SULLA DIFFUSIONE DI TESTI DI PRESUNTE RIVELAZIONI PRIVATE. Comunicato Stampa della Congregazione per la Dottrina della Fede del 29 novembre 1996.

Link: https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2018/04/sulla-diffusione-di-testi-di-presunte.html


b

Questo post presente sul blog: https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/
pagina Facebok: https://www.facebook.com/Nostra-Signora-di-Anguera-192592854160608/
e Twitter: https://twitter.com/angueramessaggi è un interpretazione personale e non corrisponde necessariamente al vero significato dei messaggi, degli avvertimenti della Madonna al mondo e delle profezie annunciate da Nostra Signora ad Anguera.
Si consiglia di visitare il sito web ufficiale brasiliano del veggente Pedro Regis:
http://www.apelosurgentes.com.br/pt-br/ e la pagina dedicata al commento delle profezie: http://www.apelosurgentes.com.br/pt-br/cms/list/not%C3%ADcias
(Gestore sito web: ANSA - Associacao Nossa Senhora de Anguera).

lunedì 31 ottobre 2016

TERZA GUERRA MONDIALE NON CONVENZIONALE. LA GUERRA MODERNA FIGLIA DEL PROGRESSO SCIENTIFICO - Messaggi profetici della Madonna di Anguera, in fase di svolgimento: 162 – 18 aprile 1989 CARI FIGLI, NON SIATE SORPRESI SE PARLO COSÌ TANTO. PARLO CON VOI PERCHÉ MIO FIGLIO GESÙ VUOLE CHE LO FACCIA. AL GIORNO D’OGGI UNA GRANDE PARTE DELL’UMANITA’ NON OSSERVA PIU’ I DIECI COMANDAMENTI. IL GENERE UMANO E’ OGNI GIORNO PIU’ DISTANTE DA DIO E PIU’ VICINI AL GRANDE ABISSO. IL PERICOLO DI UNA NUOVA GUERRA E’ MOLTO REALE DIETRO L’ APPARENZA DI FRAGILI PROMESSE DI ACCORDI, ESSI PREPARANO MODI SOFISTICATI DI UCCIDERE E L’ ODIO CONDUCE IL GENERE UMANO ALL’ AUTODISTRUZIONE. DESIDERO CREARE IN QUESTA NAZIONE, CON L’AIUTO DI TUTTI I MIEI FIGLI, UN ESERCITO INVINCIBILE. INVITO CIASCUNO DI VOI A PREGARE LE CINQUE DECINE DEL ROSARIO TUTTI I GIORNI, AFFINCHÉ LA PACE POSSA REGNARE IN QUESTO MONDO. 197 – 12 agosto 1989 Cari figli, l’umanità è sull’orlo della distruzione, che può provocare con le sue stesse mani. Quanto vi predissi a Fatima per questo secolo è già iniziato. C’ E’ IL PERICOLO PER L’ UMANITA’ DI UNA NUOVA GUERRA MONDIALE. Sento una grande afflizione per ciò che vi attende, miei poveri figli innocenti, così minacciati dalla fame, dalla GUERRA, dall’odio e dalla violenza. Questo è un tempo terribilmente doloroso per voi. Pregate e fate penitenza. La punizione verrà solo se l’umanità non si converte. 519 – 30 maggio 1992 ORA, PIU’ CHE MAI, AVETE BISOGNO DI PREGARE, POICHE’ C’E’ IL PERICOLO DI GRANDI CATASTROFI. SONO TRISTE PER CIO’ CHE VI ATTENDE. Pregate e fate penitenza. Non perdetevi d’animo. Coraggio. 545 – 25 agosto 1992 SAPPIATE CHE LA PACE NEL MONDO E’ IN CRISI. OGGI, PIU’ CHE MAI, C’E’ IL PERICOLO REALE DI UNA NUOVA GUERRA. 582 – 2 gennaio 1993 . Vi chiedo anche di pregare per il Papa, perché l’ora del suo martirio si sta avvicinando. La Chiesa perderà un grande TESORO, ma coloro che saranno stati fedeli al mio Gesù resteranno saldi. Pregate. Pregate per il Papa, il successore della cattedra di PIETRO. Dovrà soffrire molto. Pregate e fate penitenza. SE GLI UOMINI NON SI CONVERTONO, IL FUOCO CADRA’ DAL CIELO E SARA’ TARDI. IL PERICOLO DI UNA NUOVA GUERRA MONDIALE E’ SEMPRE PIU’. 1.422 - 9 maggio 1998 SAPPIATE CHE DIO TRASFORMERÀ LA VOSTRA TRISTEZZA IN GIOIA, ASCIUGHERÀ LE VOSTRE LACRIME E VI CONDURRÀ AL TRIONFO DEL MIO CUORE. C’È MOLTA MALVAGITÀ SULLA TERRA. VEDETE COME CRESCE IL NUMERO DELLE VIOLENZE, DEI FURTI E DEI SEQUESTRI. SI PARLA TANTO DI PACE, MA GLI UOMINI NON SI SFORZANO DI COSTRUIRLA. IL PERICOLO DI UNA NUOVA GUERRA DIVENTA REALE. SE GLI UOMINI NON PREGANO, UN GRANDE CASTIGO CADRÀ SULL’UMANITÀ. PREGATE. PREGATE MOLTO. SOLO PREGANDO SARETE SALVI. 2.501 - 26.03.2005 Il paese del Salvatore dovrà soffrire molto, ma quando sentirà la sconfitta si difenderà con armi che diffonderanno fuoco nel cielo. L’umanità non trova la pace perché gli uomini si sono allontanati dal Creatore. Intensificate le vostre preghiere e tornate a Colui che è il vostro unico grande Amico. Il re lascerà la sua casa in fretta, ma dovrà passare attraverso il sangue che scorre nel suo palazzo. 2.540 - 25.06.2005 Cari figli, il Signore vi attende a braccia aperte. Camminate incontro a Lui e sarete consolati nei momenti di afflizione. SAPPIATE CHE L’ UMANITA’ VIVRA’ MOMENTI DI GRANDI DIFFICOLTA’. IL FUOCO BRUCERÀ LA LUCE E CI SARÀ UNA GRANDE ESPLOSIONE. PREGATE PER ESSERE VINCITORI UNA GRANDE TRAGEDIA ACCADRA’ IN COREA. GLI UOMINI SI DISTRUGGONO CON LE PROPRIE MANI. Gli uomini si distruggono con le proprie mani. Ascoltate i miei appelli. Non voglio forzarvi, ma ascoltate con amore ciò che vi dico. IL LEADER DI UNA GRANDE NAZIONE SOFFRIRÀ UN ATTENTATO. IL PERICOLO DI UNA TERZA GUERRA DIVENTA REALE. 2.557 - 04.08.2005 Cari figli, restate con il Signore. O uomini, dove volete andare? Sappiate che non c’è salvezza al di fuori di Cristo. Lui è la Luce del mondo e chi sta con Cristo avrà la vita trasformata. Non lasciatevi contaminare. L’umanità cammina verso la distruzione. La terra si agiterà e tremerà per il grande olocausto atomico. L’Iran sarà devastato da Israele. Ecco i tempi difficili per l’umanità. Tornate al Signore. Dite a tutti che questo è il tempo favorevole per la conversione. Arriverà il giorno in cui molti si pentiranno della vita trascorsa senza Dio, ma sarà tardi. Ciò che dovete fare non rimandatelo a domani. 2.592 - 22.10.2005 Si avvicinano ora i tempi delle grandi tribolazioni. Verrà la guerra. L’azione malefica degli uomini causerà morte e distruzione in varie nazioni. Tornate al Signore. Rispondete alla sua chiamata per essere salvi. Un uomo perverso comanderà una grande invasione. Nei cuori degli uomini ci saranno furia e desiderio di morte. La città delle sette colline sarà distrutta. Pentitevi. Date il meglio di voi nella missione che vi è stata affidata. Sorgerà una malattia misteriosa, che viene dalla sabbia. 2.759 - 14/11/2006 Vedrete ancora orrori sulla terra. La Chiesa sarà perseguitata. Il Trono di Pietro cadrà, ma alla fine i giusti vinceranno. Ascoltate i miei appelli. Non sono venuta dal cielo per gioco. SI SOLLEVERÀ LA GRANDE GUERRA RELIGIOSA e i fedeli saranno gettati fuori. Amate la verità e difendetela. Il Signore sta al fianco dei Suoi. Coraggio. 2.785 - 13.01.2007 Cari figli, un fuoco veloce cadrà sulla grande città. L’umanità vivrà l’angoscia di un condannato. UN GRAVE CONFLITTO SFOCERÀ IN UNA GRANDE CATASTROFE 3.422 - 5 gennaio 2011 IL PERICOLO PER GLI UOMINI VERRÀ PER MEZZO DELLE PROPRIE MANI. GLI UOMINI HANNO COSTRUITO ARMI CHE PORTERANNO L’UMANITÀ AL CALVARIO. DALL’ EUROPA VERRA’ PER GLI UOMINI LA CROCE DELLA SOFFERENZA. 3.272 - 28 gennaio 2010 Cari figli, la pace nel mondo è minacciata. Inginocchiatevi e pregate, perché solo così raggiungerete la vera pace. L’umanità cammina verso un grande abisso ed è giunto il momento del vostro ritorno al Signore. Il Medio Oriente tremerà per il grande olocausto atomico. I momenti di dolore per l’umanità si avvicinano. Sono venuta dal cielo per chiamarvi alla conversione. Aprite i vostri cuori e accettate la volontà di Dio per le vostre vite. Non esitate. Perseverate lungo il cammino che vi ho indicato. 3.357 - 10 agosto 2010 Cari figli, venti forti scuoteranno le Torri e i miei poveri figli avranno paura. Gli uomini fuggiranno dalla Casa Bianca e a Correntes troveranno la morte. Ecco per voi il tempo dei dolori. Messaggi della Madonna di Anguera. 2.563 - 16.08.2005 SOTTO L’APPARENZA DI FRAGILI PROMESSE DI PACE, SI PREPARANO I MEZZI DI MORTE PIÙ AVANZATI E I MIEI POVERI FIGLI PROCEDONO VERSO UNA GRANDE SOFFERENZA. 2.522 - 14.05.2005 LA SCIENZA INCIAMPERÀ E DALL ’ERRORE COMMESSO DAGLI UOMINI NASCERÀ UN GIGANTE CHE UCCIDERÀ MOLTI INNOCENTI. LA RICERCA DEL PROGRESSO SCIENTIFICO PORTERÀ GLI UOMINI ALLA FOLLIA. 2.757 - 09/11/2006 Cari figli, l’umanità conoscerà il peso delle grandi difficoltà provocate dalle mani stesse degli uomini. Gli uomini preparano i mezzi più sofisticati di morte, ma essi stessi berranno il proprio veleno. 2.790 - 26.01.2007 LO SPOSTAMENTO DEI POLI CAMBIERÀ LA VITA SULLA TERRA E I MIEI POVERI FIGLI VIVRANNO MOMENTI DI ANGOSCIA. ARRIVERÀ IL GIORNO IN CUI I SOFISTICATI MEZZI DI COMUNICAZIONE CROLLERANNO. GLI UOMINI SARANNO SORDI E CIECHI. 4.370 – 07/10/2016 L’umanità berrà il calice amaro del dolore attraverso le armi silenziose. I progressi tecnologici porteranno grandi sofferenze ai Miei poveri figli.


Post del 31/10/2016 aggiornato al 02/08/2018

SEGNI DEI TEMPI: SCHIAVI DELLA TECNOLOGIA. Messaggi Profetici della Madonna di Anguera. - SEGNI DEI TEMPI: SCHIAVI DELLA TECNOLOGIA. Messaggi Profetici della Madonna di Anguera. - 1.400 - 19 marzo 1998 L’umanità è avanzata nella TECNOLOGIA raggiungendo grandi conquiste, molte delle quali, però, non sono nella volontà di Dio. Ma riguardo alla fede, l’umanità è sempre più lontana dalla verità e dagli ideali evangelici. Fate attenzione. Non lasciate che satana vi inganni. Questa è l’ora della verità. Restate con il Signore. 2.742 - 06/10/2006 Cari figli, l’umanità porterà una CROCE PESANTE perché gli uomini si sono allontanati dal Creatore e hanno abbracciato false ideologie. GRANDI PROGRESSI TECNOLOGICI CONTRIBUIRANNO ALLA MORTE SPIRITUALE DI MOLTI DEI MIEI POVERI FIGLI. LE MAGGIORI VITTIME SARANNO I GIOVANI. 2.760 - 17/11/2006 GLI UOMINI CERCHERANNO LA MORTE NELLE PROPRIE SCOPERTE. LA RICERCA SFRENATA DI PROGRESSI TECNOLOGICI CONDURRA’ GLI UOMINI ALLA PROPRIA DISTRUZIONE. 3.811 - 27 aprile 2013 Cari figli, camminate verso un futuro doloroso. Gli uomini saranno sempre più schiavi della TECNOLOGIA e la grazia del Signore sarà presente in pochi cuori. Accogliendo false ideologie, gli uomini indirizzeranno i propri sentimenti alle macchine. Soffro per quello che vi aspetta. 3.945 - 24 febbraio 2014 Cari figli, inginocchiatevi in preghiera. L’umanità sarà resa schiava dai progressi della TECNOLOGIA e i miei poveri figli cammineranno in una grande cecità spirituale. 4.161 - 04.07.2015 Cari figli, prendetevi cura della vostra vita spirituale e dedicate parte del vostro tempo alla preghiera e all’ascolto della Parola. NON LASCIATEVI RENDERE SCHIAVI DALLA TECNOLOGIA. Cercate i tesori di Dio e sarete felici già qui sulla Terra e più tardi con me in Cielo. 4.370 – Messaggio di Nostra Signora Regina della Pace, trasmesso il 07/10/2016 L’ UMANITA’ BERRA’ IL CALICE AMARO DEL DOLORE ATTRAVERSO LE ARMI SILENZIOSE. I PROGRESSI TECNOLOGICI PORTERANNO GRANDI SOFFERENZE AI MIEI POVERI FIGLI. 2.790 - 26.01.2007 Cari figli, l’umanità porterà una CROCE PESANTE. LO SPOSTAMENTO DEI POLI CAMBIERÀ LA VITA SULLA TERRA E I MIEI POVERI FIGLI VIVRANNO MOMENTI DI ANGOSCIA. ARRIVERÀ IL GIORNO IN CUI I SOFISTICATI MEZZI DI COMUNICAZIONE CROLLERANNO. GLI UOMINI SARANNO SORDI E CIECHI. Pregate. Supplicate la MISERICORDIA del Signore per voi. Io vi amo e sono venuta dal Cielo per soccorrervi. Ascoltatemi. Non permettete che il demonio vi allontani dalla verità. Aprite i vostri cuori al Signore.











I








·         







·         


·         










Cosa sappiamo sulle armi segrete svelate da Putin

Putin conferma i progressi sullo Status-6 e sul Sarmat, svela un nuovo missile ipersonico e fornisce dettagli sulla "meteora" Avangard

La fantascienza diventa realtà:
la Cina presenta il fucile d’assalto laser


SOTTO L’APPARENZA DI FRAGILI PROMESSE DI PACE, SI PREPARANO I MEZZI DI MORTE PIÙ AVANZATI E I MIEI POVERI FIGLI PROCEDONO VERSO UNA GRANDE SOFFERENZA
2.563 - 16.08.2005
Cari figli, ascoltate amorevolmente i miei appelli e siate in tutto simili a mio Figlio Gesù. Accogliete anche, e soprattutto, il Vangelo del mio Gesù. Ecco il tempo opportuno per il vostro ritorno al Signore. Non restate stazionari. A GERUSALEMME, UN TEMPIO SARÀ RAGGIUNTO. LA VIOLENZA CRESCERÀ. SOTTO L’APPARENZA DI FRAGILI PROMESSE DI PACE, SI PREPARANO I MEZZI DI MORTE PIÙ AVANZATI E I MIEI POVERI FIGLI PROCEDONO VERSO UNA GRANDE SOFFERENZA. Molte regioni della terra vivranno MOMENTI DI GRANDE TRIBOLAZIONE. GLI UOMINI LO CONFONDERANNO CON UN DILUVIO (SARANNO CONFUSI DA UN DILUVIO?). PREGATE. Non restate lontani dalla preghiera. Io sono vostra Madre e sono con voi. Coraggio. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

La nuova fantascientifica armatura russa

IL PERICOLO PER GLI UOMINI VERRÀ PER MEZZO DELLE PROPRIE MANI. GLI UOMINI HANNO COSTRUITO ARMI CHE PORTERANNO L’UMANITÀ AL CALVARIO. DALL’ EUROPA VERRA’ PER GLI UOMINI LA CROCE DELLA SOFFERENZA. 
3.422 - 5 gennaio 2011
Cari figli, sono vostra Madre Addolorata e soffro a causa delle vostre sofferenze. L’umanità cammina incontro a grandi sofferenze. IL PERICOLO PER GLI UOMINI VERRÀ PER MEZZO DELLE PROPRIE MANI. GLI UOMINI HANNO COSTRUITO ARMI CHE PORTERANNO L’UMANITÀ AL CALVARIO. DALL’ EUROPA VERRA’ PER GLI UOMINI LA CROCE DELLA SOFFERENZA. Non allontanatevi dalla preghiera. Io sono vostra Madre e voglio soccorrervi. Ascoltatemi e sarete vittoriosi. In questi tempi difficili, chiamate sempre Gesù. Abbracciate la vera dottrina e non permettete che il demonio vi inganni. Solo Gesù è la Verità Assoluta del Padre e senza di Lui non raggiungerete la salvezza. Tornate in fretta. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
------------------------------------------------------------


Attacchi laser contro gli aerei a Gibuti
Il Pentagono adesso accusa la Cina

L’ UMANITA’ BERRA’ IL CALICE AMARO DEL DOLORE ATTRAVERSO LE ARMI SILENZIOSE. I PROGRESSI TECNOLOGICI PORTERANNO GRANDI SOFFERENZE AI MIEI POVERI FIGLI.
4.370 – Messaggio di Nostra Signora Regina della Pace, trasmesso il 07/10/2016
“Cari figli, voi siete liberi. Non permettete che il peccato vi conduca alla schiavitù. Siete del Signore e solo Lui dovete seguire e servire. L’ UMANITA’ BERRA’ IL CALICE AMARO DEL DOLORE ATTRAVERSO LE ARMI SILENZIOSE. I PROGRESSI TECNOLOGICI PORTERANNO GRANDI SOFFERENZE AI MIEI POVERI FIGLI. Piegate le vostre ginocchia in preghiera. Nelle mani, il Santo Rosario e la Sacra Scrittura; Nel cuore, l’amore per la Verità. Non permettete che la fiamma della fede si spenga dentro di voi. Avvicinatevi al confessionale per ricevere il Perdono Misericordioso del mio Gesù. Con la vostra anima pulita, cercate Gesù nell’Eucaristia. Egli è il vostro tutto e solo in Lui è la vostra vera liberazione e salvezza. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto in nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Restate in pace.”


