SULLA DIFFUSIONE DI TESTI DI PRESUNTE RIVELAZIONI PRIVATE. Comunicato Stampa della Congregazione per la Dottrina della Fede del 29 novembre 1996.

Link: https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2018/04/sulla-diffusione-di-testi-di-presunte.html


Profeta

Deuteronomio 18:18 io susciterò loro un profeta in mezzo ai loro fratelli e gli porrò in bocca le mie parole ed egli dirà loro quanto io gli comanderò. 19 Se qualcuno non ascolterà le parole, che egli dirà in mio nome, io gliene domanderò conto. 20 Ma il profeta che avrà la presunzione di dire in mio nome una cosa che io non gli ho comandato di dire, o che parlerà in nome di altri dèi, quel profeta dovrà morire. 21 Se tu pensi: Come riconosceremo la parola che il Signore non ha detta? 22 Quando il profeta parlerà in nome del Signore e la cosa non accadrà e non si realizzerà, quella parola non l'ha detta il Signore; l'ha detta il profeta per presunzione; di lui non devi aver paura.

sabato 15 novembre 2014

Z - IRAN - 16 Profezie di Anguera - 2 avverate 1 analizzata.





2.542 - 29.06.2005
Cari figli, pregate per la Chiesa. Il demonio causerà grande confusione e molti perderanno la fede. Siate unicamente del Signore e non permettete che nulla vi allontani dal suo Amore. In Iran ci sarà un grande terremoto che ucciderà molti uomini. Non ce n’è mai stato uno simile. Una città brasiliana, che un tempo era la capitale, vivrà momenti di grande afflizione. Inginocchiatevi in preghiera. Io sono al vostro fianco anche se non mi vedete. Non temete. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Rio de Janeiro

2.848 - 09/06/2007
Cari figli, tornate al Signore. Non state con le mani in mano. Dio ha fretta. Inginocchiatevi in preghiera e supplicate al Signore la sua Misericordia per voi. Un grande terremoto scuoterà l’Iran e il segreto nascosto sarà raggiunto. Soffro per ciò che vi attende. Non perdetevi d’animo davanti alle vostre difficoltà. Io intercederò presso il mio Gesù per voi. Siate buoni gli uni con gli altri. Amate. Senza amore non potete comprendere i disegni di Dio per le vostre vite. Avanti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



SCHEDA: Lunga scia di terremoti in Iran
L'ultimo piu' devastante, nel dicembre 2003, con 31 mila morti
16 aprile, 14:44
ROMA - L'Iran e' stato colpito da un ultimo devastante terremoto, talmente forte che e' stato avvertito anche in Qatar, Pakistan e India, con i palazzi che hanno tremato a New Delhi e a Dubai, dove sono state evacuati i grattacieli. Questo, e' senza dubbio il terremoto piu' grave dell'ultimo quarantennio, con una magnitudo di ben 7.8 e probabilmente centinaia di morti.
Nel Paese, situato su diverse e importanti faglie sismiche, i terremoti sono frequenti.
Ecco quelli che hanno provocato piu' vittime e danni: - Solo il 9 aprile scorso un sisma di magnitudo 6.3 aveva colpito il sud dell'Iran, nei pressi della centrale nucleare di Bushehr, causando quasi 40 morti e centinaia di feriti.
A questo ha fatto seguito uno sciame sismico continuato fino ad oggi.
- Dicembre 2003: il terremoto piu' grave dell'ultimo periodo, di magnitudo 6,6. Provoco' circa 31mila vittime e devasto' il sud est del paese, distruggendo anche l'antica citta' di Bam.
- Maggio 1997: oltre 1.600 morti per un sisma di magnitudo 7,1 con epicentro nella regione del Khorassan. Solo due mesi prima un'altra scossa disastrosa, vicino alla citta' nord-occidentale di Ardebil, costo' la vita a un migliaio di persone mentre 35 mila rimasero senza casa.
- Giugno 1990: morirono circa 40.000 persone e un altro mezzo milione rimase senza tetto nella regione del Ghilan.
- Settembre 1978: pochi mesi prima della rivoluzione islamica, si contarono 25 mila vittime nella regione orientale del Khorassan per un sisma di magnitudo di 7,7. In quell'occasione fu interamente distrutta la citta'-oasi di Tabas, considerata alla stregua di un museo per le sue bellezze architettoniche.
- Aprile 1972: furono 5.000 i morti per un terremoto che colpi' la regione meridionale di Qir.
- Agosto 1968: un sisma di 7,2 gradi Richter causo' circa 11.600 morti nella provincia di Khorassan nel nordest del Paese.
- Settembre 1962: oltre 12.000 morti nelle regioni di Qazvin Hamadan Saveh per un terremoto di magnitudo 7,2. Oltre a questi disastri maggiori, dall'inizio del secolo scorso almeno 30 scosse sismiche hanno causato in Iran la morte di piu' di 70.000 persone.


