20090311-20833-DEU Germany Baden-WĂźrttemberg Winnenden Read
10.03.2009 11:17:23 VW-20090310-20822-IRQ Iraq Capital City Baghdad Read
08.03.2009 10:40:20 VW-20090308-20790-IRQ Iraq Capital City Police academy Baghdad Read
08.03.2009 04:17:41 VW-20090308-20785-GBR United Kingdom Northern Ireland Massereene Army Base Antrim Read
06.03.2009 07:04:29 VW-20090306-20766-RUS Russia [Asia] Ingushetiya Nazran Read
05.03.2009 10:05:16 VW-20090305-20750-IRQ Iraq Province of BĂĄbil Hilla Read
04.03.2009 12:24:40 VW-20090304-20736-AFG Afghanistan Capital City Bagram Air Base Kabul Read
22.02.2009 18:15:49 VW-20090222-20611-EGY Egypt Capital City Khan el-Khalili Market Cairo Read
09.02.2009 12:47:16 VW-20090209-20425-ESP Spain Capital City Campo de las Naciones Madrid Read
29.01.2009 14:20:34 VW-20090129-20270-SOM Somalia Gulf of Aden (MV Longchamp LPG Tanker) Read
17.01.2009 06:37:37 VW-20090117-20090-AFG Afghanistan Capital City Kabul Read
01.01.2009 16:22:40 VW-20090101-19858-IND India State of Assam Guwahati Read
01.01.2009 07:40:16 VW-20090101-19854-PHL Philippines Province of General Santos General Santos City Read
24.12.2008 06:48:28 VW-20081224-19756-PHL Philippines Southern Philippines Isabela Read
16.12.2008 18:37:25 VW-20081216-19653-SOM Somalia Gulf of Aden Read
11.12.2008 08:46:02 VW-20081211-19566-PAK Pakistan North-West Frontier Kohat Read
07.12.2008 17:45:33 VW-20081207-19510-TZA Tanzania Coastal area Read
05.12.2008 16:08:03 VW-20081205-19489-PAK Pakistan North-West Frontier Peshawar Read
05.12.2008 13:32:29 VW-20081205-19486-SCG Serbia Danube River Near Smederevo Read
02.12.2008 05:54:27 VW-20081202-19437-IND India State of Assam Between Guwahati and Tinsukhia Read
02.12.2008 03:57:31 VW-20081202-19431-THA Thailand Capital City Don Mueang Bangkok Airport Bangkok Read
27.11.2008 07:56:16 VW-20081127-19388-AFG Afghanistan Capital City Kabul Read
26.11.2008 18:39:54 VW-20081126-19383-IND India State of Maharashtra Mumbai (Bombay) Read
25.11.2008 04:48:08 VW-20081125-19355-SDN Sudan Gulf of Aden Read
19.11.2008 15:39:17 VW-20081119-19278-SOM Somalia Gulf of Aden MTS Chemstar Venus (Chemical Tanker) Read
19.11.2008 08:32:34 VW-20081119-19272-SOM Somalia Gulf of Aden Read
18.11.2008 15:29:36 VW-20081118-19263-SOM Somalia Gulf of Aden Read
17.11.2008 17:16:04 VW-20081117-19247-KEN Kenya Indian Ocean, 450 nautical miles southeast of Mombasa MV Sirius Star Oil Tanker Read
16.11.2008 08:59:22 VW-20081116-19232-SDN Sudan Gulf of Aden Read
13.11.2008 04:55:39 VW-20081113-19188-SOM Somalia Gulf of Aden - Karagol Chemical Tanker Read
11.11.2008 17:52:16 VW-20081111-19169-YEM Yemen Gulf of Aden Read
06.11.2008 12:55:19 VW-20081106-19106-RUS Russia [Asia] North Ossetia The area wasn't defined. Read
30.10.2008 11:24:10 VW-20081030-19034-ESP Spain Province of Navarre University of Navarra Pamplona Read
30.10.2008 10:35:50 VW-20081030-19032-IND India State of Assam Assam-wide Read
26.10.2008 05:27:50 VW-20081026-18989-KEN Kenya 180 nautical miles from Mombasa port Read