Siria, la Terza Guerra Mondiale si è evitata per un soffio

16 aprile 2018


SARÀ SULLA COSTA EST. L’ONDA GIGANTE CAUSERÀ GRANDE DISTRUZIONE

2.573 - 10.09.2005

Cari figli, date il meglio di voi nella missione che il Signore vi ha affidato. Non restate con le mani in mano. Ecco il tempo della GRANDE BATTAGLIA SPIRITUALE. Siate forti. L’umanità cammina verso l’abisso della distruzione ed è giunto il momento di convertirvi. La Turchia sperimenterà un grande dolore. Grande sarà la sofferenza per molti dei miei poveri figli. Non allontanatevi dalla preghiera. SARÀ SULLA COSTA EST. L’ONDA GIGANTE CAUSERÀ GRANDE DISTRUZIONE. L’aquila soffrirà nuovamente. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


La Russia prepara la bomba tsunami
03/02/2018 
http://www.adnkronos.com/…/russia-prepara-bomba-tsunami_hAw…

Guerre ambientali e alterazioni climatiche


162 – 18 aprile 1989

162 – 18 aprile 1989
Cari figli, non siate sorpresi se parlo così tanto. Parlo con voi perché mio Figlio Gesù vuole che lo faccia. Desidero che osserviate i comandamenti di Dio e che facciate tutto ciò che mio Figlio ha insegnato, di modo che possiate essere Suoi veri seguaci.  AL GIORNO D’OGGI UNA GRANDE PARTE DELL’UMANITA’ NON OSSERVA PIU’ I DIECI COMANDAMENTI. IL GENERE UMANO E’ OGNI GIORNO PIU’ DISTANTE DA DIO E PIU’ VICINI AL GRANDE ABISSO. IL PERICOLO DI UNA NUOVA GUERRA E’ MOLTO REALE DIETRO
L’ APPARENZA DI FRAGILI PROMESSE DI ACCORDI, ESSI PREPARANO MODI SOFISTICATI DI UCCIDERE E L’ ODIO CONDUCE IL GENERE UMANO ALL’ AUTODISTRUZIONE. Desidero creare in questa nazione, con l’aiuto di tutti i miei figli, un ESERCITO invincibile. Invito ciascuno di voi a pregare le cinque decine del ROSARIO tutti i giorni, affinché la pace possa regnare in questo mondo. Io, Nostra Signora di Aparecida*, ho un amore speciale per questa nazione.  NON VOGLIO CHE SATANA INSTALLI IL SUO REGNO QUI IN BRASILE, PERTANTO VI CHIEDO DI PREGARE E DI FARE PENITENZA. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per voi stessi. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per le anime del PURGATORIO. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

*Nostra Signora di Aparecida è la patrona del Brasile: il santuario a lei dedicato si trova ad Aparecida, nello stato di São Paulo (fonte: wikipedia)

Usa, Pentagono rilancia nucleare/ Terza Guerra Mondiale, Russia minaccia: “Ostilità impressionante, reagiremo”




http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2018/2/2/Terza-Guerra-Mondiale-Gli-Stati-Uniti-stanno-preparando-un-attacco-militare-contro-la-Corea-del-Nord-/804819/


3.144 - 07/04/2009
Cari figli, soffro a causa delle sofferenze dei miei poveri figli. INGINOCCHIATEVI in preghiera. Solo con la preghiera verrà l’aiuto di Dio. Non restate con le mani in mano. VEDRETE ANCORA ORRORI SULLA TERRA. L’EUROPA diventerà povera spiritualmente e materialmente. Nazioni spariranno e i miei poveri figli dovranno portare una CROCE PESANTE. Il peggio deve ancora venire. Pregate. Pregate. Pregate. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Putin presenta Satan 2, il nuovo missile nucleare che può incenerire il Texas (o la Francia)

L’ordigno, secondo fonti russe, potrebbe essere pronto entro il 2018. Dotato di 16 testate atomiche ha un raggio d’azione di 10 mila chilometri

Elon Musk, da intelligenza artificiale rischi guerra mondiale

Patron Tesla lancia allarme via tweet

http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tlc/2017/09/05/elon-musk-da-ai-rischi-guerra-mondiale_418b3363-7227-4276-a06e-acada0632272.html

Nuovo cyberattacco, rubati i dati di 143 milioni di persone (un terzo della popolazione Usa)

http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2017-09-08/nuovo-cyberattacco-rubati-dati-143-milioni-persone-un-terzo-popolazione-usa-110449.shtml?uuid=AEvTkiPC

I ransomware più che triplicati, smartphone 'ostaggio'

In primo trimestre 2017 rilevati oltre 200mila

Attacco hacker mondiale con cyber armi Usa

Corea del Nord, l'ombra degli hacker Usa dietro il fallito lancio

Stanislav Petrov, l'eroe sconosciuto che salvò il Mondo dalla Terza Guerra mondiale

Ma un attacco hacker può scatenare una guerra nucleare?

Perché crescono i rischi di una guerra nucleare «per sbaglio»

Papa all’Onu: impegnarsi per un mondo senza armi nucleari


MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO
ALLA CONFERENZA DELL'ONU FINALIZZATA A NEGOZIARE
UNO STRUMENTO GIURIDICAMENTE VINCOLANTE SULLA
PROIBIZIONE DELLE ARMI NUCLEARI,
CHE CONDUCA ALLA LORO TOTALE ELIMINAZIONE
[New York, 27-31 marzo 2017]

Trump: 'Arsenale nucleare Usa va ampliato'


Mt 24:7 Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno; vi saranno carestie e terremoti in vari luoghi;


Lc 21:10 Poi disse loro: «Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno, 11 e vi saranno di luogo in luogo terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandi dal cielo.


Mt 24:7 Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno; vi saranno carestie e terremoti in vari luoghi;


Lc 21:10 Poi disse loro: «Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno, 11 e vi saranno di luogo in luogo terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandi dal cielo.

 (DEFCON, o Defense Readiness Condition, che in tempo di pace è a livello 5),  Nella famosa crisi dei missili di Cuba, nel '62, in cui il mondo fu sull'orlo di un conflitto termonucleare globale, si raggiunse proprio DEFCON 2, che indica rischio elevatissimo, mentre il livello DEFCON 1 (attacco in corso) non è mai stato, finora, raggiunto da quando gli Stati Uniti possiedono armi nucleari.

Puoi controllare qual è il livello DEFCON negli USA cliccando qui.
Fonte: http://defconwarningsystem.com/

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il termine DEFCON (acronimo per indicare la locuzione della inglese DEFense readiness CONdition, in italiano "condizione di prontezza difensiva"), indica la descrizione dello stato di allarme utilizzata dalle forze armate degli Stati Uniti d'America.[1] Il sistema DEFCON è stato sviluppato dallo Stato Maggiore Congiunto e dagli Unified Combatant Command statunitensi.
Link: https://it.wikipedia.org/wiki/DEFCON

Timeline

IT IS TWO AND A HALF MINUTES TO MIDNIGHT

DoomsdayClock_black_2.5mins_regmark (1).png

2017: For the last two years, the minute hand of the Doomsday Clock stayed set at three minutes before the hour, the closest it had been to midnight since the early 1980s. In its two most recent annual announcements on the Clock, the Science and Security Board warned: “The probability of global catastrophe is very high, and the actions needed to reduce the risks of disaster must be taken very soon.” In 2017, we find the danger to be even greater, the need for action more urgent. It is two and a half minutes to midnight, the Clock is ticking, global danger looms. Wise public officials should act immediately, guiding humanity away from the brink. If they do not, wise citizens must step forward and lead the way.  See the full statement from the Science and Security Board on the 2017 time of the Doomsday Clock.




COPERTURA COMPLETA E AGGIORNATA  DI TERZA GUERRA MONDIALE OTTENUTA COMBINANDO  FONTI DI NOTIZIE IN TUTTO IL MONDO  ATTRAVERSO GOOGLE NEWS Fonte: https://news.google.it/news/section?pz=1&cf=all&q=terza+guerra+mondiale




Luca, capitolo  21:1 Alzati gli occhi, vide alcuni ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro. 2 Vide anche una vedova povera che vi gettava due spiccioli 3 e disse: «In verità vi dico: questa vedova, povera, ha messo più di tutti. 4 Tutti costoro, infatti, han deposto come offerta del loro superfluo, questa invece nella sua miseria ha dato tutto quanto aveva per vivere».
5 Mentre alcuni parlavano del tempio e delle belle pietre e dei doni votivi che lo adornavano, disse: 6 «Verranno giorni in cui, di tutto quello che ammirate, non resterà pietra su pietra che non venga distrutta». 7 Gli domandarono: «Maestro, quando accadrà questo e quale sarà il segno che ciò sta per compiersi?».
8 Rispose: «Guardate di non lasciarvi ingannare. Molti verranno sotto il mio nome dicendo: "Sono io" e: "Il tempo è prossimo"; non seguiteli. 9 Quando sentirete parlare di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate. Devono infatti accadere prima queste cose, ma non sarà subito la fine».
10 Poi disse loro: «Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno, 11 e vi saranno di luogo in luogo terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandi dal cielo. 12 Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e a governatori, a causa del mio nome. 13 Questo vi darà occasione di render testimonianza. 14 Mettetevi bene in mente di non preparare prima la vostra difesa; 15 io vi darò lingua e sapienza, a cui tutti i vostri avversari non potranno resistere, né controbattere. 16 Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e metteranno a morte alcuni di voi; 17 sarete odiati da tutti per causa del mio nome. 18 Ma nemmeno un capello del vostro capo perirà. 19 Con la vostra perseveranza salverete le vostre anime.
20 Ma quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, sappiate allora che la sua devastazione è vicina. 21 Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano ai monti, coloro che sono dentro la città se ne allontanino, e quelli in campagna non tornino in città; 22 saranno infatti giorni di vendetta, perché tutto ciò che è stato scritto si compia.
23 Guai alle donne che sono incinte e allattano in quei giorni, perché vi sarà grande calamità nel paese e ira contro questo popolo. 24 Cadranno a fil di spada e saranno condotti prigionieri tra tutti i popoli; Gerusalemme sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani siano compiuti.
25 Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, 26 mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
27 Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire su una nube con potenza e gloria grande.
28 Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perché la vostra liberazione è vicina».
29 E disse loro una parabola: «Guardate il fico e tutte le piante; 30 quando già germogliano, guardandoli capite da voi stessi che ormai l'estate è vicina. 31 Così pure, quando voi vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino. 32 In verità vi dico: non passerà questa generazione finché tutto ciò sia avvenuto. 33 Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
34 State bene attenti che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso improvviso; 35 come un laccio esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. 36 Vegliate e pregate in ogni momento, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che deve accadere, e di comparire davanti al Figlio dell'uomo».
37 Durante il giorno insegnava nel tempio, la notte usciva e pernottava all'aperto sul monte detto degli Ulivi. 38 E tutto il popolo veniva a lui di buon mattino nel tempio per ascoltarlo.


4.370 – Messaggio di Nostra Signora Regina della Pace, trasmesso il 07/10/2016


“Cari figli, voi siete liberi. Non permettete che il peccato vi conduca alla schiavitù. Siete del Signore e solo Lui dovete seguire e servire. L’umanità berrà il calice amaro del dolore attraverso le armi silenziose. I progressi tecnologici porteranno grandi sofferenze ai Miei poveri figli. Piegate le vostre ginocchia in preghiera. Nelle mani, il Santo Rosario e la Sacra Scrittura; Nel cuore, l’amore per la Verità. Non permettete che la fiamma della fede si spenga dentro di voi. Avvicinatevi al confessionale per ricevere il Perdono Misericordioso del mio Gesù. Con la vostra anima pulita, cercate Gesù nell’Eucaristia. Egli è il vostro tutto e solo in Lui è la vostra vera liberazione e salvezza. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto in nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Restate in pace.”


Implicazioni della nanotecnologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rischi potenziali

I rischi potenziali della nanotecnologia possono ampiamente essere sintetizzati in quattro punti:
  • Problemi di salute - gli effetti di nanomateriali sulla biologia umana
  • Problemi ambientali - gli effetti di nanomateriali sull'ambiente
  • Problemi sociali - gli effetti che la disponibilità di apparecchiature nanotecnologiche avrà sulla politica e sull'interazione umana
  • "Grey goo" (lett. sostanza appiccicosa grigia) - i rischi specifici associati alla visione speculativa della nanotecnologia molecolare

162 – 18 aprile 1989

Cari figli, non siate sorpresi se parlo così tanto. Parlo con voi perché mio Figlio Gesù vuole che lo faccia. Desidero che osserviate i comandamenti di Dio e che facciate tutto ciò che mio Figlio ha insegnato, di modo che possiate essere Suoi veri seguaci.  AL GIORNO D’OGGI UNA GRANDE PARTE DELL’UMANITA’ NON OSSERVA PIU’ I DIECI COMANDAMENTI. IL GENERE UMANO E’ OGNI GIORNO PIU’ DISTANTE DA DIO E PIU’ VICINI AL GRANDE ABISSO. IL PERICOLO DI UNA NUOVA GUERRA E’ MOLTO REALE DIETRO L’ APPARENZA DI FRAGILI PROMESSE DI ACCORDI, ESSI PREPARANO MODI SOFISTICATI DI UCCIDERE E L’ ODIO CONDUCE IL GENERE UMANO ALL’ AUTODISTRUZIONE. Desidero creare in questa nazione, con l’aiuto di tutti i miei figli, un ESERCITO invincibile. Invito ciascuno di voi a pregare le cinque decine del ROSARIO tutti i giorni, affinché la pace possa regnare in questo mondo. Io, Nostra Signora di Aparecida*, ho un amore speciale per questa nazione.  NON VOGLIO CHE SATANA INSTALLI IL SUO REGNO QUI IN BRASILE, PERTANTO VI CHIEDO DI PREGARE E DI FARE PENITENZA. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per voi stessi. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per le anime del PURGATORIO. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

*Nostra Signora di Aparecida è la patrona del Brasile: il santuario a lei dedicato si trova ad Aparecida, nello stato di São Paulo (fonte: wikipedia)

197 – 12 agosto 1989
Cari figli, l’umanità è sull’orlo della distruzione, che può provocare con le sue stesse mani. Quanto vi predissi a Fatima per questo secolo è già iniziato. C’ E’ IL PERICOLO PER L’ UMANITA’ DI UNA NUOVA GUERRA MONDIALE. Sento una grande afflizione per ciò che vi attende, miei poveri figli innocenti, così minacciati dalla fame, dalla GUERRA, dall’odio e dalla violenza. Questo è un tempo terribilmente doloroso per voi. Pregate e fate penitenza. La punizione verrà solo se l’umanità non si converte. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
519 – 30 maggio 1992
Cari figli, sono venuta dal cielo per consolare il vostro cuore tormentato e per chiedervi di continuare a pregare e a vivere tutti i messaggi che ho già dato.  ORA, PIU’ CHE MAI, AVETE BISOGNO DI PREGARE, POICHE’ C’E’ IL PERICOLO DI GRANDI CATASTROFI. SONO TRISTE PER CIO’ CHE VI ATTENDE. Pregate e fate penitenza. Non perdetevi d’animo. Coraggio. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
545 – 25 agosto 1992
Cari figli, guardate: è giunto il momento nel quale dovete essere fedeli alla Parola di mio Figlio, poiché questo è l’unico modo per potervi salvare. Abbandonate il male e vivete con gli occhi rivolti alle cose del cielo. SAPPIATE CHE LA PACE NEL MONDO E’ IN CRISI. OGGI, PIU’ CHE MAI, C’E’ IL PERICOLO REALE DI UNA NUOVA GUERRA. Vi chiedo di continuare a pregare, poiché questo è l’unico modo per avere la pace nel mondo. SONO LA REGINA DELLA PACE. Desidero che la pace possa iniziare prima nei vostri cuori. Se avete la pace nel vostro cuore, gli altri percepiranno la presenza di Dio in voi e cambieranno le loro vite. Ascoltatemi. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
582 – 2 gennaio 1993
Cari figli, sono vostra Madre e la Regina del Brasile. Questa sera vi chiedo di pregare per la conversione di tutti i peccatori e di vivere tutti i miei messaggi, poiché questo è l’unico modo attraverso il quale posso ottenere la vittoria del mio Cuore Immacolato. Vi chiedo anche di pregare per il Papa, perché l’ora del suo martirio si sta avvicinando. La Chiesa perderà un grande TESORO, ma coloro che saranno stati fedeli al mio Gesù resteranno saldi. Pregate. Pregate per il Papa, il successore della cattedra di PIETRO. Dovrà soffrire molto. Pregate e fate penitenza.  SE GLI UOMINI NON SI CONVERTONO, IL FUOCO CADRA’ DAL CIELO E SARA’ TARDI. IL PERICOLO DI UNA NUOVA GUERRA MONDIALE E’ SEMPRE PIU’. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Italia

1.422 - 9 maggio 1998
Cari figli, Io sono vostra Madre e sono instancabile. Voglio riunirvi nel mio Cuore Immacolato e farvi sentire la vittoria di Dio. Sappiate che Dio trasformerà la vostra tristezza in gioia, asciugherà le vostre lacrime e vi condurrà al trionfo del mio Cuore. C’è molta malvagità sulla terra. Vedete come cresce il numero delle violenze, dei furti e dei sequestri. Si parla tanto di pace, ma gli uomini non si sforzano di costruirla. Il pericolo di una nuova GUERRA diventa reale. Se gli uomini non pregano, un grande castigo cadrà sull’umanità. Pregate. Pregate molto. Solo pregando sarete salvi. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

2.540 - 25.06.2005
Cari figli, il Signore vi attende a braccia aperte. Camminate incontro a Lui e sarete consolati nei momenti di afflizione.  SAPPIATE CHE L’ UMANITA’ VIVRA’ MOMENTI DI GRANDI DIFFICOLTA’.  Il FUOCO brucerà la luce e ci sarà una grande esplosione.  PREGATE PER ESSERE VINCITORI UNA GRANDE TRAGEDIA ACCADRA’ IN COREA. GLI UOMINI SI DISTRUGGONO CON LE PROPRIE MANI.  Gli uomini si distruggono con le proprie mani. Ascoltate i miei appelli. Non voglio forzarvi, ma ascoltate con amore ciò che vi dico. Il leader di una grande nazione soffrirà un ATTENTATO. Il pericolo di una terza GUERRA diventa reale. INGINOCCHIATEVI in preghiera. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
3.422 - 5 gennaio 2011

Cari figli, sono vostra Madre Addolorata e soffro a causa delle vostre sofferenze. L’umanità cammina incontro a grandi sofferenze. Il pericolo per gli uomini verrà per mezzo delle proprie mani. Gli uomini hanno costruito armi che porteranno l’umanità al calvario. DALL’ EUROPA VERRA’ PER GLI UOMINI LA CROCE DELLA SOFFERENZA. Non allontanatevi dalla preghiera. Io sono vostra Madre e voglio soccorrervi. Ascoltatemi e sarete vittoriosi. In questi tempi difficili, chiamate sempre Gesù. Abbracciate la vera dottrina e non permettete che il demonio vi inganni. Solo Gesù è la Verità Assoluta del Padre e senza di Lui non raggiungerete la salvezza. Tornate in fretta. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace. 