Terremoto devastante in Iran, si temono centinaia morti
Il più potente sisma nel Paese da 40 anni. Avvertito anche in Qatar, India e Pakistan.
16 aprile, 17:15

Scossa di magnitudo 7.8  in Iran. Il terremoto e' stata avvertito anche in Qatar, India e Pakista. La scossa è stata registrata nei pressi della città Khash, che conta oltre 50.000 abitanti, al confine tra Iran e Pakistan. "E' stato il terremoto più potente che ha colpito l'Iran da 40 anni ad oggi e ci attendiamo centinaia di vittime" ha dichiarato un responsabile governativo iraniano che ha voluto mantenere l'anonimato. Nel 2003 un sisma di magnitudo 6,6 provocò in Iran 31mila morti.
Il bilancio provvisorio delle vittime è di almeno 81 morti e migliaia di edifici crollati.
 L'Usgs ha fissato a 7.8 la magnitudo del sisma che ha colpito il sudest dell'Iran al confine con il Pakistan. L'epicentro è stato localizzato a circa 86 km dalla città di Khash e 81 km da Saravan, entrambe con oltre 50.000 abitanti, e a 167 km da Iranshahr, che invece ne conta quasi 100.000. La zona colpita "é un'area rurale, con la gran parte delle case costruite con mattoni di fango.
La città di Hiduch nel sudest dell'Iran, abitata da mille persone,  "é stata interamente distrutta" dal sisma che ha colpito l'area. Lo scrive il Guardian, citando fonti iraniane.
La zona al confine tra Iran e Pakistan è nota per essere fortemente sismica poiché è il crocevia di quattro grandi placche tettoniche (quella Arabica, l'Eurasiatica, l'Indiana e l'Africana), più la piccola placca dell'Anatolia. L'ente per la sorveglianza geologica degli Stati Uniti, l'Usgs, rileva che il segno tangibile dell'intensa attività delle placche in quest'area è la conformazione delle montagne, che risulta dai movimenti compressivi. La spinta esercitata nell'area colpita oggi dal terremoto si deve soprattutto all' incontro fra la placca Eurasiatica, quella Africana e quella Iraniana.
La compagnia russa costruttrice della centrale nucleare di Bushehr afferma che l'impianto non ha subito alcun danno dal devastante sisma che ha scosso l'Iran sud orientale. La centrale è situata dalla parte opposta, affacciata sul Golfo, dove pure il terremoto è stato pesantemente avvertito.
La forte scossa di terremoto che ha colpito oggi l'Iran si è avvertita distintamente anche negli Emirati Arabi Uniti (Eau). A differenza dei tremori percepiti durante il sisma del 9 Aprile, questa volta le onde telluriche hanno fatto tremare visibilmente anche i piani bassi degli edifici. I residenti e gli studenti di centinaia i grattacieli e scuole si sono riversati nelle strade e nei cortili. "Ho visto tremare i muri e mi sono precipitata per strada. Prima però ho avvistato più vicini di casa possibile di seguirmi", ha detto all'ANSA con la voce tremante Rosa D'amico, da trent'anni residente a Abu Dhabi. Al momento non si registra alcuna vittima o danno negli Eau. L'epicentro del sisma, di magnitudo 7.8 è stato localizzato ad oltre 100km di profondità al confine tra Iran e Pakistan.
La scossa è stata avvertita anche a New Delhi e nella città satellite di Gurgaon. I tremori hanno scatenato il panico fra i residenti dei piani alti dei palazzi che sono scappati in strada. Tuttavia non si registrano per ora vittime o danni alle abitazioni, secondo quanto riferisce la televisione Cnn-Ibn che ha interrotto la programmazione per seguire in diretta l'evento. Il sisma ha fatto tremare la terra anche in Gujarat, Punjab e nella vallata himalayana del Kashmir, colpita da un forte terremoto nel 2005. Il sisma, avente magnitudo di 7,8 gradi, è stato avvertito anche nelle metropoli del Pakistan. Le televisioni mostrano la popolazione in strada, ma secondo i media locali non ci sono notizie su eventuali crolli
Solo una settimana fa un terremoto di magnitudo 6,1 Richter aveva colpito la provincia di Bushehr causando almeno 39 morti e circa 850 feriti secondo il bilancio della Fars. Anche secondo l'Aiea, l'agenzia atomica internazionale, il sisma però non aveva provocato alcun danno all'unica centrale atomica iraniana, quella che sorge nell'area. L'Iran è un paese fortemente sismico: già nell'agosto scorso vi era stato un terremoto con 306 morti e circa 4.500 feriti a Tabriz, nel nordovest. Il sisma che nel dicembre 2003 colpì l'antica città di Bam, con le sue case di fango, causò 31 mila morti e ancor più tragico fu il terremoto del giugno 1990, ancora una volta nel nord-ovest, che fece circa 37 mila vittime e più di 100 mila feriti nelle province di Gilan e Zanjan.