26.10.2008 05:24:58 VW-20081026-18988-NGA Nigeria Niger Delta Bourbon Ajax Vessel Read
21.10.2008 10:03:37 VW-20081021-18931-SOM Somalia Gulf of Aden Read
11.10.2008 10:00:33 VW-20081011-18822-SOM Somalia Gulf of Aden Read
27.09.2008 11:07:34 VW-20080927-18674-IND India Delhi Mehrauli Read
27.09.2008 07:27:09 VW-20080927-18672-SYR Syria Damascus Read
26.09.2008 10:34:46 VW-20080926-18663-SOM Somalia Gulf of Aden Read
22.09.2008 05:48:53 VW-20080922-18608-ESP Spain Cantabria Basque Country Santona Read
21.09.2008 07:17:58 VW-20080921-18592-ESP Spain Basque Country Ondarroa Read
20.09.2008 14:16:28 VW-20080920-18586-PAK Pakistan Capital City Mariott Hotel Islamabad Read
18.09.2008 07:59:27 VW-20080918-18555-IND India State of Assam Chirang distric Read
17.09.2008 09:16:15 VW-20080917-18542-YEM Yemen Capital City US Embassy Saan'a Read
13.09.2008 14:23:01 VW-20080913-18496-IND India Capital City New Delhi Read
06.09.2008 11:10:02 VW-20080906-18391-PAK Pakistan Islamabad Read
05.09.2008 12:22:48 VW-20080905-18378-SOM Somalia Gulf of Aden Read
01.09.2008 09:01:04 VW-20080901-18312-PHL Philippines Davao del Sur Mindanao Digos Read
24.08.2008 08:55:11 VW-20080824-18211-GEO Georgia Skra Read
23.08.2008 05:26:44 VW-20080823-18202-PAK Pakistan North West Frontier Province Swat Valley Charbagh Tehsil Read
21.08.2008 16:12:49 VW-20080821-18176-THA Thailand Province of Narathiwat Sungai Kolok district Read
21.08.2008 14:03:52 VW-20080821-18171-SDN Sudan Gulf of Aden Read
21.08.2008 14:02:16 VW-20080821-18170-PAK Pakistan State of Sindh Wah Read
21.08.2008 13:58:45 VW-20080821-18169-TUR Turkey Province of Izmir Izmir Read
20.08.2008 16:35:41 VW-20080820-18160-SOM Somalia Gulf of Aden Read
20.08.2008 16:07:41 VW-20080820-18159-DZA Algeria SĂŠtif Bouira Read
19.08.2008 15:37:48 VW-20080819-18139-TUR Turkey Province of Mersin Mersin Read
19.08.2008 15:35:19 VW-20080819-18138-PAK Pakistan North-West Frontier Dera Ismail Khan District Hospital Dera Ismail Khan Read
19.08.2008 13:01:15 VW-20080819-18135-DZA Algeria The area wasn't defined. About 35 kilometers east of Algiers Read
17.08.2008 13:00:39 VW-20080817-18108-ESP Spain Andalusia Malaga Read
14.08.2008 18:00:04 VW-20080814-18061-SOM Somalia Gulf of Aden / MV Thor Star Cargo Ship Read
13.08.2008 07:16:55 VW-20080813-18037-LBN Lebanon Liban-Nord Masarif Street Tripoli Read
10.08.2008 11:31:12 VW-20080810-17992-DZA Algeria Boumerdes Zemmouri el Bahri Read
10.08.2008 04:01:33 VW-20080810-17988-CHN China Province of Xinjiang Kucha Read
07.08.2008 10:00:02 VW-20080807-17950-BGR Bulgaria Piccadilly Supermarket‎ Varna Read
07.08.2008 09:15:48 VW-20080807-17948-TUR Turkey Uskudar District Istanbul Read
07.08.2008 09:13:17 VW-20080807-17947-RUS Russia [Asia] Krasnodarskiy Kray Sochi Read
04.08.2008 03:41:02 VW-20080804-17894-CHN China Xinjiang Uyghur Autonomous Region The area wasn't defined! Read
03.08.2008 10:14:42 VW-20080803-17879-DZA Algeria Tizi-Ouzou Read