162 – 18 aprile 1989
CARI FIGLI, NON SIATE SORPRESI SE PARLO COSÌ TANTO. PARLO CON VOI PERCHÉ MIO FIGLIO GESÙ VUOLE CHE LO FACCIA. Desidero che osserviate i comandamenti di Dio e che facciate tutto ciò che mio Figlio ha insegnato, di modo che possiate essere Suoi veri seguaci. Al giorno d’oggi una grande parte dell’umanità non osserva più i dieci comandamenti. Il genere umano è ogni giorno più distante da Dio e più vicino al grande abisso. Il pericolo di una nuova guerra è molto reale. Dietro l’apparenza di fragili promesse di accordi, essi preparano modi più sofisticati di uccidere e l’odio conduce il genere umano all’autodistruzione. DESIDERO CREARE IN QUESTA NAZIONE, CON L’AIUTO DI TUTTI I MIEI FIGLI, UN ESERCITO INVINCIBILE. INVITO CIASCUNO DI VOI A PREGARE LE CINQUE DECINE DEL ROSARIO TUTTI I GIORNI, AFFINCHÉ LA PACE POSSA REGNARE IN QUESTO MONDO. Io, Nostra Signora di Aparecida*, ho un amore speciale per questa nazione. Non voglio che satana installi il suo regno qui in Brasile, pertanto vi chiedo di pregare e di fare penitenza. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per voi stessi. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per le anime del purgatorio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


*Nostra Signora di Aparecida è la patrona del Brasile: il santuario a lei dedicato si trova ad Aparecida, nello stato di São Paulo (fonte: wikipedia)

545 – 25 agosto 1992
Cari figli, guardate: è giunto il momento nel quale dovete essere fedeli alla Parola di mio Figlio, poiché questo è l’unico modo per potervi salvare. Abbandonate il male e vivete con gli occhi rivolti alle cose del cielo. Sappiate che la pace del mondo è in crisi. Oggi, più che mai, c’è il pericolo reale di una nuova guerra. Vi chiedo di continuare a pregare, poiché questo è l’unico modo per avere la pace nel mondo. Sono la Regina della Pace. Desidero che la pace possa iniziare prima nei vostri cuori. Se avete la pace nel vostro cuore, gli altri percepiranno la presenza di Dio in voi e cambieranno le loro vite. Ascoltatemi. Questo è il messaggio che vi trasmetto oggi nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


2.501 - 26.03.2005


Cari figli, la terra della regina sarà sorpresa e i suoi nemici faranno grande distruzione. Il paese del Salvatore dovrà soffrire molto, ma quando sentirà la sconfitta si difenderà con armi che diffonderanno fuoco nel cielo. L’umanità non trova la pace perché gli uomini si sono allontanati dal Creatore. Intensificate le vostre preghiere e tornate a Colui che è il vostro unico grande Amico. Il re lascerà la sua casa in fretta, ma dovrà passare attraverso il sangue che scorre nel suo palazzo. Non scoraggiatevi. Non tiratevi indietro. Con Dio sarete vittoriosi. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

2.540 - 25.06.2005

Cari figli, il Signore vi attende a braccia aperte. Camminate incontro a Lui e sarete consolati nei momenti di afflizione. Sappiate che l’umanità vivrà momenti di grandi difficoltà. IL FUOCO BRUCERÀ LA LUCE E CI SARÀ UNA GRANDE ESPLOSIONE. Pregate per essere vincitori. Una grande tragedia accadrà in Corea. Gli uomini si distruggono con le proprie mani. Ascoltate i miei appelli. Non voglio forzarvi, ma ascoltate con amore ciò che vi dico. IL LEADER DI UNA GRANDE NAZIONE SOFFRIRÀ UN ATTENTATO. IL PERICOLO DI UNA TERZA GUERRA DIVENTA REALE. Inginocchiatevi in preghiera. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



2.557 - 04.08.2005

Cari figli, restate con il Signore. O uomini, dove volete andare? Sappiate che non c’è salvezza al di fuori di Cristo. Lui è la Luce del mondo e chi sta con Cristo avrà la vita trasformata. Non lasciatevi contaminare. L’umanità cammina verso la distruzione. La terra si agiterà e tremerà per il grande olocausto atomico. L’Iran sarà devastato da Israele. Ecco i tempi difficili per l’umanità. Tornate al SignoreDite a tutti che questo è il tempo favorevole per la conversione. Arriverà il giorno in cui molti si pentiranno della vita trascorsa senza Dio, ma sarà tardi. Ciò che dovete fare non rimandatelo a domani. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



2.592 - 22.10.2005

Cari figli, questa sera vi invito ad aprirvi alla grazia di Dio e ad essere in tutto simili a mio Figlio Gesù. Si avvicinano ora i tempi delle grandi tribolazioni. Verrà la guerra. L’azione malefica degli uomini causerà morte e distruzione in varie nazioni. Tornate al Signore. Rispondete alla sua chiamata per essere salvi. Un uomo perverso comanderà una grande invasione. Nei cuori degli uomini ci saranno furia e desiderio di morte. La città delle sette colline sarà distrutta. Pentitevi. Date il meglio di voi nella missione che vi è stata affidataSorgerà una malattia misteriosa, che viene dalla sabbia. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi





2.759 - 14/11/2006

Cari figli, il mio Gesù ha affidato alla sua Chiesa la missione di trasmettere la sua verità a tutti gli uomini, ma molti consacrati si sono tirati indietro e si sono allontanati dalla luce del Signore. L’umanità vive nelle tenebre del peccato e i miei poveri figli si perdono nelle tenebre della cecità spirituale. L’azione del demonio porterà molti a perdere la vera fede. Vedrete ancora orrori sulla terra. La Chiesa sarà perseguitata. Il Trono di Pietro cadrà, ma alla fine i giusti vinceranno. Ascoltate i miei appelli. Non sono venuta dal cielo per gioco. SI SOLLEVERÀ LA GRANDE GUERRA RELIGIOSA e i fedeli saranno gettati fuori. Amate la verità e difendetelaIl Signore sta al fianco dei Suoi. Coraggio. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


Italia


2.785 - 13.01.2007

Cari figli, un fuoco veloce cadrà sulla grande città. Inginocchiatevi in preghiera. Ascoltate la voce del Signore ed accogliete i miei appelli. Io sono vostra Madre e sono venuta dal Cielo per aiutarvi. Non scoraggiatevi davanti ai vostri problemi. Confidate nel potere di Dio e sarete vittoriosi. L’umanità vivrà l’angoscia di un condannato. UN GRAVE CONFLITTO SFOCERÀ IN UNA GRANDE CATASTROFE. Pregate. Non allontanatevi dalla preghiera. Io intercederò presso il mio Gesù per voi. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


3.272 - 28 gennaio 2010

Cari figli, la pace nel mondo è minacciata. Inginocchiatevi e pregate, perché solo così raggiungerete la vera pace. L’umanità cammina verso un grande abisso ed è giunto il momento del vostro ritorno al SignoreIl Medio Oriente tremerà per il grande olocausto atomico. I momenti di dolore per l’umanità si avvicinano. Sono venuta dal cielo per chiamarvi alla conversione. Aprite i vostri cuori e accettate la volontà di Dio per le vostre vite. Non esitate. Perseverate lungo il cammino che vi ho indicato. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

3.357 - 10 agosto 2010


Cari figli, venti forti scuoteranno le Torri* e i miei poveri figli avranno paura. Gli uomini fuggiranno dalla Casa Bianca e a Correntes* troveranno la morte. Ecco per voi il tempo dei dolori. La Terra della Santa Croce (Brasile) sarà colpita. La vostra croce sarà pesante, ma Dio starà al vostro fianco. Inginocchiatevi in preghiera, perché solo così potete raggiungere la vittoria. Sono venuta dal cielo per condurvi a mio Figlio Gesù. Aprite i vostri cuori e siate docili alla mia chiamata. Avanti senza paura. Dopo tutta la tribolazione verrà per voi la grande vittoria di Dio. Non tiratevi indietro. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

*La preposizione di "Torres" è al plurale e quindi ho scelto la traduzione letterale, mentre "Correntes" potrebbe essere la città brasiliana nello stato di Pernambuco



162 – 18 aprile 1989
CARI FIGLI, NON SIATE SORPRESI SE PARLO COSÌ TANTO. PARLO CON VOI PERCHÉ MIO FIGLIO GESÙ VUOLE CHE LO FACCIA. Desidero che osserviate i comandamenti di Dio e che facciate tutto ciò che mio Figlio ha insegnato, di modo che possiate essere Suoi veri seguaci. Al giorno d’oggi una grande parte dell’umanità non osserva più i dieci comandamenti. IL GENERE UMANO E’ OGNI GIORNO PIU’ DISTANTE DA DIO E PIU’ VICINI AL GRANDE ABISSO. IL PERICOLO DI UNA NUOVA GUERRA E’ MOLTO REALE DIETRO L’ APPARENZA DI FRAGILI PROMESSE DI ACCORDI, ESSI PREPARANO MODI SOFISTICATI DI UCCIDERE E L’ ODIO CONDUCE IL GENERE UMANO ALL’ AUTODISTRUZIONE. DESIDERO CREARE IN QUESTA NAZIONE, CON L’AIUTO DI TUTTI I MIEI FIGLI, UN ESERCITO INVINCIBILE. INVITO CIASCUNO DI VOI A PREGARE LE CINQUE DECINE DEL ROSARIO TUTTI I GIORNI, AFFINCHÉ LA PACE POSSA REGNARE IN QUESTO MONDO. Io, Nostra Signora di Aparecida*, ho un amore speciale per questa nazione. Non voglio che satana installi il suo regno qui in Brasile, pertanto vi chiedo di pregare e di fare penitenza. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per voi stessi. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per le anime del PURGATORIO. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


*Nostra Signora di Aparecida è la patrona del Brasile: il santuario a lei dedicato si trova ad Aparecida, nello stato di São Paulo (fonte: wikipedia)


Fonte traduzione messaggi: http://www.messaggidianguera.net/

  2.563 - 16.08.2005

Cari figli, ascoltate amorevolmente i miei appelli e siate in tutto simili a mio Figlio Gesù. Accogliete anche, e soprattutto, il Vangelo del mio Gesù. Ecco il tempo opportuno per il vostro ritorno al Signore. Non restate stazionari. GERUSALEMME, UN TEMPIO SARÀ RAGGIUNTO. LA VIOLENZA CRESCERÀ. SOTTO L’APPARENZA DI FRAGILI PROMESSE DI PACE, SI PREPARANO I MEZZI DI MORTE PIÙ AVANZATI E I MIEI POVERI FIGLI PROCEDONO VERSO UNA GRANDE SOFFERENZA. Molte regioni della terra vivranno MOMENTI DI GRANDE tribolazioneGLI UOMINI LO CONFONDERANNO CON UN DILUVIO (SARANNO CONFUSI DA UN DILUVIO?). PREGATE. Non restate lontani dalla preghiera. Io sono vostra Madre e sono con voi. Coraggio. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Israele


2.522 - 14.05.2005

Cari figli, la vera sapienza è quella che viene da Dio. L’umanità vive nelle tenebre del peccato perché gli uomini si sono chiusi all’azione dello Spirito Santo. Cercate la luce di Dio e allontanatevi dall’oscurità del peccato. Non restate con le mani in mano. Ciò che dovete fare non rimandatelo a domani. LA SCIENZA INCIAMPERÀ E DALL’ERRORE COMMESSO DAGLI UOMINI NASCERÀ UN GIGANTE CHE UCCIDERÀ MOLTI INNOCENTI. LA RICERCA DEL PROGRESSO SCIENTIFICO PORTERÀ GLI UOMINI ALLA FOLLIA. Ritornate in fretta. La capitale del Brasile vivrà momenti di angoscia e il sangue scorrerà nella famosa piazza. INGINOCCHIATEVI in preghiera e cercate forza nel Signore. Avanti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Brasilia
2.757 - 09/11/2006
·                      
Cari figli, l’umanità conoscerà il peso delle grandi difficoltà provocate dalle mani stesse degli uomini.  GLI UOMINI PREPARANO I MEZZI PIU’ SOFISTICATI DI MORTE, MA ESSI STESSI BERRANNO IL PROPRIO VELENO. Oh uomini, tornate al Signore. Non vivete nell’ignoranza. Aprite i vostri cuori al Signore. PREGATE MOLTO DAVANTI ALLA CROCE. Non restate stazionari nel peccato. Il TERRORE arriverà a Cham e alla città della grande torre. Soffro per ciò che vi attende. Convertitevi in fretta. Dio vi chiama. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
  Cham, una città della Germania
·         Cham, circondario
  Cham, una città della Svizzera

Galata (o Galatae) è un quartiere di Istanbul, la città più grande della Turchia.
Molto più tardi, al tempo dell'impero bizantino, Galata divenne significativa come il luogo della grande torre da cui si poteva bloccare con uno sbarramento di FUOCO l'accesso al Corno d'Oro in tempo di GUERRA. Tale torre fu distrutta durante la quarta crociata ma poi, ricostruita dai genovesi come la Torre di Cristo, è sopravvissuta fino ai nostri giorni.

2.790 - 26.01.2007

Cari figli, l’umanità porterà una CROCE PESANTE. LO SPOSTAMENTO DEI POLI CAMBIERÀ LA VITA SULLA TERRA E I MIEI POVERI FIGLI VIVRANNO MOMENTI DI ANGOSCIA. ARRIVERÀ IL GIORNO IN CUI I SOFISTICATI MEZZI DI COMUNICAZIONE CROLLERANNO. GLI UOMINI SARANNO SORDI E CIECHI. Pregate. Supplicate la MISERICORDIA del Signore per voi. Io vi amo e sono venuta dal Cielo per soccorrervi. Ascoltatemi. Non permettete che il demonio vi allontani dalla verità. Aprite i vostri cuori al Signore. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


Donald Trump, avanti di 30 secondi l’Orologio dell’Apocalisse. Gli scienziati: “Con elezione più vicina fine del mondo”

Link: http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/01/27/donald-trump-avanti-di-30-secondi-lorologio-dellapocalisse-gli-scienziati-con-elezione-piu-vicina-fine-del-mondo/3345581/

Il lascito di Obama: Super-Umani e robot assassini

Putin presenta Satan 2, il nuovo missile nucleare che può incenerire il Texas (o la Francia)


Terza guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
·         Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 14 lug 2014 alle 11:13.





Guerra non convenzionale
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Timeo Danaos et dona ferentes. »
(VirgilioEneide - Libro II, 49[1])
·         Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 2 mag 2014 alle 21:35.

Guerra non convenzionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Timeo Danaos et dona ferentes. »
(Virgilio, Eneide - Libro II, 49[1])


Guerra asimmetrica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
·         Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 27 feb 2013 alle 16:56.
La guerra asimmetrica originariamente era un'espressione riferita alla guerra tra due o più soggetti (di diritto internazionale pubblico) o gruppi le cui rispettive forze militari differivano in modo significativo. I cultori discienze militari contemporanei hanno tuttavia la tendenza ad ampliare tale definizione, fino a ricomprendervi l'asimmetria di strategia o tattica; oggi la guerra asimmetrica può indicare un conflitto in cui le risorse deibelligeranti sono diverse nell'essenza e nel combattimento, interagiscono e tentano di sfruttare le debolezze caratteristiche del rispettivo avversario. Tali lotte spesso implicano strategie e tattiche di guerra non convenzionale, in cui i combattenti "più deboli" cercano di usare una strategia in grado di compensare le proprie carenze quantitative e qualitative.[1]
Nella mitologia, ricordiamo il caso di Davide che sconfisse Golia non affrontandolo sul suo stesso piano, ma usando una modalità inattesa dal nemico.

162 – 18 aprile 1989
Cari figli, non siate sorpresi se parlo così tanto. Parlo con voi perché mio Figlio Gesù vuole che lo faccia. Desidero che osserviate i comandamenti di Dio e che facciate tutto ciò che mio Figlio ha insegnato, di modo che possiate essere Suoi veri seguaci. Al giorno d’oggi una grande parte dell’umanità non osserva più i dieci comandamenti. Il genere umano è ogni giorno più distante da Dio e più vicino al grande abisso. Il pericolo di una nuova guerra è molto reale. Dietro l’apparenza di fragili promesse di accordi, essi preparano modi più sofisticati di uccidere e l’odio conduce il genere umano all’autodistruzione. Desidero creare in questa nazione, con l’aiuto di tutti i miei figli, un esercito invincibile. Invito ciascuno di voi a pregare le cinque decine del rosario tutti i giorni, affinché la pace possa regnare in questo mondo. Io, Nostra Signora di Aparecida*, ho un amore speciale per questa nazione. Non voglio che satana installi il suo regno qui in Brasile, pertanto vi chiedo di pregare e di fare penitenza.
Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Continuate, continuate, continuate a pregare. Pregate per voi stessi. Pregate per i sacerdoti. Pregate per le vocazioni al sacerdozio. Pregate per le anime del purgatorio. Pregate per il Santo Padre. Pregate che satana non riesca a distruggere i miei progetti. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

*Nostra Signora di Aparecida è la patrona del Brasile: il santuario a lei dedicato si trova ad Aparecida, nello stato di São Paulo (fonte: wikipedia)
2.757 - 09/11/2006
Cari figli, l’umanità conoscerà il peso delle grandi difficoltà provocate dalle mani stesse degli uomini. Gli uomini preparano i mezzi più sofisticati di morte, ma essi stessi berranno il proprio veleno. Oh uomini, tornate al Signore. Non vivete nell’ignoranza. Aprite i vostri cuori al Signore. Pregate molto davanti alla croce. Non restate stazionari nel peccato. Il terrore arriverà a Cham e alla città della grande torre. Soffro per ciò che vi attende. Convertitevi in fretta. Dio vi chiama. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
·  Cham, una città della Germania
·  Cham, una città della Svizzera

Galata (o Galatae) è un quartiere di Istanbul, la città più grande della Turchia.
Molto più tardi, al tempo dell'impero bizantino, Galata divenne significativa come il luogo della grande torre da cui si poteva bloccare con uno sbarramento di fuoco l'accesso al Corno d'Oro in tempo di guerra. Tale torre fu distrutta durante la quarta crociata ma poi, ricostruita dai genovesi come la Torre di Cristo, è sopravvissuta fino ai nostri giorni.
2.563 - 16.08.2005
Cari figli, ascoltate amorevolmente i miei appelli e siate in tutto simili a mio Figlio Gesù. Accogliete anche, e soprattutto, il Vangelo del mio Gesù. Ecco il tempo opportuno per il vostro ritorno al Signore. Non restate stazionari. A Gerusalemme, un tempio sarà raggiunto. La violenza crescerà. Sotto l’apparenza di fragili promesse di pace, si preparano i mezzi di morte più avanzati e i miei poveri figli procedono verso una grande sofferenza. Molte regioni della terra vivranno momenti di grande tribolazione. Gli uomini lo confonderanno con un diluvio (saranno confusi da un diluvio?). Pregate. Non restate lontani dalla preghiera. Io sono vostra Madre e sono con voi. Coraggio. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
2.790 - 26.01.2007
Cari figli, l’umanità porterà una croce pesante. Lo spostamento dei poli cambierà la vita sulla Terra e i miei poveri figli vivranno momenti di angoscia. Arriverà il giorno in cui i sofisticati mezzi di comunicazione crolleranno. Gli uomini saranno sordi e ciechi. Pregate. Supplicate la Misericordia del Signore per voi. Io vi amo e sono venuta dal Cielo per soccorrervi. Ascoltatemi. Non permettete che il demonio vi allontani dalla verità. Aprite i vostri cuori al Signore. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

612 – 16 marzo 1993
Cari figli, sono vostra Madre e vengo dal cielo per mostrarvi la via che conduce alla salvezza. Non state con le mani in mano. Ritornate a Dio il più rapidamente possibile. Pregate. Pregate per voi stessi e per gli altri. Pregate per la conversione di ognuno. Rinunciate a qualsiasi cosa vi allontani da Dio e vivete i miei messaggi. Se non c’è conversione, l’ira di Dio si abbatterà su di voi. Pertanto convertitevi, convertitevi, convertitevi. Tutti i mezzi di comunicazione che lavorano per distruggere i piani di Dio saranno devastati dall’ira di Dio, che verrà come un grande fulmine e ogni cosa sarà distrutta. Convertitevi. Il destino del vostro Brasile e del mondo dipende dalla vostra conversione. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
2.522 - 14.05.2005
Cari figli, la vera sapienza è quella che viene da Dio. L’umanità vive nelle tenebre del peccato perché gli uomini si sono chiusi all’azione dello Spirito Santo. Cercate la luce di Dio e allontanatevi dall’oscurità del peccato. Non restate con le mani in mano. Ciò che dovete fare non rimandatelo a domani. La scienza inciamperà e dall’errore commesso dagli uomini nascerà un gigante che ucciderà molti innocenti. La ricerca del progresso scientifico porterà gli uomini alla follia. Ritornate in fretta. La capitale del Brasile vivrà momenti di angoscia e il sangue scorrerà nella famosa piazza. Inginocchiatevi in preghiera e cercate forza nel Signore. Avanti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Brasilia

3.257 - 25 dicembre 2009
Cari figli, la scienza avanzerà e creerà mezzi di trasporto eccezionali agli occhi degli uomini. Ciò che è visibile sarà invisibile agli occhi umani. Sono giunti i tempi difficili per l’umanità. Tornate a Gesù. Lasciate che Lui sia la vostra Luce, perché solo così non sarete contaminati dalle tenebre del demonio. Inginocchiatevi e pregate. Avanti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.