TUTTE LE PROFEZIE DI ANGUERA SULL' IRAN

2.516 - 30.04.2005
Cari figli, inginocchiatevi in preghiera per la pace nel mondo. L’umanità vive forti tensioni e cammina verso l’autodistruzione. Un uomo orgoglioso farà accordi con l’Iran. Lui sembra essere un pacificatore, ma in verità sarà una spina per molte nazioni. Gli uomini del terrore, capeggiati da colui che ha l’apparenza di un profeta, porteranno sofferenza e dolore al nido dell’aquila e al Paese del Salvatore. Ecco che sono giunti i tempi da me predetti. Pregate. State attenti. Io sono vostra Madre e sono al vostro fianco. Avanti con speranza. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Russia, Israele


2.542 - 29.06.2005
Cari figli, pregate per la Chiesa. Il demonio causerà grande confusione e molti perderanno la fede. Siate unicamente del Signore e non permettete che nulla vi allontani dal suo Amore. In Iran ci sarà un grande terremoto che ucciderà molti uomini. Non ce n’è mai stato uno simile. Una città brasiliana, che un tempo era la capitale, vivrà momenti di grande afflizione. Inginocchiatevi in preghiera. Io sono al vostro fianco anche se non mi vedete. Non temete. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Rio de Janeiro
2.557 - 04.08.2005
Cari figli, restate con il Signore. O uomini, dove volete andare? Sappiate che non c’è salvezza al di fuori di Cristo. Lui è la Luce del mondo e chi sta con Cristo avrà la vita trasformata. Non lasciatevi contaminare. L’umanità cammina verso la distruzione. La terra si agiterà e tremerà per il grande olocausto atomico. L’Iran sarà devastato da Israele. Ecco i tempi difficili per l’umanità. Tornate al Signore. Dite a tutti che questo è il tempo favorevole per la conversione. Arriverà il giorno in cui molti si pentiranno della vita trascorsa senza Dio, ma sarà tardi. Ciò che dovete fare non rimandatelo a domani. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

2.649 – 04/03/2006
Cari figli, vi amo come siete e desidero vedervi felici già qui sulla terra e più tardi con me in cielo. Vi chiedo di mantenere accesa la fiamma della fede. L’umanità si è allontanata da Dio e i miei poveri figli camminano come ciechi guidando altri ciechi. Da una famosa Cordigliera verrà il terrore e la morte passerà per Mosselbai. Grida di disperazione si udranno in Birmania e a Messina. La forza della preghiera vi condurrà alla pace. Non dimenticate: Dio vi ama e vi chiama. Non perdetevi d’animo. Coraggio. Io sarò sempre con voi. Verrà dall’Iran e gli uomini avranno paura. Il Giappone berrà il calice amaro del dolore. Soffro per i miei poveri figli. Pregate. Pregate. Pregate. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Messina, comune italiano e capoluogo di provincia della Regione Siciliana
La Birmania (Myanmar in lingua birmana, Pyidaunzu Thanmăda Myăma Nainngandaw, pronunciato [pjìdà̀uɴzṵ θà̀ɴməda̯ mjəmà nàiɴŋàɴdɔ̀]), è uno Stato dell'Asia sudorientale
Mossel Bay (af. Mosselbaai) è una città del del Sudafrica, nella provincia del Capo Occidentale. Centro portuale, si affaccia sull'oceano Indiano in una baia a est del capo di Buona Speranza e a ovest di Humansdorp.
Una catena montuosa o cordigliera è un gruppo di montagne facenti parte del medesimo sistema montuoso geologico, confinante con pianure o separato da altre catene montuose da passi o fiumi.
Alcune tra le principali catene montuose terrestri sono:

2.848 - 09/06/2007
Cari figli, tornate al Signore. Non state con le mani in mano. Dio ha fretta. Inginocchiatevi in preghiera e supplicate al Signore la sua Misericordia per voi. Un grande terremoto scuoterà l’Iran e il segreto nascosto sarà raggiunto. Soffro per ciò che vi attende. Non perdetevi d’animo davanti alle vostre difficoltà. Io intercederò presso il mio Gesù per voi. Siate buoni gli uni con gli altri. Amate. Senza amore non potete comprendere i disegni di Dio per le vostre vite. Avanti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
3.305 - 11 aprile 2010
Cari figli, Io sono vostra Madre e vi amo. Ho ancora nobili cose da rivelarvi. Vi chiedo di essere docili, perché voglio condurvi a mio Figlio Gesù. Assumete il vostro vero ruolo di cristiani. Siate fedeli al Vangelo e testimoniate a tutti le meraviglie di Dio. State attenti. Qualunque cosa accada, non allontanatevi dalla verità. Lasciate che la fiamma della fede illumini il vostro cammino spirituale. Il mio Gesù vi attende a braccia aperte. Non permettete che le tenebre del male si avvicinino a voi. Siete del Signore e solo Lui dovete servire e seguire. L’umanità berrà il calice amaro della sofferenza. Un fatto spaventoso accadrà in Iran, in Pakistan e ad Angra dos Reis. I fatti accadranno in epoche differenti, ma saranno uguali. I miei poveri figli vivranno momenti di angoscia. Soffro per ciò che vi attende. Inginocchiatevi e pregate. Non esitate. Io sarò al vostro fianco. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Angra dos Reis (stato Rio de Janeiro – Brasile)

3.387 - 16 ottobre 2010
Cari figli, non temete. Io sono con voi. Coraggio. Depositate la vostra fiducia in Dio e vedrete la pace regnare sulla terra. Cercate forza nella preghiera e nelle parole di mio Figlio Gesù. Avvicinatevi al confessionale per ricevere il perdono del Signore. Camminate gioiosamente incontro al mio Gesù nell’Eucarestia. In Lui è la vostra piena felicità. Allontanatevi definitivamente da ogni male e servite il Signore. L’umanità è malata e ha bisogno di essere curata. Gli uomini si sono allontanati da Dio e l’umanità cammina in una triste cecità spirituale. Sono venuta dal cielo per offrirvi il mio Cuore Immacolato come rifugio per questi tempi di tribolazione. Ecco il tempo della grande battaglia spirituale. Fortificatevi nell’amore. Io intercederò presso il mio Gesù per voi. La terra tremerà a Tangshan. Un avvenimento simile accadrà in Iran. Sono giunti i tempi da me predetti. Pregate, pregate, pregate. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

3.455 - 20 marzo 2011 
Cari figli, coraggio. Il mio Gesù è con voi. La vostra vita qui sulla terra è, in verità, un continuo susseguirsi di incontri con Gesù. Incontrate Gesù nei Sacramenti, che sono i canali della sua azione misericordiosa e salvifica; nei suoi ministri e in tutti coloro che incontrate nel vostro quotidiano. Non perdete le opportunità che il Signore vi concede. Arriverà il giorno in cui molti dovranno pentirsi della vita trascorsa senza Dio, ma per molti sarà tardi. Non rimanete stazionari. Non rimandate a domani quello che dovete fare. Dio ha fretta. Convertitevi e assumete il vostro vero ruolo di cristiani. Io sono vostra Madre e so cosa vi aspetta. Inginocchiatevi davanti alla croce e supplicate la Misericordia del mio Gesù per le vostre vite. Ecco il tempo delle tribolazioni per l’umanità. Vedrete ancora orrori sulla terra. Kerman* chiederà aiuto e i miei poveri figli porteranno una croce pesante. Siate miti e umili di cuore e date il meglio di voi nella missione che il Signore vi ha affidato. Avanti. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
* ipotesi: provincia iraniana e omonimo capoluogo/cittadina della California (Usa)