29.07.2008 08:42:38 VW-20080729-17796-ESP Spain Andalusia Torremolinos Read
26.07.2008 18:28:40 VW-20080726-17752-IND India State of Gujarāt Ahmadabad Read
20.07.2008 14:17:34 VW-20080720-17641-ESP Spain Cantabria, Basque Country Laredo, Getxo, Noja Read
09.07.2008 18:31:05 VW-20080709-17516-TUR Turkey Istanbul US Embassy Istambul Read
07.07.2008 15:23:31 VW-20080707-17482-PAK Pakistan State of Sindh Karachi Read
07.07.2008 13:53:28 VW-20080707-17478-AFG Afghanistan Capital City Kabul Read
06.06.2008 06:18:13 VW-20080606-17055-LKA Sri Lanka Western Colombo Read
02.06.2008 10:21:15 VW-20080602-16998-PAK Pakistan Islāmābād Danish Embassy Islamabad Read
01.06.2008 04:13:42 VW-20080601-16976-ESP Spain Basque Country Zarautz Read
30.05.2008 03:35:07 VW-20080530-16950-PHL Philippines Zamboanga del Sur Edwin Andrews AirBase Zamboanga Read
19.05.2008 13:34:39 VW-20080519-16801-SOM Somalia Indian Ocean Around 55 nautical miles off Mogadishu Read
16.05.2008 08:59:09 VW-20080516-16758-LKA Sri Lanka Capital City Colombo Read
14.05.2008 05:50:12 VW-20080514-16734-ESP Spain Basque Country Legutiano Read
17.04.2008 08:06:35 VW-20080417-16352-ESP Spain Basque Country Bilbao Read
06.04.2008 03:56:54 VW-20080406-16183-LKA Sri Lanka State of Western Gampaha Read
19.03.2008 04:21:41 VW-20080319-15903-YEM Yemen Capital City Sanaa Read
11.03.2008 18:54:11 VW-20080311-15800-PAK Pakistan State of Punjab Lahore Read
17.02.2008 19:21:03 VW-20080217-15442-AFG Afghanistan Province of Kandahar Kandahar Read
16.02.2008 04:54:07 VW-20080216-15412-MEX Mexico The Federal District Mexico City Read
29.01.2008 06:46:25 VW-20080129-15156-SOM Somalia Lower Juba Kismayo Read
15.01.2008 15:07:38 VW-20080115-14952-LBN Lebanon Capital City [Beyrouth] Dora suburb Beirut Read
15.01.2008 08:27:58 VW-20080115-14945-IRQ Iraq Shuaiba Oil Refinery Read
03.01.2008 18:24:04 VW-20080103-14769-TUR Turkey Diyarbakır Province Diyarbakir Read
31.12.2007 15:12:56 VW-20071231-14719-THA Thailand Narathiwat Sungai Kolok Read
11.12.2007 09:59:21 VW-20071211-14473-DZA Algeria Capital City Hydra district Algiers Read
28.11.2007 15:18:12 VW-20071128-14309-LKA Sri Lanka Capital City Colombo Read
22.11.2007 17:36:07 VW-20071122-14231-RUS Russia [Asia] Severnaya Osetiya-Alaniya Northern area Read
06.11.2007 14:50:26 VW-20071106-14023-RUS Russia [Asia] Samara Togliatti Read
29.10.2007 09:39:04 VW-20071029-13922-SOM Somalia Read
21.10.2007 10:12:24 VW-20071021-13815-PHL Philippines Capital City Manila Read
19.10.2007 03:29:17 VW-20071019-13790-PAK Pakistan State of Sindh Karachi Read
10.10.2007 17:23:35 VW-20071010-13674-TUR Turkey Diyarbakir Read
08.10.2007 03:47:43 VW-20071008-13643-TUR Turkey Avcilar Istanbul Sea Bus pier Istanbul Read
02.10.2007 06:37:15 VW-20071002-13583-TUR Turkey Izmir Read
29.09.2007 14:27:37 VW-20070929-13562-MDV Maldives Male Read
21.09.2007 05:58:42 VW-20070921-13465-AFG Afghanistan Capital City Kabul Read