TERZA GUERRA MONDIALE NON CONVENZIONALE - GUERRA CLIMATICA – Profezia della Madonna di Anguera n. 3.165 del 26/05/2009 “L’UMANITÀ CAMMINA VERSO LA DISTRUZIONE ED È GIUNTO IL MOMENTO DEL VOSTRO RITORNO. I NEMICI DI DIO AGIRANNO PER DISTRUGGERE. L’UMANITÀ BERRÀ IL CALICE AMARO DEL DOLORE. LA TERRA SOFFRIRÀ GRANDI DISTRUZIONI PROVOCATE DALLE STESSE MANI DEGLI UOMINI. PREGATE. DOPO LA GRANDE E DOLOROSA TRIBOLAZIONE, IL SIGNORE RESTAURERÀ TUTTO E LA TERRA SARÀ RICCA E PIENA DI BELLEZZA. COLORO CHE PROVOCANO DISTRUZIONE BERRANNO IL PROPRIO VELENO”


3.165 - 26/05/2009

Cari figli, calmate i vostri cuori e rallegratevi, perché Dio è al vostro fianco. Non permettete che il demonio rubi la vostra pace. Nel Signore è la vostra vittoria. Non temete. Vi chiedo di continuare a pregare. Solamente con la forza della preghiera potete contribuire alla conversione degli uomini. Io sono vostra Madre e non vi lascerò soli. Coraggio. Amate e difendete la verità. La vostra testimonianza sincera attirerà al Signore coloro che sono lontani. Siate docili. L’UMANITÀ CAMMINA VERSO LA DISTRUZIONE ED È GIUNTO IL MOMENTO DEL VOSTRO RITORNO. I NEMICI DI DIO AGIRANNO PER DISTRUGGERE. L’UMANITÀ BERRÀ IL CALICE AMARO DEL DOLORE. LA TERRA SOFFRIRÀ GRANDI DISTRUZIONI PROVOCATE DALLE STESSE MANI DEGLI UOMINIPREGATE. DOPO LA GRANDE E DOLOROSA TRIBOLAZIONE, IL SIGNORE RESTAURERÀ TUTTO E LA TERRA SARÀ RICCA E PIENA DI BELLEZZA. COLORO CHE PROVOCANO DISTRUZIONE BERRANNO IL PROPRIO VELENO. Confidate in Dio. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Guerra climática

La guerra del clima
Traduzione automatica con Google Traslate dalla lingua spagnola alla lingua italiana
La guerra del clima è la guerra che può essere attribuita al clima, ai cambiamenti climatici , al riscaldamento globale e gli effetti di questi che,  modificano radicalmente le condizioni di vita, riducendo l'accesso alle risorse di base come l'acqua e il cibo – innescare  violenza, causando lo spostamento dei rifugiati e in occasioni numerose genocidio , pulizia etnica , il terrorismo , i confini mutevoli e territori della statualità fragili o non riusciti, l'installazione di una guerra permanente . In breve, la guerra climatica di solito si traduce in un disastro sociale o di collasso sociale . 1
Il termine guerra del clima è anche usato per riferirsi ai cambiamenti climatici attraverso l'uso esplicito di armi da parte di una guerra con l'obiettivo di destabilizzare sistemi agricoli ed ecologici  in una zona o in tutto il mondo. 2
Indice
  
Disastri sociali 
Articolo principale: catastrofe sociale .
Le guerre climatiche sono inclusi in quello che autori come Harald Welzer chiamati catastrofi sociali , in linea con alcune delle idee espresse da Jared Diamond nel suo libro Collapse .
Lo psicologo sociale Harald Welzer nel suo libro Climate Wars. Perché uccidere (e ci uccide) XXI secolo (nell'originale tedesco Klimakriege. wofür im 21. Jahrhundert Getötet wird ) descrive il comportamento sociale di catastrofi sociali come l' Olocausto , la guerra del Vietnam e la guerra di Jugoslavia  l'autore non aveva la benché minima consapevolezza del problema globale che stava procedendo anche nei suoi momenti peggiori. Le imprese, che sono state sviluppate gli eventi esterni, sono stati in grado di mettere in guardia il disastro che stava avvenendo.
Allo stesso modo, dice l'autore, per le conseguenze del riscaldamento globale e il cambiamento climatico , le aziende si stanno dimostrando incapaci di capire cosa sta succedendo e sono quindi destinati a subire catastrofi sociali che porterà ad una riduzione delle risorse, spostamento di popolazioni e di maggiore violenza .
Data una catastrofe sociale più colpiti sono i poveri, con risorse limitate, il che aumenta la violenza potenziale.  Harald Welzer 
Le catastrofi sociali distruggono certezze sociali. Quello che una volta era confermato come il razionale della vita di tutti i giorni, perde improvvisamente la sua affidabilità, le ricette che delimitano il comportamento si rivelano inadeguate, e le regole, non valide. Il risultato è una profonda crisi di fiducia nella la propria cultura , la capacità di controllare i rischi, ma anche sulla convinzione depositata soprattutto nelle azioni previste e, pertanto, prevedibile . 3 Se non ci sono istituzioni stabili in grado di regolare i conflitti ... questi fattori possono portare alla violenza . In un tempo incredibilmente breve, i disastri tecnologici , naturali e sociali ( incidenti nucleari e chimici , terremoti e tsunami , rivoluzioni e genocidi ) instabilità possono rendere la regola e la stabilità, l'eccezione. 4
Guerre Clima 
Anche se il genocidio ruandese mette radici nella - scarsità di risorse e di terra, la sovrappopolazione , ecc, per. Welzer il genocidio nel Darfur  la guerra e il clima rimangono cause contemporanee.
Storia delle guerre clima 
Molti conflitti e guerre nel corso della storia hanno avuto una causa del clima - la siccità , la desertificazione , le inondazioni , l'eccessivo sfruttamento delle risorse -. Il cambiamento climatico può essere di origine antropica ( influenza umana sul clima ) o meno, ma il suo risultato più drammatico è sempre stata una catastrofe sociale (vedi i casi di Isola di Pasqua , il Anasazi e anche l'importante influenza dei cambiamenti clima nel declino della cultura Maya ).
Quando il cambiamento climatico ha origini antropiche  le società possono,  alterare il loro comportamento, ridurre i suoi effetti e addirittura invertire, ma in molti casi, il lento deterioramento causato dall'uomo nel succedersi delle generazioni rende le società  consapevoli di collasso ecologico e quindi del proprio crollo . Questo può essere visto nel collasso ecologico di Isola di Pasqua , il Anasazi e il genocidio in Darfur , ma mostra anche la mancanza di coscienza sociale dei disastri sociali Olocausto , la guerra jugoslava e il genocidio in Ruanda . E 'possibile che non siamo in grado di vedere e corrgir altre nuove catastrofi che sono già in fase di sviluppo. 5
Genocidio del Ruanda 
Per Welzer, citando Jared Diamond, il genocidio del Ruanda non era il risultato della guerra climatica, ma nessuno dei due è dovuto a fatti puramente politici e sociologici. Il problema della eccessiva densità di popolazione è stato un fattore decisivo per lo scoppio del genocidio . 6
Genocidio Darfur: clima Guerra 
Nel genocidio del Darfur  conseguenza del conflitto del Darfur è, come  sostiene Harald Welzer , dove  si può riconoscere una Guerra climatica Guerra. 7
El Niño e le guerre civili 
Articolo principale: El Niño .
Secondo l' Earth Institute della Columbia University  fenomeno climatico del El Nino potrebbe essere la causa di molti conflitti che sono emersi dopo la seconda guerra mondiale. Secondo i ricercatori del Institute for Earth duri episodi di El Niño avrebbero preceduto il 30% delle guerre civili in un centinaio di paesi. Il rischio di un conflitto aumenta gradualmente nei periodi di La Niña . Nel complesso, il verificarsi di gravi siccità temperature eccessive deve essere correlato al 21% delle 234 vertenze che l'Earth Institute ha analizzato 1950-2004. 8  9
Organizzazioni legate al cambiamento climatico 
Consiglio scientifico consultivo sui cambiamenti climatici - WBGU - Germania 
Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici modifica · del carattere modifica ]
L'IPCC - ( Intergovernmental Panel on Climate Change ) è stato istituito nel 1988 dalla World Meteorological Organization ( WMO , World Meteorological Organization ) e il Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP, United Nations Environment Programme .) 12

Collegamenti esterni
In spagnolo
In inglese
I video su YouTube, in inglese con sottotitoli in spagnolo-

Resilienza (psicologia)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
 In psicologia, la resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà. È la capacità di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza perdere la propria umanità.
Persone resilienti sono coloro che immerse in circostanze avverse riescono, nonostante tutto e talvolta contro ogni previsione, a fronteggiare efficacemente le contrarietà, a dare nuovo slancio alla propria esistenza e perfino a raggiungere mete importanti.
Caratteristiche 
Si può concepire la resilienza come una funzione psichica che si modifica nel tempo in rapporto con l'esperienza, i vissuti e, soprattutto, con il modificarsi dei meccanismi mentali che ad essa sottendono.
Proprio per questo troviamo capacità resilienti di tipo:
·         istintivo: caratteristico dei primi anni di vita quando i meccanismi mentali sono dominati da egocentrismo e onnipotenza;
·         affettivo: che rispecchia la maturazione affettiva, il senso dei valori, il senso di  e la socializzazione;
·         cognitivo: quando il soggetto può utilizzare le capacità intellettive simbolico-razionali.
Da queste considerazioni, si può dedurre che una resilienza adeguata è il risultato dell'integrazione di elementi libidico-istintivi, affettivi, emotivi e cognitivi.
In questo modo, la persona "resiliente" può essere considerata quella che ha avuto uno sviluppo psico-affettivo e psico-cognitivo sufficientemente integrati, sostenuti dall'esperienza, da capacità mentali sufficientemente valide, dalla possibilità di poter giudicare sempre non solo i benefici, ma anche le interferenze emotivo-affettive che si realizzano nel rapporto con gli altri.
Andrea Canevaro in “Bambini che sopravvivono alla guerra”[1] definisce la resilienza come “la capacità non tanto di resistere alle deformazioni, quanto di capire come possano essere ripristinate le proprie condizioni di conoscenza ampia, scoprendo uno spazio al di là di quello delle invasioni, scoprendo una dimensione che renda possibile la propria struttura”.
È inoltre una capacità che può essere appresa e che riguarda prima di tutto la qualità degli ambienti di vita, in particolare i contesti educativi, qualora sappiano promuovere l’acquisizione di comportamenti resilienti.
Comunità resilienti 
Applicato a un'intera comunità, anziché a un singolo individuo, il concetto di resilienza si sta affermando nell'analisi dei contesti sociali successivi a gravi catastrofi di tipo naturale o dovute all'azione dell'uomo quali, ad esempio, attentati terroristici, rivoluzioni o guerre (Vale e Campanella, 2005) [2]. Vi sono difatti processi economici e sociali che, in conseguenza del trauma costituito da una catastrofe, cessano di svilupparsi restando in una continua instabilità e, alle volte, addirittura collassano, estinguendosi. In altri casi, al contrario, sopravvivono e, anzi, proprio in conseguenza del trauma, trovano la forza e le risorse per una nuova fase di crescita e di affermazione.
Un esempio del primo tipo è quello della comunità del Polesine che, a seguito della grande alluvione del Po del 1951, non riuscì a risollevarsi dal danno subito e subì una vera propria diaspora, disperdendosi nell'ambito di un grande processo migratorio che si spinse, tra l'altro, fino all'Australia. La città di Firenze, al contrario, pur avendo subito oltre 60 alluvioni dell'Arno nell'ultimo millennio molte delle quali di intensità assolutamente eccezionale, ha conservato una straordinaria continuità nel tessuto economico, artistico e architettonico. I fattori identitari, la coesione sociale, la comunità di intenti e di valori costituiscono il fondamento essenziale della "comunità resiliente".[senza fonte]

Voci correlate 
·         Psicologia dell'emergenza
·         Psicotraumatologia

La guerra del clima

Tradotto in automatico con Google Traslate

Fonte: http://es.wikipedia.org/wiki/Guerra_clim%C3%A1tica

 

La guerra del clima è la guerra che può essere attribuita al clima, ai cambiamenti climatici , al riscaldamento globale e gli effetti di questi che, di modificare radicalmente le condizioni di vita, riducendo l'accesso alle risorse di base come l'acqua e il cibo - trigger di violenza , causando laspostamento dei rifugiati e in occasioni numerose genocidio , pulizia etnica , il terrorismo , i confini mutevoli e territori della statualità fragili o non riuscito, l'installazione di una guerra permanente . In breve, la guerra climatica di solito si traduce in un disastro sociale o di collasso sociale . 1
Il termine guerra del clima è anche usato per riferirsi ai cambiamenti climatici attraverso l'uso esplicito di armi da parte di una guerra con l'obiettivo di sistemi agricoli ed ecologici destabilizzanti in una zona o in tutto il mondo. 2

Bioterrorismo
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il bioterrorismo consiste nell'utilizzo intenzionale di agenti biologici (virus, batteri o tossine) in azioni contro l'incolumità pubblica quali attentati,sabotaggi, stragi o in minacce volte a creare panico e isteria collettiva.
Gli agenti biologici utilizzati possono essere reperiti in natura, o possono essere modificati dall'uomo al fine di aumentarne il potere distruttivo, la virulenza o la diffusione nell'ambiente. Quest'ultima può avvenire attraverso l'aria, l'acqua, il cibo o le bevande.[1]

Alle basi del Bioterrorismo: un approccio storico alla Guerra Biologica

La bomba atomica o bomba A, più propriamente bomba a fissione nucleare incontrollata, è un'arma di distruzione di massa, un ordigno esplosivo, appartenente al gruppo delle armi nucleari, la cui energia è prodotta dalla reazione nucleare a catena incontrollata difissione nucleare, cioè la divisione, spontanea o indotta, del nucleo atomico di un elemento pesante in due o più frammenti.
La bomba all'idrogeno o bomba H (più propriamente bomba a fusione termonucleare incontrollata, in gergo "la superbomba") è una bomba a fissione-fusione-fissione in cui una normale bomba atomica, che serve da innesco, viene posta all'interno di un contenitore di materiale fissile insieme ad atomi leggeri. Quando la bomba A esplode, innesca la fusione termonucleare dei nuclei degli atomi leggeri; questo processo provoca a sua volta la fissione nucleare del materiale che la circonda (solitamente la reazione di fissione corrisponde a 2/3 della potenza totale, mentre quella di fusione ad 1/3).
La bomba al neutrone (detta anche bomba N) è un'arma nucleare che affida il suo potenziale distruttivo non ad effetti termici o meccanici, come la bomba atomica o la bomba all'idrogeno bensì ad un enorme flusso di neutroni.
La bomba al cobalto è un tipo particolare di bomba H teorizzata dal fisico Leó Szilárd, secondo il quale, producendo un fallout di lunga durata, avrebbe potuto cancellare la vita dalla Terra.
Szilárd la propose nel febbraio del 1950, non come effettivo progetto, ma per evidenziare il fatto che presto sarebbe stato possibile creare armi in grado di cancellare la vita dalla Terra.
Ad oggi non si ha notizia della presenza di bombe al cobalto in alcun arsenale.
Terrorismo nucleare
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il termine terrorismo nucleare indica l'utilizzo, oppure la minaccia di utilizzo di materiali radioattivi, armi radiologiche o persino armi nucleari in atti di terrorismo, includendo attacchi contro luoghi dove siano presenti materiali radioattivi. Secondo le convenzioni internazionali, il terrorismo nucleare è un crimine commesso quando una persona o associazione, in modo illegale e intenzionale “utilizza in qualsiasi modo materiali radioattivo con l'intento di causare morte o seri danni ad oggetti e persone”.
L'idea che dei gruppi terroristici possano avvalersi di armi nucleari (specialmente quelle molto piccole e leggere, progettate "ad hoc" come la bomba atomica da zaino) è diventata una minaccia plausibile nella retorica e cultura degli Stati Uniti. Alcuni analisti pensano sia possibile che dei terroristi riescano ad impadronirsi di armi nucleari.[1]

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sono chiamate armi radiologiche tutte le armi che sono designate a spargere materiale radioattivo con l'intento di incapacitare, uccidere e causare danni ad una città o ad una nazione. Sono conosciute anche come "bombe sporche" poiché non sono vere e proprie armi nucleari e non hanno lo stesso potenziale distruttivo. Usano invece esplosivi convenzionali per spargere materiale radioattivo, spesso scorie radioattive delle centrali nucleari o rifiuti radioattivi di origine ospedaliera.
I radioisotopi che rappresentano un maggiore pericolo sono:
·         Uranio-235
·         Cesio-137
·         Cobalto-60
·         Americio-241
·         Californio-252
·         Iridio-192
·         Plutonio-239
·         Stronzio-90
·         Radio-226
·         Storicamente, il primo riferimento ad armi radiologiche è in un memo del 1943 di Leslie Groves, del Progetto Manhattan. In relazione ad un rapporto intitolato "Use of Radioactive Materials as a Military Weapon", il memo affermava che:
« Come un gas per utilizzo militare il materiale potrebbe ... essere inalato. L'ammontare necessario per provocare la morte ad una persona che inala il materiale è estremamente piccolo. È stato stimato che un milionesimo di grammo che si accumula nel corpo di una persona sarebbe fatale. Non sono noti metodi di trattamento per un tale avvelenamento... Non può essere individuato dai sensi; Può essere distribuito sotto forma di polvere o fumo così finemente polverizzato da permeare il filtro di una maschera antigas standard in quantità sufficienti per essere estremamente pericoloso... »
·         [1]
« I materiali radioattivi possono essere usati ... Per rendere le aree evacuate inabitabili; Per contaminare piccole aree critiche come stazioni ferroviarie e aeroporti; Come gas radioattivo velenoso per causare vittime tra le truppe; Contro grandi città, per promuovere il panico e provocare vittime tra le popolazioni civili »
·         [2]
« Le aree contaminate dalle polveri e i fumi radioattivi rimarrebbero pericolose finché si possono mantenere concentrazioni sufficientemente elevate del materiale... esso potrebbe essere mescolato come polvere fine dal terreno dai venti, dal movimento dei veicoli e le truppe, ecc., e costituirebbe un potenziale pericolo per molto tempo. »
·         [3]
« Questi materiali potrebbero anche essere predisposti per essere introdotti nel corpo tramite ingestione anziché inalazione. I pozzi e le riserve potrebbero essere contaminati o il cibo avvelenato con un effetto simile a quello derivante dall'inalazione di polveri o fumo. Una produzione di quattro giorni potrebbe contaminare un milione di galloni di acqua in una estensione tale che un litro di acqua bevuta in un giorno probabilmente causerebbe una incapacità completa o morte nell'arco di un mese. »
Bomba atomica da zaino
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una bomba atomica da zaino o arma nucleare da valigetta (in inglese: backpack nuke oppure suitcase nuke o mini-nuke) è un'arma nucleare tattica che, utilizzando componenti miniaturizzati, leggeri o sufficientemente portatili, può essere trasportata o celata in uno zaino oppure in una valigia diplomatica[1][2] È stato anche segnalato che Israele ha prodotto testate nucleari abbastanza piccole da stare in una valigia.[3]
Guerra moderna
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con l'avvento della bomba atomica, il concetto di guerra totale prefigura l'eventualità della devastazione globale del pianeta, e per contrappasso rende necessaria la definizione di conflitto a bassa intensità, una fenomenologia ampiamente documentata dopo la Seconda guerra mondiale, tipicamente nella forma delle guerre per procura,[1] combattute nei confini "regionali",[2] con l'impiego delle cosiddette "armi convenzionali",[3] tipicamente combinate con tattiche di guerra asimmetrica ed uso applicato di intelligence.