3.480 - 9 maggio 2011 
Cari figli, lasciatevi guidare dallo Spirito Santo, perché solo così potete fare pienamente la volontà del Signore. Confidate nel Signore e sperate in Lui con grande gioia. Voi non siete soli. Il mio Signore è con voi. La sua presenza amica vi darà forza per sopportare il peso delle prove che verranno. Pregate. Non vivete lontani dalla preghiera. Golestan (regione dell'Iran) chiederà aiuto e i miei poveri figli porteranno una croce pesante. Soffro per ciò che vi attende. Non allontanatevi dal cammino che vi ho indicato. Nella grande tribolazione finale, gli uomini e le donne di preghiera contempleranno le meraviglie del Signore. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

3.507 - 9 luglio 2011 
Cari figli, ecco il tempo opportuno per convertirvi. Non vivete lontani dal Signore. Egli vi ama e vi attende con immenso amore di Padre. Date il meglio di voi nella missione che vi è stata affidata. Dite a tutti che Dio ha fretta. Non rimandate a domani quello che dovete fare. Vivete nel tempo delle grandi confusioni spirituali. Il nemico di Dio vuole allontanarvi dalla verità. State attenti. Inginocchiatevi in preghiera. Ascoltatemi. Voglio portarvi a mio Figlio Gesù. Aprite i vostri cuori e siate docili ai miei appelli. Zanjan e Meta: la morte verrà e il dolore sarà grande per i miei poveri figli. Soffro per ciò che vi attende. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace. 
Zanjan (farsi زنجان) è il capoluogo della regione di Zanjan e della provincia omonima. Nel 2006 aveva 341.801 abitanti. (Iran). Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Zanjan
Toponimi di Meta sono presenti nelle seguenti nazioni: Italia, Usa, Colombia. Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Meta

3.549 - 6 ottobre 2011 

Cari figli, inginocchiatevi in preghiera. L’umanità ha bisogno di pace e solo attraverso la preghiera potete ottenere la grazia della pace. Vi invito ad accogliere i miei appelli, perché solo così vi potrò condurre a Gesù. Aprite i vostri cuori all’amore del Signore e ascoltate la sua voce. Soffro per ciò che vi attende. La morte passerà per Tabriz e i miei poveri figli porteranno una croce pesante. Dite a tutti che Dio ha fretta. Non vivete fermi nel peccato. Pentitevi sinceramente e servite il Signore con fedeltà. Conosco ciascuno di voi per nome e supplicherò il mio Gesù per voi. Ascoltatemi e sarete grandi nella fede. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Tabriz, la più grande città dell'Iran nordoccidentale.

3.564 - 5 novembre 2011 
Cari figli, sono vostra Madre e sono instancabile. Sono venuta dal Cielo per condurvi a  mio Figlio Gesù. Aprite i vostri cuori e assumete il vostro vero ruolo di cristiani. Vi chiedo di mantenere accesa la fiamma della vostra fede e di cercare di testimoniare ovunque che siete veramente del Signore. Non permettete che il peccato vi allontani dalla grazia di Gesù. Siete del Signore e solo Lui dovete seguire e servire. Vivete nel tempo delle grandi confusioni spirituali. State attenti per non essere ingannati. Amate e difendete la verità. Accogliete il Vangelo e vivete i miei appelli. Non voglio obbligarvi, ma ascoltatemi. Jaén e Neyriz grideranno e miei poveri figli porteranno una croce pesante. Soffro per ciò che vi attende. Pregate. Solo con la forza della preghiera potete costruire un mondo più giusto e fraterno. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Jaén è un comune spagnolo di 116.393 abitanti (2007) situato nella comunità autonoma dell'Andalusia.

Neyrīz o Niriz (farsi نی‌ریز) è il capoluogo della provincia di Neyriz, circoscrizione Centrale, nella regione di Fars . Iran

3.576 - 29 novembre 2011 

Cari figli, vi chiedo di mantenere accesa la fiamma della vostra fede e di cercare di imitare in tutto mio Figlio Gesù. Fuggite dal peccato e abbracciate la grazia della santità. Abbiate fiducia, fede e speranza. Confidate pienamente nel potere di Dio e vivete rivolti al Paradiso, per il quale unicamente siete stati creati. L’umanità si è allontanata da Dio e ha bisogno di essere curata. Accogliete con amore i miei appelli. Voglio aiutarvi. Non tiratevi indietro. Ho bisogno del vostro sì. Un fatto doloroso accadrà a Sanandaj e i miei poveri figli porteranno una croce pesante. Inginocchiatevi in preghiera. Sono venuta dal cielo per condurvi a mio Figlio Gesù. Egli è il vostro unico e vero Salvatore. Coraggio. Non rimandate a domani quello che dovete fare. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Sanandaj (Sinne o Senna, سنه in curdo; سنندج in farsi) è il capoluogo della regione iraniana del Kurdistan, situato nella zona occidentale del paese a maggioranza curda: è il capoluogo della provincia omonima