25.08.2007 17:18:21 VW-20070825-13089-IND India State of Sindh Hyderabad Read
14.08.2007 04:13:07 VW-20070814-12912-RUS Russia [Asia] Between Moscow and St Petersburg Near Novgorod Read
06.08.2007 17:05:01 VW-20070806-12756-IRQ Iraq Ninawa Tal Afar Read
17.07.2007 05:11:24 VW-20070717-12382-THA Thailand Province of Yala Yala Read
11.07.2007 08:28:20 VW-20070711-12303-TUR Turkey Istanbul Read
02.07.2007 17:01:56 VW-20070702-12151-YEM Yemen Province of Marib Marib Read
01.07.2007 04:14:09 VW-20070701-12125-GBR United Kingdom Glasgow Read
15.06.2007 05:44:35 VW-20070615-11865-TUR Turkey Province of Diyarbakır Diyarbakir Read
11.06.2007 07:40:47 VW-20070611-11813-KEN Kenya Nairobi Area Nairobi Read
10.06.2007 14:05:58 VW-20070610-11795-TUR Turkey Istanbul Istanbul Read
22.05.2007 17:59:24 VW-20070522-11474-TUR Turkey Capital City Ankara Read
15.05.2007 09:25:07 VW-20070515-11352-PAK Pakistan Province of North West Frontier Marhaba Hotel Peshawar Read
12.05.2007 09:55:20 VW-20070512-11296-TUR Turkey Izmir Read
20.02.2007 19:25:19 VW-20070220-9986-IRQ Iraq Baghdad Read
19.02.2007 05:08:07 VW-20070219-9965-THA Thailand Narathiwat, Yala, Pattani, Songkhla provinces Read
19.02.2007 04:03:47 VW-20070219-9960-IND India State of Haryāna Panipat Read
17.02.2007 19:23:33 VW-20070217-9949-PAK Pakistan Balochistān Quetta Read
29.01.2007 09:22:04 VW-20070129-9599-ISR Israel HaDarom Eilat Read
12.01.2007 06:45:03 VW-20070112-9314-GRC Greece Athens Read
04.01.2007 13:15:41 VW-20070104-9152-FRA France Corsica Island Ajaccio Read
31.12.2006 15:53:37 VW-20061231-9097-THA Thailand Krung Thep Mahanakhon Bangkok Read
20.11.2006 15:49:07 VW-20061120-8489-IND India West Bengal Belakoba Read
02.10.2006 03:19:05 VW-20061002-7815-TUR Turkey Icel Mersin Read
12.09.2006 18:51:13 VW-20060912-7563-TUR Turkey Diyarbakır Read
12.09.2006 10:31:31 VW-20060912-7559-SYR Syria Damascus Read
08.09.2006 09:08:12 VW-20060908-7520-IND India Maharashtra State Mumbai [Bombay] Read
08.09.2006 08:58:02 VW-20060908-7518-AFG Afghanistan Kabul Read
28.08.2006 16:13:52 VW-20060828-7378-TUR Turkey Antalya Read
26.08.2006 06:35:47 VW-20060826-7344-TUR Turkey Adana Read
10.08.2006 09:56:21 VW-20060810-7108-GBR United Kingdom London Read
04.08.2006 15:46:42 VW-20060804-7038-TUR Turkey Adana Adana Read
11.07.2006 16:08:28 VW-20060711-6746-IND India Mahārāshtra State Mumbai Read
06.07.2006 16:04:40 VW-20060706-6682-MDA Moldova Tiraspol Read
01.06.2006 06:13:16 VW-20060601-6277-IND India Jammu and Kashmīr Read
26.04.2006 13:41:50 VW-20060426-5927-EGY Egypt Sinai Peninsula Rafah Read
19.01.2006 15:15:12 VW-20060119-5146-ISR Israel Tel Aviv Read
22.07.2005 21:55:00 VW-20050722-3719-LBN Lebanon

Nessun commento:

Posta un commento

CRITERI DI MODERAZIONE UTILIZZATI PER I COMMENTI PUBBLICATI SUL BLOG NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA. https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2016/09/moderazione-commenti-sul-blog-nostra.html

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.