Natura della guerra 

Guerra aerea 

La guerra aerea è una delle vie più efficaci per distruggere i nemici con il minimo rischio. È stato detto più volte che essa è il vero fattore cruciale in una guerra o in una battaglia. Dominando l'aria, si ha facile e rapido accesso ad aree diverse, ed al contempo si possono attaccare tutti gli aspetti delle infrastrutture, o delle risorse militari propriamente dette, del nemico, siano esse navali, terrestri o aeree. L'aspetto strategico (ossia risolutivo) dellasuperiorità aerea è stato dimostrato dagli Alleati sul fronte occidentale (1944-1945): Erwin Rommel non poteva manovrare scopertamente le proprie forze, poiché sarebbero state annientate dall'aviazione alleata.
Secondo la dottrina NATO pur disponendo ambedue i contendenti di armi contraerei e di missili terra-aria, tali mezzi sono limitati dal fatto di essere posti al suolo. Per "acquisire come bersaglio" e successivamente distruggere i velivoli avversari, si fa largo uso di computer e radar. Dal canto suo, l'aviazione risponde all'attacco con un ampio ventaglio di contromisure elettroniche: chaff, flare, decoy, radar jamming. Si fa anche ricorso ad armi materialmente distruttive come ad esempio l'AGM-88 HARM. In ultima analisi, la scelta migliore è combattere il fuoco con il fuoco: da questo punto di vista, nessun mezzo di difesa supera gli aerei da caccia. La dottrina sovietica (e quelle da essa derivata) era leggermente differente, pur ponendo grande enfasi sulla capacità della propria aviazione di distruggere quella avversaria negli aeroporti e sui caccia (anche leggeri) per intercettare e distruggere attraverso una continua usura le forze nemiche, postulava una difesa contraerea capace di negare al nemico la capacità di attaccare il territorio, le retrovie e persino la linea di fronte dell'esercito, o almeno a condizionarne le operazioni negandogli l'utilizzo di alcune quote. Una parte considerevole delle forze di caccia avrebbe agito di conserva alla difesa missilistica e alla contraerea più convenzionale, mentre numerosi sistemi antiaerei avrebbero accompagnato le truppe meccanizzate e corazzate nel territorio nemico. Esempi di questa dottrina furono impiegati durante la guerra dello Yom Kippur e durante il conflitto vietnamita, nel primo caso anche con un certo successo offensivo (almeno nei primi, importantissimi, due giorni) infliggendo severe perdite all'aeronautica israeliana, mentre nel secondo esclusivamente difensivo, permettendo però alle forze aeree vietnamite di impegnare i loro pochi caccia (spesso ancorasubsonici Mig 17) solo in condizioni di relativa superiorità. Durante gli anni '70-'90 le forze aeree occidentali, e in particolare quelle USA, oltre all'aviazione israeliana, riuscirono a sviluppare armi e tattiche anti radar capaci di modificare a vantaggio dell'aviazione questa situazione, ma la possibilità di ottenere un'efficace difesa antiaerea utilizzando prevalentemente sistemi di artiglieria contraerea missilistici o convenzionali, non è ancora stata completamente smentita dai fatti ed è tuttora sviluppata da alcune nazioni come l'Iran.
Vi sono tre tipi di controllo aereo: parità aerea, superiorità aerea e supremazia aerea.[4]
·         Parità aerea è la forma più bassa di controllo aereo. Implica un controllo che riguarda solo lo spazio aereo al di sopra delle posizioni occupate da truppe amiche.
·         Superiorità aerea è il secondo gradino del controllo aereo, significa avere una situazione più favorevole di quella avversaria.
·         Supremazia aerea è la condizione migliore, che presuppone il totale dominio dei cieli.
Un esempio storico di supremazia aerea si rinviene nella Seconda guerra mondiale: nel 1941, la Gran Bretagna aveva solo una parità aerea sull'Inghilterra, mentre la Germania vantava lasuperiorità aerea sulla maggior parte dell'Europa occidentale. Nel 1944, tuttavia, gli alleati avrebbero avuto la supremazia sull'Europa dell'ovest. Durante la Guerra del Vietnam, l'America aveva solo la superiorità aerea sul Vietnam del Nord, poiché l'Esercito Popolare del Vietnam [5] dispiegava un'efficace resistenza a dispetto dei pesanti bombardamenti cui era sottoposto. Nella guerra dei Sei Giorni Israele raggiunse la supremazia aerea grazie all'annientamento delle forze aeree arabe con un attacco a sorpresa delle loro basi. Durante la Guerra del Golfo e i conflitti relativi, l'America aveva la supremazia aerea grazie all'addestramento ed agli aerei, tutti elementi che mancavano al nemico. La dottrina tattica americana prevede che l'aviazione protegga le forze terrestri da minacce aeree. Questo è il motivo per cui gli USA adoperano due tipi principali di missili terra-aria: lo Stinger (spalleggiabile ed in pratica adatto quasi esclusivamente contro gli elicotteri e gli aerei da trasporto) ed il Patriot. Al contrario, vi sono eserciti (ad esempio, quello russo) che hanno molti tipi di missili terra-aria, di lungo, medio e corto raggio.
I velivoli logistici rappresentano il trasporto tattico e strategico, anche se all'apparenza non fanno altro che trasferire enormi pesi. Nella prima Guerra del Golfo i carri M1 Abrams furono spediti via mare invece che per via aerea. Di pari importanza sono gli aerei per il rifornimento in volo (come il Boeing KC-135 Stratotanker) che espandono il raggio di azione dei caccia. Aerei speciali da appoggio, quali il Fairchild-Republic A-10 Thunderbolt II ed il Lockheed AC-130 Spectre garantiscono il supporto aereo ravvicinato alle truppe (terrestri).
I caccia hanno un grande punto debole. Possono atterrare solo negli aeroporti per rifornirsi di carburante e munizioni. Tali aeroporti sono dei "colli di bottiglia ideali" del sistema militare, e possono essere facilmente individuati e resi inservibili. Debbono quindi essere protetti, il che costituisce la vitale missione dell' Airborne Warning and Control System. Ma questo significa che un'efficace azione di bombardamento può spazzare via una forza aerea prima ancora che abbia avuto la ventura di solcare i cieli. Contromisure quali hangar corazzati o aeroporti sotterranei possono essere utilizzate fruttuosamente, ma non in tutte le condizioni. Munizioni guidate di precisione possono avere la meglio su tali difese, ma sarebbero per lo più alla portata delle tecnologiche potenze occidentali. Le potenze orientali privilegerebbero di regola la quantità sulla qualità, affidandosi a bombardamenti a tappeto.
Un'ulteriore conseguenza di questo "tallone d'Achille" è lo sviluppo di aerei V/STOL quale il famoso Harrier britannico. Sono mezzi in grado di riarmarsi e rifornirsi praticamente ovunque, ma a scapito di manovrabilità e velocità, pertanto sono adatti più che altro al supporto aerotattico. Poiché i jet sono molto costosi, nella maggior parte dei casi sono multiruolo, come il McDonnell Douglas F/A-18 Hornet, che può svolgere missioni di caccia, bombardamento, ricognizione, e supporto tattico ravvicinato. La guerra elettronica è ampiamente utilizzata, soprattutto nell'attività di "caccia", ma anche nel bombardamento aereo vi si ricorre comunemente, specie per neutralizzare e/o distruggere la difesa aerea antagonistica. Questa azione è la peculiarità degli aerei SEAD eWild Weasel. Tali aerei si offrono come esca al nemico, che li "punta" con i propri radar, i quali diventano paradossalmente il bersaglio per i velivoli specializzati nel contrasto alla difesa aerea. A quel punto, l'aereo attaccante può "confondere" (il già ricordato jamming) o distruggere il radar usando un missile antiradar. A propria volta, la postazione antiaerea può tentare di abbattere l'attaccante. Il più delle volte ha luogo una sorta di duello silenzioso tra Electronic Warfare Officer sull'aereo ed il suo equivalente terrestre.
Gli elicotteri sono una risorsa molto importante, a partire dal loro esordio che risale alla Seconda guerra mondiale, anche se il loro vero potenziale si è pienamente manifestato nella Guerra del Vietnam. La loro capacità di levitazione elimina la necessità degli aeroporti. Al contempo, si tratta di una caratteristica che esalta l'attitudine all'appoggio aerotattico. Gli eserciti moderni impiegano gli elicotteri con le unità di manovra dotate di carri armati e veicoli trasporto truppe per fornire maggior potenza di fuoco. Sono inoltre preziosi per l'enorme flessibilità tattica che concedono al comandante, rendendo possibili fulminei trasferimenti verso i punti deboli sul terreno, che di conseguenza ricevono tempestivi rinforzi. Con gli elicotteri da trasporto è agevole dislocare uomini e materiali, spesso addirittura oltre le linee nemiche. Ciò conduce ad una manovra chiamata aggiramento verticale.[6] Possono essere utilizzati per infiltrare forze speciali, specie per operazioni di ricognizione speciale. Svolsero un ruolo fondamentale nei combattimenti tipo guerriglia e guerra asimmetrica in Vietnam, ove il terreno favoriva la resistenza, ma tale vantaggio veniva colmato proprio dall'ala rotante. Poiché si trattava di guerra asimmetrica, gli elicotteri scorrazzavano liberamente senza incontrare resistenze in cielo. Senza di loro, rifornimenti e movimento delle truppe sarebbero stati pressoché impossibili. Durante gli anni '70 furono sviluppate nuovi armi, come i missili a guida infrarossa portatili Stiger e Strela, capaci con un costo basso, di interdire o usurare il potenziale di infiltrazione degli elicotteri, inoltre le unità corazzate del patto di Varsavia si dotarono di mezzi corazzati dotati di cannoni (tra i 57 e i 23 mm) capaci di abbattere a grande distanza gli elicotteri. Il peso degli elicotteri nella guerra aerea simmetrica è quindi diminuito, mentre in quella asimmetrica, a patto che la forza attaccata non sia rifornita di missili anti aerei spalleggiabili (come la resistenza afgana dalla CIA negli anni '80), continuano ad essere mezzi eccezionalmente efficaci.

 

Guerra asimmetrica 

Per approfondire, vedi Conflitto a bassa intensità e Guerra asimmetrica.
Una situazione militare in cui due belligeranti di forza molto diseguale interagiscono e traggono vantaggio delle rispettive forze e debolezze. Questa interazione spesso implica strategie e tattiche eccedenti la guerra convenzionale, frequentemente definite terrorismo.

Spazio di battaglia

La nozione di spazio di battaglia (battlespace)[7] indica una strategia unificata per integrare e combinare le forze armate in relazione al teatro delle operazioni,[8] comprendente le varie tipologie di guerra: aerea, di informazione, terrestre, navale e spaziale. Abbraccia idealmente l'ambiente, i fattori e le condizioni che vanno compresi per una condotta efficace dell'azione di comando, la protezione degli effettivi, il compimento della missione. Vi rientra la conoscenza delle forze proprie e di quelle nemiche; le strutture; le condizioni meteorologiche; il terreno; lo spettro elettromagnetico delle aree di operazioni e delle aree d'interesse.

Guerra biologica 

Per approfondire, vedi Arma biologica.
La guerra biologica, conosciuta anche come guerra batteriologica, è l'uso di ogni organismo (batterio, virus, o altro organismo patogeno) o tossina — reperibile in natura — come arma da guerra. È volta a neutralizzare o ad uccidere l'avversario. Può anche definirsi come l'impiego di agenti biologici per produrre perdite fra gli uomini o fra gli animali e danneggiare piante o materiali; oppure la difesa contro tale impiego.[9]

Network-centric warfare 

La network-centric warfare[10] è una nuova dottrina militare resa possibile dall'Era dell'informazione. Sistemi d'arma,[11] sensori e centri di comando e controllo [12] sono progressivamente sempre più connessi attraverso reti di comunicazione ad alta velocità. Questa dottrina è legata al dibattito che nei paesi anglofoni va sotto il nome di Revolution in Military Affairs.[13][14]
Nell'ambito militare USA, la rete sovraordinata che consente praticamente questa strategia è denominata Global Information Grid (GIG).[15]

Guerra chimica

Per approfondire, vedi Guerra chimica.
La guerra chimica è la tipologia di guerra (nonché, segnatamente, le operazioni militari connesse) in cui ci si giova delle proprietà tossiche di sostanze chimiche per uccidere, ferire o neutralizzare un nemico.

Guerra elettronica

Per approfondire, vedi Guerra elettronica e Cyberwarfare.
La guerra elettronica annovera pratiche prevalentemente "non violente"[16] usate per lo più in appoggio di altre branche belliche. Il termine era stato originariamente coniato per ricomprendere l'intercettazione e la decodifica delle comunicazioni radio nemiche, e di converso le tecnologie di comunicazione ed i metodi crittografici usati per prevenire siffatta intercettazione, oltre al già ricordato jamming, all'"invisibilità radio",[17] ed altre tematiche collegate. Nello scorcio del XX secolo, e nei primi anni del successivo, questa nozione si è espansa fino a coprire un ampio spettro di ambiti: l'uso, l'individuazione ed il contrasto all'individuazione di sistemi radar e sonar, il computer hacking, la guerra spaziale e così via.

Guerra di quarta generazione

La guerra di quarta generazione[18] (4GW[19] in acronimo) è un concetto definito da William S. Lind[20] e sviluppato da Thomas X. Hammes,[21] per indicare la natura "decentralizzata" della guerra moderna. La definizione più semplice comprende ogni guerra in cui uno dei partecipanti principali non sia uno stato, ma piuttosto un network ideologico violento. Le guerre di quarta generazione si caratterizzano per il dissolversi dei confini concettuali tra guerra e politica, soldato e civile, pace e conflitto, campo di battaglia e paese neutrale. Anche se questo concetto è affine a quelli già richiamati di terrorismo e di guerra asimmetrica, nello specifico si tratta di una nozione molto più ristretta. Le insurrezioni "classiche" e le Guerre indiane sono esempi di guerre pre-moderne, non già di "4GW". Di solito la guerra di quarta generazione si sostanzia nel gruppo di insorti o nella fazione "non-statuale" che tenta di affermare la propria forma di governo o di "restaurare" un vecchio governo al posto di quello che attualmente possiede il territorio interessato dalle "operazioni 4GW". La dissolvenza dei confini (già accennata) tra stato e non-stato è ulteriormente complicata in una democrazia dai mezzi di comunicazione di massa.

Guerra terrestre


La guerra terrestre interessa tre diversi tipi di unità militari: fanteria, truppe corazzate, artiglieria.
La fanteria, al giorno d'oggi, ricomprende sia la fanteria meccanizzata, sia le truppe aviotrasportate. Il fante, che di norma imbraccia un fucile o unapistola mitragliatrice, è l'elemento costitutivo di ogni esercito.
.

La guerra corazzata attuale coinvolge diversi tipi di veicoli corazzati da combattimento, sia per la battaglia in senso stretto, sia per compiti di appoggio.
L'artiglieria moderna è caratterizzata dai suoi grossi calibri, dal fatto di sparare proiettili esplosivi, dalle dimensioni dei "pezzi" o sistemi d'arma, che richiedono modalità di trasporto e di affusto del tutto specializzate.

Sotto l'"etichetta" artiglieria ritroviamo non solo il classico cannone, ma pure l'obice, il mortaio e vari tipi diartiglieria campale, compresi alcuni lanciarazzi.
Per tradizione, non si annoverano nell'artiglieria i proiettili dotati di sistema di guida interno, benché alcuni reparti di artiglieria adoperino missili terra-terra. Progressi recenti nei sistemi di guida per munizioni di piccolo calibro hanno permesso la realizzazione di proietti d'artiglieria di grosso calibro con testata per la guida di precisione, rendendo di conseguenza molto incerta la tradizionale distinzione prima enunciata.

Guerriglia


Si definisce guerriglia il combattimento di gruppi di irregolari (guerriglieri) in aree occupate dal loro nemico. Quando i guerriglieri rispettano le regole deldiritto internazionale dei conflitti armati, avrebbero titolo – in caso di cattura – allo status di prigionieri di guerra; tuttavia sono spesso passati per le armi da chi li abbia catturati. La tattica di guerriglia privilegia la sorpresa e l'imboscata, piuttosto che lo scontro campale, ed ha maggiori probabilità di successo nei terreni accidentati ed irregolari, con il sostegno di una popolazione solidale, che spesso la guerriglia tenta di sottomettere o dominare facendo ricorso alla propaganda, alla contro-informazione, quand'anche non al terrorismo vero e proprio. La guerriglia ha svolto un ruolo di spicco nellastoria contemporanea, segnatamente per quanto riguarda i vari movimenti di liberazione comunisti nel Sudest asiatico e non solo. La guerriglia, peraltro, era già stata la principale tattica adottata dai coloni americani nella loro guerra d'indipendenza contro la Gran Bretagna (1775-1780).
I guerriglieri sono costretti ad affidarsi ad armi facilmente reperibili, di "fascia bassa" per tecnologia e costo. Tipicamente, nell'arsenale della guerriglia troveremo probabilmente AK-47, RPG (lanciarazzi) e ordigni "di circostanza". Com'è agevole intuire, il principale svantaggio della dottrina sottesa alla guerriglia è l'intrinseca impossibilità di avvalersi di equipaggiamenti più progrediti, a causa di vari problemi socio-economici connaturati all'idea stessa di guerriglia. Essa deve pertanto ricorrere a piccole unità ed alla tecnica del "mordi e fuggi".[24] Tale situazione porta ai già ricordati fenomeni dei conflitti a bassa intensità e della guerra asimmetrica.

Guerra dell'informazione

È un tipo di guerra in cui l'informazione, gli attacchi all'informazione ed ai suoi sistemi sono usati come strumento bellico. Ne sono esempi gli sniffers elettronici che sconvolgono le reti di trasferimento di denaro, o i segnali delle stazioni radio-televisive. L'"inquinamento" di detti segnali può consentire il dispiego di campagne di disinformazione.

Guerra navale 

2002. Operazione Enduring Freedom. Schierate su quattro colonne discendenti, da sinistra a destra: MMMaestrale (F 570), FS De Grasse (D 612); USS John C. Stennis (CVN 74), FS Charles De Gaulle (R 91), FS Surcouf(F 711); USS Port Royal (CG-73), HMS Ocean (L 12), USSJohn F. Kennedy (CV 67), HNLMS Van Amstel (F 831); e MMDurand de la Penne (D 560). Le navi stanno eccezionalmente viaggiando di conserva ad una distanza reciproca inferiore a quella prevista.
La guerra navale è la guerra che si svolge in mare aperto. Di norma, solo le grandi potenze hanno marine adatte a questo tipo d'impiego. Le forze navali moderne usano principalmente queste tipologie di navi per il combattimento: portaerei, sottomarino, fregata, incrociatore e cacciatorpediniere. Di conseguenza hanno a disposizione un versatile spettro di attacchi, in grado di colpire bersagli a terra, in cielo, o altri vascelli in navigazione. La maggior parte delle marine moderne può contare su un vasto contingente aereo di appoggio, messo in campo dalle portaerei. Nella seconda guerra mondiale venivano impiegate vicino alla coste piccole imbarcazioni (torpediniere variamente denominate negli acronimi delle singole forze nazionali). Da ciò si sviluppò, nella guerra del Vietnam, la guerra fluviale (la cosiddetta "marina delle acque brune") sotto costa e in prossimità dei fiumi. La guerra "irregolare" renderà probabilmente più comune il ricorso a questo stile di combattimento in futuro.