3.577 - 3 dicembre 2011 

Cari figli, vi amo. Sono venuta dal cielo per mostrarvi il cammino della santità. Aprite i vostri cuori e siate docili ai miei appelli. Conosco ciascuno di voi per nome e supplicherò il mio Gesù per voi. Vi chiedo di vivere con fedeltà il Vangelo del mio Gesù. Dedicate parte del vostro tempo alla preghiera e non permettete che le cose del mondo vi allontanino dal Signore. Cercate forza nell’Eucaristia e testimoniate che appartenete al Signore. L’umanità cammina verso un grande abisso. Soffro per ciò che vi attende. La morte passerà per Donskoy, Asker e Kerman e i miei poveri figli piangeranno e si lamenteranno. Non tiratevi indietro. Restate saldi sul cammino che vi ho indicato nel corso di questi anni. Voglio aiutarvi, ma ascoltatemi. Non permettete che il demonio vi allontani dalla verità. Confidate in Gesù. In Lui è la vostra piena felicità. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Donskoj, in russo: Донской[?], è un termine russo che indica
Asker è un comune norvegese della contea di Akershus, si trova nella periferia di Oslo.

La regione di Kerman (in persiano: استان کرمان), in italiano Carmania, è una delle 31 regioni

(ostan) dell'Iran.


3.659 - 29 maggio 2012

Cari figli, sono vostra Madre e sono venuta dal Cielo per benedirvi e condurvi a mio Figlio Gesù. Non state con le mani in mano. Dio ha fretta e voi non potete vivere fermi nel peccato. Conosco ciascuno di voi per nome e voglio vedervi felici già qui sulla terra e più tardi con me in Cielo. Voi siete il popolo eletto di Dio ed Egli aspetta il vostro sì. Non perdetevi d’animo. Abbiate fiducia, fede e speranza. L’umanità è contaminata dal peccato e ha bisogno di essere curata. Giorni difficili verranno per l’umanità. Avrete ancora lunghi anni di dure prove. Cercate forza nella preghiera, perché solo così potete ottenere vittoria. Un fatto doloroso accadrà in Iran e il dolore sarà grande per i miei poveri figli. Un evento simile accadrà a Brasilia. Ecco il tempo che vi ho annunciato in passato. Tornate a Gesù. Egli vi ama e vi attende a braccia aperte. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace. 
Brasilia (Brasília in portoghese) è la capitale del Brasile.



3.743 - 28 novembre 2012
Cari figli, sono la Madre della Grazia e della Misericordia. Vivete rivolti al Paradiso, per il quale unicamente siete stati creati. Non vivete lontani dalla grazia. Appartenete al Signore e solo Lui dovete seguire e servire con fedeltà. Allontanatevi da tutto quello che paralizza in voi l’amore di Dio. Vivete nel tempo delle grandi tribolazioni. Pregate molto davanti alla croce. Pentitevi e tornate a mio Figlio Gesù. Egli è il vostro Tutto e solo in Lui è la vostra vera liberazione e salvezza. Vi chiedo di continuare sul cammino che vi ho indicato. Non voglio forzarvi, ma quello che dico dev’essere preso sul serio. Dio ha fretta. Non rimandate a domani quello che dovete fare. Siate fedeli al Vangelo del mio Gesù. Ascoltate la voce della Chiesa e testimoniate ovunque che siete veramente di Cristo. Soffro per le vostre sofferenze. Sivas e Azerbaigian: la morte verrà e il dolore sarà grande per i miei poveri figli. Pregate, pregate, pregate. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.
Sivas (in greco Σεβάστεια, Sebastia) è una città turca di 292.965 abitanti (2009) capoluogo della provincia omonima.

Regione dell'Azarbaijan orientale ed occidentale
in Iran

Nessun commento:

Posta un commento

CRITERI DI MODERAZIONE UTILIZZATI PER I COMMENTI PUBBLICATI SUL BLOG NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA. https://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2016/09/moderazione-commenti-sul-blog-nostra.html

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.