Nella guerra navale, ancor di più che nella guerra aerea, è evidente la rischiosità dell'approccio convenzionale delle flotte "blue water", basate su grandi navi e carrier grup, contro flotte più leggere, meno complesse e intenzionate a rieditare la dottrina della Jeune Ecole rivisitata e corretta. Infatti qualunque nave da guerra moderna può essere affondata da uno o due siluri, o un pari numero di mine (queste ultime armi estremamente economiche e disponibili anche a soggetti non statuali), oppure da alcuni missili anti nave aviolanciati o lanciati da imbarcazioni e postazioni costiere. In pratica il sommergibile e la motovedetta lanciamissili sono oggi in grado di affondare qualsiasi unità navale, incluse le navi capitale, se solo le condizioni operative li favorissero (per esempio non facendoli scoprire prima dell'attacco). Il potenziale del sommergibile è stato sempre ben compreso dalle marine occidentali, mentre il valore delle unità leggere viene generalmente apprezzato solo dalle piccole marine (dall'Iran ad Israele) e dagli stati dell'ex patto di Varsavia. Inoltre mentre esistono costosi e relativamente efficienti (anche se spesso inefficaci) sistemi anti missile, non essite alcuna difesa valida contro i siluri e l'azione di sminamento è ancora molto costosa e complessa, sia pure aiutata dalla comparsa degli elicotteri. Inoltre la maggior parte delle unità moderne è molto vulnerabile agli incendi e quindi ai razzi d'artiglieria della difesa costiera, o anche a barchini esplosivi, permettendo ad una forza navale-terrestre-aerea piccola ma ben integrata e moderna, con buone risorse di C4I di difendersi anche da flotte sulla carta molto più potenti. Soprattutto se il tratto di mare da difendere è ricco di passaggi obbligati (come ad esempio il Golfo Persico, dominato dalla piccola marina iraniana con la sua flotta di navi zanzara e piccoli/medi sottomarini).
La comparsa di unità invisibili o poco visibili ai radar potrà forse ridare alla marina di superficie una centralità che attualmente è solo apparente (con i sottomarini nel ruolo di uniche unità realmente adeguate), anche se questo fatto potrebbe a sua volta favorire le imbarcazioni leggere (motosiluranti rieditate, lanciamissili leggere, corvette, fregate leggere) contro le imbarcazioni più oceaniche e tipiche delle maggiori marine (incrociatori, portaerei, super-portaerei, unità d'assalto anfibio, caccia torpediniere). Restail fatto che, per la prima volta nella storia, tra la fine dell'800 e l'inizio del '900, grazie ai siluri prima ed ai missili anti nave poi, è stato possibile per qualunque unità navale distruggere qualunque altra unità navale, e quindi è possibile per una piccola nave di poche centinaia (o decine) di tonnellate, nelle condizioni ideali, affondare una unità di superficie avversaria di decine di migliaia di tonnellate di dislocamento. Solo le unità maggiori però possono davvero agire come unità multiruolo, contrastando non solo le navi nemiche, ma anche gli aerei ed i sommergibili, ed è per questo motivo che la NATO (ed in parte anche l'ex patto di Varsavia) investirono moltissimo in grandi navi di superficie moltiruolo, altrimenti inutili nel combattimento anti nave.

La guerra nucleare è il conflitto fondato sull'impiego di ordigni atomici. In realtà, vi sono due tipi di guerra che possono rientrare in questa categoria logica. In una guerra nucleare limitata, si usa un piccolo numero di armi in uno scambio tattico di colpi aventi a bersaglio principale le forze militari nemiche. In una guerra nucleare di vasta scala, si usa un gran numero di bombe atomiche per attaccare interi stati. Questo secondo tipo di conflitto colpisce tanto obiettivi militari quanto civili.

Guerra psicologica

Per approfondire, vedi Guerra psicologica.
Si tratta dell'uso sistematico di propaganda ed altre azioni psicologiche preordinate soprattutto ad influenzare opinioni, emozioni, atteggiamenti di gruppi stranieri ostili, in modo propizio al raggiungimento degli obiettivi nazionali.

Propaganda 

Per approfondire, vedi Propaganda e Spin doctor.
Consiste di un insieme organico di messaggi tendenti ad influenzare opinioni e condotte di grandi masse di persone. Invece di fornire informazioni in modo imparziale, la propaganda essenzialmente presenta informazioni per influenzare il pubblico. La propaganda più efficace è spesso completamente veritiera (nei contenuti informativi propriamente detti), benché presenti i dati selettivamente per incoraggiare una particolare sintesi, o dia messaggi enfatizzati in modo che l'informazione somministrata susciti una reazione più emotiva che razionale.[25]

Guerra ombra

O "conflitto ombra" o anche "guerra di spie"[26] si intende una serie di azioni, per lo più attentati verso obbiettivi strategici, eseguiti da una nazione verso l'altra senza nessuna rivendicazione da parte dei mandanti, che in ogni caso escludono qualsiasi collegamento. Si possono riferire a questa tipologia gli attentati verso scienziati Iraniani coinvolti nello sviluppo della tecnologia nucleare.[27]

Guerra spaziale

Si tratterebbe della guerra da combattersi fuori dall'atmosfera terrestre. I relativi strumenti dovrebbero comprendere sia armi "orbitali", sia "spaziali" in senso stretto. I bersagli spaziali di maggior conto dovrebbero annoverare sia i satelliti, sia piattaforme spaziali ad uso militare. Tutto ciò è in realtà futuribile, allo stato presente, poiché non si ha notizia dell'esistenza effettiva di "armi spaziali" come descritte.

Guerra totale

Per approfondire, vedi Guerra totale.
È una locuzione coniata nel XX secolo per intendere una guerra in cui le nazioni impiegano la totalità delle proprie risorse per distruggere la capacità bellica di un'altra nazione.[28] A ben guardare, la guerra totale si è praticata pressoché sempre, ma da metà Ottocento si è cominciato a considerarla una "classe" autonoma nella fenomenologia della guerra.
L'aspetto distintivo più evidente di tale peculiarità tassonomica va rilevato nel fatto che i conflitti contemporanei considerano sempre più "naturale" colpire civili e/o infrastrutture civili nel perseguimento della neutralizzazione bellica avversaria. L'assunzione dei civili quali "bersagli legittimi o necessari" dell'attività offensiva è originata da due distinte teorie. Per la prima, quando un numero sufficiente di civili ha perso la vita, le fabbriche dovranno fermarsi. Per la seconda, un numero adeguato di perdite tra i civili determinerà una demoralizzazione così generalizzata nel paese avversario da impedirgli di continuare a combattere.

Principali guerre moderne

·         1965 Guerra del Vietnam
·         1967 Guerra dei Sei Giorni
·         1970 Guerra d'Attrito
·         1971 Guerre indo-pakistane
·         1973 Guerra dello Yom Kippur
·         1980 Guerra Iran-Iraq
·         1982 Guerra del Libano
·         1982 Guerra delle Falklands
·         1987 Prima Intifada
·         1988 Guerra del Nagorno-Karabakh
·         1990 Guerra del Golfo
·         1991 Guerre jugoslave
·         1994 Guerra in Rwanda
·         1994 Prima guerra cecena
·         1998 Guerra del Kosovo
·         1999 Seconda guerra cecena
·         2000 Seconda Intifada
·         2001 Guerra in Afghanistan
·         2003 Guerra in Iraq
·         2006 Conflitto israelo-libanese

 

Bibliografia 

·         Annati Massimo - Valpolini Paolo, Dizionario della guerra moderna - Mursia (2002) ISBN 8842530328
·         Lazzarich Diego, Guerra e pensiero politico. Percorsi novecenteschi, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Napoli, 2009. ISBN 9788889946596
·         Luttwak Edward, Guerra moderna - Rizzoli (1992) ISBN 8817842265

Voci correlate 

·         Armi di distruzione di massa
·         Conflitti in corso
·         Unità militari aeree

Collegamenti esterni 

ssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sono chiamate armi radiologiche tutte le armi che sono designate a spargere materiale radioattivo con l'intento di incapacitare, uccidere e causare danni ad una città o ad una nazione. Sono conosciute anche come "bombe sporche" poiché non sono vere e proprie armi nucleari e non hanno lo stesso potenziale distruttivo. Usano invece esplosivi convenzionali per spargere materiale radioattivo, spesso scorie radioattive delle centrali nucleari o rifiuti radioattivi di origine ospedaliera.
È stato ipotizzato che questo tipo di arma possa essere impiegata da gruppi terroristici per provocare panico e vittime in aree densamente popolate, oppure per rendere inutilizzabili dei territori per lunghi periodi, a meno di non effettuare bonifiche molto costose. L'efficacia di una tale arma dipende molto dalla qualità della fonte di radiazioni utilizzata. In particolare gli effetti sono influenzati da fattori come: energia e tipo di radiazioni, tempo di dimezzamento, dimensione dell'esplosione, disponibilità, protezioni, trasportabilità e caratteristiche ambientali.
I radioisotopi che rappresentano un maggiore pericolo sono:
·         Uranio-235
·         Cesio-137
·         Cobalto-60
·         Americio-241
·         Californio-252
·         Iridio-192
·         Plutonio-239
·         Stronzio-90
·         Radio-226

Storia

Storicamente, il primo riferimento ad armi radiologiche è in un memo del 1943 di Leslie Groves, del Progetto Manhattan. In relazione ad un rapporto intitolato "Use of Radioactive Materials as a Military Weapon", il memo affermava che:
« Come un gas per utilizzo militare il materiale potrebbe ... essere inalato. L'ammontare necessario per provocare la morte ad una persona che inala il materiale è estremamente piccolo. È stato stimato che un milionesimo di grammo che si accumula nel corpo di una persona sarebbe fatale. Non sono noti metodi di trattamento per un tale avvelenamento... Non può essere individuato dai sensi; Può essere distribuito sotto forma di polvere o fumo così finemente polverizzato da permeare il filtro di una maschera antigas standard in quantità sufficienti per essere estremamente pericoloso... »
« I materiali radioattivi possono essere usati ... Per rendere le aree evacuate inabitabili; Per contaminare piccole aree critiche come stazioni ferroviarie e aeroporti; Come gas radioattivo velenoso per causare vittime tra le truppe; Contro grandi città, per promuovere il panico e provocare vittime tra le popolazioni civili »
« Le aree contaminate dalle polveri e i fumi radioattivi rimarrebbero pericolose finché si possono mantenere concentrazioni sufficientemente elevate del materiale... esso potrebbe essere mescolato come polvere fine dal terreno dai venti, dal movimento dei veicoli e le truppe, ecc., e costituirebbe un potenziale pericolo per molto tempo. »
« Questi materiali potrebbero anche essere predisposti per essere introdotti nel corpo tramite ingestione anziché inalazione. I pozzi e le riserve potrebbero essere contaminati o il cibo avvelenato con un effetto simile a quello derivante dall'inalazione di polveri o fumo. Una produzione di quattro giorni potrebbe contaminare un milione di galloni di acqua in una estensione tale che un litro di acqua bevuta in un giorno probabilmente causerebbe una incapacità completa o morte nell'arco di un mese. »

Utilizzo 

Un possibile modo per disperdere del materiale radioattivo consiste nell'uso di una cosiddetta bomba sporca, costituita da materiale radioattivo che viene disperso tramite l'uso di esplosivo convenzionale. Le bombe sporche non fanno parte delle armi nucleari, che invece usano una fissione nucleare a catena innescata da una massa critica di materiale fissile o dalla fusione di atomi leggeri come l'idrogeno. Laddove le armi nucleari creano grandi perdite immediatamente dopo l'esplosione, le bombe sporche provocano subito dopo l'esplosione quantità minime di vittime. Alcuni tipi di bombe all'idrogeno possono però venire arricchite con materiale radioattivo pesante, combinando gli effetti devastanti dell'arma nucleare con gli effetti nocivi dell'arma radiologica; tale materiale, infatti, pur non prendendo parte alla reazione e quindi non contribuendo al potere detonante, aumenta sensibilmente la biotossicità della bomba contribuendo a generare un fallout più radioattivo.
Le armi radiologiche non si affidano dunque ad un ordigno particolare, ma possono anche disperdere il materiale radioattivo attraverso la catena alimentare o l'acqua. Questi metodi, che sono molto efficaci, pongono tuttavia gli stessi problemi che si presentano nell'uso delle armi chimiche.

Terrorismo nucleare 

Per approfondire, vedi terrorismo nucleare.
Attualmente esiste un dibattito riguardante la possibilità e la convenienza per i terroristi di utilizzare un'arma del genere. Molti esperti credono che una bomba sporca del tipo che i terroristi più probabilmente potrebbero costruire danneggerebbe solo alcune centinaia di persone e non sarebbe molto più letale rispetto ad un'arma convenzionale o una chimica. D'altra parte poche sarebbero le vittime risultanti dall'esplosione iniziale, perché i materiali emettitori di raggi alfa e beta devono essere inalati o ingeriti per danneggiare profondamente il corpo umano (altrimenti il danno si limita quasi soltanto alla pelle).
Il materiale emettitore di raggi gamma è così radioattivo (cosa che lo rende rilevabile) che non può essere trasportato e dispiegato senza avvolgerlo con una quantità considerevole di materiale (piombo) che faccia da scudo ai raggi, fatto che renderebbe molto pesante l'ordigno, non trasportabile in aereo, e molto pesante all'interno di un'auto. Inoltre, prima dell'esplosione il materiale schermante dovrà essere rimosso, a meno che lo scudo sia rimosso poco prima della detonazione. Inoltre, è improbabile la possibilità che i terroristi trasformino la sostanza radioattiva in un gas oppure un aerosol radioattivo senza un complesso lavoro chimico per ottenere lo scopo[5]. Nonostante questo, disponendo ad esempio di polvere di uranio impoverito metallico, e combinandolo in una bomba con elementi in fosforo, il tutto contenuto entro tubi pieni di benzina, facendo detonare dell'esplosivo attorno ad una bombola di ossigeno in pressione circondata dal materiale, si otterrebbe una deflagrazione fortissima e caldissima, che spargerebbe il materiale radioattivo in fiamme per molti ettari.
L'effetto dominante sarebbe un danno morale ed economico a causa del panico causato da un tale incidente. D'altra parte, alcuni medici pensano che il danno biologico, quantizzabile in morti e feriti possa essere molto più severo. Questo è il parere di Peter D. Zimmerman (King's College London) che riesaminarono l'incidente di Goiânia, in qualche modo comparabile.[6] e lo resero noto al pubblico in una fiction prodotta dalla BBC, trasmessa negli Stati Uniti d'America dalla PBS.[7] Questo programma mostrava come l'utilizzo di una schermatura possa essere utilizzato per minimizzare il rischio di essere scoperti.

Usi militari 

Questo tipo di arma è largamente considerata come inefficace militarmente per una nazione e molto difficilmente verrebbe utilizzata dalle forze armate. Infatti, l'uso di una tale arma è inutile per una forza di occupazione, poiché renderebbe inabitabile l'area e rallenterebbe l'avanzata dell'esercito. Inoltre, analogamente alle armi biologiche, queste armi potrebbero impiegare giorni per iniziare ad agire sulle forze nemiche, e darebbero al nemico il tempo di contrattaccare.

Terrorismo nucleare
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il termine terrorismo nucleare indica l'utilizzo, oppure la minaccia di utilizzo di materiali radioattivi, armi radiologiche o persino armi nucleari in atti di terrorismo, includendo attacchi contro luoghi dove siano presenti materiali radioattivi. Secondo le convenzioni internazionali, il terrorismo nucleare è un crimine commesso quando una persona o associazione, in modo illegale e intenzionale “utilizza in qualsiasi modo materiali radioattivo con l'intento di causare morte o seri danni ad oggetti e persone”.
L'idea che dei gruppi terroristici possano avvalersi di armi nucleari (specialmente quelle molto piccole e leggere, progettate "ad hoc" come la bomba atomica da zaino) è diventata una minaccia plausibile nella retorica e cultura degli Stati Uniti. Alcuni analisti pensano sia possibile che dei terroristi riescano ad impadronirsi di armi nucleari.[1]

 

Tipi di minacce 

Due tra i pericoli principali associati ai reattori nucleari sono la proliferazione nucleare e il terrorismo nucleare. Un eventuale atto terroristico coinvolgente armi nucleari oppure materiali radioattivi potrebbe manifestarsi con diversi tipi di modalità. Tra queste quelle più probabili sono reputate essere le seguenti:
·         un attacco ad un reattore nucleare.
·         sabotaggio o manomissione degli impianti di un reattore nucleare al fine di causare una catastrofe
·         furto di combustibile nucleare oppure scorie radioattive
·         acquisto di materiali radioattivi per la costruzione di un ordigno nucleare o radiologico
·         furto di un'arma nucleare[2]

Storia 

Già nel dicembre del 1945, alcuni politici cominciarono a preoccuparsi sulla possibilità che qualcuno contrabbandasse armi nucleari negli Stati Uniti, anche se come possibili responsabili ci si limitava a prendere i considerazioni solamente agenti di una qualche superpotenza dell'epoca della guerra fredda. Rappresentanti del Congresso interrogarono il "padre della bomba atomica,"Robert Oppenheimer, sulla possibilità di rilevare una bomba atomica introdotta surrettiziamente:
Sen. Millikin: Noi... abbiamo dispositivi per il rilevamento di mine, che sono piuttosto efficaci... mi chiedevo se si potesse sviluppare un'apparecchiatura di qualche tipo per utilizzarla come difesa contro le bombe atomiche di piccole dimensioni.
Dr. Oppenheimer: se mi assumeste per girare attraverso le cantine di Washington per scoprire eventuali bombe atomiche, credo che l'attrezzo più importante a mia disposizione sarebbe un cacciavite per poter aprire le grate e guardarvi dentro. Non credo che basti camminare in mezzo al materiale da esaminare, brandendo un piccolo gadget per potere avere le informazioni necessarie.[3]

Durante gli anni cinquanta questi interrogativi suscitarono ulteriori ricerche attorno al problema degli ordigni atomici contrabbandati.
Le prime discussioni riguardo alla minaccia di atti terroristici dovuti a gruppi estremistici risalgono agli anni settanta. Nel 1975 il giornale The Economist avvertiva che "Si può costruire una bomba con poche libbre di plutonio" e a metà degli anni ottanta, in tutto il mondo, le centrali nucleari potevano produrre circa 200.000 lb ogni anno. E ogni anno, a meno che non si cambino drasticamente i metodi attuali, molte migliaia di libbre di plutonio saranno trasferite dalle centrali agli impianti di separazione chimica a quelli di fabbricazione del combustibile, ecc. via via che procedono attraverso il ciclo del combustibile. I pericoli di subire dei furti mentre questi materiali si trovano in transito da uno stabilimento all'altro appaiono evidenti. Una cooperazione vigorosa tra i governi e l'AIEA potrebbe ridurre i rischi correlati ai trasporti di materiali radioattivi."[4] Nel 1981 il New York Times commentava che l'origine del Nuclear Emergency Support Team "risale alla commozione suscitata dal massacro di Monaco nell'estate del 1972".
Fino a quella data, nessuno nel governo statunitense aveva preso in considerazione seriamente la potenziale minaccia dovuta al terrorismo internazionale, e ancora meno quella dovuta da atti di terrorismo con sostanze radioattive. Esisteva la percezione a Washington che il valore di quello che viene chiamato materiale nucleare speciale - plutonio oppure uranio altamente arricchito -fosse così enorme che la semplice stretta contabilità finanziaria dei contrattisti privati che gestivano questo materiale sarebbe stata sufficiente a proteggerli dal cadere nelle mani sbagliate. Ma da allora, molte indagini hanno rivelato che la salvaguardia fisica del materiale della qualità necessaria a produrre le armi ("bomb-grade material") contro il furto era negletta in modo scandaloso."[5]
Questa discussione divenne di carattere pubblico negli anni ottanta dopo che il network NBC mise in onda una fiction televisiva che rappresentava un attacco nucleare terroristico contro gli Stati Uniti[6]

Permissive Action Link 

Nel 1986 un gruppo privato di esperti noto come "International Task Force on the Prevention of Terrorism" pubblicava un rapporto chiedendo con urgenza a tutti gli stati dotati di armi nucleari di prendere coscienza sui pericoli del terrorismo nucleare e di equipaggiare gli arsenali nucleari con dispositivi Permissive Action Link (un dispositivo elettro-meccanico che impedisce definitivamente la detonazione dell'arma nucleare dopo aver inserito qualche codice di sblocco errato, il dispositivo funziona particolarmente bene per ordigni al plutonio, che necessitano di una perfetta simmetriadodecaedrica dell'esplosione, non garantita da esplosivi esterni). Gli esperti avvertivano: "la probabilità che si verifichi il terrorismo nucleare sta aumentando e le conseguenze per le società urbanizzate e industriali potrebbero essere catastrofiche"[7].

Armi radiologiche 

Bomba nucleare "sporca" 

Una possibile minaccia deriva dall'impiego di cosiddette bombe sporche. Una 'bomba sporca' potrebbe essere costruita con varie sostanze radioattive (come ad esempio il cobalto-60 utilizzato nella radioterapia) e da esplosivi convenzionali. Il materiale radioattivo verrebbe disperso dalla detonazione dell'esplosivo. La detonazione di una bomba di questo tipo pur avendo solamente meno un millesimo della potenza di un'esplosione nucleare, potrebbe comunque causare un fallout nucleare considerevole.
La Federazione degli Scienziati Americani sostiene che una bomba sporca sia una minaccia poco probabile, dal momento che lo stesso uranio usato per l'alimentazione delle centrali nucleari se non arricchito risulta solamente debolmente radioattivo. Il lentissimo decadimento dell'uranio garantisce infatti una bassa contaminazione radiologica in caso di dispersione ambientale, anche se permane pure sempre la sua tossicità, paragonabile a quella di metalli pesanti come mercurio e cadmio. Il reale pericolo radioattivo di questi ordigni risulterebbe quindi essere molto modesto. Il riconoscimento delle armi a bassa radioattività quali parte della classe delle armi atomiche potrebbe portare all'inclusione in tale categoria delle armi all'uranio impoverito. Non esiste ad oggi un trattato internazionale sulle armi all'uranio impoverito, benché esse siano estesamente impiegate sui campi di battaglia dagli eserciti della NATO e in particolare dall'esercito degli Stati Uniti.

Armi a dispersione radiologica 

Esistono altre armi radiologiche, note come dispositivi di dispersione radiologica, che non si avvalgono di esplosivi. Nebulizzando la sostanza in un sistema di aerazione oppure contaminandoacquedotti o altre risorse alimentari (con cobalto-60, iodio-129, iodio-131, cesio-137, polonio) si potrebbero colpire molte più persone per un tempo molto maggiore. Pertanto tale tipologia di arma potrebbe essere ambita da gruppi terroristici in quanto altamente efficace nel seminare il panico nella popolazione, lasciando un'area contaminata per un certo periodo di tempo, scoraggiando.

Episodi di terrorismo nucleare e piani sventati 

Al-Qaida alla ricerca di armi nucleari 

Nel novembre del 2006, il controspionaggio britannico MI5 denuncia che terroristi islamici, appartenenti ad al-Qaida avevano piani per l'impiego di armi nucleari contro città del Regno Unito, armi che sarebbero state ottenute grazie a mezzi clandestini.[8]
Nel giugno del 2007, l'agenzia FBI fornì il nome di [Adnan Gulshair el Shukrijumah, che si sospetta essere il leader operativo per lo sviluppo di piani tattici per la detonazione di bombe nucleari simultaneamente in alcune città americane.[9]

Alexander Litvinenko 

Secondo Andrew J. Patterson, l'oscuro episodio verificatosi a Londra nel 2006, l'avvelenamento di Alexander Litvinenko con polonio radioattivo, "rappresenta un punto di svolta ominoso: l'inizio dell'era del terrorismo nucleare,"[10].

Incursioni nella centrale di Pelindaba in Sud Africa 

In una puntata della trasmissione 60 Minutes (della CBS), si riferiva che nel novembre del 2007, intrusi con intenzioni non ben chiarite si infiltrarono nelle installazioni nucleari di Pelindaba, nei pressi di Pretoria, in Sudafrica. I ladri fuggirono senza essersi impossessati di nessuna quantità di uranio arricchito (weapons-grade) custodito nel centro.

Incursioni nelle installazioni nucleari del Pakistan 

Lo specialista in sicurezza Shaun Gregory ha scritto un articolo sostenendo che dei terroristi hanno attaccato le installazioni nucleari del Pakistan per tre volte nel recente passato; due volte nel 2007 e una nel 2008[11].

Recupero di armi e materiali nucleari perduti 

Nell'agosto del 2002, gli Stati Uniti lanciarono un programma per localizzare e mettere in sicurezza l'uranio arricchito proveniente da 24 reattori di progettazione sovietica in 16 paesi, in modo di ridurre il rischio che i materiali cadano nella mani di terroristi o di "stati canaglia". La prima operazione di questo tipo è stata il Project Vinca, "uno sforzo multinazionale, una joint venture pubblico-privato per rimuovere il materiale nucleare da un istituto di ricerca nella ex-Jugoslavia malamente vigilato." Il progetto è stato salutato come "un successo della non-proliferazione" con il "potenziale di dare luogo a sforzi in una più ampia 'pulizia globale' in modo di affrontare uno degli anelli più deboli nella catena della non-proliferazione nucleare: strutture di ricerca nucleare civile insufficientemente vigilate."[12]

Scorie radioattive 

Per poter ridurre il pericolo di attacchi utilizzando scorie radioattive, nel novembre del 2002 il commissario Loyola de Palacio dell'Unione Europea propose la creazione di standard comuni per tutta la U.E., specialmente per i nuovi stati membri che ancora operavano reattori dell'era sovietica, in modo di stabilire le regole per un corretto trattamento, trasporto e immagazzinamento sotterraneo delle scorie nucleari.

Collegamenti esterni 

·         (EN) Annotated Bibliography for Terrorism, Alsos Digital Library for Nuclear Issues
·         (EN) "Can Terrorists Build Nuclear Weapons?", Nuclear Control Institute
·         (EN) Use of nuclear and radiological weapons by terrorists?, International Review of the Red Cross
·         (EN) What if the terrorists go nuclear?, Center for Defense Information

Bomba atomica da zaino
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una bomba atomica da zaino o arma nucleare da valigetta (in inglese: backpack nuke oppure suitcase nuke o mini-nuke) è un'arma nucleare tattica che, utilizzando componenti miniaturizzati, leggeri o sufficientemente portatili, può essere trasportata o celata in uno zaino oppure in una valigia diplomatica[1][2] È stato anche segnalato che Israele ha prodotto testate nucleari abbastanza piccole da stare in una valigia.[3]

Possibilità di occultamento 

Nella progettazione di armi nucleari, bisogna ottenere un giusto compromesso tra la potenza, il peso e le dimensioni compatte dell'arma. Un ordigno estremamente piccolo, con un'implosione di tipo lineare e avente dimensioni di 13 cm di diametro e 62 cm di lunghezza (ovvero che potrebbe plausibilmente stare in una grande borsa o in una normale valigia), ha tuttavia, in base ai test effettuati, lo svantaggio di un peso di quasi 45 kg e di una resa massima di solo una frazione di kiloton (190 ton).[4][5]
Come combustibile nucleare, uno dei vantaggi del plutonio è quello di non produrre raggi gamma (che sono facilmente rilevabili dal contatore Geiger), ma soltanto raggi alfa per decadimento alfa(che possono essere bloccati da un foglio di carta).[5] Un decimetro cubo di plutonio pesa 22 kg, e per ottenere una efficiente esplosione atomica bastano 9 kg. Il principale problema ingegneristico diventa allora quello di contenere il volume e il peso dell'esplosivo, costituito da lenti esplosive ad alto potenziale, da cavi e detonatori e da eventuali inneschi e/o timer e/o dispositivi meccanico-elettrici atti ad inserire una chiave di attivazione/disinnesco-perpetuo.[5]
È stato finora documentato[6] che soltanto due paesi abbiano posseduto, e finanziato in modo adeguato, programmi per la costruzione di armi nucleari miniaturizzate:[7] gli Stati Uniti d'America e l'Unione Sovietica (in seguito Federazione russa). Tuttavia, sebbene abbiano ammesso di averne prodotte durante la Guerra Fredda di dimensioni tali da essere caricate in uno zaino, tali potenze non hanno mai confermato né l'esistenza né lo sviluppo di armi in grado di essere contenute in una valigia di dimensioni normali o addirittura in una valigetta ventiquattro ore.[3]

Armi nucleari a implosione lineare di uranio-235 

Nella progettazione di armi nucleari di piccole dimensioni esiste una serie di compromessi riguardante le dimensioni, il peso, l'efficienza, la potenza finale e la radioattività sia propria dell'arma sia di quella che residua dall'esplosione. Le più piccole bombe atomiche (con un diametro di 130 mm e una lunghezza di 620 mm) sono proiettili nucleari di artiglieria da 155 mm che utilizzano uranio 235 a implosione lineare (una tra le varie armi destinate al cannone semovente M109). Questi proiettili, che sono stati ampiamente testati, potrebbero entrare in una valigia, ma al contempo presenterebbero inconvenienti in termini di peso e di potenza: il più leggero di essi pesa circa 45 kg ed ha una potenza esplosiva massima di circa 1/10 di kiloton (equivalente a 190 tonnellate di tritolo).[8] La massima potenza espressa dai proiettili (relativamente compatti) di artiglieria a implosione lineare di uranio era al di sotto dei 2 kilotoni (il proiettile di artiglieria W82-1 americano, con un peso di 43 kg, diametro di 15 cm e lunghezza di 86 cm, testato ma mai dispiegato).[9]
Comunque tali armi presentavano dei difetti: se potenziate dalla fusione nucleare, infatti, emettevano molti raggi gamma, duravano relativamente poco, erano inefficienti, poco potenti (1/10-1/100 della bomba atomica di Hiroshima, anche se potenziate grazie a riflettori di neutroni e a volta abbinate alla fusione nucleare del trizio) e rilasciavano moltissima radioattività nell'ambiente dopo l'esplosione.[10] Il motivo principale del loro ritiro è stato dovuto all'abbassamento della soglia nucleare, che ha permesso l'utilizzo dell'arma a unità di rango minore (come generali di brigata ecolonnelli).[11] Inoltre nelle armi a implosione lineare di uranio si possono verificare più facilmente reazioni nucleari spontanee (per rottura della "canna" e penetrazione di acqua), ed è meno complicato aggirare i dispositivi di blocco del detonatore.

W54 

La più leggera testata nucleare costruita dagli U.S.A. è stata la W54, che veniva impiegata sia nella testata da 120mm del razzo Davy Crockett, sia nella versione da zaino nota come la Mk-54SADM (Special Atomic Demolition Munition). Il contenitore della sola testata era un cilindro di 28 per 41 cm che pesava 23 kg.[12]
Fonti russe declassificate indicano che la più piccola arma miniaturizzata sovietica aveva le dimensioni di "un piccolo frigorifero". In seguito al collasso dell'Unione Sovietica, proprio questi tipi di dispositivi, secondo le dichiarazioni del generale sovietico Alexander Lebed, sarebbero stati assegnati al GRU e poi andati persi. Lebed, che lavorava col presidente russo Boris Yeltsin, espose alCongresso degli Stati Uniti d'America l'opinione che 132 bombe da valigetta prodotte dal KGB non fossero più rintracciabili.[13]

Armi nucleari portatili 

Armi portatili statunitensi 

Non esiste alcuna informazione ufficiale riguardo l'esistenza di autentiche armi nucleari di dimensioni compatibili con una valigia o valigetta sia negli arsenali degli U.S.A. che della Russia. Al contempo, però, nella città di Washington, D.C. una compagnia costituita da ex-agenti di intelligence, il Center For Defense Information (CDI), ha dichiarato che il governo statunitense aveva prodotto nei tardi anni settanta degli ordigni nucleari che potevano entrare tanto in una valigia quanto in una valigetta. Lo stesso CDI ha inoltre dichiarato che esisteva una fedele riproduzione di tali ordigni ad uso di addestramento, realizzata con finto materiale esplosivo e senza materiale fissile, che di solito, nascosta in una valigetta 48 ore, veniva trasportata nei primi anni ottanta sui voli delle aerolinee interne.[14]
Mentre la potenza esplosiva della W54 arrivava all'equivalente di 6 kiloton[10] di TNT (circa il 30% della potenza della bomba di Hiroshima), il loro valore risiedeva nella possibilità di esserecontrabbandati attraverso le frontiere nazionali, trasportati da mezzi ordinari, pubblici e privati, e depositati (interrati, nascosti, ecc.) nei pressi di bersagli di convenienza.

Atomiche portatili russe 

Nel 1997, il consulenze della sicurezza nazionale russa Alexander Lebed rese dichiarazioni pubbliche riguardo alcune "bombe nucleari da zaino" in seguito alla dissoluzione dell'Unione Sovietica. In una intervista, rilasciata al programma televisivo della BBC 60 Minutes, Lebed affermava:
« Io non sto dicendo che più di un centinaio di armi del supposto numero di 250 non siano sotto il controllo delle forze armate della Federazione Russa. Io semplicemente dico che non conosco la loro localizzazione. Non so se sono state distrutte o immagazzinate, oppure se sono state vendute o rubate. Io ripeto che ignoro il loro destino. »
Immediatamente il governo russo diramò una smentita. Il Ministero per l'Energia Atomica della Russia arrivò al punto di mettere in dubbio che le armi nucleari da valigetta fossero mai state sviluppate dall'Unione Sovietica. Successive testimonianze insinuarono, invece, che le bombe "suitcase" fossero sotto il controllo del KGB e non dell'armata rossa o del ministero, che dunque non sarebbero stati al corrente della loro esistenza. Il presidente russo Vladimir Putin, in un'intervista rilasciata a Barbara Walters nel 2001, dichiarò al riguardo quanto segue: «Io non credo veramente che questo sia vero. Sono soltanto leggende. Si può presupporre probabilmente che qualcuno abbia cercato di vendere alcuni segreti nucleari. Ma non esiste conferma documentaria di questi sviluppi».
Stanislav Lunev, una spia che abbandonò il GRU, ha confermato l'esistenza di questi ordigni russi, descrivendoli in dettaglio nel suo libro.[15] Questi ordigni, "identificati come RA-115s (o RA-115-01s per quelli subacquei)" pesano da 50 a 60 libbre. Possono rimanere attivabili per molti anni se collegati a una fonte di elettricità (Il plutonio persiste per molti secoli). In caso di perdita dell'alimentazione elettrica, esiste una batteria d'emergenza. Se il sistema di batterie si scarica, la bomba ha un trasmettitore che invia un messaggio codificato, sia via satellite oppure direttamente nella postazione GRU nella più vicina ambasciata russa o consolato.” Secondo Lunev, il numero di ordigni nucleari "mancanti" (come denunciato dal generale Alexandr Lebed) "è quasi identico al numero di bersagli strategici sui quali queste bombe dovrebbero essere sganciate."[15]
Lunev ipotizzava che le atomiche da valigetta potessero essere già state dispiegate dagli operativi del GRU nel territorio Statunitense, in modo di assassinare i leader degli USA e di sopprimere tutta la catena di comando all'inizio di una guerra.[15] Affermava che nascondigli con armi erano stati piazzati dal KGB in molti paesi in modo di poter condurre questi atti terroristici. Erano state protette dalla disattivazione grazie a dispositivi esplosivi "Lampo". Uno di questi nascondigli, che era stato localizzato da Vasili Mitrokhin nelle foreste nei pressi di Berna, esplose quando le autorità della Svizzera stavano cercando di metterlo in sicurezza. Altri nascondigli sono stati bonificati e chiusi con successo.[16] Lunev affermò che lui stesso aveva cercato potenziali nascondigli per queste armi nucleari portatili nell'area della valle dello Shenandoah[15] e che "è sorprendentemente facile contrabbandare armi nucleari negli USA", sia attraverso il confine con il Messico, sia utilizzando un piccolo missile da trasporto stealth, che non è rilevato dai radar quando viene lanciato da un qualsiasi aeroplano russo o Sovietico (come i bombardieri Tupolev Tu-95 o semplici velivoli di passeggeri).[15] Il congressista nordamericano Curt Weldon tendeva a dar credito alle dichiarazioni di Lunev, ma precisava che questi avesse ingigantito i fatti, alla luce di quanto era noto all'agenzia FBI.[17] Sono state condotte ricerche nelle aree identificate da Lunev, "ma gli ufficiali della legge non hanno mai trovato questi nascondigli di ordigni nucleari, sia contenenti armi nucleari o predisposti per la loro collocazione" (n.d.r.: forse con alimentazione di corrente grazie a pannelli solari e antenne per la comunicazione)."[18]

Possibile utilizzo 

Collocando queste "piccole" armi nucleari, ad esempio nei pressi di un "bersaglio soffice", come un aeroporto dove potrebbe trovarsi l'Air Force One, le strutture aeroportuali e gli stessi aerei rimarrebbero irrimediabilmente danneggiati (con incendi dei depositi del carburante anche a km dal centro dell'esplosione), rendendo impossibile l'evacuazione del Presidente dalla città, che anche se nascosto in un rifugio antiatomico rimarrebbe esposto ad un attacco con bombe termonucleari dal megaton in su, lanciate dai sottomarini.
Nascondendole all'interno o sotto il fondale di un porto, o della baia di un atollo dove ormeggiano navi militari, una bomba da 6 kiloton causerebbe l'affondamento, il ribaltamento o danni gravi (tali da metterle fuori combattimento) a tutte le navi ormeggiate nel raggio di 1 km. Questo è stato verificato nelle esplosioni "Able" e "Baker" dell'Operation Crossroads.[19] Inoltre provocherebbe unirraggiamento del personale da 0,1 a 100 sievert entro 3 km dal punto dell'esplosione, con una mortalità del 50% delle persone esposte entro 5-30 giorni (anche all'interno di parti chiuse e corazzate della navi), e debolezza, leucemie e sterilità nel resto.

Esempi nei media 

Alcuni esempi di bombe miniaturizzate come quelle descritte qui sopra sono riscontrabili in alcune serie televisive (24), in alcuni film (The Peacemaker e A Beautiful Mind) o romanzi (Splinter Celldi Tom Clancy, The Novak Legacy di John Douglas-Gray o Wild Fire di Nelson DeMille).

Collegamenti esterni 

·         (EN) Suitcase Nukes by National Terror Alert Response Center
·         (EN) Alexander Lebed and Suitcase Nukes
·         (EN) Are Suitcase Bombs Possible?
·         (EN) "Suitcase Nukes": A Reassessment, 2002 article by the Center for Nonproliferation Studies su Monterey Institute of International Studies
·         (EN) W54 SADM foto dal Brookings Institution
·         (EN) Symposium: Al Qaeda’s Nukes di Jamie Glazov, FrontPage Magazine, 27 ottobre 2006.

Bioterrorismo
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il bioterrorismo consiste nell'utilizzo intenzionale di agenti biologici (virus, batteri o tossine) in azioni contro l'incolumità pubblica quali attentati,sabotaggi, stragi o in minacce volte a creare panico e isteria collettiva.
Gli agenti biologici utilizzati possono essere reperiti in natura, o possono essere modificati dall'uomo al fine di aumentarne il potere distruttivo, la virulenza o la diffusione nell'ambiente. Quest'ultima può avvenire attraverso l'aria, l'acqua, il cibo o le bevande.[1]

 

Classificazione degli agenti biologici 

Il CDC statunitense suddivide le armi biologiche usate nel bioterrorismo in tre categorie, a seconda della facilità di diffusione e del rischio maggiore o minore di malattia letale che provocano:
Categoria A
Comprende organismi e tossine altamente pericolose per la collettività per:
·         la facile diffusibilità o trasmissione da persona a persona;
·         il loro potere altamente letale;
·         i fenomeni di panico e di isteria collettiva che possono causare;
·         la necessità di adottare speciali contromisure su vasta scala per la tutela della salute pubblica
·         .
·          
·          La CDC (Centers for Disease Control and Prevention): organismo con il compito di monitorare, prevenire e suggerire gli interventi più appropriati in caso di epidemie e/o guerra biologica
Categoria B
Comprende organismi moderatamente pericolosi per:
·         la loro diffusibilità su scala ridotta;
·         la capacità di provocare malattie potenzialmente meno letali;
·         la necessità di misure di monitoraggio della salute pubblica meno intensive rispetto alla categoria A
Categoria C
Comprende organismi patogeni emergenti, potenzialmente modificabili attraverso l'ingegneria genetica per essere trasformati in armi biologiche. Questi agenti presentano:
·         facile disponibilità nell'ambiente
·         facile produzione
·         alto potenziale in termini di virulenza e di impatto sulla salute pubblica.

Storia 

L'esposizione ad agenti biologici in ambiente di vita e di lavoro è un importante rischio per la salute, che deve essere ben conosciuto, al fine di poter sviluppare una corretta, aggiornata, utile attività d'informazione e mettere in atto validi piani di prevenzione, sorveglianza e controllo delle patologie correlate.
La possibile minaccia di atti di terrorismo con impiego di agenti biologici determina una necessità di approfondimento della materia. Nella storia le armi biologiche sono usate da molto più tempo delle armi chimiche o nucleari.
Fin dall'antichità sono stati deliberatamente realizzati oggetti di vario tipo per nascondere e trasmettere agenti di malattia al nemico. Come l'impiego di cadaveri o carcasse di animali infetti per contaminare pozzi, cisterne e raccolte d'acqua utilizzate dagli eserciti e dalla popolazione, veleni e altre sostanze tossiche ritrovabili in natura o realizzate ad hoc. Anche il virus del vaiolo è stato sfruttato come arma biologica. I tartari addirittura catapultavano cadaveri infetti da peste bubbonica oltre le mura delle città assediate, in modo da diffondere il contagio e la morte prima della battaglia.
Anche gli inglesi durante la guerra dei sette anni per sconfiggere gli indiani, che numericamente erano molti di più, si aiutarono con la guerra biologica. Infatti come atto di amicizia regalarono agli indiani coperte, ma queste in realtà provenivano da ospedali di malati di vaiolo che così si diffuse tra gli indiani causando decine e migliaia di morti.
Nel 1763 in Nova Scozia Sir Jeffrey Amherst, governatore dello Stato, distribuì ai pellerossa coperte utilizzate negli ospedali in cui si ricoverano i vaiolosi, diffondendo così il morbo tra le tribù indigene; nello stesso periodo gli inglesi mandarono tra i maori, in Nuova Zelanda, gruppi di prostitute malate di sifilide, sterminando così le popolazioni.

Dal XX secolo ai giorni nostri 

Più recentemente la guerra biologica ha assunto una connotazione scientifica; lo sviluppo della moderna microbiologia, durante il XIX secolo, ha fornito l'opportunità di isolare e produrre patogeni specifici come, ad esempio, il Bacillus Anthracis e lo Pseudomonas Mallei. La Germania sviluppò un programma di guerra biologica durante il primo conflitto mondiale, infettando il bestiame con gli agenti eziologici dell'antrace e del cimurro. Negli anni '30 tutti i maggiori Paesi svilupparono programmi di ricerca e di difesa batteriologici nonostante l'adesione al Protocollo di Ginevra (1925), che bandisce (senza dire nulla riguardo alla loro produzione), l'uso bellico delle armi chimiche e quelle biologiche. Nel 1933 un aerosol di batteri Serratia fu liberato vicino ad una canna di aerazione della metropolitana di Parigi.
In seguito a quest'attentato fu sviluppato un programma di controllo su batteri e virus potenzialmente utilizzabili nella guerra biologica. Nello stesso periodo la Gran Bretagna sviluppò un suo progetto, focalizzato sulle spore di antrace e sul loro raggio di diffusione quando lanciate con una bomba convenzionale. L'isola Gruinard, al largo delle coste della Scozia, fu scelta come luogo degli esperimenti e i dati ottenuti sono utilizzati sia dalla Gran Bretagna sia dagli USA. Subito dopo la prima guerra mondiale si cominciò a riflettere sulla pericolosità delle prime armi biologiche scientificamente costruite e presero il via i tentativi diplomatici volti a limitare la proliferazione e l'uso di armi di distruzione di massa. Dalla fine degli anni '60 le armi batteriologiche, fortunatamente, hanno assunto un'importanza sempre più marginale; le continue ricerche sui microrganismi, hanno, infatti, finito per ridurre a zero i microrganismi "segreti", cioè quelli contro di cui il nemico non ha alcuna difesa.
Nel 1931 durante l'occupazione della Manciuria da parte del Giappone, quest'unità utilizzò i prigionieri di guerra come cavie da laboratorio. Inoltre sono documentate almeno cinque incursioni nel 1941 di aerei giapponesi sulla Cina con lo scopo di spargere la peste bubbonica.
Inoltre nel 1956 l'Unione Sovietica accusò gli USA di aver usato armi biologiche in Corea. Dopo questo divieto il programma statunitense cambiò: si utilizzarono agenti biologici surrogati per elaborare e modellare organismi più letali. Molti test consistono nello spruzzare segretamente organismi su aree popolate. Dopo la memorabile irrorazione su San Francisco della Serretia Marcescens il programma venne dichiarato concluso. Ma nel 1969 si notò in quella zona un aumento delle infezioni di 5-10 volte.
Finalmente, nel 1972, un trattato internazionale, firmato da 160 Paesi e ratificato da 140 Paesi, ha messo al bando tutte le armi batteriologiche (Biological and Toxin Weapons Convention). Nonostante questo divieto, verso la metà degli anni '80, la corsa alle armi batteriologiche è ripresa con vigore, continuando fino ai nostri giorni. Da allora la storia dei trattati va di pari passo con quella degli esperimenti sulle armi biologiche che continuano in molti paesi. Mentre nel passato le armi biologiche erano pensate e costruite soprattutto per aggredire gli eserciti nemici, oggi è la popolazione civile ad essere bersaglio di queste armi da parte di gruppi terroristici.
L'uso, a volte, di armi biologiche rappresenta un grave problema di sanità pubblica. In caso di attacco bioterroristico, le prime risposte devono arrivare dalla polizia, dai vigili del fuoco e dal personale medico delle vicinanze. È chiaro che nei primi momenti dopo l'incidente non si conosce la natura dell'agente infettante, per cui è importante coinvolgere, nei piani di emergenza, anche esperti microbiologi (da inviare eventualmente sul campo per i rilevamenti o i campionamenti del caso) che possano fornire risposte più precise e in tempi brevi. Il tentativo fallito della setta giapponese della Sublime Verità di spargere un liquido con spore di antrace è stato, all'inizio degli anni Novanta, il primo attentato di bioterrorismo della storia. Anche Al Qaida ha tentato senza successo di produrre armi biologiche in laboratori ubicati nelle città afghane di Jalalabad e Kandahar. Tuttavia, nonostante l'ampia risonanza che questa minaccia ha avuto, si conoscono pochi tentativi di azioni vere e proprie, da parte di gruppi terroristici, volte a provocare eccidi tra la popolazione civile mediante l'impiego di agenti CBRN.
Fa eccezione il caso di contaminazione da salmonella di 751 persone (con esito non letale) da parte della setta di Rajneesh in Oregon negli Stati Uniti nel 1984 e i diversi attentati commessi dall'Aum Shinri Kyo in Giappone, con l'uso di agenti chimici e biologici, che nel giugno del 2004 hanno provocato la morte di sette persone e il ricovero di duecento a Matsumoto, e dodici morti e il ricovero di mille persone a Tokio. Con gli attentati all'antrace negli USA, nell'autunno 2001, e i più recenti attacchi alle reti del trasporto pubblico di Madrid e Londra, anche l'Europa si prepara a uno scenario ancora peggiore. Nell'agosto 2005, le rivelazioni che una cellula di Al Qaeda stava progettando un attentato con gas sarin contro la Camera dei Comuni britannica, nonché un incidente, avvenuto nel maggio del 2004, con il lancio di profilattici pieni di una polvere viola contro il Primo ministro Tony Blair, durante l'ora delle interrogazioni, hanno messo in luce l'alto grado di vulnerabilità dei parlamenti nazionali e la mancanza di preparazione a gestire casi del genere. Come reazione a questi eventi, su entrambe le sponde dell'Atlantico sono state promosse misure volte a individuare metodi adeguati per la rilevazione di eventuali attacchi con agenti biologici. Gli USA hanno mostrato l'impegno maggiore con un'iniziativa globale denominata "Biodefense for the 21st Century", lanciata nell'aprile 2004 dal Presidente Bush. Secondo uno studio, dopo l'11 settembre, i fondi di bilancio complessivamente stanziati per la difesa da agenti biologici sono aumentati di sedici volte, da 305 milioni di dollari nell'esercizio 2001 a circa 5 miliardi di dollari per gli esercizi 2004, 2005 e 2006. L'incremento dei finanziamenti destinati alla ricerca nel settore della difesa da agenti biologici del National Institute of Health è ancora più sorprendente: essi sono aumentati di 34 volte dal 2001 al 2006. Per contro, il governo britannico nel bilancio 2003 ha stanziato 260 milioni di sterline per misure di lotta contro il rilascio di agenti biologici.

Principali agenti e sostanze impiegate

Le sostanze usate con scopi di bioterrorismo sono in genere materiali biologici quali batteri o virus, che vengono utilizzati in atti di guerra contro un paese o gruppo di persone. L'invio di spore di antrace attraverso il sistema di posta degli Stati Uniti nel 2001 è stato il primo utilizzo di un agente di bioterrorismo contro gli Stati Uniti. Oltre alla posta negli Stati Uniti, le armi biologiche possono infettare i prodotti alimentari, l'acqua potabile e branchi di animali.
Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) classifica gli agenti biologici in funzione del rischio che rappresentano per il pubblico. Quelli che presentano il rischio più elevato, perché possono essere facilmente diffusi e possono causare mortalità elevata, sono classificati come categoria A. Tali sostanze comprendono batteri e virus che causano malattie come:
·         carbonchio,
·         botulismo,
·         peste,
·         tularemia,
·         il vaiolo, e febbre emorragica virale (come ad esempio quella sostenuta dai virus hantavirus e Ebola).
Il CDC classifica gli agenti biologici che presentano un rischio moderato per il pubblico come categoria B. Questi agenti possono essere diffusi con una certa facilità e possono causare un grado moderato di malattia, ma i tassi di mortalità a causa di queste malattie sono generalmente bassi. [Per informazioni più specifiche sugli agenti di bioterrorismo e sulle contromisure che il governo americano sta prendendo per prepararsi in caso di un altro attentato bioterroristico, visitare il sito web del CDC sul bioterrorismo.
Oltre ad agenti biologici, anche agenti chimici o radioattivi possono anche essere usati come arma di bioterrorismo. Il CDC classifica gli agenti chimici in base alla attività da essi esplicata sulla pelle, nei polmoni, nel tratto gastrointestinale e sul sistema nervoso. L'unico utilizzo di agenti chimici da parte di un gruppo terroristico si è verificato nel 1994 e nel 1995, quando la setta Aum Shinrikyo ha rilasciato il gas nervino sarin in Giappone a Matsumoto ed a Tokyo, causando 19 morti e obbligando migliaia di persone al ricovero ospedaliero o al trattamento ambulatoriale.
Gli agenti radioattivi sono incolori, inodori ed invisibili. La contaminazione di cibo, acqua od oggetti può causare all'uomo ed agli animali inabilità o morte ed inoltre è difficile da evidenziare. I sintomi di esposizione alle radiazioni possono includere nausea, vomito, diarrea e, a seconda del grado di esposizione, gengive sanguinanti, epistassi, ecchimosi, e perdita di capelli. L'esposizione ad agenti radioattivi avviene attraverso ingestione, inalazione o la contaminazione di una ferita aperta. Un esempio di un agente radioattivo è il polonio 210 che, nel 2006, è stato la causa della morte del dissidente russo, Alexander Litvinenko.

Collegamenti esterni 


Per approfondire -  Alle basi del Bioterrorismo: un approccio storico alla Guerra Biologica

La guerra del clima

Tradotto in automatico con Google Traslate

Fonte: http://es.wikipedia.org/wiki/Guerra_clim%C3%A1tica

 

La guerra del clima è la guerra che può essere attribuita al clima, ai cambiamenti climatici , al riscaldamento globale e gli effetti di questi che, di modificare radicalmente le condizioni di vita, riducendo l'accesso alle risorse di base come l'acqua e il cibo - trigger di violenza , causando laspostamento dei rifugiati e in occasioni numerose genocidio , pulizia etnica , il terrorismo , i confini mutevoli e territori della statualità fragili o non riuscito, l'installazione di una guerra permanente . In breve, la guerra climatica di solito si traduce in un disastro sociale o di collasso sociale . 1
Il termine guerra del clima è anche usato per riferirsi ai cambiamenti climatici attraverso l'uso esplicito di armi da parte di una guerra con l'obiettivo di sistemi agricoli ed ecologici destabilizzanti in una zona o in tutto il mondo. 2

catastrofe sociale

Articolo principale: catastrofe sociale .
Le guerre climatiche sono inclusi in quello che autori come Harald Welzer chiamati catastrofi sociali , in linea con alcune delle idee espresse da Jared Diamond nel suo libro Collapse .
Lo psicologo sociale Harald Welzer nel suo libro Climate Wars. Perché uccidere (e ci uccide) XXI secolo (nell'originale tedesco Klimakriege. wofür im 21. Jahrhundert Getötet wird ) descrive il comportamento sociale di catastrofi sociali come l' Olocausto , la guerra del Vietnam e la guerra di Jugoslavia in per l'autore non aveva la benché minima consapevolezza del problema globale stava procedendo anche nei suoi momenti peggiori. Le imprese, sia quelli che sono stati sviluppati come gli eventi esterni, sono stati in grado di mettere in guardia il disastro che stava avvenendo.
Allo stesso modo, dice l'autore, per le conseguenze del riscaldamento globale e il cambiamento climatico , le aziende si stanno dimostrando incapaci di capire cosa sta succedendo e sono quindi destinati a subire catastrofi sociali che porterà una riduzione delle risorse, spostamento di popolazioni e di maggiore violenza .
Data una catastrofe sociale più colpiti sono i poveri, con risorse limitate, il che aumenta la violenza potenziale. Per Harald Welzer anche
Le catastrofi sociali distruggono certezze sociali. Quello che una volta confermato il razionale della vita di tutti i giorni, perde improvvisamente la sua affidabilità, le ricette finora influenzato il comportamento di rivelarsi inadeguata, e le regole, non valido. Il risultato è una profonda crisi di fiducia nella la propria cultura , la capacità di controllare i rischi, ma anche sulla convinzione deposita soprattutto nelle azioni previste e, pertanto, prevedibile . 3 Se non ci sono istituzioni stabili in grado di regolare la conflitti ... questi fattori possono portare allaviolenza . In un tempo incredibilmente breve, i disastri tecnologici , naturali e sociali ( incidenti nucleari e chimici , terremoti e tsunami , rivoluzioni e genocidi ) instabilità possono rendere la regola e la stabilità, l'eccezione. 4

Clima Guerre

Sebbene le genocidio ruandese radici del tempo - risorse limitate e terreni, sovrappopolazione ., ecc, per Welzer il genocidio in Darfur è la prima guerra del clima contemporaneo.

[ modifica ]Storia delle guerre del clima

Molti conflitti e guerre nel corso della storia hanno avuto un motivo climatico - siccità , desertificazione , inondazioni , eccessivo sfruttamento delle risorse -. Il cambiamento climatico può essere di origine antropica ( influenza umana sul clima ) o meno, ma il suo risultato più drammatico è sempre stata una catastrofe sociale (vedi i casi di Isola di Pasqua , il Anasazi e anche l'importante influenza dei cambiamenti clima del declino della cultura Maya ).
Quando il cambiamento climatico è di origine antropica società possono, essi alterano il loro comportamento, ridurre i suoi effetti e persino invertire la tendenza, ma in molti casi, il lento deterioramento causato dall'uomo nel succedersi delle generazioni fa che le imprese non sono a conoscenza di collasso ecologico e quindi del proprio collasso . Questo può essere visto nel crollo ecologico di Isola di Pasqua , il Anasazi e il genocidio in Darfur , ma mostra anche la mancanza di coscienza sociale nel sociale disastri Olocausto , la guerra jugoslava e il genocidio in Ruanda . E 'possibile che non siamo in grado di vedere e di nuovi disastri corrgir quelli già in fase di sviluppo. 5

Il genocidio in Ruanda

Per Welzer, citando Jared Diamond, il genocidio ruandese non era il risultato di una guerra clima ma non è dovuto a fatti puramente politici e sociologici. Il problema della eccessiva densità di popolazione è stato un fattore nello scoppio del genocidio . 6

Genocidio in Darfur: la guerra del clima

Nel Genocidio Darfur e conflitto del Darfur è, come Harald Welzer , dove si può reconecerse clima Guerra. 7

Il bambino e le guerre civili

Articolo principale: El Niño .
Secondo l'Earth Institute della Columbia University del fenomeno climatico di El Nino potrebbe essere la causa di molti conflitti che sono emersi dopo la seconda guerra mondiale. Secondo i ricercatori del Institute for Earth più difficili eventi El Niño hanno preceduto il 30% delle guerre civili in un centinaio di paesi. Il rischio di un conflitto farebbe di tutto periodi di La Niña . Nel complesso, il verificarsi di gravi siccità temperature eccessive sarebbe correlata al 21% dei 234 contesta che l'Earth Institute ha analizzato 1.950-2.004. 8 9

Le organizzazioni legate al cambiamento climatico

Consiglio consultivo scientifico sui cambiamenti climatici - WBGU - Germania

Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici

L'IPCC - ( Intergovernmental Panel on Climate Change ) è stato istituito nel 1988 dalla World Meteorological Organization ( WMO , World Meteorological Organization ) e il Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP, United Nations Environment Programme .) 12

Riferimenti

In spagnolo
·         2011 - Guerre del clima. Perché uccidere (e uccidere noi) nel XXI secolo , 13 (trad. Alejandra Obermeier Klimakriege Wofür im 21 Jahrhundert getötet wird..), Katz Publishers, ISBN 978-987-1566-50-1 , Argentina - ISBN 978-84 -92946-27-3 Spagna, 346 pp anteprima su Google Libri 14 (nell'originale tedesco del 2008 - . Klimakriege Wofür im 21 Jahrhundert getötet wird. , S. Fischer, Frankfurt / M., ISBN 3-10-089433 -2 15 16 17 18

Vedi anche

·         Guerre Clima - Libro di Harald Welzer
·         Influenza antropica sul clima
·         Darfur - Darfur Conflict
·         Guerra del Vietnam
·         Genocidio in Ruanda
·         Guerre in Jugoslavia
·         La guerra al terrore
·         Cultural Studies
·         Genocidi
·         Olocausto
·         Sostenibilità
·         Water War (Bolivia)

Collegamenti esterni

In spagnolo
In inglese
YouTube-Video in inglese con sottotitoli in spagnolo-

Nessun commento:

Posta un commento

CRITERI DI MODERAZIONE UTILIZZATI PER I COMMENTI PUBBLICATI SUL BLOG NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA. https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2016/09/moderazione-commenti-sul-blog-nostra.html

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.